FACOLTÁ DI INGEGNERIA - Università degli Studi di Roma ... ?· Sicurezza degli Impianti Elettrici…

  • Published on
    15-Feb-2019

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Transcript

<p>UNIVERSIT DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA</p> <p>FACOLT DI INGEGNERIA</p> <p>Sicurezza degli Impianti Elettrici Sicurezza degli Impianti Elettrici Sicurezza degli Impianti Elettrici Sicurezza degli Impianti Elettrici Sicurezza degli Impianti Elettrici Sicurezza degli Impianti Elettrici Sicurezza degli Impianti Elettrici Sicurezza degli Impianti Elettrici </p> <p>Prof. Dott. Ing. Roberto Mugaverotel/fax 06-72597320 </p> <p>e-mail mugavero@ing.uniroma2.it</p> <p>Definizione di Impianto ElettricoDefinizione di Impianto ElettricoDefinizione di Impianto ElettricoDefinizione di Impianto Elettrico</p> <p>Un Impianto elettrico definito come linsieme delle costruzioni e delle installazioni destinate ad una o pi </p> <p>delle seguenti funzioni:produzioneconversione</p> <p>trasformazionetrasformazioneregolazione </p> <p>smistamentotrasporto</p> <p>distribuzione ed utilizzazione </p> <p>Rischio ElettricoRischio ElettricoRischio ElettricoRischio Elettrico</p> <p>La molteplicit delle apparecchiature e condizioni di impiego possono essere origine di diversi fattori di </p> <p>rischio elettrico tra cui:</p> <p>passaggio di corrente elettrica pericolosa per il corpo passaggio di corrente elettrica pericolosa per il corpo umano (ELETTROCUZIONE);</p> <p>elevate temperature o archi elettrici che possono provocare incendi o ustioni.</p> <p>Rischio ElettricoRischio ElettricoRischio ElettricoRischio Elettrico</p> <p>Per garantire luso sicuro delle apparecchiature elettriche e degli impianti necessaria la presenza di </p> <p>sistemi e dispositivi di protezione contro:</p> <p>contatti diretti;contatti diretti;</p> <p>contatti indiretti;</p> <p>effetti termici;</p> <p>sovracorrenti e sovratensioni.</p> <p>Teoria e componenti di un Impianto Teoria e componenti di un Impianto Teoria e componenti di un Impianto Teoria e componenti di un Impianto ElettricoElettricoElettricoElettrico</p> <p>TENSIONE CORRENTE, CIRCUITI ELETTRICI</p> <p>La circolazione di corrente elettrica avviene collegando due punti a differente potenziale elettrico (TENSIONE). Il collegamento dei due punti crea un circuito elettrico </p> <p>chiuso.chiuso.Il circuito elettrico composto da cavi di differente </p> <p>resistenza elettrica. La quantit di corrente trasportata sar tanto maggiore quanto minore sar la resistenza del circuito elettrico.A parit di differenza di potenziale si avranno correnti </p> <p>diverse in circuiti differenti.</p> <p>LEGGE di OHM : V = R x i</p> <p>Classificazione dei Sistemi ElettriciClassificazione dei Sistemi ElettriciClassificazione dei Sistemi ElettriciClassificazione dei Sistemi Elettrici</p> <p>Si definisce Sistema Elettrico la parte di un impianto elettrico costituita dallinsieme delle apparecchiature, </p> <p>delle macchine, delle sbarre e delle linee aventi una determinata tensione nominale.</p> <p>In base al valore di questultima i sistemi elettrici sono classificati in sistemi di:</p> <p> CATEGORIA 0: tensione nominaledi 50 V c.a75 Vc.c; CATEGORIA 0: tensione nominaledi 50 V c.a75 Vc.c;</p> <p> CATEGORIA 1: tensione nominale da 51 V a 1000 V c.a. e da 76 a 1500 c.c;</p> <p> CATEGORIA 2: tensione nominale da 1001 V a 30 kV c.a e da 1501 V a 30 kV c.c;</p> <p> CATEGORIA 3: tensione nominale &gt;di 30 kV sia in c.a che c.c.</p> <p>Componenti di un Impianto Elettrico</p> <p>Un impianto elettrico costituito dai seguenti componenti principali:</p> <p>Quadro elettrico</p> <p>Tubi e caviTubi e cavi</p> <p>Prese a spina</p> <p>Apparecchi di manovra e comando</p> <p>Lampade</p> <p>Sistemi e Apparecchi di Protezione</p> <p>Il Quadro elettricoIl Quadro elettricoIl Quadro elettricoIl Quadro elettrico</p> <p>In ogni impianto elettrico, a valle del contatore, si trova un quadro di distribuzione costituito da materiale </p> <p>plastico autoestinguente a doppio isolamento, nel caso di piccole dimensioni, e da materiale metallico negli altri </p> <p>casi.</p> <p>Nel quadro elettrico vi sono degli interruttori che hanno principalmente due funzioni:</p> <p>protezione;</p> <p>sezionamento.</p> <p>Tubi e Cavi Tubi e Cavi Tubi e Cavi Tubi e Cavi </p> <p>I tubi servono per proteggere meccanicamente i cavi elettrici e possono essere posati a vista, sotto intonaco o </p> <p>sotto pavimento.Possono essere di tipo flessibile in Polivinile, di tipo </p> <p>rigido in PVC, o in acciaio zincato.I cavi servono per raggiungere con la corrente elettrica i </p> <p>vari punti dellimpianto.Nei cavi si possono distinguere i seguenti componenti:</p> <p>vari punti dellimpianto.Nei cavi si possono distinguere i seguenti componenti:</p> <p>Conduttore (la parte metallica percorsa da corrente);</p> <p>Isolante (parte che circonda il conduttore in PVC o gomma);</p> <p>Anima (insieme di conduttore e isolante);</p> <p>Guaina (rivestimento protettivo esterno).</p> <p>Tubi e CaviTubi e CaviTubi e CaviTubi e Cavi</p> <p>I cavi sono contraddistinti da un idoneo colore:</p> <p>GIALLO-VERDE per la terra</p> <p>BLU CHIARO per il neutro</p> <p>DIVERSI COLORI per la faseDIVERSI COLORI per la fase</p> <p>I cavi possono essere classificati in funzione del comportamento nei confronti del fuoco:</p> <p>non propaganti fiamma;non propaganti lincendio;</p> <p>non propaganti lincendio e a ridotta emissione di fumo e gas tossici,</p> <p>resistenti al fuoco e per ambienti ad elevate temperature.</p> <p>Tubi e CaviTubi e CaviTubi e CaviTubi e Cavi</p> <p>I cavi sono contraddistinti da una tensione di isolamento indicata da due parametri:</p> <p>Uo= indica la tensione massima che lisolamento del Uo= indica la tensione massima che lisolamento del cavo pu sopportare verso terra</p> <p>U = indica la tensione massima che lisolamento pu sopportare rispetto ad un cavo a stretto contatto</p> <p>Prese Prese Prese Prese ---- Spine Spine Spine Spine </p> <p>Sul mercato sono presenti differenti tipologie di prese a spina, in funzione della massima intensit di corrente da </p> <p>cui una presa pu essere attraversata, cui equivale una certa potenza massima che pu sopportare.certa potenza massima che pu sopportare.</p> <p>Per evitare contatti accidentali con le parti in tensione sono da preferire prese con alveoli protetti, che si </p> <p>aprono solo inserendo la giusta spina.</p> <p>Tipologie di PreseTipologie di PreseTipologie di PreseTipologie di Prese</p> <p>Tipologie di SpineTipologie di SpineTipologie di SpineTipologie di Spine</p> <p>Apparecchi di ComandoApparecchi di ComandoApparecchi di ComandoApparecchi di Comando</p> <p>Gli apparecchi di comando sono quegli organi di un circuito elettrico che consentono di aprire o chiudere un </p> <p>circuito o di isolare parte dello stesso.</p> <p>Tali apparecchi si dividono essenzialmente in:</p> <p>interruttori = servono per stabilire o interrompere la corrente di esercizio in qualunque condizione di carico o </p> <p>di eventuale sovraccarico.</p> <p>sezionatori = devono essere manovrati a vuoto e servono per avere un ampia interruzione della continuit dei conduttori e vengono impiegati </p> <p>generalmente in sistemi elettrici di seconda e terza categoria.</p> <p>Lampade Lampade Lampade Lampade </p> <p>In una buona illuminazione devono essere presenti tutte le lunghezze donda visibili.</p> <p>Per le lampade esiste lINDICE di RESA CROMATICA Per le lampade esiste lINDICE di RESA CROMATICA (IRC) che indica la bont dellilluminazione e ha un </p> <p>valore massimo di 100.</p> <p>Per le sorgenti luminose si prende in considerazione anche la temperatura di colore misurata in gradi Kelvin.</p> <p>Tipi di LampadeTipi di LampadeTipi di LampadeTipi di Lampade</p> <p>Sistemi e Apparecchi di ProtezioneSistemi e Apparecchi di ProtezioneSistemi e Apparecchi di ProtezioneSistemi e Apparecchi di Protezione</p> <p>Servono per limitare gli effetti dannosi </p> <p>per lintegrit del sistema; </p> <p>per la sicurezza delle personein caso di eventuali anomalie dellimpianto elettrico.</p> <p>Tipologie di Rischi ElettriciTipologie di Rischi ElettriciTipologie di Rischi ElettriciTipologie di Rischi Elettrici</p> <p>I principali rischi connessi allutilizzo di corrente elettrica sono essenzialmente:</p> <p>lelettrocuzione (scossa): consiste nellattraversamento del corpo umano da parte della corrente elettrica. </p> <p>Affinch si possa verificare tale passaggio la corrente del corpo umano da parte della corrente elettrica. </p> <p>Affinch si possa verificare tale passaggio la corrente deve avere un punto di entrata e un punto di uscita;</p> <p>incendio a seguito di corto circuito: dovuto ad unanomalia dellimpianto elettrico (corto circuito, arco </p> <p>elettrico, sovraccarico).</p> <p>LElettrocuzioneLElettrocuzioneLElettrocuzioneLElettrocuzione</p> <p>Pu avvenire per:</p> <p>contatto diretto: contatto con una parte normalmente in tensione dellimpianto elettrico, o contatto con entrambe </p> <p>le mani dei due poli della corrente;</p> <p>contatto indiretto: avviene quando si entra in contatto con parti metalliche normalmente non in tensione ma </p> <p>che si trovano in questo stato a causa di un guasto.</p> <p>LElettrocuzioneLElettrocuzioneLElettrocuzioneLElettrocuzione</p> <p>arco elettrico: si evidenzia in caso di guasto o di manovre su apparecchiature elettriche e si manifesta </p> <p>come una sorgente intensa e concentrata di calore con come una sorgente intensa e concentrata di calore con emissione di gas e vapori tossici, particelle incandescenti </p> <p>e radiazioni.</p> <p>Effetti sul Corpo Umano Provocati dalla Effetti sul Corpo Umano Provocati dalla Effetti sul Corpo Umano Provocati dalla Effetti sul Corpo Umano Provocati dalla Corrente ElettricaCorrente ElettricaCorrente ElettricaCorrente Elettrica</p> <p>Gli effetti provocati dal passaggio della corrente elettrica sul corpo umano sono:</p> <p>Tetanizzazione;Tetanizzazione;</p> <p>Arresto della Respirazione;</p> <p>Fibrillazione Ventricolare;</p> <p>Ustioni.</p> <p>Effetti sul Corpo Umano Provocati dalla Effetti sul Corpo Umano Provocati dalla Effetti sul Corpo Umano Provocati dalla Effetti sul Corpo Umano Provocati dalla Corrente ElettricaCorrente ElettricaCorrente ElettricaCorrente Elettrica</p> <p>La gravit degli effetti funzione dei seguenti parametri:</p> <p>lintensit della corrente,</p> <p>la durata del contatto;la durata del contatto;</p> <p>la frequenza della corrente,</p> <p>il percorso della corrente nel corpo umano.</p> <p>Per una tensione applicata lintensit di corrente dipende dalla resistenza di contatto e dal percorso.</p> <p>TetanizzazioneTetanizzazioneTetanizzazioneTetanizzazione</p> <p>La corrente elettrica attraversante il corpo umano, con determinati livelli dintensit, provoca indesiderate ed </p> <p>incontrollabili contrazioni muscolari.</p> <p>Ad esempio: il contatto di un elemento in tensione con il palmo della mano ne determina la chiusura e quindi </p> <p>limpossibilit di eliminare il contatto.</p> <p>Arresto della RespirazioneArresto della RespirazioneArresto della RespirazioneArresto della Respirazione</p> <p>Per la stessa ragione che determina la tetanizzazione dei muscoli, la corrente elettrica impedisce la respirazione </p> <p>non consentendo ai muscoli intercostali ed al diaframma di espandere la cassa toracica.</p> <p>non consentendo ai muscoli intercostali ed al diaframma di espandere la cassa toracica.</p> <p>Il soggetto colpito muore per asfissia se non si elimina la causa della contrazione e non si pratica la respirazione </p> <p>assistita.</p> <p>Fibrillazione VentricolareFibrillazione VentricolareFibrillazione VentricolareFibrillazione Ventricolare</p> <p>Anche il cuore, il cui funzionamento comandato da impulsi elettrici, subisce, al passaggio di corrente </p> <p>elettrica, variazioni rispetto al normale funzionamento. Tale alterazione causa la mancata ossigenazione di </p> <p>tessuti ed in particolare del cervello il quale non pu Tale alterazione causa la mancata ossigenazione di </p> <p>tessuti ed in particolare del cervello il quale non pu resistere pi di 3 -4 minuti senza ossigeno, senza subire </p> <p>danni permanenti.</p> <p>Anche in questo caso linfortunato necessita di un tempestivo massaggio cardiaco</p> <p>UstioniUstioniUstioniUstioni</p> <p>Le ustioni sono determinate dallo sviluppo di calore per effetto Joule durante lattraversamento della corrente </p> <p>elettrica, pertanto sono tanto maggiori quanto maggiore la resistenza del corpo.</p> <p>Generalmente, le ustioni sono localizzate nei punti di ingresso ed uscita, poich la pelle offre maggiore </p> <p>resistenza.</p> <p>La gravit delle ustioni sono funzione dellintensit di corrente e della durata del fenomeno.</p> <p>Principali Controlli a Vista di un ImpiantoPrincipali Controlli a Vista di un ImpiantoPrincipali Controlli a Vista di un ImpiantoPrincipali Controlli a Vista di un Impianto</p> <p>I principali controlli da effettuare a vista su un impianto elettrico sono:</p> <p>Accertamento dellesecuzione completa e funzionante di tutti gli impianti al progetto;tutti gli impianti al progetto;</p> <p>Controllo dello stato degli isolanti e degli involucri;</p> <p>Controllo dellefficienza delle barriere di protezione nei luoghi il cui accesso riservato a personale addestrato;</p> <p>Principali Controlli a Vista di un ImpiantoPrincipali Controlli a Vista di un ImpiantoPrincipali Controlli a Vista di un ImpiantoPrincipali Controlli a Vista di un Impianto</p> <p>Accertamento della qualit dei materiali e degli apparecchi,</p> <p>Verifica dei contrassegni di identificazione dei marchi e delle certificazioni;</p> <p>Verifica dei gradi di protezione degli involucri;</p> <p>Controllo dellintegrit dellimpianto di messa a terra;</p> <p>Controllo dei provvedimenti di sicurezza nei bagni,</p> <p>Verifica dei tracciati per le condutture incassate;</p> <p>Principali Controlli a Vista di un ImpiantoPrincipali Controlli a Vista di un ImpiantoPrincipali Controlli a Vista di un ImpiantoPrincipali Controlli a Vista di un Impianto</p> <p>Idoneit delle connessioni dei conduttori e degli apparecchi,</p> <p>Controllo delle sezioni minime e dei colori distintivi dei conduttori;conduttori;</p> <p>Verifica degli apparecchi per il comando e larresto di emergenza.</p> <p>La Segnaletica di SicurezzaLa Segnaletica di SicurezzaLa Segnaletica di SicurezzaLa Segnaletica di Sicurezza</p> <p>La Segnaletica di Sicurezza non sostituisce in nessun caso le misure di protezione e prevenzione.</p> <p>Occorre fare ricorso alla segnaletica di sicurezza allo scopo di:scopo di:</p> <p>Limitare i pericoli per le persone esposte (cartelli di avvertimento simboli indicazioni di pericolo);</p> <p>Vietare comportamenti pericolosi (cartelli di divieto);</p> <p>La Segnaletica di SicurezzaLa Segnaletica di SicurezzaLa Segnaletica di SicurezzaLa Segnaletica di Sicurezza</p> <p>Prescrivere comportamenti necessari (cartelli di prescrizione);</p> <p>Fornire indicazioni di soccorso, di salvataggio e di prevenzione (cartelli di salvataggio, di prevenzione </p> <p>incendi e di primo soccorso).incendi e di primo soccorso).</p> <p>Secondo lAll. 1 del D lgs n. 493/96 necessario utilizzare i colori di sicurezza e di contrasto della seguente tabella:</p> <p>La Segnaletica di SicurezzaLa Segnaletica di SicurezzaLa Segnaletica di SicurezzaLa Segnaletica di Sicurezza</p> <p>La Segnaletica di SicurezzaLa Segnaletica di SicurezzaLa Segnaletica di SicurezzaLa Segnaletica di Sicurezza</p> <p>NellAll. 2 del D lgs n. 493/96 sono indicati i cartelli da utilizzare.</p> <p>I segnali devono rispettare determinate dimensioni secondo la formula seguente:</p> <p>A L/2000</p> <p>Dove: A = Superficie del segnale espressa in m2;</p> <p>L = Distanza in metri a cui il segnale deve esserericonoscibile.</p> <p>Ciclo di VitaCiclo di VitaCiclo di VitaCiclo di Vitadi un Dispositivo o di un Impiantodi un Dispositivo o di un Impiantodi un Dispositivo o di un...</p>

Recommended

View more >