Dante Vinciguerra _ Portfolio + CV

  • Published on
    18-Mar-2016

  • View
    223

  • Download
    6

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Portfolio & CV

Transcript

  • POrtfolio

    Dante Vinciguerra

    Architettura e design

  • spazio = creativit

  • !Dante Vinciguerra

    cell. 3931257782email. dantedoctor86@libero.it

  • profilo

    Dati personaliconoscenze edesperienze

    6

    indice

  • allestimenti

    plastici

    architettura

    arredi urbani

    Masterplan declassata area ex banci,prato

    citybag, seduta e kit per il turista,Firenze

    cubi, mostra al sesv, facolt di architettura,Firenze

    officina ex squadra di rialzo,riqualificazione e mostra, firenze

    cittadella del marmo, museo e lab. di scultura,Pietrasanta

    torre mediceariqualificazione e mostra, pietrasanta

    auditorium a san vero milis,oristano

    fashion hotelin Viale redi, firenze

    MDM, nuovo museo del marmo Carrara

    Piazza della stazione, riqualificazione area SMN, Firenze

    Villa adriana a tivoli, mostra al teatro marittimo,roma

    Square houseresidenze sociali a le sieci,pontassieve

    ciac, centro integrato azione culturale,incisa valdarno

    Tubo, unit abitativa per evento made expo,milano

    fashion hotel e museo della moda, Viale redi, firenze

    The wall, biblioteca in piazza tasso, firenze

    28

    46

    64

    32

    52

    72

    1610

    38

    56

    74

    20

    42

    60

    76

    24

  • !

  • profilo

  • Dante Vinciguerra

    nato il 19 marzo 1986 a Carrara (MS)

    _ 2005

    Diplomato al Liceo Artistico Artemisia Gentileschi a

    Carrara.

    _ 2009

    Laurea in Scienze dellArchitettura presso la Facolt di

    Architettura di Firenze.

    Tesi: Le nuove mura: centro culturale in Piazza Tasso,

    Firenze, Relatore Prof. C. Zanirato.

    _ 2012

    Laurea magistrale in Architettura presso la Facolt di

    Architettura di Firenze con il voto di 110 / 110 e lode.

    Tesi: MDM, nuovo museo del marmo di Carrara: una

    cava a misura duomo, Relatore Prof. F.M.Lorusso.

    Dati personali conoscenze / esperienze

    6

  • Conoscenze

    _ Informatiche

    Autocad

    Rhinoceros

    Adobe Photoshop

    Adobe Illustrator

    Adobe Indesign

    Adobe Dreamweaver

    Cinema 4D

    Word

    Sistema operativo Windows XP e Mac OS

    _ Linguistiche

    Inglese

    Esperienze lavorative

    _ 2008

    -Workshop a San Vero Milis (OR) : Architettura con mattoni

    in terra cruda

    _ 2009

    -Workshop a Firenze, Facolt di Architettura in

    collaborazione con la California State University: Laboratorio

    di progettazione per il recupero urbano, prof. A. Breschi

    _ 2010

    -Workshop a Incisa Valdarno: Laboratoro di progettazione

    architettonica specialistica, prof. F. M. Lorusso

    -Concorso Instant House: partecipazione

    _ 2010/2011

    -Cultore della Materia del Laboratorio di Progettazione 2

    presso la Facolt di Architettura di Firenze, prof. G. Polazzi

    -Concorso Cercasi Piazza SMN, Firenze: 2 premio

    7

  • !8

  • architettura

  • MdmNuovo Museo del marmo carrara

    10

  • ?1. STATO ATTUALE | capannoni industriali e depositi

    2. DEMOLIZIONI E PERMANENZE

    3. LIMITI | edificio, dislivelli, facciata, viale

    4. MDM | nuovo museo del marmo

    A seguito di unattenta analisi del luogo e dellarea

    di intervento sono emersi aspetti negativi che hanno

    condotto la scelta di demolire gli edifici industriali

    esistenti mantenendo solo gli elementi pi rilevanti dal

    punto di vista architettonico, storico ed ambientale.

    Il progetto parte ed esalta queste permanenze

    ponendole come limiti fisici al nuovo edificio: da queste

    considerazioni nasce MdM, un grande edificio polifunzionale (museo del marmo, sale espositive

    per artigiani, archivio, auditorium) che si rapporta alla

    citt come un volume ipertrofico. Questo concetto del fuoriscala vuole richiamare alla mente

    il mondo della cava, sempre presente nello scenario

    di Carrara.

    Il materiale principale utilizzato il marmo bianco di Carrara, materiale autoctono estremamente diffuso nella cultura e tradizione della citt.

    11

  • 12

  • MUSEO | BIGLIETTERIA p1

    pt

    p-1

    ARCHIVIO | LUDOTECA

    SERVIZI E MAGAZZINI

    RISTORANTE

    MUSEO | EXPO ESTERNO

    ARCHIVIO | SALA CONFERENZE

    AUDITORIUM | UFFICI

    MUSEO | SALE ESPOSITIVE

    ARCHIVIO | SALA LETTURA

    BAR

    MUSEO | BOOKSHOP

    ARCHIVIO | SALA STUDIO

    AUDITORIUM

    UFFICI AMMINISTRATIVI

    schema distributivo FUNZIONI E PERCORSI

    13

  • 14

  • piantapiano terra

    15

  • Fashion hotelin viale redifirenze

    16

  • 01234

    RAPPORTO TAV / HOTEL 1.

    APERTURA VERSO LA CITT 2.

    EDIFICIO AD ANGOLO 3.

    RAPPORTO HOTEL / MUSEO / PIAZZA 4.

    La nuova sistemazione urbana vuole creare un

    rapporto diretto tra la citt e larea

    dove sorger la stazione della TAV, attualmente

    impedito dalle alte mura lungo viale Redi.

    Lhotel andr a sostituire ledificio dellarch. Mazzoni:

    il risultato un edificio che, seguendo le solite linee

    direttrici delledificio demolito, accentua la posizione

    dellangolo ritenuto punto di snodo importate del

    nuovo assetto urbano. I piani dellhotel rastremano

    sempre pi verso langolo aumentando ulteriormente

    la percezione di questultimo.

    Il Fashion Hotel composto da 5 piani. Le funzioni

    sono collocate in modo da distinguere 3 livelli di

    utenza: pubblico (piano 0), semipubblico (piano

    1), privato (piano 2/3/4).

    17

  • 18

  • > EDIFICIO coni verdi | funzioni

    4. IL PROGETTO

    23

  • The Wall biblioteca in piazza tassofirenze

    24

  • VOLUME MAX 1.

    SPAZIO FUNZIONALE / SPAZIO ATTIVIT 2.

    SOTTRAZIONE | piazza, luce, giardino 3.

    Il progetto prevede la realizzazione di un edificio

    culturale ospitante una biblioteca, una mediateca e uffici amministrativi in un area di circa 500 mq.

    Lintento progettuale quello di ridare importanza

    alle antiche mura di Firenze, attualmente in degrado.

    Lidea dunque quella di creare un nuovo muro che rappresenti sia un elemento di continuit delle

    cinta murarie storiche, sia un elemento di protezione

    della piazza creata dietro ad esso che funger da filtro tra la citt e il giardino Torrigiani.

    Il muro costituir lo spazio funzionale delledificio

    (scale, ascensori, servizi e reception), mentre

    gli spazi riservati alle attivit della mediateca e

    biblioteca saranno allinterno di una struttura estranea in lamiera, la cui forma verr plasmata dai flussi principali: ingresso alla piazza,

    ingresso al parco e esposizione alla luce solare.

    25

  • 26

  • 27

  • Masterplandella declassata area ex banciPrato

    28

  • ELEMENTO MITIGATORE DEL CLIMA

    BARRIERA AL RUMORE

    LUOGO DI INCONTRO

    BARRIERA VISIVA

    Il tema centrale che determina il disegno del nuovo

    tessuto urbano la commistione tra natura e presenza

    antropica. Questa dualit diventa concept di progetto

    volto alla valorizzazione del rapporto uomo-natura. Considerando questi aspetti, il progetto prevede di salvaguardare e rivalutare la vegetazione

    esistente integrandola in un disegno uniforme che regola anche le costruzioni delluomo. E proprio

    nelle aree in cui il paesaggio antropizzato entra in

    contatto con la natura che lelemento vegetazione

    acquisisce valore e funzionalit: effetto barriera antirumore per il traffico della declassata, effetto

    barriera visiva per la centrale elettrica, elemento

    di filtro alla radiazione solare. Infine la vegetazione

    acquista importanza diventando non solo luogo di

    svago, ma anche percorso museale.

    29

  • 30

  • 3. EDIFICATO negativo verde | relazione citt | ritmo ex banci

    2. STRADE | DIREZIONE viale Da Vinci | preesistenze

    1. VEGETAZIONE il parco | le preesistenze | la barriera

    0. PERMANENZE E CONFORMAZIONI

    31

  • Cittadella del marmo Museo e laboratori di sculturapietrasanta

    32

  • nuova cerchia muraria | MURO ABITATO 1.

    RIPETIZIONE DELLELEMENTO MATRICE 2.

    FUNZIONI E PERCORSI 3.

    Il progetto prevede la realizzazione di una cinta muraria

    al cui interno si andr a creare un nuovo sistema

    urbano: La Cittadella del Marmo.Questa nuova cortina muraria diventa a ridosso della

    Via Aurelia una parete vegetale che, oltre a creare

    un filtro tra esterno ed interno, funge da barriera

    acustica, mentre a ridosso della collina diventa

    un imponente muro abitato. Questultimo diventa lelemento matrice del resto del progetto: la

    sua ripetizione infatti d vita a una serie di setti di

    differenti altezze, tra i quali trovano spazio i diversi

    edifici e percorsi.

    La collocazione delle funzioni permette di dividere

    la cittadella in tre distinte aree funzionali: larea riservata al parcheggio, la zona lavorativa con

    la scuola di scultura, i laboratori e un bar e larea

    museale ed espositiva.

    33

  • 34

  • LABORATORI DI SCULTURA

    AULE DIDATTICHE

    INFOPOINT

    PRATO INCLINATO

    HALL | UFFICI AMMINISTRATIVI

    LOCALI TECNICI

    PARCHEGGIO

    BAR

    MAGAZZINI

    DEPOSITO

    SPAZIO ESPOSITIVO

    SERVIZI wc | spogliatoio

    PERCORSI PRINCIPALI

    PERCORSI SECONDARI

    PERCORSO CARRABILE

    schema distributivo FUNZIONI E PERCORSI

    elaborati | SEZIONE AMBIENTALE

    35

  • !

  • arredi urbani

  • Piazza della stazione riqualificazione area Santa maria novellafirenze

    38

  • La zona della stazione di Santa Maria Novella ha

    evidenziato una scarsa attrattiva, dovendosi invece

    connotare come punto cruciale e filtro fra citt e stazione. Nel progetto lintenzione concreta stata innanzitutto

    di omogeneizzare tutta larea secondo un unico segno

    materico e architettonico che riuscisse a ordinare i

    vari flussi di percorso e delle attrezzature. Lelemento

    unitario consiste in un nastro di acciaio corten che, plasmandosi nello spazio, diventa un segno di riconoscimento per le apparecchiature dellarea generando elementi come gli ingressi ai

    sottopassaggi pedonali, sedute e postazioni porta-

    biciclette. Il progetto ha lintenzione di creare una

    cerniera fra la citt e la stazione, una linea conduttrice

    per e dalla citt, un luogo di arrivi e partenze.

    39

  • 40

  • ct

    t !

    T

    C

    b

    B

    s

    s P

    P

    x20

    x10

    x10

    x20

    x10

    x20

    x30

    x200

    x100

    s

    P

    PP

    < >>>>

    >>>

    >

    >>lala ODA FIRER NZNZEElala MOaaa MOMODDMOD a aA A a FIRERENZNZa FIRENZ

    69

  • !

  • plastici

  • auditoriumin mattoni di terra cruda a san vero milisoristano

    72

  • Materiali utilizzati Plastico 1:100:

    - Cartonlegno

    - Carton plume

    - Rame

    - Balsa

    - Sabbia

    Materiali utilizzati Plastico 1:500:

    - Cartonlegno

    - Gesso

    - Terra cruda 73

  • Square houseresidenze sociali a le sieciPontassieve

    74

  • Materiali utilizzati Plastico 1:200:

    - Polistirolo espanso

    - Stecche di legno

    75

  • Fashion hotel e museo della moda in Viale redifirenze

    76

  • Materiali utilizzati Plastico 1:500:

    - Plexiglass bianco (inciso)

    - Plexiglass trasparente

    - Fogli di acetato trasparente

    77

  • !Dante Vinciguerra

    cell. 3931257782email. dantedoctor86@libero.it

Recommended

View more >