Antoni Plàcid Guillem Gaudí i Cornet (Reus, 25 giugno 1852 – Barcellona, 10 giugno1926), è stato il massimo esponente del modernismo catalano, pur essendo

  • Published on
    02-May-2015

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Transcript

  • Slide 1
  • Slide 2
  • Antoni Plcid Guillem Gaud i Cornet (Reus, 25 giugno 1852 Barcellona, 10 giugno1926), stato il massimo esponente del modernismo catalano, pur essendo la personalit meno organica a tale movimento artistico di cui comunque condivideva i presupposti ideologici e tematici, completandoli per con una ispirazione personale, basata principalmente su forme naturali, che giunse a degli esiti anticipatori dellespressionismo e di altre avanguardie, compreso il surrealismo. Per questo Gaud generalmente riconosciuto come uno dei maggiori architetti del XIX e XX secolo, anche se generalmente viene enfatizzato il suo ruolo di genio solitario, trascurando l'importante ruolo culturale.
  • Slide 3
  • Slide 4
  • Nel 1878 ho vinto il concorso indetto dal municipio di Barcellona per la realizzazione dei lampioni in pietra e ghisa della plaa Real. Nello stesso anno, durante lEsposizione Unversale, a Parigi, c stato l'incontro fondamentale, quello con l'industriale catalano Eusebi Gell Bacigalupi, con il quale nata una lunga collaborazione.
  • Slide 5
  • Slide 6
  • Slide 7
  • Slide 8
  • Slide 9
  • Slide 10
  • Slide 11
  • Slide 12
  • Tutto ledificio costruito intorno a un grande salone centrale alto quanto i tre piani dellabitazione. Una tra le difficolt maggiori che ho dovuto affrontare stata la (relativa) carenza di spazio, in pieno centro citt. Alcune stanze sono quindi organizzate su pi livelli, come il salone principale per ricevere gli ospiti dellalta societ: lalto soffitto riccamente decorato presenta dei fori nei quali, di notte, vengono poste delle lanterne, cos da farlo sembrare un cielo stellato.
  • Slide 13
  • Slide 14
  • Slide 15
  • Slide 16
  • Slide 17
  • Anche casa Battil appare un gigantesco organismo che si sviluppa su quella che sembra essere la struttura ossea di un animale fantastico Di fatti anche questo edificio stato progettato in modo che si integrasse perfettamente con lambiente cirostante. Leffetto smaterializzante reso dalla superficie ondeggiante della facciata, ricoperta di un mosaico in ceramica che vibra sotto la luce. Lunico elemento ortogonale delledificio dato dalle finestre rettangolari. I balconi, realizzati in pietra levigata e ferro battuto, sono come mandibole di un animale fossile. Sul tetto, le tegole colorate, ricordano le scaglie di una corazza, cos come la sommit curvilinea fanno assomigliare il tutto alla schiena di un drago gigantesco.
  • Slide 18
  • Slide 19
  • Gli interni proseguono in continuit con la facciata e si snodano morbidamente. Non esistono pareti piane n angoli retti, tutte le superfici sono ondulate in modo che limpressione sia quella di trovarsi dentro le viscere di un palazzo-drago. La scala interna sottolineata da una balaustra a spina dorsale, mentre le aperture (porte, finestre, lucernari) si insinuano nelle pieghe delle pareti e del soffitto.
  • Slide 20
  • Slide 21
  • Slide 22
  • Slide 23
  • Slide 24
  • Slide 25
  • In tempi recenti ha preso corpo l'iniziativa - promossa da un comitato di 30 ecclesiastici, accademici, designer e architetti - di proporre l'architetto catalano per la beatificazione e la canonizzazione. Larcivescovo di Barcellona, ha avviato il processo di canonizzazione nel 1998, definendo Gaud "un laico mistico". Il processo di beatificazione ha suscitato discussioni tra chi vorrebbe che Gaud venisse ricordato essenzialmente per le sue opere e per la sua influenza artistica, e coloro che ricordano la sua vita austera e cristianamente coerente
  • Slide 26
  • Si potr contestare Gaud; si potr criticare questo o quel particolare, ma non si potr negare che era un uomo straordinario, vero genio creatore e
  • Slide 27
  • Slide 28
  • Slide 29