Day2 gestalp

  • Published on
    13-Apr-2017

  • View
    79

  • Download
    1

Embed Size (px)

Transcript

  • LABORATORIO NATURALE GESTALP

    VALLE VARAITA Programma pilota per la ricerca di modelli di gestione delle risorse naturali che consentano lo sviluppo di un sistema socio-economico

    sostenibile sulle Alpi occidentali piemontesi.

    Pier Giuseppe MENEGUZ e Andrea DEMATTEIS

  • Il contesto alpino piemontese e lo sviluppo socio-economico

    VALLE VARAITA

    1951 - 2001

  • Il contesto alpino piemontese e lo sviluppo socio-economico

    Alta Valle di Susa

    Parco Nazionale del Gran Paradiso

    SudTirolo e Trentino, parte del Veneto

    1980 - 2000

  • OCCORRE CAMBIARE STRATEGIA

    Ad esempio

    DIVERSO UTILIZZO DELLE RISORSE NATURALI RINNOVABILI

    o addirittura

    UTILIZZO DELLE RISORSE NATURALI RINNOVABILI

    PU ESISTERE UN NUOVO SVILUPPO PER LE MONTAGNE PIEMONTESI ?

    Necessit di nuovi indirizzi per lo sviluppo socio-economico

  • Strategia per uno sviluppo sostenibile delle Alpi occidentali

    IPOTESI DI SVILUPPO DA NUOVI MODELLI DI GESTIONE

    DELLE RISORSE PRIMARIE RINNOVABILI

    Acqua - Legno - Erba

  • 1. AMBIENTALE = cura del territorio (modello conservativo).

    2. ECONOMICA = autonomia finanziaria (modello a controllo endogeno).

    3. SOCIALE = sviluppo equilibrato della comunit (modello multifunzionale)

    Solo un sistema integrato pu soddisfare le tre condizioni fondamentali della sostenibilit:

    Strategia per uno sviluppo sostenibile delle Alpi occidentali

  • Se usiamo le potenzialit di ogni risorsa in modo intelligente e coordinato, possiamo ottenere un sistema socio-economico

    sostenibile (endogeno / multifunzionale / conservativo):

    idroelettrico (micro e mini) cogenerazione da biomassa

    legnosa (unit di piccola taglia)=

    DISPONIBILITA FINANZIARIE(motore economico endogeno)

    INVESTIMENTI SOCIALI DIRETTI servizi primari

    servizi secondari formazione giovanile

    etc. RICADUTA OCCUPAZIONALE

    GOVERNO AMBIENTALE POSITIVO

    Strategia per uno sviluppo sostenibile delle Alpi occidentali

    INVESTIMENTI PRODUTTIVI selvicoltura zootecnia e gestione pastorale valorizzazione prodotti della caccia regimazione acque ad uso agricolo

    e civile filiere di trasformazione dei prodotti

    FORTE RICADUTA SU ALTRI SETTORI ECONOMICI

  • Se manca un motore finanziario interno

    idroelettrico (micro e mini) cogenerazione da biomassa

    legnosa (unit di piccola taglia)=

    DISPONIBILITA FINANZIARIE(motore economico endogeno)

    INVESTIMENTI SOCIALI DIRETTI servizi primari

    servizi secondari formazione giovanile

    etc. RICADUTA OCCUPAZIONALE

    GOVERNO AMBIENTALE POSITIVO

    Strategia per uno sviluppo sostenibile delle Alpi occidentali

    INVESTIMENTI PRODUTTIVI selvicoltura zootecnia e gestione pastorale valorizzazione prodotti della caccia regimazione acque ad uso agricolo

    e civile filiere di trasformazione dei prodotti

    FORTE RICADUTA SU ALTRI SETTORI ECONOMICI

  • il sistema funzionale ipotizzato sar molto difficile da realizzare:

    idroelettrico (micro e mini) cogenerazione da biomassa

    legnosa (unit di piccola taglia)=

    DISPONIBILITA FINANZIARIE(motore economico endogeno)

    INVESTIMENTI SOCIALI DIRETTI servizi primari

    servizi secondari formazione giovanile

    etc. RICADUTA OCCUPAZIONALE

    GOVERNO AMBIENTALE POSITIVO

    Strategia per uno sviluppo sostenibile delle Alpi occidentali

    INVESTIMENTI PRODUTTIVI selvicoltura zootecnia e gestione pastorale valorizzazione prodotti della caccia regimazione acque ad uso agricolo

    e civile filiere di trasformazione dei prodotti

    FORTE RICADUTA SU ALTRI SETTORI ECONOMICI

  • Serve un banco di prova per collaudare il nuovo modello di sviluppo sostenibile

    Perch provare in Valle Varaita, a partire da Sampeyre e dai Comuni pi vicini?

    Un Laboratorio per lo sviluppo sostenibile

    UN LABORATORIO PER SPERIMENTARE LA NUOVA

    STRATEGIA DI SVILUPPO PER LE MONTAGNE PIEMONTESI

  • La Valle Varaita e lo sviluppo sostenibile

    CONTESTO CONDIVISO=

    2003: Decentramento universitario FONDAZIONE UNIVERSITARIA CE.RI.GE.FA.S.

    2006-2008: Studi di fattibilit

    2009-2010: Confronto e condivisione con Enti locali

    2010-2011: Confronto e condivisione con la Comunit residente

    2011: Costituzione di nuovi attori in nome collettivo (Associazioni e Aziende produttive)

    2011-2014: Avvio di un Sistema socio-economico locale pilota (Laboratorio Naturale GestAlp Valle Varaita)

  • Laboratorio Naturale GestAlp Valle VaraitaLaboratorio Naturale GestAlp Valle Varaita

  • dal punto di vista giuridico una:

    Associazione di scopo, tra Enti con competenze diversificate ma integrabili, i quali sottoscrivono una Convenzione per fare s che linsieme di azioni di gestione dellambiente locale, integrandosi a rete, possa complessivamente assumere la valenza di

    modello di sviluppo sociale ed economico

  • ne fanno parte (ad oggi):

    A. ORGANI ESISTENTI

    1. Comuni di Sampeyre, Frassino, Pontechianale ( aperto): autonomia locale di riferimento, garanzia del pubblico interesse, conferimento di fonti primarie dallinterno = ACQUA E FORESTA

    2. Comprensorio Alpino di caccia Valle Varaita: riferimento istituzionale per lutilizzo patrimoniale della fauna

    selvatica, conferimento di fonti primarie dallinterno = FAUNA SELVATICA

    3. Fondazione Universitaria Cerigefas: organo scientifico e di coordinamento tecnico

  • B. ORGANI NEO-COSTITUITI

    5. Associazione Allevatori Stanziali Alta Valle Varaita:

    6. Associazione Proprietari Forestali Alta Valle Varaita:

    7. Azienda Naturale GestAlp Valle Varaita, societ agricola cooperativa: gestione delle filiere produttive del Laboratorio:

    1. filiera del legno locale,2. filiera delle carni locali tipiche.

    8. Societ Idralp s.r.l.: gestione integrata delle acque:

    1. energia2. irrigazione3. usi civili

  • Allinterno del Laboratorio operano: Due Aziende di scopo (Gestione delle risorse naturali a fini patrimoniali e in

    modo sostenibile), idonee sia dal punto di vista tecnico che giuridico.

  • La Societ Idralp

    E la S.R.L. costituita per gestire le filiere integrate dellacqua (societ a socio unico: Fondazione Universitaria).

    Svolge lattivit senza fini di speculazione privata in ottemperanza alla convenzione programmatica del Laboratorio Naturale, ripartendo gli utili di gestione alle Amministrazioni pubbliche e alle filiere produttive del laboratorio. Funzione essenziale di motore finanziario interno.

  • LAzienda Naturale GestAlp Valle Varaita

    E una Societ cooperativa agricola che nasce per gestire le filiere produttive del legno (patrimonio forestale) e delle carni tipiche (patrimonio animale).

    Svolge lattivit senza fini di speculazione privata in ottemperanza alla convenzione programmatica del Laboratorio Naturale.Alla filiera del legno locale possono aderire i Comuni e i proprietari dei boschi (Associazione Proprietari Forestali Alta Valle Varaita).Alla filiera delle carni locali tipiche aderiscono gli allevatori stanziali (Associazione Allevatori Alta Valle Varaita) e il Comprensorio alpino.

  • RISORSA ACQUA

    La Societ Idralp

    Progettazione unitaria e coordinata di impianti per alimentare una rete idrica diffusa ad uso plurimo:

    1. energia = autofinanziamento

    2. irrigazione nelle zone a prato-pascolo maggiormente significative (in alta Valle Varaita si possono irrigare dai 400 ai 500 ha agricoli);

    3. altri usi civili (reti anti-incendio, giardini e orti, usi famigliari, etc....)

  • USO DELLUTILE DI GESTIONE DI IDRALP S.R.L.:

    Il modello di gestione prevede che la ricaduta TOTALE degli utili idroelettrici di ogni impianto, sia utilizzata allinterno

    del Laboratorio Naturale per:a) la Filiera sociale integrata (interventi pubblici per lo

    sviluppo di servizi e miglioramento della qualit di vita, con particolare riguardo alla lotta allabbandono scolastico e alla formazione superiore dei giovani),

    b) lo Sviluppo delle altre Filiere produttive (Filiera del legno e delle carni locali tipiche), gestite dallAzienda Naturale (Organo operativo) e dalla Fondazione Universitaria (Organo di coordinamento tecnico-scientifico).

  • RISORSA FORESTALE

    Laboratorio Naturale GestAlp Valle Varaita

    azienda naturale GestAlpGestAlp cooperativa agricola

    ERISORSA ERBA

  • ATTENZIONE ALL EVOLUZIONE AMBIENTALE da ABBANDONO DEL TERRITORIO

    Sampeyre

    Monviso

    Bosco dellAlev

    Bosco del Sap

    Lesempio di due zone di campionamento per una superficie

    complessiva di circa 3000 ha

  • 1954

  • 1980

  • 2004

  • 1. Accordo con la Propriet (Comuni e Proprietari dei boschi privati) 2. Piano Forestale (15 anni di disponibilit certa di materia prima)3. Selvicoltura (Iscrizione allAlbo regionale delle Imprese forestali)4. Prime lavorazioni (cippatura, segheria, altro)5. Mercato (energia, artigianato, edilizia ???)

    Condizioni minime sufficienti per la filiera:

    Filiera Legno

  • DAL PUNTO DI VISTA SOCIALE...

    1. La Azienda Naturale, in quanto cooperativa, garantisce ai Comuni e ai privati conferitori un prezzo al conferimentoe la possibilit di ristorni a chiusura di bilancio.

    2. Il Comune:- viene a disporre di un gettito costante a bilancio;- gestisce lambiente con tutti i risvo