Conoscere la videocamera

  • Published on
    12-Jan-2015

  • View
    306

  • Download
    1

Embed Size (px)

DESCRIPTION

 

Transcript

  • 1. LA VIDEOCAMERA

2. L Obiettivo Il mirino Il display LCD CONOSCERE LE PARTI 3. IL MIRINO/e il DISPLAY LCD Il MIRINO ottico spesso in bianconero per non influire sulla durata della batteria (normalmente la sua durata di circa un'ora) Il MONITOR LCD/ Liquid crystal display un piccolo schermo a colori su cui osservare la scena che si sta riprendendo od una gi girata. 4. OTTICA Comprende l' OBIETTIVO : termine generico che descrive un dispositivo ottico in grado di raccogliere e riprodurre un immagine. Si pu costituire di pi lenti. 5. VARIE TIPOLOGIE DI OBIETTIVI 1)Normali 2)Grandangolari 3)Teleobiettivi 4)Zoom 6. OBIETTIVO 1) Normale : inquadra un campo visivo analogo a quello dell'occhio umano (viene indicato col valore indicativo di 50mm). 2) Grandangolari: inquadrano con angolo > dell'occhio umano, arrivando a superare i 180 cio riprendendo tutto quello che noi umano possiamo vedere girando la testa da destra a sinistra (esempio: 35mm, 28mm, 20mm,..). 3) Teleobiettivi: vedono bene oggetti molto lontani da noi, che noi non riusciamo a distinguere (esempio: 105mm. 135mm, 200mm,..). 7. 4) Zoom : un obiettivo complesso la cui lunghezza focale varia tra due valori; uno zoom per camcorder passa da un valore di grandangolo ad un teleobiettivo. Due tipologie: a) Ottico: effettuato tramite le lenti dell'obiettivo. b) Digitale: effettuato da un programma all'interno della telecamera. N.B: il dispositivo un accessorio dell obiettivo della camcorder i comandi per la sua regolazione solitamente sono azionabili a) da una delle tre ghiere vicine all obiettivo b) con un pulsante posto sopra al fusto della camcoder; comandi W/T : * W = si amplia il campo di ripresa * T = si chiude la parte di spazio inquadrata 8. VIDEOCAMERA/Camcorder (telecamera + videoregistratore) La sezione di registrazione (simile a un videoregistratore): - Registrazione /Rec - Riproduzione /Play - Arresto /Stop - Avanzamento e riavvolgimento/Ffw e Rew - Apertura vano cassetta /Eject 9. E sempre presente un selettore di modalit per un uso come videocamera o come videoregistratore e un pulsante per lavvio e larresto della ripresa. COMANDI DI RIPRESA: A portata di mano si trova anche un comando proporzionale per lazionamento dello Zoom: (oltre a quello che si trova nella ghiera vicino all obiettivo) 10. FADER, per lapertura o la chiusura dellimmagine BACKLIGHT, Controllo per esposizioni in controluce WHITE, per la selezione del bianco IRIS, tasto per il controllo del diaframma automatico/manuale e comando di regolazione SHUTTER comando della velocit dellotturatore FUOCO, selezione automatico/manuale e ghiera di regolazione ALTRI COMANDI/non sempre presenti N.B. Per ulteriori curiosit sul modello di videocamera e relative funzioni, guardare il video sottotitolato (inglese) video che spiega le funzioni della videocamera CANON XH a1_inglese sottotitolato 11. Indicazioni di base per iniziare a girare un video PRIMI PASSI 12. IL CONTROLLO DELLA VIDEOCAMERA Esistono 4 livelli di controllo che un videografo deve saper rispettare ed osservare: LIVELLO 1/ controllo delle impostazioni di base LIVELLO 2/ lavorare con la luce LIVELLO 3/ catturare il suono LIVELLO 4/ consapevolezza della ripresa o della storia Il controllo dei livelli pu anche essere incrociato e simultaneo STATE INTRAPRENDENDO UNA SFIDA CREATIVA (!!!) dal momento che le vostre competenze tecniche si uniscono alla vostra creativit. 13. LIVELLO 1/ CONTROLLO DELLE IMPOSTAZIONI DI BASE Controllare quanta luce entri nella videocamera, modificando le impostazioni del diaframma e la velocit dell otturatore Variare il bilanciamento del bianco per ottenere l effetto desiderato Usare la messa a fuoco manuale e/o escludere la stabilizzazione dell immagine 14. IL DIAFRAMMA un componente interno dell obiettivo, di norma circolare, che regola o limita la quantit di luce che passa attraverso le lenti fino al sensore/chip , sia che si tratti di un CCD o CMOS Si usa nel momento in cui le condizioni di luce non sono costanti ( n.b. in una videocamera in cui sia attiva la regolazione automatica, l esposizione del video verr modificata in modo automatico, in base alla luce ) Il comando per la regolazione si pu trovare o su una rotella a lato della camcorder o sulla ghiera dell obiettivo; per gli strumenti touch, sullo schermo, ovviamente. 15. Il diaframma agisce anche sulla profondit di campo (PC), ovvero la porzione di campo a fuoco insieme al soggetto. Risulter tanto pi ampia quanto minore lapertura del diaframma. Ergo La PC si estende 1/3 avanti e 2/3 dietro il soggetto Un grandangolare ha PC maggiore di un teleobiettivo Pi lontano il soggetto maggiore la PC Il diaframma chiuso aumenta la PC, aperto la diminuisce Il principio di funzionamento identico a quello della macchina fotografica: funzionamento diaframma in una macchina fotografica_dimostrazione 16. VELOCITA DELL OTTURATORE/Shutter nelle camcorder un dispositivo elettronico che ha il compito di controllare per quanto tempo il sensore/chip resta esposto alla luce; [cfr.1. nella macchina fotografica un dispositivo meccanico che controlla per quanto tempo la pellicola resta esposta alla luce; cfr.2.nel corpo umano: la pupilla il diaframma mentre l otturatore la palpebra] 17. La funzione pi importante dell otturatore, oltre a regolare il livello di luce, stabilire la dose di nitidezza che ogni fotogramma video deve mantenere; La quantit di movimento dell immagine detta mosso e pu incidere enormemente sullo stile e l atmosfera di un video. N.B. Nel caso in cui anche alla massima apertura la luce sia insufficiente, si ricorre al guadagno/gain (nelle macchine semplici automatico) che incrementando lamplificazione del CCD porta allo scadimento delle immagini, disturbate da un effetto neve. Il comando si trova sulla camcorder in un pulsantino con la scritta gain 18. : Alti valori dello shutter (maggiori di 1/250 di secondo) migliorano qualit e definizione dellimmagine, soprattutto con immagini in movimento Bassi valori consentono di catturare immagini in situazioni di luce bassissima o creare sugli oggetti in movimento effetti sfocati particolari. N.B. Il tempo massimo di shutter non potr mai superare 1/25 19. Nelle telecamere pi semplici spesso si trovano dei preset Shutter/Diaframma: Ritratto: Diaframma pi aperto e shutter regolato di conseguenza Sport: Shutter alto e Diaframma regolato di conseguenza Panorama: Diaframma chiuso e shutter regolato di conseguenza 20. IL BILANCIAMENTO DEL BIANCO/white balance La telecamera influenzata dai vari tipi di luce in cui viene impiegata, per questo presente un selettore (o una voce di menu) che permette di scegliere tra alcuni valori pre-impostati: Auto: un automatismo ri-bilancia continuamente Indoor: tarato per illuminazione con lampade a filamento Outdoor: tarato per illuminazione solare 21. MA.. Si pu scegliere di effettuare manualmente il bilanciamento; Prendendo come riferimento un area bianca (generalmente un foglio bianco) e premendo lapposito pulsante di taratura; andr ovviamente ripetuto ogni volta che muta le condizioni di illuminazione. Alcuni camcorder professionali possono avere delle posizioni "memoria". Di solito vengono segnate con 'A' e 'B' servono a memorizzare due bilanciamenti del bianco manuali diversi. Nel caso di una ripresa matrimoniale, ad esempio, si pu bilanciare il bianco all'esterno della chiesa sulla posizione 'A', poi passare su 'B' e bilanciare l'interno. 22. LA STABILIZZAZIONE DELL IMMAGINE permette l'acquisizione di immagini e video senza il tremolio involontario creato dalla mano o dalla nostra respirazione, donando alle immagini una nitidezza maggiore. Eusato sia nelle fotocamere che nelle videocamere. Esistono due tipologie di stabilizzazione: Ottica: per le videocamere d alta fascia, generalmente un elemento supplementare; utilizza un elemento dedicato nell obiettivo, che si sposta in base al movimento della telecamera, in rapporto al soggetto che si sta riprendendo. Digitale: funziona con l elaborazione dell'immagine da parte di un processore e di un apposito software preinstallati sul dispositivo. Funziona solo su apparecchi digitali (siano essi videocamere o fotocamere). E meno costoso da realizzare in quanto non necessita di una parte meccanica ma per sua natura meno efficace e preciso dello stabilizzatore ottico. 23. ESEMPIO 24. LIVELLO 2/ LAVORARE CON LE LUCI Servirsi della luce per valorizzare il video, utilizzando ed imparando a conoscere a fondo la luce naturale; Sapere quando e che tipo di luce aggiungere/luce artificiale ( es.morbida, dura,di riempimento) Luce morbida Luce dura Esempi: 25. LA LUCE Per fare buone riprese serve tanta luce; si misura in Lux, sotto 200lux non ha senso fare riprese a meno non siano eventi irripetibili da documentare a tutti i costi. Con una telecamera molto buona non si scende sotto i 20Lux. Alcuni riferimenti: Alcuni riferimenti: Lampada per bicicletta 2 W 18 Lampada ad incandescenza 100 W 1250 Lampada fluorescente L 40 W 3200 Lampada vapori Hg 125 W 6300 Bulbo fluorescente 400 W 23000 Lamp. alogenuri metallici 2000 W 190000 Lamp. xenon arco lungo 20000 W 500000 Giornata estiva soleggiata 100000 giornata estiva cielo coperto 20000 Vetrine 3000 Uffici 500 Sale da pranzo 200 Strade (notte) 30 Notte di luna piena 0.25 26. N.B. PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE !! 27. VARI TIPI DI LUCE Luce frontale: la luce si trova dietro la telecamera e va dritta in faccia al soggetto. Il risultato spesso poco soddisfacente perch l'inquadratura sembra piatta, cio si perde in profondit. In pi se si stanno riprendendo delle persone i loro occhi sono socchiusi per via della luce che li colpisce Foto di Andrew Myers, artista condizioni di luce naturale 28. Luce dall alto: tipicamente il sole di mezzogiorno. Anche in questo caso l'immagine sembra piatta e le ombre sono corte e scure. Adatta per forme geometriche se