CATALOGO CORSI 2017 - Corsi 2017... · COD2-2017 - Corso di formazione - Disponibile anche on line…

  • Published on
    15-Feb-2019

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Transcript

<p> www.verifiche.info 02.55186649 e-mail segreteria@verifiche.info </p> <p> Documento riservato Copyright - Non riproducibile RevLuglio2017_03 </p> <p>1 </p> <p>CATALOGO CORSI 2017 La Formazione che funziona! </p> <p>in aula residenziale </p> <p> on line </p> <p>Azienda certificata ISO 9001 per la Formazione </p> <p> www.verifiche.info 02.55186649 e-mail segreteria@verifiche.info </p> <p> Documento riservato Copyright - Non riproducibile RevLuglio2017_03 </p> <p>2 </p> <p>I nostri servizi di Formazione </p> <p>La nostra Area Formazione dedicata alla compliance aziendale e si articola in: </p> <p> corsi di conformit agli standard ISO e UNI (per esempio, ISO 9001 sulla qualit, ISO 14001 sullambiente, ISO 31000 sul Risk Management, ISO 37001 su Anticorruzione, ISO 29990 sulla Formazione non formale, UNI 11402 e ISO 22222 sullEducazione Finanziaria, ISO 20121 sugli Eventi sostenibili, ISO 13485 sui Dispositivi medici, ISO 55000 sulla gestione degli asset aziendali, ISO 50001 sullefficienza e certificazione energetica, ISO 22301 su Business continuity) </p> <p> corsi collegati ai nuovi temi della conformit legislativa (per esempio, al Decreto 231 del 2001 in materia di </p> <p>Responsabilit amministrativa degli enti, alla Legge 190 del 2012 in materia di Anticorruzione, al Decreto legislativo 196 del 2003 sulla Privacy, al nuovo Regolamento Europeo sulla conservazione dei dati, alla normativa Antiriciclaggio per gli studi professionali, alla Legge 4 del 2013 in materia di Certificazione delle professioni non riconosciute, alla recente legislazione in materia di classificazione dei rifiuti) </p> <p>Perch sceglierci Perch i nostri formatori hanno da sempre un chiodo fisso: dopo un nostro corso di formazione </p> <p>bisogna tornare in azienda e saper fare di pi, meglio e qualche cosa di nuovo! </p> <p>Perch la nostra formazione funziona! E per garantire i nostri servizi formativi, </p> <p>siamo certificati ISO 9001. </p> <p> www.verifiche.info 02.55186649 e-mail segreteria@verifiche.info </p> <p> Documento riservato Copyright - Non riproducibile RevLuglio2017_03 </p> <p>3 </p> <p>Vi presentiamo di seguito il Catalogo 2017 relativo ai nostri corsi di formazione: </p> <p>- COD1-2017*- Specialist, Auditor e Membro Organismo di Vigilanza 231 </p> <p>- COD2-2017*- Anticorruzione e Trasparenza L. 190/2012, PNA e Decreti attuativi per societ private </p> <p>- COD3-2017 NOVITA! - Anticorruzione La UNI ISO 37001. Un nuovo strumento di prevenzione della corruzione per le aziende </p> <p>- COD4-2017*- Privacy PEC - Conservazione sostitutiva dei dati </p> <p>- COD5-2017 - Privacy e Nuovo Regolamento Europeo sulla protezione dei dati </p> <p>- COD6- 2017- NOVITA! - Privacy - La nuova figura del DPO (Data Protection Officer) </p> <p>- COD7-2017 - NOVITA! - Il nuovo Codice dei Contratti Pubblici. Focus sui criteri minimi ambientali </p> <p>- COD8-2017 - NOVITA! - Nuova ISO 9001:2015. Tecniche di Auditing (come gestire un Audit) </p> <p>- COD9-2017 - NOVITA! - Nuova ISO 14001:2015. Tecniche di Auditing (come gestire un Audit) </p> <p>- COD10-2017 - Controllo di gestione secondo la nuova ISO 9001:2015 </p> <p>- COD11-2017 - NOVITA! - Nuova ISO 9001:2015. Auditing in materia di Frode aziendale </p> <p>- COD12-2017 - NOVITA! - Nuova ISO 9001:2015. Auditing sui Processi dati in outsourcing </p> <p>- COD13-2017 - Eventi sostenibili secondo la ISO 21012 </p> <p>- COD14-2017 - Educazione Finanziaria secondo la UNI 11402 </p> <p>- COD15-2017 Formazione non Formale (ISO 29990) e ISO 9001:2015. Sinergie e nuove opportunit per gli Enti di formazione </p> <p>- COD16-2017 - Business continuity per una corretta gestione della continuit operativa </p> <p>Sempre disponibili (fuori catalogo): Nuova ISO 9001:2015. Cosa cambia e come adeguarsi - Nuova ISO 14001:2015. Cosa cambia e come adeguarsi - Risk Management secondo la ISO 31000. Applicazione alle nuove ISO 9001 e 14001 - Unannounced audit. Audit non annunciati nel settore dei dispositivi medici - E-Commerce secondo la normativa vigente sulla privacy - Antiriciclaggio. Novit normative e controlli (per gli studi professionali) - Asset Management. Come implementare e migliorare la gestione del patrimonio azienda secondo le ISO 55000 </p> <p>*Disponibili anche on line: Corso base Decreto legislativo 231 del 2001 - Applicazione della normativa anticorruzione nelle societ private partecipate o controllate dalla PA - Privacy per incaricati al trattamento dei dati personali </p> <p> www.verifiche.info 02.55186649 e-mail segreteria@verifiche.info </p> <p> Documento riservato Copyright - Non riproducibile RevLuglio2017_03 </p> <p>4 </p> <p> COD1-2017 - Corso di formazione - Disponibile anche on line il Corso base sul Decreto legislativo 231 del 2001 Specialist, Auditor e Membro Organismo di Vigilanza 231 Nuova edizione Durata: una giornata di formazione di 8 ore daula (ore 9 13). </p> <p>Presentazione Il Decreto legislativo 231 del 2001 ha introdotto in Italia la responsabilit </p> <p>amministrativa delle imprese in sede penale, influendo molto anche sullattivit dei consulenti aziendali e dei membri di organi di controllo e </p> <p>vigilanza. La normativa in continua evoluzione: i rischi reato introdotti dal </p> <p>legislatore nel campo di applicazione del decreto sono in continuo </p> <p>aumento (per citare i pi recenti, pensiamo ad esempio agli ecoreati, a quelli in materia di antiriciclaggio, corruzione e sfruttamento della </p> <p>manodopera) e sono ormai pienamente operative le recenti Linee guida di Confindustria che richiedono modifiche dei modelli per i "gruppi di </p> <p>imprese", la gestione delle controllate o partecipate e un aggiornamento </p> <p>dei protocolli interni sulle deleghe e procure. Alla luce di ci, necessaria unadeguata formazione per garantire un </p> <p>servizio alle imprese di corretta implementazione di nuovi Modelli e aggiornamento continuo di quelli esistenti, oltre che per lattivit di </p> <p>auditing e di vigilanza da parte degli organi di controllo preposti. </p> <p> Finalit </p> <p>Il corso volto a formare risorse in grado di implementare modelli di compliance e di verificare e condurre audit su modelli di compliance e conformit al Decreto legislativo 231 del 2001 (relativo alla responsabilit amministrativa delle imprese in sede penale), illustrando i principali </p> <p>requisiti, compiti e funzioni del membro dellOrganismo di Vigilanza </p> <p>previsto dal Decreto legislativo 231 del 2001. </p> <p>Destinatari </p> <p>Contenuti </p> <p>Prima parte Introduzione </p> <p>o Presentazione ed obiettivi o Materiale didattico </p> <p> Decreto legislativo 231 del 2001 o Principi di responsabilit o Esempi di sentenze e riferimenti alle buone pratiche o Principi sullanalisi del rischio o I modelli di organizzazione e gestione: regole generali di </p> <p>preparazione o Ruolo dellOrganismo di vigilanza o Il sistema sanzionatorio o Le nuove Linee Guida di Confindustria o Le guide delle associazioni di categoria o Esempi di documentazione </p> <p> Modello (parte generale e speciale) Codice di condotta Procedure o protocolli Regolamenti (sistema disciplinare e regolamento </p> <p>dellOdV) </p> <p>Seconda parte Gli audit secondo la ISO 19011 Gestione dellaudit in ottica rischi reato Preparare le checklist sulla base del modello Approccio allAudit Aspetti psicologici e comunicazione Auditor Ruolo, responsabilit e qualifiche Reporting - Report di non conformit e azioni correttive </p> <p> Esempi di modulistica e report </p> <p> www.verifiche.info 02.55186649 e-mail segreteria@verifiche.info </p> <p> Documento riservato Copyright - Non riproducibile RevLuglio2017_03 </p> <p>5 </p> <p>Professionisti (avvocati, dottori commercialisti), consulenti (del lavoro, sicurezza, ambientali, organizzazione aziendale), valutatori (auditor, </p> <p>membri di ODV, esperti di sistemi di certificazione), responsabili e dipendenti aziendali (responsabili di azienda, direttori amministrativi, </p> <p>finanziari, responsabili ufficio legale, responsabili qualit, ambiente, </p> <p>sicurezza). </p> <p>Docente Dott. Stefano Bonetto Formatore e auditor qualificato per la compliance </p> <p>aziendale </p> <p>Prerequisiti: Nessuno </p> <p> Tariffe: vedere listino prezzi indicati in Calendario corsi 2017 - Nel </p> <p>prezzo incluso il materiale didattico. </p> <p>Attestati: al termine del corso verr rilasciato un attestato di </p> <p>partecipazione al corso. </p> <p>Terza parte Il d.lgs 231/01 - Modelli organizzativi per la prevenzione dei reati - Le </p> <p>funzioni dellODV I requisiti dei membri dellODV </p> <p>o Il requisito dellonorabilit o Il requisito della professionalit o Il requisito di indipendenza o Il requisito della continuit dazione. </p> <p> Nomina e composizione dellODV o Organismo di Vigilanza monosoggettivo o plurisoggettivo </p> <p>o Strutture societarie gi esistenti e la loro compatibilit con le funzioni di Organismo di Vigilanza </p> <p>o Consiglio di Amministrazione, Amministratore unico, Amministratore delegato </p> <p>o Il Collegio Sindacale o Comitato per il controllo interno ed Internal Auditing o Organismo di Vigilanza costruito ad hoc. </p> <p> L ODV nei gruppi dimpresa. Compiti dellODV: soluzioni operative e check list di controllo La pianificazione e lesecuzione delle attivit dellODV attraverso </p> <p>apposite check list di controllo Le relazioni dellODV </p> <p>o Rapporti con gli organi amministrativi o Rapporti tra compliance officier e ODV o Rapporti con il collegio sindacale. </p> <p> La responsabilit dei componenti dellODV Casi concreti </p> <p> www.verifiche.info 02.55186649 e-mail segreteria@verifiche.info </p> <p> Documento riservato Copyright - Non riproducibile RevLuglio2017_03 </p> <p>6 </p> <p>COD2-2017 - Corso di formazione - Disponibile anche on line Anticorruzione e Trasparenza L. 190/2012, PNA e Decreti attuativi - Adempimenti obbligatori per le societ private controllate o partecipate dalla Pubblica Amministrazione Nuova edizione </p> <p>Durata: una giornata (8 ore daula: ore 9 - 18 - pausa pranzo ore 13 - 14). Presentazione: Il Piano Nazionale Anticorruzione (PNA), adottato in data 11 settembre 2013 da CIVIT (Commissione indipendente per la valutazione, la trasparenza e lintegrit delle amministrazioni Pubbliche), oggi ANAC (Autorit Nazionale Anticorruzione) e aggiornato con la Determinazione ANAC n. 12 del 28 ottobre 2015 (Aggiornamento 2015 al Piano Nazionale Anticorruzione), stato sostituito dal Piano Nazionale anticorruzione 2016, approvato in via definitiva dallAutorit il 6 luglio scorso e, dopo il parere favorevole espresso il 21 luglio anche dalla Conferenza Unificata Stato, Regioni e Autonomie locali, pubblicato a partire dal 3 agosto sul sito dellAutorit, e successivamente, in Gazzetta Ufficiale. Il PNA 2016, in attuazione di quanto previsto dal d.l. 90/2014, che ha concentrato nellAutorit tutte le competenze in materia di prevenzione della corruzione e della trasparenza previste dalla Legge 190/2012 e smi, costituisce un atto di indirizzo per le amministrazioni e i destinatari chiamati ad adottare o ad aggiornare concrete ed effettive misure di prevenzione di fenomeni corruttivi. Il Decreto legislativo 97 /2016, meglio conosciuto come Freedom of Informaction Act (FOIA), recante la revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione pubblicit e trasparenza, correttivo della legge 6 novembre 2012, n. 190 e del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, ai sensi dellarticolo 7 della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche, stato pubblicato l8 giugno 2016. La Legge 190/2012 e smi, il Piano Nazionale Anticorruzione 2016 (PNA) e i Decreti attuativi della Legge 124/2015 recante Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche, meglio conosciuta come Legge Madia di Riforma della P.A., obbligano la pubblica amministrazione e i destinatari ad adottare Piani di prevenzione della corruzione e trasparenza da aggiornare entro il 31 gennaio di ogni anno, oltre ai previsti Codici di comportamento. Il Piano Nazionale Anticorruzione (PNA) richiede inoltre l'introduzione di adeguate misure organizzative e gestionali per la prevenzione degli eventi corruttivi che si rifacciano alle best practices tipiche del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo disciplinato dal D. lgs 231/2001 (responsabilit amministrativa degli enti in sede penale) cos come era gi stato ribadito dalle Linee Guida ANAC nellanno 2015 che sottolineavano, per le societ e per gli enti di diritto privato controllati e partecipati dalle pubbliche amministrazioni </p> <p>Contenuti </p> <p>Contesto giuridico Breve riepilogo dello sviluppo normativo in materia di Prevenzione </p> <p>della corruzione e Trasparenza, dalla Legge 190/2012 ad oggi. </p> <p> Le Determinazione ANAC pi recenti: Determinazione ANAC n. 8 di </p> <p>giugno 2015; Determinazione ANAC n. 12 del 28 ottobre 2015 </p> <p>(Aggiornamento 2015 al Piano Nazionale Anticorruzione). </p> <p> Il D. lgs 97/2016 (il c.d. Decreto FOIA - Freedom of Informaction </p> <p>Act, pubblicato l8 giugno 2016), recante la revisione e semplificazione </p> <p>delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione pubblicit e </p> <p>trasparenza, e Delibere ANAC. </p> <p> Piano Nazionale Anticorruzione (PNA) 2016, pubblicato in G.U. il </p> <p>24-8-2016: latto di indirizzo per le amministrazioni e i destinatari </p> <p>chiamati ad adottare o ad aggiornare concrete ed effettive misure di </p> <p>prevenzione di fenomeni corruttivi. </p> <p> Decreti attuativi della Legge 124/2015 (la c.d. Legge Madia di </p> <p>Riforma della P.A.), recante Deleghe al Governo in materia di </p> <p>riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche; </p> <p> Obblighi in materia di Trasparenza: principali cambiamenti </p> <p>introdotti nel D.lgs. 33/2013 dal D. lgs 97/2016. </p> <p> Linee Guida ANAC e obblighi per le societ e per gli enti di diritto </p> <p>privato controllati e partecipati dalle pubbliche amministrazioni e per gli </p> <p>enti pubblici economici, di adozione del Modello di Organizzazione </p> <p>e Gestione (MOG) previsto dal Decreto Legislativo 231 del 2001 </p> <p>in materia di responsabilit amministrativa degli enti in sede penale. </p> <p> www.verifiche.info 02.55186649 e-mail segreteria@verifiche.info </p> <p> Documento riservato Copyright - Non riproducibile RevLuglio2017_03 </p> <p>7 </p> <p>e per gli enti pubblici economici, lobbligatoriet delladozione del Modello di organizzazione e gestione previsto dal Decreto Legislativo 231 del 2001 da parte di tali soggetti. Finalit: Illustrare in modo semplice larticolato panorama normativo in materia, fornendo tutte le indicazioni pratiche e gli esempi concreti sui contenuti minimi dei Piani triennali di prevenzione della corruzione e dei Piani di prevenzione della corruzione in ordine all'integrazione di questi ultimi con i Modelli di organizzazione e gestione previsti dal D. lgs 231/2001, utili per non incorrere nelle sanzioni previste. Gli enti che abbiamo gi adottato un Modello ai sensi del D.lgs 231/01 dovrebbero sviluppare un'ulteriore integrazione tra gli Organismi di Vigilanza e il Responsabile anticorruzione. Tutti gli Enti destinatari dovranno adottare e comunicare al Dipartimento della funz...</p>