Friuli Innovazione - Techno Seed

  • Published on
    22-Feb-2016

  • View
    215

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Percorsi di progetti innovativi diventati impresa

Transcript

  • 22

  • 1Questa pubblicazione realizzata nellambito del progetto di incubazione di impresa Techno Seed, finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della legge 388/2000, bando 2 maggio 2001.

    Il progetto, di durata quinquennale, stato promosso e gestito da Friuli Innovazione Centro di ricerca e di trasferimento tecnologico, dallUniversit degli Studi di Udine e dallIres FVG.

  • 22

  • 3Techno Seed a supporto dellimprenditorialit

    A quali condizioni una brillante intuizione o una scoperta scientifica possono diventare unimpresa in grado di creare valore per linventore e, pi in generale, per la societ?Gli avanzamenti della frontiera delle conoscenze realizzati attraverso progetti di ricerca di base e applicata dischiudono continuamente opportunit imprenditoriali che solo individui particolarmente attenti e dotati di spirito imprenditoriale sanno cogliere e trasformare in nuovi prodotti e tecnologie. Lo sviluppo di unimpresa da unidea imprenditoriale un percorso a ostacoli, nel quale il rischio che liniziativa venga abbandonata ancor prima di vedere la luce elevatissimo: lo sfaldamento del team imprenditoriale, limpossibilit di venire a contatto con finanziatori disposti a scommettere su idee innovative, lincapacit di definire una value proposition capace di

    soddisfare i bisogni del mercato potenziale sono tra i pi tipici fattori di insuccesso dei progetti di impresa.Soprattutto nei settori ad alta tecnologia, dove le insidie di fallimento sono amplificate, le start up destinate al successo sono quelle che sanno sviluppare, coniugando ambizione e umilt, una chiara visione strategica capace di sostenere il processo di crescita duratura dellimpresa.Il contributo degli incubatori dimprese proprio quello di irrobustire i team imprenditoriali con risorse e competenze complementari a quelle tecnologiche cos da sostenerli nelle fasi di pre-startup, quando sono pi vulnerabili, di accelerarne la crescita nelle prime fasi di vita quando la priorit affermarsi rapidamente sul mercato e accrescerne le probabilit di sopravvivenza e sviluppo nel medio termine.Techno Seed pu essere considerato a buon riguardo una best practice a livello nazionale e non solo di infrastruttura di supporto allinnovazione e allimprenditorialit. Lincubatore del Parco Scientifico e Tecnologico di Udine si distinto per la capacit di centrare con rapidit lobiettivo della generazione di nuove imprese hi-tech: con un anno di anticipo rispetto alla tabella di marcia, quindici idee imprenditoriali si sono trasformate da progetto su carta in imprese regolarmente costituite e operanti.Ma quali sono le determinanti del successo del modello Techno Seed? In estrema sintesi, il fattore chiave sembra essere la capacit di creare capitale relazionale.

    Una capacit che si traduce in primo luogo nel modello di governance, che vede il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico convergere con quello di attori del territorio, quali Friuli Innovazione, Universit di Udine e Ires FVG che hanno promosso il progetto. Il capitale relazionale ha permesso ai team incubati di accedere ai servizi in ambito tecnologico, manageriale e imprenditoriale offerti da una rete di professionisti selezionati; ma soprattutto, grazie al contributo di Friulia, Mediocredito FVG e di tutto il sistema creditizio regionale, alle start up viene finalmente reso possibile laccesso al capitale di debito e di rischio. A questo proposito, va ricordato quello che uno dei fiori allocchiello di Techno Seed: il Fondo speciale per start up innovative che, unico in Italia, in tre anni render disponibili alle imprese incubate 1.100.000 Euro.La sfida che ora attende Techno Seed quella delluscita dalla fase di start up per consolidarsi come istituzione del sistema regionale dellinnovazione collocata nella delicata fase della filiera della conoscenza che chiude il cerchio della valorizzazione della ricerca scientifica, portando le imprese nate dalla ricerca sul mercato.

    Cristiana Compagno Magnifico Rettore dellUniversit degli Studi di Udine e professore ordinario di Strategie di Impresa. E stata Direttore Scientifico di Start Cup Udine e di Techno Seed.

  • 44

  • 5I l p r o ge t t o

  • 6Il quadro di riferimentoTechno Seed uno degli 11 progetti di incubazione - unico nel Nord Est - finanziati a livello nazionale dal Ministero dello Sviluppo Economico nellambito del primo bando della legge 388/2000. Lobiettivo di tale bando stato quello di promuovere ed attivare percorsi di formazione imprenditoriale nel campo dellICT (Information & Communication Technology), finalizzati alla creazione, a livello regionale, di nuove iniziative imprenditoriali ad alto contenuto tecnologico. Il progetto Techno Seed, formulato e presentato in conformit alle indicazioni del bando 2 maggio 2001, stato approvato nel marzo 2003 e ha preso ufficialmente avvio un anno dopo.Il documento progettuale sottolineava lesigenza di intervenire su una criticit peculiare delleconomia regionale allinizio degli anni 2000: la difficolt, rispetto al dato medio nazionale e allarea del Nord Est, nel creare nuove imprese e imprenditori. A tale criticit se ne associava una seconda: il ritardo della Regione Friuli Venezia Giulia relativamente alla dinamica di sviluppo aziendale nei settori dellinformatica e delle telecomunicazioni.Il progetto nasce quindi con lobiettivo di creare nuove imprese nel settore di riferimento, stimolare la diffusione di una cultura imprenditoriale e rafforzare il rapporto dialettico tra lUniversit e il sistema economico regionale, sia attraverso lapporto di capitali e relazioni con il mercato da parte delluniverso produttivo, sia mediante una maggiore finalizzazione dellattivit di ricerca accademica alla dimensione operativa e applicativa.

    I partnerIl partenariato stato composto in modo da poter contenere al suo interno le competenze e le strutture logistiche necessarie per la realizzazione delle azioni previste dallintervento.

    Friuli Innovazione, Centro di Ricerca e di Trasferimento TecnologicoFriuli Innovazione nasce nel 1999 per favorire la collaborazione tra lUniversit di Udine e il sistema economico friulano attraverso lo scambio di conoscenze tra ricercatori e imprese e lutilizzo industriale dei risultati scientifici e tecnologici sviluppati allinterno dellAteneo.Nel 2004 la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia affida a Friuli Innovazione lavvio e la gestione del Parco Scientifico e Tecnologico Luigi Danieli di Udine, lo spazio ideale dove trasformare idee in progetti, ricerca in prodotti. Friuli Innovazione offre servizi integrati e personalizzati per le imprese, la ricerca, le nuove idee di business, funzionali alla messa a punto di strategie, processi, tecnologie e risorse umane, per supportare e sviluppare linnovazione in ogni sua fase. In particolare:

    promuove la collaborazione tra Impresa e Sistema della Ricerca Scientifica e Tecnologica rilevando le esigenze, ricercando e individuando le competenze tecnico scientifiche pi idonee, attivando collaborazioni e fornendo supporto nella gestione di progetti di sviluppo;

    supporta le imprese e i ricercatori nelle attivit di individuazione degli strumenti di finanziamento pi adatti, nella ricerca di partner, nella verifica dei criteri di eleggibilit su programmi europei di ricerca

  • 7e sviluppo tecnologico, fondi strutturali europei, fondi nazionali, regionali e provinciali;

    assiste potenziali imprenditori nella creazione di imprese hi-tech e supporta la crescita e lo sviluppo di quelle gi costituite;

    supporta le imprese insediate con lofferta di spazi attrezzati.

    Universit degli Studi di Udine Nata nel 1978, lUniversit di Udine si rapidamente affermata tra le sedi accademiche di recente istituzione pi innovative e complete, sia a livello nazionale che internazionale.Oltre a impegnarsi nella formazione superiore e nello sviluppo delle conoscenze scientifiche, compiti riconosciuti delle universit, lAteneo udinese si posto al servizio della societ e del mondo produttivo ed economico, puntando in particolare sul trasferimento di tecnologie e conoscenze innovative.Udine sede storica, in Italia, di corsi come Conservazione dei beni culturali, Ingegneria gestionale, Tecnologie alimentari ed Economia bancaria, ed stata fra le prime universit del Nord Italia ad attivare un polo informatico.La sua ampia offerta didattica si distingue oggi per la presenza di corsi legati allo sviluppo della societ e delle nuove professioni.Dal 2004 lUniversit di Udine ha attivato la sua Scuola Superiore, istituto per leccellenza, cui accedono per concorso i migliori studenti, fin dal primo anno di universit.Limpegno nel campo della ricerca, di base e applicata, testimoniato da diverse strutture ad alta specializzazione come lAzienda agraria universitaria, lAzienda ospedaliero-universitaria, i consorzi Friuli

    Formazione, Cirmont e Friuli Innovazione.Oltre alla sede centrale di Udine, lAteneo presente sul territorio friulano, con sedi a Pordenone, Gorizia, Cormns, Gemona del Friuli e con varie iniziative a Tolmezzo, Cividale, Gradisca, Palmanova, Lignano Sabbiadoro, nonch a Mestre nel vicino Veneto.

    Ires FVGLIres FVG Istituto di Ricerche Economiche e Sociali del Friuli Venezia Giulia unassociazione no profit con personalit giuridica riconosciuta dalla Regione, attiva dal 1983. LIstituto si occupa di attivit di analisi e ricerca, consulenza ad aziende ed enti pubblici, formazione e orientamento, finalizzate alla promozione dello sviluppo economico, sociale, ambientale e culturale del Friuli Venezia Giulia. La presenza di tali molteplici fronti di attivit e di specifiche aree tematiche di competenza, oltre che il forte legame con il territorio e il tessuto socioeconomico e istituzionale locale, rappresentano le caratteristiche peculiari dellIstituto, che hanno permesso di condurre interventi di carattere innovativo fortemente radicati nel contesto di riferimento, assicurando lelaborazione di progetti e attivit di elevato livello qualitativo e rigore scientifico, oltre che di grande concretezza e rilevante carattere applicativo. LIres FVG in possesso della certificazione del sistema qualit per le attivit di progettazione, sviluppo, gestione ed erogazione di interventi formativi, in conformit alla norma UNI EN ISO 9001:2000.

  • 8Il percorso

    Friuli Innovazione, Universit degli Studi di Udine e Ires FVG, con questa iniziativa, hanno inteso fornire un servizio di accompagnamento a 36 potenziali imprenditori al fine di redigere il business plan della loro iniziativa economica. Lobiettivo finale originario di Techno Seed era quello di avviare 12 nuove aziende e supportarle per il primo triennio di attivit.Il progetto ha coperto territorialmente tutta la Regione Friuli Venezia Giulia, con particolare riferimento al suo universo accademico e produttivo. Destinatari privilegiati dellintervento sono stati infatti laureati, laureandi, dipendenti, ricercatori, professori, dottorandi, assegnisti e dottori di ricerca delle Universit regionali; insegnanti in discipline scientifiche delle scuole medie superiori regionali; quadri, tecnici e altre risorse umane operanti nel settore dellinformatica e delle telecomunicazioni o in ambiti ad esso collegati.Il progetto Techno Seed si articolato in tre fasi interconnesse luna allaltra:

    Formazione imprenditoriale: ha fornito un primo 1. approfondimento sulle competenze necessarie ad avviare e gestire unimpresa, attraverso incontri formativi, seminari tematici relativi ai vari aspetti del fare impresa e corsi di formazione sul business planning, integrati da un servizio di tutoraggio individualizzato per la redazione di un piano di impresa preliminare (Business Plan Provvisorio) della propria idea imprendioriale. Alla fine della fase di formazione il Comitato Tecnico Scientidico ha selezionato 36 gruppi

    imprenditoriali per laccesso alle successive fasi del progetto.

    Sviluppo del progetto imprenditoriale: ha fornito consulen2. za e supporto necessari alla messa a punto di un piano di impresa completo (Business Plan Definitivo) attraverso lattivazione di due laboratori, uno tecnologico ed uno imprenditoriale. Lammissione ai laboratori ha consentito ai gruppi di fruire di un supporto continuo da parte dei tutor e di accedere ad altri servizi quali consulenze professionali, borse di studio, attrezzature informatiche per lo sviluppo tecnico del trovato e ricerche di competenze scientifiche. Lattivit allinterno dei laboratori si conclusa con lelaborazione di un documento definitivo finalizzato ad un ulteriore processo di selezione ad opera del Comitato Tecnico Scientifico che, da progetto originario, poteva ammettere alla fase di avvio e incubazione fino a 12 gruppi imprenditoriali.

    Avvio dellimpresa e incubazione: ha fornito servizi avanzati di 3. consulenza strategica e finanziaria attraverso un albo di competenze altamente qualificate in campo tecnologico e aziendale, assistenza nella fase di start up, networking, supporti finanziari per lavvio dimpresa e ricerca di ulteriori fonti, incubazione allinterno degli spazi del Parco Scientifico e Tecnologico di Udine, mentoring.

    Nella fase iniziale, il progetto e i suoi servizi sono stati presentati su scala regionale al fine di promuovere liniziativa nei confronti dei potenziali destinatari. Tra i molteplici contatti, nazionali ed esteri, nello specifico, si contano: 430 imprese operanti nel settore ICT, 66 organizzazioni (associazioni di categoria, agenzie di consulenza, enti pubblici e privati impegnati nel campo della formazione, creazione dimpresa e ricerca scientifica, ecc.), 18 scuole secondarie superiori regionali e 30 incubatori (di cui due statunitensi).Molti utenti sono stati raggiunti attraverso il sito Internet del progetto: www.technoseed.it (30.000 contatti) e la partecipazione a varie edizioni di fiere quali InnovAction, S.I.G.L.A., Salone dello studente, durante le quali sono state fornite informazioni sullattivit e le opportunit offerte dallincubatore.

  • 9 Formazione imprenditorialeLazione di formazione imprenditoriale stata attivata con lobiettivo di sviluppare e diffondere una cultura imprenditoriale presso il mondo universitario, scolastico e produttivo e di stimolare la nascita e ladesione al progetto da parte di team imprenditoriali portatori di nuove idee nel campo dellICT.Considerato che i gruppi imprenditoriali, spesso formati da ottimi tecnici e/o ricercatori, non sempre potevano contare su competenze in campo economico, amministrativo o di comunicazione, il contenuto delle azioni formative ha riguardato temi quali la

    redazione di un business plan, la tutela della propriet intellettuale, le forme giuridiche e gli adempimenti per lavvio dimpresa, la fiscalit delle imprese. Secondo il progetto originario la formazione doveva concretizzarsi attraverso lorganizzazione di 20 seminari formativi e di orientamento imprenditoriale per un totale di 400 destinatari raggiunti. In fase realizzativa poi, considerata lesigenza di approfondire alcuni aspetti peculiari del fare impresa, manifestata...

Recommended

View more >