Alla scoperta del…

  • View
    58

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Alla scoperta del. TITANIO!. Il titanio. Il titanio , numero atomico 22 e peso atomico 47,867, appartiene alla IV colonna dei metalli di transizione. - PowerPoint PPT Presentation

Transcript

  • Alla scoperta delTITANIO!

  • Il titanio, numero atomico 22 e peso atomico 47,867, appartiene alla IV colonna dei metalli di transizione.Presenta un colore bianco metallico, lucido, con elevate propriet meccaniche, basso peso specifico, resistente allattacco della maggior parte degli acidi.Il titanio

  • Chi scopr il titanio?William Gregor, nel 1790, in Inghilterra, aveva intuito la presenza di un altro elemento nellilmenite, un minerale presente sopratutto in rocce di origine lavica. Nel 1795 il tedesco Heinrich Klaproth ne individu la presenza nel rutilo, un cristallo composto da diossido di titanio (TiO2).

  • Nel 1910 Matthew Albert Hunter tramite riscaldamento di TiCl4 con del sodio a 700-800C, prepar il titanio metallico puro.Nel 1946, William Justin Kroll dimostr che si potevano produrre grandi quantit di titanio mediante un processo di riduzione dal cloruro di titanio (TiCl4) attraverso lossidazione del magnesio. (Processo Kroll)

  • Il titanio il nono elemento pi diffuso allinterno della crosta terrestre, costituendone lo 0,6% in peso, ed , sempre per abbondanza, il quarto elemento metallico fra i metalli strutturali dopo alluminio, ferro e magnesio.Diossido di titanioMeteoritiIl titanio in natura

  • Attualmente le fonti di titanio di maggior interesse sono:

    Ilmenite Rutilo Leucoxene Anatase

  • IlmenitePresente principalmente come sabbia nera in Australia, Africa del Sud, India, USA e Malesia, ma anche in depositi di roccia dura in Canada, Norvegia ed USA.

  • RutiloSi trova in giacimenti di sabbia situati in Australia, Sierra Leone ed Africa del Sud.

  • LeucoxeneE unilmenite alterata, concentrata ad un contenuto di diossido di titanio maggiore (oltre 60%) ed , quindi, direttamente collegata alla presenza di giacimenti di ilmenite sulla crosta terrestre.

  • AnataseLanatase una forma polimorfa del rutilo, cio ha la sua stessa formula chimica ma diversa forma cristallina.In natura ci sono un maggior numero di giacimenti di anatase rispetto a quelli del rutilo.

  • Caratteristiche generali bassa densit, quindi leggerezza (4,5 g/cm);elevata resistenza alla corrosione, allabrasione, allimpatto, al taglio, ai raggi UV;elevata inerzia termica (conducibilit termica 16W/mK) e buona resistenza al calore;lavorabilit e saldabilit di buon livello;antistatico e amagnetico;biocompatibile, in quanto presenta porosit superficiale analoga a quella dei tessuti umani, per cui risulta fisiologicamente inerte. Per questo motivo la lega a base di titanio Ti6Al4V viene utilizzata nelle protesi di anca e ginocchio, e nelle protesi dentarie; riciclabile.

  • Rispetto agli altri metalli:densit circa il 50% di quella del rame e il 60 % di quella dellacciaio;durezza superiore allalluminio;coefficiente di espansione termica circa il 50% di quello dellacciaio inossidabile e del rame;resistenza alla corrosione quasi pari a quella del platino.

  • Il titanio nella nostra vita:

  • Le celle di GratzelNel 1991 Michael Grtzel, docente di chimica fisica allUniversit di Losanna, ispirandosi al principio della fotosintesi clorofilliana, ha utilizzato il semiconduttore TiO2 nella costruzione delle prime celle fotovoltaiche, senza silicio ma con colorante naturale (ad es. succo di more o mirtilli).

  • Azione fotocatalitica del titanio Il biossido di titanio (TiO2) in grado di assorbire lenergia solare ed, essendo un semiconduttore, renderla disponibile per decomporre sostanze inquinanti attraverso reazioni chimiche. Il titanio non interviene nella reazione, non cambia la propria struttura, n il suo stato: favorisce soltanto la reazione fotocatalitica prestando i suoi elettroni che successivamente riacquista dall'ambiente. La fotocatalisi trasforma le sostanze inquinanti in sali (nitrati di sodio e di calcio) ed anidride carbonica (CO2). I sali si depositano al suolo e vengono rimossi per la semplice azione del vento e della pioggia, mentre l'anidride carbonica si disperde naturalmente nell'atmosfera.

  • Riferimenti bibliografici:http://it.wikipedia.org/wiki/titaniohttp://www.iuav.ithttp://www.lenntech.it/periodica/elementi/ti.htmhttp://www.zeroemission.euhttp://www.ing.unitn.it/~colombo/Titanio%20e%20design.htm

  • Francesca MoscatoIV A Liceo Scientifico C. Varano - Camerino