I principi dellallenamento Il lavoro dellallenatore

  • Published on
    01-May-2015

  • View
    214

  • Download
    2

Embed Size (px)

Transcript

<ul><li> Slide 1 </li> <li> I principi dellallenamento Il lavoro dellallenatore </li> <li> Slide 2 </li> <li> 1 principio Progressivit del carico Stagnazione vuol dire regresso Elevazione della frequenza dellallenamento Elevazione della quantit dellallenamento Elevazione della densit dellallenamento Elevazione dellintensit dellallenamento Ascesa graduale a sbalzi piuttosto che lineare. (20% quota di elevazione annuale ?dipende da). Esiste correlazione tra il ritmo di elevazione del carico e il ritmo di elevazione della prestazione. </li> <li> Slide 3 </li> <li> 2 principio Continuit del carico Occorre allenare sempre tutto il complesso delle componenti determinanti lo stato di allenamento. Ogni interruzione dannosa, soprattutto per la Resistenza (gi una sospensione di 8-10 giorni causa una sensibile riduzione del volume del cuore). Allenare sempre tenendo presente che con i carichi di gara si ottengono sviluppi pi rapidi ma facili da perdere e che il logoramento psichico che ne deriva determina prima una stasipoi un regresso. </li> <li> Slide 4 </li> <li> 3 principio Periodizzazione del carico 1 - Periodo di preparazione generale: a) si aumenta il volume b) si collegano le componenti dello stato di allenamento 2 - Periodo di gara: a) - si sviluppa la prestazione b) - si stabilizza la prestazione. 3 - Periodo di transizione. </li> <li> Slide 5 </li> <li> 4 principio Consapevolezza Elabora gli obiettivi assieme agli atleti Rendi partecipi gli atleti della programmazione Educa alla autovalutazione Diario di allenamento Discussione dei test Letture sportive- </li> <li> Slide 6 </li> <li> 5 principio Sistematica Distribuisci le esercitazioni regolarmente nella preparazione Offri un punto focale ad ogni seduta Costruisci lallenamento in forma chiara e comprensibile. Proporzione tra carico e recupero Preparazione generale prima della speciale Prima il facile poi il difficile Prima la parte poi il tutto </li> <li> Slide 7 </li> <li> 6 principio Evidenza Crea una rappresentazione esatta della struttura del movimento Adotta molteplici mezzi per lillustrazione Serviti di rappresentazioni grafiche Ricerca dei modelli con cui confrontarli (college) </li> <li> Slide 8 </li> <li> 7 principio Razionalit Considera il rapporto tra capacit e richiesta e tieni conto dell: Et cronologica Et sportiva Capacit di prestazione e di carico Stato di allenamento Carico esterno e interno Recupero Differenze sessuali </li> <li> Slide 9 </li> <li> 8 principio Stabilit Le abilit, le capacit e le nozioni acquisite si devono applicare sempre e soprattutto in gara, pertanto: Evita le interruzioni dellallenamento Osserva gli effetti dei carichi sugli atleti programma i test di controllo Fai attenzione al grado di consolidamento della cultura sportiva La continua e sistematica assimilazione, stabilizzazione e controllo delle esercitazioni il presupposto per rendere durevoli le abilit. </li> <li> Slide 10 </li> <li> Il risultato la vittoria </li> </ul>