ANTONI GAUDÍ - ?.pdf · Sagrada Familia. Un austero ... 1895 Declina il progetto, non realizzato,…

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Transcript

ANTONI GAUD 1852 - 1926

Antoni Gaud nasce il 25 giugno a Reus, in provincia di Tarragona, da Francisco Gaud i Serra, calderaio e Antonia Cornet i Bertran. Ricevette la sua prima educazione nella citt natale. Linfanzia fu segnata da ricorrenti malattie reumatiche, che accentuarono, pare, la naturale capacit di osservazione di cui era dotato e lamore per la natura. Compiuti i primi studi e le scuole superiori a Reus, si rec a Barcellona nel 1868, dove nel 1869 inizi a frequentare i corsi preparatori alliscrizione alla Scuola Superiore di Architettura, avvenuta nel 1873. Fu allievo dal rendimento discontinuo e diseguale, non interessato alle conoscenze astratte, attratto dagli scritti dello storico Violet Le Duc sul medio evo, di Ruskin, dalla letteratura classica e dai corsi di estetica. Lavor, mentre era ancora studente, presso numerosi studi di architetti per motivi economici. Ottenuta

la laurea nel 1878, per quarantotto anni si consacr totalmente allattivit professionale.

Gaud visse con intensit ogni avvenimento del suo paese e, pur non implicandosi mai in politica, condivise le idee catalaniste dei membri della Lega Regionale, fu attento alle ragioni dei movimenti operai, partigiane e in particolare del rinnovamento liturgico ed ebbe come clienti e mecenati personalit di grande rilievo della borghesia catalana. La storiografia lo descrive dal temperamento appassionato, vivo, brusco, dagli umori mutevoli e portato ai paradossi, dotato di straordinaria capacit immaginativa, maturata nella attenta considerazione delle forme della natura. Scrive di s: io posseggo questa qualit di vedere lo spazio, perch sono figlio, nipote e pronipote di calderai. Mio padre era calderaio e cos il nonno e il bisnonno; nella Familia di mia madre erano tutti calderai, eccetto un nonno che era bottaio (il che vale quanto dire calderaio); laltro nonno di mia madre era marinaio, e anche i marinai sono gente di spazio e situazione

Scarne sono le notizie raccolte dagli storici sulla sua vita, abbastanza note sono le vicende dei suoi primi e ultimi anni, pi oscura la stagione intermedia, coincidente coi momenti decisivi della sua maturazione umana e professionale.

Le Corbusier lo defin il pi grande architetto in pietra del secolo XX. Visse una vita caratterizzata da eccezionale misura di indipendenza e irriducibilit ai canoni della societ organizzata (R. Pane), prossimo ad una santit eroica (C. Flores).

A quel tempo, Gaud era certamente larchitetto pi in voga nella Barcellona ambiziosa e avanguardista di inizio secolo. Ci era arrivato nel 1869 e in capo a pochi anni se lo

contendevano i pi piccoli imprenditori dellintraprendente borghesia catalana, i vari Battl e Mil che ammiravano il suo spirito innovativo. Decisivo fu lincontro con lindustriale Conte Eusebi Gell i Bacigalupi. ma Gaud a partire dal 1910 rinunci ad ogni altro incarico per dedicarsi esclusivamente alledificazione della Sagrada Familia. Una. chiesa che non avrebbe potuto finire, che avrebbe dovuto

lasciare in mani di altri, per un Cliente importante e paziente: Mi cliente no tiene Prisa, non ha fretta ripeteva spesso. Nel 1915 quando i fondi per la costruzione della chiesa scarseggiavano, Gaud arriv a chiedere lelemosina tra i ricchi borghesi di Barcellona per continuare lopera. Stendendo la mano tra le strade e le case della citt chiedeva un centesimo per amor di Dio. fiorirono cos gli aneddoti e le leggende su un uomo che aveva rinunciato al denaro e alla fama per unimpresa che molti giudicavano improba. Ma per lui non era cos: nella Sagrada Familia disse: tutto frutto della provvidenza, inclusa la mia partecipazione come architetto. e per tagliar corto aggiungeva: Questo tempio verr finito da S. Giuseppe

Nel 1906 si era trasferito con la nipote e il padre, in una casa del Parco Gell. Rimasto solo, alla loro morte, fu assistito da due monache carmelitane. Il 7 giugno 1926 fu investito da un tram mentre, uscendo dal cantiere, si recava alla Chiesa di S. Filippo Neri. Mor tre giorni dopo. Al suo funerale il 12 giugno accorsero la popolazione della citt e personalit di ogni dove. Gli studenti della facolt di Architettura portarono la bara fino al tempio della Sagrada Familia, dove fu interrata nella cripta.

Nellaprile 2000 iniziato il processo di beatificazione per Antoni Gaud

1886-1890 Palacio Gell - Calle Nou de la Rambla, 3-5, Barcellona Galleria che consente laffaccio sulla sala della musica

1886-1890 Palacio Gell - Calle Nou de la Rambla, 3-5, Barcellona Foto dal basso della volta a sezione di curva catenaria, che copre la sala della musica

1889-1894 Colegio de las Teresianas - Calle Granduxer, 85, Barcellona Uno dei corridoi coperto da una sequenza di alti archi a curva catenaria

1898-1900 Casa Calvet - Calle Caspe, 48, Barcellona Foto dellascensore chiuso da una cancellata in ferro battuto e avvolto dalla scala

1900-1905 Villa Bellesguard - Calle de Bellesguard, 16, Barcellona Foto dellatrio di ingresso, con le due brevi scalinate accompagnate da colonne con

capitello di vago sapore neogotico

1900-1914 Park Gell - Calle Olot, Barcellona Foto della scalinata a due rampe, allingresso del parco, che consente di accedere

direttamente al tempio dorico o mercato coperto

1904-1906 Casa Battl Paseo de Grcia, n. 43, Barcellona Veduta dellultimo piano, con patio centrale, scale e ascensori

1900-1914 Park Gell - Calle Olot, Barcellona Foto di dettaglio della copertura delledificio per il custode allingresso del parco

1909 Escuelas de la Sagrada Familia Calle Sardenya y Calle Mallorca, Barcellona Foto con vista dallalto di una parte del piccolo volume delle Escuelas Provisionales

(Scuole Provvisorie)

1883-1926 Sagrada Familia Plaza de la Sagrada Familia, Barcellona Questo disegno esemplato su quello di Rubi pubblicato nel 1906

Foto di Gaud allet di 36 anni, nella tessera del 1888 realizzata in occasione dellEsposizione Universale di Barcellona

VITA E OPERE 1852 Nasce il 25 giugno a Reus in provincia di Barcellona. Figlio di Francesc Gaud i Serra, artigiano calderaio di Riudoms, e di Antonia Cornet i Bertran. Gi da ragazzo Gaud aiuta nel laboratorio paterno. Passa molto tempo dellinfanzia a riposo in campagna, per curarsi di dolori articolari, divenendo acuto osservatore della natura. A Reus compie gli studi preuniversitari.

1869 Si trasferisce con il fratello Francesc, studente di Medicina, a Barcellona, dove frequenta scuole preparatorie per laccesso agli studi di architettura. Il padre vende propriet in Reus, per consentire gli studi ai figli, e abita con loro a Barcellona.

1873 Inizia gli studi di architettura alla Escuela de Bellas Artes, trasformata a partire dal 1875 in Scuola di Architettura, nellambito della Universit di Barcellona.

1875 Presta il servizio militare.

1876 1878 Per potersi pagare gli studi, lavora come disegnatore con il direttore dei lavori del Parque de la Ciutadella di Barcellona, Josep Fontser; con larchitetto Francisco de Paula del Villar y Lozano; presso la Societ Padrs y Borrs produttrice di macchine; per larchitetto comunale Leandro Serrallach. Muoiono il fratello medico e la madre nel 1876.

1878 Il 15 marzo ottiene il titolo ufficiale di architetto. Nel laboratorio dellartigiano Eudald Punt progetta e costruisce personalmente il proprio tavolo da disegno. Qui conosce il commerciante

di guanti Esteve Comella, per il quale progetta una vetrina per lEsposizione Universale di Parigi. La vede il conte Eusebio Gell i Bacigalupi, che gli affida alcuni modesti incarichi. Primi progetti di qualche importanza sono: i lampioni stradali; un chiosco in ghisa; un complesso di abitazioni operaie e sale di lavoro, per la Cooperativa Obrera Mataronense. Tra queste ultime ancora oggi in situ il padiglione industriale, coperto con archi parabolici in legno. Diventa membro, dapprima, della Associazione Catalanista delle Escursioni scientifiche, poi del Centro Escursionista di Catalogna. Tramite questi gruppi visita i pi importanti luoghi della storia catalana. Muore la sorella Rosa, che lascia una figlia, Rosita, che vivr sempre con lo zio e con il nonno materno.

18801882 Progetta un altare per un collegio di Tarragona e un chiosco per la cittadina di Comillas. Pubblica, nel febbraio 1881, un articolo sulla rivista La Renaixensa, nel quale esamina criticamente lesposizione delle arti industriali realizzata in citt.

1882 Presta la propria attivit nello studio dellarchitetto Joan Martorell Montells, gi suo professore. Per Eusebio Gell disegna un padiglione di caccia a EI Garraf, sul Mediterraneo, mai costruito.

1883 Inizia la costruzione di Casa Vicens, conclusa neI 1888. Apre anche il cantiere della Villa EI Capricho, a Comillas, dove direttore dei lavori Cristbal Cascante. Il 3 novembre, su proposta di Joan Martorell, nominato

architetto-capo del cantiere del tempio espiatorio della Sagrada Familia, in sostituzione dellarchitetto Francisco de Paula del Villar, che aveva dato inizio ai lavori lanno precedente.

1884 Inizia i lavori per la Finca Gell a Barcellona, conclusi nel 1887.

1885 Progetta un altare per la cappella privata di Josep Maria Bocabella, editore e libraio, uno dei promotori della Asociacin Josefina per la costruzione del tempio espiatorio della Sagrada Familia. A marzo stende la prima planimetria della chiesa della Sagrada Familia.

1886 Inizia la costruzione di Palau Gell, a Barcellona, concluso nel 1888.

1887 Costruisce un edificio, nellarea della Sagrada Familia, per installarvi un laboratorio dove sviluppa i suoi progetti. Con larchitetto Domnech i Montaner studia la composizione delle ceramiche tradizionali.

1888 Collabora alle opere edili della Esposizione Universale di Barcellon