FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea ?· FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea Magistrale…

  • Published on
    12-Oct-2018

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Transcript

<ul><li><p> FACOLT DI GIURISPRUDENZA </p><p> Corso di Laurea Magistrale </p><p>Tesi di Laurea in Diritto Penale </p><p>I REATI SESSUALI NELLORDINAMENTO GIURIDICO </p><p>ITALIANO E FRANCESE </p><p>Laureanda </p><p>CHIARA ROSSI </p><p>matricola 1146067 </p><p>Relatore </p><p>MARCO GAMBARDELLA </p><p>Correlatore </p><p>ENZO CANNIZZARO </p><p>A.A. 2011/2012 </p><p>matricola 1146067</p></li><li><p>SOMMARIO </p><p>I REATI SESSUALI NELLORDINAMENTO GIURIDICO </p><p>ITALIANO E FRANCESE </p><p>CAPITOLO PRIMO </p><p>LEVOLUZIONE NORMATIVA DEL DIRITTO PENALE SESSUALE </p><p>pag. 1 1. Le origini della codificazione in materia di reati a sfondo sessuale. </p><p>pag. 7 2. Le nuove prospettive di riforma. </p><p>pag. 20 3. Lelaborazione delle norme attualmente in vigore. </p><p>CAPITOLO SECONDO </p><p>LA VIOLENZA SESSUALE, LO STUPRO E LE ALTRE </p><p>AGGRESSIONI SESSUALI </p><p>pag. 30 1. Le fattispecie incriminatrici: la definizione, il bene giuridico tutelato </p><p> e loggetto dellazione. </p><p>pag. 38 2. Lelemento oggettivo del reato: la condotta materiale e le modalit </p><p> commissive. </p><p>pag. 47 3. Lelemento soggettivo del reato: il dolo generico. </p><p>pag. 49 4. Le circostanze del reato. </p><p>pag. 53 5. Brevi considerazioni sul delitto di molestia sessuale previsto dal </p><p> diritto penale francese. </p></li><li><p>CAPITOLO TERZO </p><p>GLI ATTI SESSUALI CON MINORENNE E GLI ABUSI SESSUALI </p><p>SENZA VIOLENZA SU MINORE </p><p>pag. 57 1. Le fattispecie incriminatrici: la definizione, il bene giuridico tutelato </p><p> e loggetto dellazione. </p><p>pag. 63 2. Lelemento oggettivo del reato: la condotta materiale e le modalit </p><p> commissive. </p><p>pag. 67 3. Il consenso della persona offesa come elemento costitutivo del reato. </p><p>pag. 68 4. Lelemento soggettivo del reato: il dolo generico. </p><p>pag. 69 5. La non punibilit prevista dal diritto penale italiano. </p><p>pag. 71 6. Le circostanze del reato. </p><p>pag. 74 7. Brevi considerazioni sul delitto di incesto previsto dal diritto </p><p> penale italiano e francese. </p><p>CAPITOLO QUARTO </p><p>LA CORRUZIONE DI MINORENNE, LESIBIZIONE SESSUALE E </p><p>LINCITAMENTO DEI MINORI ALLA CORRUZIONE </p><p>pag. 78 1. Le fattispecie incriminatrici: la definizione, il bene giuridico tutelato </p><p> e loggetto dellazione. </p><p>pag. 84 2. Lelemento oggettivo del reato: la condotta materiale e le modalit </p><p> commissive. </p><p>pag. 87 3. Lelemento soggettivo del reato: il dolo generico e quello specifico. </p><p>CAPITOLO QUINTO </p><p>LA VIOLENZA SESSUALE DI GRUPPO, IL CONCORSO E </p><p>LA PARTECIPAZIONE DI PERSONE NEL REATO </p><p>pag. 89 1. Le fattispecie incriminatrici: la definizione, il bene giuridico </p><p> tutelato e loggetto dellazione. </p></li><li><p>pag. 91 2. Lelemento oggettivo del reato: la condotta materiale e le modalit </p><p> commissive. </p><p>pag. 94 3. Lelemento soggettivo del reato: il dolo generico. </p><p>pag. 94 4. Brevi considerazioni sulla disciplina circostanziale del delitto </p><p> di violenza sessuale di gruppo previsto dal diritto penale italiano. </p><p>CAPITOLO SESTO </p><p>LA PROSTITUZIONE MINORILE, LE INIZIATIVE TURISTICHE VOLTE </p><p>ALLO SFRUTTAMENTO DELLA PROSTITUZIONE MINORILE, </p><p>IL PROSSENETISMO, I REATI CHE NE DERIVANO E LE ATTIVIT DI </p><p>RECLUTAMENTO PUBBLICO </p><p>pag. 98 1. Le fattispecie incriminatrici: la definizione, il bene giuridico </p><p> tutelato e loggetto dellazione. </p><p>pag. 108 2. Lelemento oggettivo del reato: la condotta materiale e le modalit </p><p> commissive. </p><p>pag. 117 3. Lelemento soggettivo del reato: il dolo generico. </p><p>pag. 119 4. Le circostanze del reato. </p><p>CAPITOLO SETTIMO </p><p>LA PORNOGRAFIA MINORILE, LA DETENZIONE DI MATERIALE </p><p>PORNOGRAFICO, LA PORNOGRAFIA VIRTUALE, </p><p>LO SFRUTTAMENTO DELLIMMAGINE DI UN MINORE, </p><p>I REATI CHE NE DERIVANO E LA DIFFUSIONE AI MINORI </p><p>DI UN MESSAGGIO VIOLENTO E PORNOGRAFICO </p><p>pag. 123 1. Le fattispecie incriminatrici: la definizione, il bene giuridico </p><p> tutelato e loggetto dellazione. </p><p>pag. 131 2. Lelemento oggettivo del reato: la condotta materiale e le modalit </p><p> commissive. </p><p>pag. 139 3. Lelemento soggettivo del reato: il dolo generico. </p></li><li><p>CAPITOLO OTTAVO </p><p>LA NATURA GIURIDICA DELLE FATTISPECIE </p><p>INCRIMINATRICI IN MATERIA DI REATI SESSUALI E </p><p>DI SFRUTTAMENTO DELLA PROSTITUZIONE E </p><p>DELLA PORNOGRAFIA MINORILE </p><p>pag. 142 1. Il bene giuridico posto a fondamento delle disposizioni </p><p> normative di diritto penale sessuale. </p><p>pag. 148 2. La tutela della riservatezza delle persone offese dai reati </p><p> a sfondo sessuale. </p><p>pag. 152 3. Brevi considerazioni sulla nuova riforma della legislazione </p><p> penale italiana. </p><p>pag. 158 Bibliografia. </p></li><li><p>CAPITOLO PRIMO </p><p>LEVOLUZIONE NORMATIVA DEL DIRITTO PENALE SESSUALE </p><p>SOMMARIO: 1. Le origini della codificazione in materia di reati a sfondo sessuale. - 2. Le nuove </p><p>prospettive di riforma. - 3. Lelaborazione delle norme attualmente in vigore. </p><p>1. Le origini della codificazione in materia di reati a sfondo sessuale. </p><p>Le disposizioni normative, in materia di delitti sessuali meritano di essere </p><p>analizzate con attenzione poich hanno subito una significativa evoluzione. </p><p>Il codice penale del 1889, entrato in vigore il 1 gennaio del 1890, viene </p><p>attualmente considerato come un codice di impronta liberale, attento a rispettare i </p><p>fondamentali principi di garanzia elaborati dal pensiero illuministico del Settecento. </p><p>Lunificazione della legislazione penale italiana stata considerata come il </p><p>principale risultato ottenuto dal processo di codificazione, intrapreso nel corso del </p><p>Risorgimento. Lattenzione rivolta al dibattito politico-criminale dellepoca ha determinato </p><p>scelte davvero innovative. Tuttavia, nonostante una certa modernit e lequilibrio </p><p>complessivo dato dallinsieme delle disposizioni normative, le attivit di codificazione </p><p>sono state eseguite dal legislatore del 1889 con lo sguardo rivolto al passato e con il solo </p><p>obiettivo di superare i difetti e le mancanze delle precedenti legislazioni penali. Del resto, </p><p>con il codice Zanardelli non stato possibile soddisfare quelle istanze di riforma proposte </p><p>dalla scuola positiva. </p><p>Uno studio approfondito, delle norme codificate nel 1889, ci permette di </p><p>evidenziare divergenze profonde tra le condotte illecite e soprattutto tra i beni giuridici </p><p>offesi, anche in considerazione del fatto che, secondo la cultura di fine Ottocento, </p><p>reprimere le offese contro la morale pubblica costituiva lunica priorit. In tal senso, le </p><p>ragioni della tutela penale venivano individuate nella necessit di proteggere linteresse </p><p>pubblico o sociale piuttosto che i diritti fondamentali della persona offesa dal reato. </p><p>La normativa dei reati sessuali stata collocata nel Titolo VIII (Dei delitti contro </p><p>il buon costume e lordine delle famiglie) del Libro II del codice Zanardelli. </p><p>Le figure di reato descritte da queste disposizioni risultano profondamente diverse, </p><p>le une dalle altre, per struttura e specifica oggettivit giuridica: accanto ai delitti di </p><p>violenza carnale e di atti di libidine violenti emergono, infatti, i reati di supposizione e </p></li><li><p>soppressione di stato. Date queste premesse, differenze notevoli si possono riscontrare a </p><p>proposito della valutazione delle condotte costitutive, delloggetto materiale del reato e del </p><p>bene giuridico protetto. </p><p>La struttura adottata dal legislatore del 1889 e la particolare collocazione delle </p><p>fattispecie incriminatrici a sfondo sessuale non ci permettono di riconoscere nel motivo </p><p>sessuale il denominatore comune alle condotte illecite raccolte nel titolo in esame. In tal </p><p>senso, la classificazione inserita nella parte speciale del codice Zanardelli stata effettuata </p><p>in funzione del solo interesse leso dal reato, pertanto, non stata attribuita alcuna rilevanza </p><p>ai diritti della persona offesa. </p><p>In conformit alla cultura dellepoca, comportamenti illeciti, che oggi vengono </p><p>considerati come opposti a causa dei diritti individuali e personali offesi, potevano </p><p>appartenere ad una sola categoria in quanto lesivi di un interesse pubblico o sociale. A </p><p>questo proposito, poich i beni di categoria individuati dal legislatore rappresentano dei </p><p>valori che difficilmente possono essere inquadrati con precisione, risulta opportuno </p><p>esaminare le definizioni contenute nella Relazione ministeriale al progetto del 1887. </p><p>In questo documento ufficiale, Manzini, autorevole giurista e studioso del codice </p><p>Zanardelli, definisce il buon costume e lordine delle famiglie come beni giuridici </p><p>essenziali della civile societ, i quali si integrano reciprocamente e perci si trovano </p><p>accoppiati anche in relazione alla tutela che ad essi appresta la legge penale. In </p><p>particolare, il buon costume rappresenta lordine etico-giuridico costituito dallosservanza </p><p>di quei limiti che sono ritenuti necessari per la sicurezza, la libert e per la moralit dei </p><p>rapporti sessuali; mentre, lordine delle famiglie corrisponde allistituto giuridico </p><p>famigliare regolato dallo Stato nel pubblico interesse considerato nel complesso di quelle </p><p>norme che tendono ad assicurare la moralit sessuale nelle famiglie, in rapporto ad esse e </p><p>che impongono losservanza delle leggi giuridico-naturali delle generazioni. In </p><p>conclusione e secondo lopinione dellautore, poich nei delitti contenuti nel Titolo VIII </p><p>prevale sia il profilo del buon costume sia quello dellordine delle famiglie, la legge li ha </p><p>collocati insieme appunto per linscindibilit degli effetti.1 </p><p>La normativa in tema di delitti sessuali codificata nel 1889 caratterizzata </p><p>dallassenza di qualsiasi dimensione individuale o personale. Per questa ragione, a causa </p><p>del mancato riferimento alla libert sessuale, loggetto generico della tutela penale viene </p><p>individuato nellinteresse sociale di assicurare il bene giuridico dellinviolabilit carnale </p><p> 1 MANZINI, Trattato di diritto penale italiano, vol. VI, Torino, 1915, p. 529. </p></li><li><p>della persona2, quindi, negli stessi termini, loggetto specifico della tutela penale viene </p><p>presentato quale interesse, pubblico o sociale, di assicurare il bene giuridico individuale </p><p>dellinviolabilit carnale della persona3. In tal senso, la tutela penale viene garantita tramite </p><p>il riconoscimento di un interesse, sociale o pubblico, alla protezione di quel bene giuridico </p><p>che il legislatore ha individuato nellinviolabilit carnale della persona umana alla quale </p><p>appartiene la titolarit dello stesso. Limpostazione adottata nel codice Zanardelli non tiene </p><p>conto del soggetto attivo del reato e delle esigenze di prevenzione dovute alla sua </p><p>personalit. </p><p>Nella Relazione della Commissione speciale, presentata dai senatori del Regno, il </p><p>relatore dichiara quanto segue: i delitti [di stupro] che si vorrebbero prevedere in due </p><p>ipotesi distinte sono costituiti da elementi obiettivi identici4. </p><p>Rispettando tale affermazione, nel codice Zanardelli vengono descritte le diverse </p><p>fattispecie della violenza carnale (articolo 331 c.p.) e degli atti di libidine violenti (articolo </p><p>333 c.p.). Del delitto di violenza carnale responsabile chiunque, con violenza o </p><p>minaccia, costringe una persona delluno o dellaltro sesso a congiunzione carnale; </p><p>mentre, del delitto di atti di libidine violenti responsabile chiunque, con violenza o </p><p>minaccia, compie su una persona, delluno o dellaltro sesso, atti di libidine non diretti a </p><p>commettere il delitto di violenza carnale. </p><p>Secondo le disposizioni normative contenute nel codice penale del 1889, sono </p><p>previsti casi in cui la congiunzione carnale e gli atti di libidine violenti vengono puniti </p><p>indipendentemente dalluso della violenza o della minaccia. Queste particolari ipotesi di </p><p>reato vengo...</p></li></ul>

Recommended

View more >