Appunti Cultura d'Impresa

  • View
    3.616

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Appunti di Cultura d'Impresa.

Transcript

Universit degli Studi di Bologna Seconda Facolt di Ingegneria - Sede di Cesena C.d.L. in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni

Cultura dImpresaAPPUNTI

Cultura dImpresa L (prof. M. Morini) maurizio@morini.org Anno Accademico 2008/09

Lorenzo Minghini lorenzo.minghini@studio.unibo.it

INDICE

IndiceIndice 1 Limpresa 1.1 Visione generale . . . . . . . . . . 1.2 Il valore e il processo di creazione 1.3 La business idea . . . . . . . . . 1.4 Il valore aggiunto . . . . . . . . . 1.5 Il valore aggiunto sociale . . . . . 1.6 Le funzioni dellimpresa . . . . . 2 3 3 3 6 6 8 8 11 12 14 15 16 17 19 20 21 24 24 24 25 25 27 27 28 28 29 29 30 30 31 32 33 34 34 34 38 40 41 41 41 43 44

. . del . . . . . . . .

. . . . valore . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

2 Il sistema impresa e gli strumenti per la cultura dimpresa 2.1 Analisi strategiche per il marketing e la pianicazione strategica 2.2 I piani strategici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.2.1 Internet nel marketing plan . . . . . . . . . . . . . . . . 2.2.2 Il dierenziale creato attraverso la comunicazione . . . . 2.3 Le mappe strategiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.3.1 Esempio di mappa strategica . . . . . . . . . . . . . . . 2.4 Il business plan . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.4.1 Come redigere un business plan . . . . . . . . . . . . . . 3 Customer satisfaction 3.1 Lorientamento alla customer satisfaction . . 3.2 Ruolo strategico della customer satisfaction 3.3 Come si realizza la customer satisfaction . . 3.4 Come si misura la customer satisfaction . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

4 La cultura dimpresa e lo sviluppo del progetto 4.1 Il progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.2 Il project management . . . . . . . . . . . . . . . 4.2.1 Il project manager . . . . . . . . . . . . . 4.2.2 Il project team . . . . . . . . . . . . . . . 4.3 Modelli organizzativi del progetto . . . . . . . . . 4.4 Metodi e strumenti di pianicazione . . . . . . . 4.4.1 Lorganizzazione del progetto . . . . . . . 4.4.2 La pianicazione del progetto . . . . . . . 4.5 La gestione del progetto . . . . . . . . . . . . . . 4.5.1 Il budget . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . .

. . . . . . . . . .

. . . . . . . . . .

. . . . . . . . . .

. . . . . . . . . .

. . . . . . . . . .

. . . . . . . . . .

. . . . . . . . . .

. . . . . . . . . .

. . . . . . . . . .

. . . . . . . . . .

. . . . . . . . . .

. . . . . . . . . .

. . . . . . . . . .

. . . . . . . . . .

. . . . . . . . . .

. . . . . . . . . .

5 Criteri e metodi per la gestione pianicata dellinnovazione 5.1 Linnovazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2 Sviluppo di progetti innovativi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2.1 Schema di riferimento per lo sviluppo dei progetti di innovazione 5.2.2 Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

6 Il modello produttivo tradizionale: la Mass Production 6.1 La logica produttiva batch and queue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.2 Target cost (logiche pushpull) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Lean Thinking 7.1 La logica produttiva a cellule . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2

1 Limpresa

1

LimpresaLe persone che riescono in questo mondo sono quelle che vanno alla ricerca delle condizioni che desiderano e, se non le trovano, le creano. - George Bernard Shaw -

1.1

Visione generale

Impresa e azienda. Si pu denire impresa quellattivit di caratere economico che consente di mettere a disposizione dei clienti interessati un bene o servizio che pu portare loro un particolare valore aggiunto. La denizione di impresa si dierenzia da quella di azienda; questultima denita come lorganismo economico composto di persone e beni rivolto al raggiungimento di uno scopo determinato. Si pu quindi dedurre, prendendo le distanze dalle denizioni classiche, che lazienda quellorganizzazione economica nella quale si concretizza un intervento produttivo, mentre unimpresa quellattivit nella quale avviene una trasformazione di valore senza che necessariamente sia implicata una trasformazione di merci. Identicazione degli elementi della cultura esplicita dellimpresa. Limpresa fondata principalmente su tre elementi: 1. Missione: ossia il perch limpresa presente sul mercato (la missione deve essere vera, cio praticata, non teorica). 2. Valori: in che cosa limpresa crede, quindi anche i principi che limpresa stessa assume come riferimento. 3. Etica dellattivit dimpresa: che il modello dei valori eticomorali dellimpresa, ovvero quali sono i punti cardinali per i comportamenti, gli atteggiamenti, etc. La cultura come strumento per raggiungere gli obiettivi dellimpresa: la visione. Per ssare in maniera concreta i miei obiettivi devo appoggiarmi al concetto di visione dellimpresa, ovvero: nellambito di un determinato percorso, in un periodo pi o meno lungo di tempo, dove limpresa vuole andare a collocarsi rispetto al mercato stesso. Contesti operativi dellimpresa. Si identicano sotto il nome di contesti operativi tutte quelle fasi che accompagnano la creazione del valore da parte dellimpresa. Sistema delle relazioni. Sono tutte quelle relazioni interne ed esterne allimpresa che accompagnano i contesti operativi.

1.2

Il valore e il processo di creazione del valore

Il sistema impresa e la strategia: la creazione del valore dellimpresa. Qual il valore che posso creare con la mia impresa? Perch i clienti dovrebbero scegliere la mia impresa? Come creo il valore? Queste sono domande fondamentali da porsi ogni qualvolta ci troviamo a dover lavorare in unimpresa. OGGETTO+CONOSCENZE VALORE Come sappiamo il valore cambia a seconda del contesto e della competizione. Il valore deve essere in ogni caso riconosciuto dal mercato. 3T RASF ORM AZION E

1.2 Il valore e il processo di creazione del valore Il sistema e le attivit. Per creare il valore limpresa deve eseguire una serie di funzioni ed interagire con diverse entit. Le funzioni operative nellimpresa: ossia quali sono le diverse attivit/mansioni che si devono svolgere allinterno dellimpresa. Le relazioni dellimpresa: di fondamentale importanza mantenere una serie di relazioni con i diversi organi a contatto con limpresa. Le attivit allargate in rapporto con fornitori e clienti la rete della costruzione del valore: che comprende tutte le attivit atte a interagire con chi fornisce gli strumenti necessari per lattivit di impresa (fornitori) e chi usufruisce direttamente i prodotti ed i servizi realizzati (clienti). Il paradigma di Porter. Questo tipo di visione dellimpresa porta a vedere il usso di creazione del valore in modo sistematico e come frutto di un approcio rigoroso. I vantaggi portati da questo modo di interpretare limpresa comprendono linquadramento logico delle determinanti di impresa, la denizione degli schemi comparativi dimpresa e la possibilit di confronto analitico tra le pratiche. Daltro canto i punti critici di questa teoria risiedono nella visione molto economicistica del modello, in un ridotto spazio per linquadramento e la visualizzazione delle dierenze e nella parziale capacit di interpretare i ussi ad andamento anomalo (es. eccessiva velocit di crescita). Direzione e controllo Amministrazione Risorse umane Marketing e R&D 1 2 3 4 5 ATTIVITA

GESTIONE (organizzazione e relazioni) TRASFORMAZIONE

= VALORE

CLIENTI

1. Acquisto materie prime 2. Progettazione 3. Magazzino 4. Logistica 5. Vendite Altra visione dellimpresa. La visione di Porter sotto certi aspetti alquanto limitativa. Per questo si sono introdotti nuovi modelli, come quello mostrato di seguito. In questo modello il cliente posto al centro del ciclo di creazione del valore ed parte centrale del lavoro dellimpresa, in quanto esso sar lentit attorno alla quale si costruir la denizione di valore ( il cliente che riconosce nel bene o servizio dellimpresa un certo valore). Perch lorganizzazione funzioni abbiamo necessit di comprendere: gli strumenti con i quali operare; i metodi attraverso i quali agire; le competenze da poter applicare; 4

1.2 Il valore e il processo di creazione del valore

le psicologie per poter comprendere le persone; la creativit, per poter astrarre. Secondo questa logica si sviluppa quindi un nuovo metodo di business (interpretazione circolare dellattivit di impresa 1 ): lecacia dimostrata dalla progettazione della nuova oerta dipende

quindi da quanto essa ingloba conoscenza pregressa come riferimento strutturale. Oggi dobbiamo considerare che lunico modo per conquistare la fedelt dei clienti metterli in condizione di essere fedeli. Non importa