Il Gazzettino di Sesto S.G. - Anno II - Edizione n. 20

  • Published on
    11-Mar-2016

  • View
    214

  • Download
    2

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Settimanale di Sesto S.G. e Cinisello B.

Transcript

  • ANNO 2 NUMERO 20 - 23 Maggio 2013 - Editrice Il Gazzettino di Sesto San Giovanni srlPiazza F. Caltagirone, 75 - Sesto San Giovanni (Mi) - email: redazionegazzettino@gmail.com

    DISTRIBUITO A SESTO 45.00

    0

    Lazienda cinisellese inaugurail nuovo e avveniristico stabi-limento. Ogni anno assumer 5neolaureati per creare nuove ge-nerazioni di cervelloni

    A pagina 2

    :: IMPRESAGeico, i cervelloninon fuggono pi

    Nel cuore di Sesto una lavan-deria gestita da un egizianoha chiuso improvvisamentei battenti senza restituire i ca-pi ai clienti

    A pagina 3

    :: CRONACATintoria fantasmacentinaia di truffati

    Nel Muay Thai latleta seste-se va a caccia del titolo ita-liano professionisti che sidisputa a Taranto il 25 mag-gio. Tifiamo per lei

    A pagina 14

    :: SPORTLa sfida della vitaper Patrizia Gibelli

    Si chiama Never Blind (mai ciechi) loperazione dellaGuardia di Finanza di Sesto che ha consentito di sco-

    prire 5 finti ciechi. In dieci anni avevano sottratto al-lo Stato pi di 600mila euro. A pagina 4

    In 5 incassavano pensioni di invaliditFalsi ciechiblitz a Sestodelle Fiamme Gialle

    :: TRUFFA

    Il Gazzettino di Sesto San Giovanni anche online www.ilgazzettinodisesto.it

    Tutto pronto a Cinisello Balsamo

    per lelezione del nuovo sindaco:

    Bacci, Berlino, Riccardi, Rosa,

    Trezzi e Zonca. Come per

    Frankenstein di Mary Shelley, lo

    spaventoso personaggio nato dalla

    fusione di pi corpi, abbiamo

    giocato unendo in un fotomontaggio

    i sei aspiranti alla poltrona.

    Col voto, i cittadini sceglieranno la

    parte migliore di questo puzzle

    A pagina 6

    SINDAKENSTEIN

    E CINISELLO

  • 2 | 23 maggio 2013 Attualit

    Ora si rubano anche i fiori a Sesto San Giovanni.Quelli della rinnovata piazza del Rond che da

    due anni tornata a splendere grazie allimpegno del ristorante La Pentola dOro

    di via Fratelli Bandiera e della Floricoltura Labate (foto). Pi di una volta, negli ultimi mesi,

    sconosciuti si sono avvicinati alle aiuole che si trovano al centro della piazza e hanno

    strappato intere piante fiorite rovinando il lavoroe la dedizione dei due sponsor.

    Ladri di fiori in piazza Rond

    Non c soltanto chi fugge echi fallisce in questo Nor-dmilano che sta rapidamen-te perdendo la sua vocazio-ne di citt del lavoro, sen-za trovare una nuova identi-t forte.C anche chi resiste e chicon intelligenza investe nelcuore della crisi, puntandosu professionalit innova-zione e soprattutto sulleticanel rapporto con i dipenden-ti e i fornitori.Etica a parte (che appare or-mai sconosciuta nella nostrasociet), le altre parole dor-dine di casa alla Geico lesentiamo spesso sulla boccadei politici e dei commenta-tori per ipotizzare una viaduscita dalla crisi.Ci che colpisce cheunimprenditore come AliReza Arabnia abbia dovutofare tutto da solo, basandosisulle sue forze (fisiche edeconomiche), sulle sue ideee, come dice lui, sugli affet-ti che lo hanno supportato.Geico dovrebbe essere unmodello da studiare, soste-nere e ripetere allinfinito.Cos come quella maniadelletica un po persianadel presidente Arabnia, do-vrebbe diventare un patri-monio da diffondere agli al-tri imprenditori. Invece an-che nella recente campagnaelettorale cinisellese la poli-tica non stata nemmeno ingrado di riconoscere quelgioiello che ha dinanzi aisuoi occhi. I candidati si so-no limitati a ipotizzare il ri-lancio proponendo scontisulla tassa dei rifiuti, e qual-che contentino per le azien-de che assumono. Tutto qui!

    Esempiodimpresaper tutti

    EDITORIALE

    Una nuova sede costruita con 11 milioni dieuro di investimenti. Un nuovo centro ri-cerche e sviluppo, il pi grande al mondo,Il Pardis (in persiano paradiso) InnovationCenter, dove gli ingegneri italiani posso-no sperimentare dal vero le soluzioni tec-niche pi innovative per la costruzione diimpianti da proporre alle grandi aziendeautomobilistiche mondiali per la verni-ciatura delle scocche. In piena crisi, quan-do Tv e giornali parlano solamente di chiha scelto di fuggire dallItalia, Geico lan-cia la sua sfida. Lo fa a Cinisello Balsamo,dove storicamente era collocata la sua se-de. Da via Cornaggia si sposta a via Peliz-za da Volpedo, poche centinaia di metri perun nuovo quartier generale che pare natoper essere un modello di lungimiranzaimprenditoriale e di rispetto del welfare azien-dale da esportare nel resto del Paese.Geico unazienda che nelle sue fila con-ta 130 dipendenti tra impiegati, ingegne-ri e progettisti. Il personale il vero va-lore di questa azienda - spiega Ali Reza Arab-nia, presidente del Gruppo - per formarenuovi ingegneri impieghiamo 5 o 6 anni,dunque qui da noi si devono

    sentire come a casa. Arabnia da anni di-scute personalmente con ogni dipendenteil suo premio di produzione a fine anno. Lavorafianco a fianco con loro, ottenendo il mas-simo che si possa avere. Geico oggi lea-der mondiale nel suo settore innanzituttoperch la genialit degli ingegnieri italia-ni stata in grado di trovare soluzioni ca-paci di produrre risparmi che rendono i no-stri impianti competitivi sul mercato.Iraniano di origine, italiano di adozione, Arabnia un imprenditore visionario che ha rinun-ciato a trasferire le sue attivit allestero per-

    ch crede nellunicit del genio italia-no. Nel suo nuovo stabilimento non ha pre-visto solamente spazi per il lavoro e la ri-cerca (negli ultimi 5 anni ha investito 20 mi-lioni di euro in innovazione). Ma ha pre-visto anche spazi per il benessere del per-sonale: dalla palestra allauditorium finoagli spazi per laperitivo. Persino un giar-dino al coperto dove passeggiare per tro-vare lispirazione. E contribuire, con leproprie idee, a far crescere unaziendache ha tutte carte in regola per continua-re ad avere successo.

    IL CASO :: A CINISELLO IL PI GRANDE CENTRO RICERCHE PER LINDUSTRIA DELLAUTO

    Il Pardis esiste, alla Geico La sfida: lazienda assumer cinque neolaureati ogni anno

    di Rosario Palazzolo

    Dillo con un click

    Lettere alla redazione

    Raccontateci il vostro punto di vista, i vostri dubbi sul futuro della citt e i ricordi della Sesto che fu.Scrivete messaggi brevi a:redazionegazzettino@gmail.com Oppure allindirizzo: piazza F. Caltagirone 75.

    Buonasera, oggi mi sono reca-ta presso il Fiorista del Ron-d e per miracolo non sono sci-volata nella mega pozzanghe-ra che c l davanti, comedimostra la foto. Non la pri-ma volta che in occasione diun forte temporale questareaviene sommersa dacqua. E pericoloso perch non sivede molto, data la traspa-renza. E dalla trasparenza sivede il tombino intasato. Le te-lefonate della fiorista ai vigi-li urbani sono state numero-se, oggi, e come sempre quan-

    do piove. Ma nulla stato fat-to. Informeremo lufficiocompetente. Ma lufficiocompetente qual ? Come agi-sce? Esiste? Nulla si fa. Nul-la si far? Ne va della salutedei cittadini, della loro sicu-rezza. Perch la gestione del-lufficio competente non fun-ziona come dovrebbe? La fon-tana del cubo invece riceveattenzioni settimanali. A chi ri-volgersi per un intervento ur-gente? Il maltempo previstoancora per giorni.

    lettera firmata

  • 23 maggio 2013 | 3Attualit

    Di sicuro ci sar uno slit-tamento dei tempi, rispet-to al cronoprogramma.Uno slittamento fisiologi-co rassicurano sindaco etecnici durante la commis-sione controllo, che si concentrata sulla Citt del-la Salute e della Ricerca,pronta a planare sulle areeFalck. Ruota tutto attor-no allaccordo di program-ma da chiudere in Regio-ne e ratificare poi in con-siglio comunale - spiega ilsindaco Chitt -. Ipotiz-ziamo il passaggio al Pirel-

    lone a met giugno. Solodopo potr esserci lavviodella procedura di gara. Anche per la Regione ilprogetto di grande at-tualit - assicura il primocittadino -. Perch ci sono40 milioni di euro del Mi-nistero vincolati a uno deidue presidi sanitari, perchi due ospedali lamentanocarenze strutturali, perchsi tratta di un progetto pub-blico. Tuttavia, da parte dellop-posizione i dubbi rimango-no. Sul cronoprogramma,

    sullopportunit di un in-vestimento di questo tipo(per un edificio e nonper la ricerca in senso stret-to, come ha sottolineatola grillina Serena Francio-si), ma soprattutto per le bo-nifiche. Che appaiono an-cora pi lontane, dopo il ri-corso straordinario pre-sentato al Presidente del-la Repubblica da Sesto Im-mobiliare e dopo il conten-zioso tra la propriet at-tuale delle aree dismesse eRisanamento. Abbiamo aperto unin-terlocuzione molto pun-tuale con il ministero del-lAmbiente. Da ottobresiamo stati a Roma giquattro volte - spiega laChitt -. Siamo ora in at-tesa del via libera. Poi si po-tr partire con la bonificadi tutta larea che rappre-senta lo spazio di tutte le in-frastrutture necessarie alprogetto.

    Viola Bai

    PROGETTI :: SI ATTENDE LOK DI REGIONE E MINISTERO

    Giallo Citt della SaluteSlittano ancora i tempi

    Ci mancava anche la lavanderia fanta-sma a Sesto San Giovanni, dove da al-cuni giorni oltre un centinaio di famigliesono alle prese con uno strano caso: lapiccola ed economica lavanderia aper-ta sotto casa nel mese di settembre, hachiuso improvvisamente, senza preav-viso e senza restituire i capi di abbiglia-mento che le erano stati affidati da la-vare o da rassettare. Se si tratti di una truf-fa in piena regola o del fallimento di unat-tivit che ultimamente funzionava ma-le, non chiaro. Quel che certo chea farne le spese sono i clienti che han-no perso i loro capi di abbigliamento do-po aver regolarmente pagato per i ser-vizi di lavaggio, stiratura e di sartoria.Il negozio aveva aperto a settembre in viaPadre Ravasi, allombra della basilica diSanto Stefano, nel centro della citt.Un giovane egiziano aveva aperto un ne-gozietto privo di lavatrici e sistemi pro-fessionali, nel quale eseguiva ripara-zioni, lavaggio e stiratura. Tutto a pocoprezzo. Una vera manna, soprattuttoper gli anzia