Il Gazzettino di Sesto S.G. - Anno III - Ed. 14 del 10-04-14

  • Published on
    16-Mar-2016

  • View
    215

  • Download
    2

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Settimanale d'informazione di Sesto S.G., Cinisello B., Bresso

Transcript

<ul><li><p>ANNO 3 NUMERO 14 - 10 Aprile 2014 - Editrice Il Gazzettino di Sesto San Giovanni srlPiazza F. Caltagirone, 75 - Sesto San Giovanni (Mi) - email: redazionegazzettino@gmail.com:::::::::::::: DISTRIBUITO A SESTO, CINISELLO E BRESSO ::::::::::::::</p><p>Al posto della marcia fa-remo camminare i seste-si. E il fratello di Staffel-li mette in palio un veroTapiro dOro</p><p>A pagina 6</p><p>:: SESTOCittadini protagonisti</p><p>del Primo Maggio</p><p>I residenti di via Cadorehanno indetto una raccol-ta firme: E una questio-ne di sicurezza, rischiamola vita tutti i giorni</p><p>A pagina 9</p><p>:: CINISELLOAnche noi vogliamo</p><p>il marciapiede</p><p>Stefano Buffagni, consi-gliere regionale 5 Stelle,accusa: Colpa del Comu-ne, non si ricordato difare richiesta</p><p>A pagina 12</p><p>:: BRESSONiente fondi perle case sociali</p><p>I dati anagrafici del Nordmilano evidenziano un calo delle nasciteA Bresso il record negativo</p><p>Alle pagine 2 e 3</p><p>VOGLIAMO PIU BEBE</p></li><li><p>2 | 10 aprile 2014 Attualit</p><p>Grande successo per la seconda edizione del Gran Premio diFormula 1 a pedali che si svolto domenica al Parco Nord.</p><p>Bolidi a pedali nel velodromo</p><p>La messa di domenica per i 100 anni dei Paolini stata celebratadal cardinal Angelo Comastri, vicario di Sua Santit Francesco. </p><p>Il vicario del Papa a Cinisello</p><p>Ragazza madre batte genitoricon tre figli. Inquilino moroso bat-te onesta famiglia in difficolt eco-nomica. E una partita a scacchi.Gi, lorganizzazione dei servi-zi sociali sempre di pi una par-tita nella quale a vincere sono ipi furbi.In questo numero del giornaleabbiamo sviluppato un serviziodedicato al tramonto della fami-glia con tanti figli (pagina 3) eduno dedicato allemergenza casa(pagina 5). Emerge evidente co-me a determinare le scelte dellapopolazione sia lorganizzazionedei cosiddetti servizi sociali. Fa specie sentire che in pi di uncaso le graduatorie per lacces-so alle case popolari siano domi-nate da famiglie (italiane o stra-niere non importa) che pretendo-no dal padrone di casa di esseresfrattate per morosit, conquistan-do in questo modo un punteggiopi elevato nella graduatoria diassegnazione. Una tecnica che vadi pari passo con la soluzione tro-vata da alcuni genitori che siiscrivono allanagrafe con resi-denze separate per accedere aservizi e contributi riservati al-le ragazze madri. Il concetto di famiglia tradiziona-le viene sacrificato per poter go-dere un servizio che in situazio-ne normale sarebbe negato. ElItalia dei furbetti, si dir. Ma anche un Paese triste nel quale losport pi diffuso il raggiro. Lapolitica locale spende in serate disterili dibattiti di principio sullemer-genza casa o sulle coppie di fat-to, senza rendersi conto delle di-storsioni quotidiane del sistema. Si sappia che un inquilino delle casepopolari non pu essere sfrattatofino a che il suo reddito Isee nonsuperi i 35mila euro (vale a direstipendi da 5mila euro al mese). In barba ai veri poveri.</p><p>La societdelle regolee del raggiro</p><p>EDITORIALE</p><p>Fare figli sembra sempre pi unimpresaeroica (ne parliamo a pagina 3, ndr). La cri-si morde e fa sentire il suo peso sullescelte familiari. Ma ci sono anche unalunga serie di motivi sociali e personali cheoggi stanno riducendo il tasso di natalit.In questo elenco rientrano anche le diffi-colt post- parto, anche quando si tratta perle neomamme di reperire servizi di aiutoe supporto. Da qualche mese il Centro della Fami-glia di Cinisello Balsamo, il consultorio divia Carducci, mette a disposizione delle nuovemamme anche il servizio di ostetrica a do-micilio. Un servizio non nuovo, che oraper, grazie a una nuova direttiva regiona-le, viene messo a disposizione di tutte lemamme, non solo di casi particolari,spiega la direttrice del centro cinisellese,Chiara Biader. Lostetrica viene diretta-mente a casa e assiste le giovani neomam-me: a volte possono esserci problemi conlallattamento naturale, oppure con altre coseche sono del tutto nuove nella vita diuna donna che ha partorito da poco. Offria-mo un supporto, un consiglio. A Sesto ilCentro della Famiglia ha un servizio simi-le ma solo per casi segnalati.</p><p>Da noi per tutti, basta prendere un ap-puntamento qui in segreteria, chiudeChiara Biader. I servizi offerti alle neomamme dal con-sultorio cinisellese di via Carducci sono diversi:oltre alle visite a domicilio rientrano nelpacchetto post parto anche il corso di al-lattamento, le lezioni per imparare a pra-ticare massaggi rilassanti al neonato emolto altro ancora. I supporti non mancano, dunque. Quellodel Centro della Famiglia di Cinisello un</p><p>esempio. Tanti altri sono i servizi per le nuo-ve famiglie, anche per quelle in difficol-t. Per esempio quelli del Centro di Aiu-to alla Vita, associazione che apre il suo cen-tro di ascolto in piazza Gramsci, al civico1B. I volontari offrono assistenza alle fa-miglie che vivono situazioni di difficoltdonando vestiti e cibo per i bambini (da ze-ro a due anni) e generi di prima necessi-t per i genitori. Lassociazione disponi-bile il marted dalle 10 alle 12 e il giove-d dalle 17 alle 19. </p><p>IL CASO :: NUOVO SERVIZIO PER NEOMAMME OFFERTO A CINISELLO BALSAMO</p><p>La levatrice a domicilioUn supporto post-parto dal Centro della Famiglia</p><p>di Niccol Villa</p><p>Dillo con un click</p><p>Lettere alla redazione</p><p>Raccontateci il vostro punto di vista, i vostri dubbi sul futuro della citt e i ricordi della Sesto che fu.Scrivete messaggi brevi a:redazionegazzettino@gmail.comOppure allindirizzo: piazza F. Caltagirone 75.</p><p>Pubblichiamo parzialmente unalunga lettera che un lettore ha scrit-to alle istituzioni e ai giornali perdenunciare un episodio.</p><p>Le scrivo per un episodio acca-duto il 9 aprile di fronte allescuole Santa Caterina, dove, co-me tutte le mattine accompa-gno a scuola mia figlia che fre-quenta la quarta elementare.Come tutte le mattine davantialla scuola ci sono molte macchi-ne in sosta in diversi posti dovenormalmente non si pu par-cheggiare, passo carraio, secon-da fila, strisce Il tutto avvie-</p><p>ne con lesigenza di accompagna-re i figli piccoli allinterno del-lingresso principale che d sul-la strada. Oggi, dopo aver sosta-to sulle strisce di piazza Cavour,giustamente, il vigile che mistava mirando ha aspettato chescendessi dalla vettura per anda-re a far cassa. Ora non so come mai tra i tan-ti genitori parcheggiati in zo-ne vietate e molto pi di intral-cio rispetto la mia, io sia stato ilprescelto non vorrei che fos-se per la vettura!Tenga presente che sono stato tal-mente veloce, ritengo meno di 30</p><p>secondi (in quanto mia figlialho accompagnata solo fino alcancello principale della scuolae non fino dentro al cortile). Il vi-gile (mat. S171) non aveva an-cora fatto in tempo a prendere ilblocchetto delle multe che si av-vicinato di corsa per chiederepatente e libretto e avere iltempo di preparasi per redigerelinfrazione...Avrebbe potuto fischiare e indi-carmi di andarmene velocemen-te. Ma, ripeto, sono stato tal-mente veloce che forse non ha fat-to in tempo...</p><p>Lettera firmata</p></li><li><p>di Monica De Astis</p><p>10 aprile 2014 | 3Attualit</p><p>Quelle foto di famiglia piene di bambi-ni sorridenti, sono quasi un ricordo sbia-dito del passato. Fare figli oggi non solo unimpresaa causa della crisi economica, maanche una tradizione sempre pi lon-tana dalle trasformazioni sociali eculturali che ci investono. Come del re-sto in gran parte dellEuropa, anche in Ita-lia la media di figli per donna molto bas-sa: si parla di un allarmante 1,4%.E nel Nordmilano, la situazione non molto diversa, inevitabile conseguen-za di una diminuzione della natalitche a livello lombardo si attesta al9%. Confrontando i dati sullacomposizione delle famiglie diSesto, Cinisello e Bresso, si punotare facilmente come, dal 2010al 2013, i figli unici siano stati innetta prevalenza (*).Per il 2013, il dato peggiore arriva daBresso: il 69% delle famiglie con figli,ne ha solo uno. E negli altri Comuni non tanto meglio.A Sesto, dal 2010 al 2013 ad avere unsolo figlio sono state il 54% dellefamiglie con figli, mentre a Cinisel-lo, il 56%. Tuttavia a Sesto, pur essen-do poche le famiglie con tre e quattrofigli, sono comunque di pi rispetto al-le altre citt.Tendenze confermate anche da Giusep-pe Ricciardi, primario del reparto di Pe-diatria e Neonatologia dellospedale di Se-sto e del Bassini: Le famiglie del nostroterritorio oggi, scelgono di avere in ge-nere uno, massimo due figli.Una scelta quasi obbligata. Contratti a tem-po determinato, affitti alti e mutui inav-vicinabili sono veri e propri colpi nellapianificazione della vita di coppia. Il calo delle nascite cominciato circa15 anni fa - spiega il dottor Ricciardi -.Se allinizio, il motivo prevalente sta-to la volont di affermazione personaledella donna, i problemi di oggi sono i sol-di e lincertezza sul futuro, ci ha spie-gato. Da non sottovalutare. poi, lele-mento socio-culturale. A ricordarcelo Anna Maria Franco, direttrice del Cen-tro per la Famiglia di Sesto, secondo laquale oggi prevale un eccessivo legamedi tipo affettivo verso i figli, anche se alcontempo su di loro sinveste sempre</p><p>meno: Molti genitori alla domandache obiettivo vi ponete? rispondonoavere un buon rapporto con mio figlio- spiega lesperta -. Si tratta per diunimpostazione poco efficace. Un ge-nitore dovrebbe piuttosto creare una vi-ta che sappia poi andare avanti da sola. E a cogliere questo, sono proprio i pochiche ancora oggi mettono al mondo tan-ti figli. Dover crescere pi bambini, ge-neralmente pone madri e padri nelle con-dizioni di non poter sovraccaricare diattenzioni uno solo, ma al contrario, di do-ver dare a tutti le basi per crescere, in unclima di solidariet allinterno della fa-miglia. Secondo Anna Maria Francoinoltre, anche la mancanza di politiche afavore della famiglia ha generato unasempre minor propensione a considera-re i figli come patrimonio sociale. La fa-miglia resta comunque il luogo in cui sigenerano gli affetti e il capitale uma-no. Ed tenendo conto di ci, secondolesperta, che dalla crisi della natalit sipu uscire.</p><p>SOCIET :: LANAGRAFE NEI COMUNI DEL NORDMILANO MOSTRA IL CALO DEL NUMERO DI BEB</p><p>La famiglia non cresce piA Bresso il dato peggiore. La conferma dal reparto di neonatologia di Sesto</p><p>PIUMONI LETTOSINGOLO/MATRIMONIALELAVATO E ASCIUGATO </p><p>IN 1 ORAA PARTIRE DA 9,50</p><p>GiuseppeRicciardi,primario del repartodi Pediatria eNeonatologiadi Sesto</p><p>Anna MariaFranco,direttrice del Centro per laFamiglia </p><p>(*) Si segnala che per il Comune di Bresso, i dati precedenti allanno 2013 nonsono stati forniti dallufficio anagrafe. </p><p>Meglio le coppie miste. Sembrer difficile daimmaginare, eppure cos. Nel calo generale delle nascite a Sesto, sta-ta la natalit straniera che, tra il 2012 e il2013, in proporzione a quella italiana, ha per-so pi quota. A dirlo stato proprio il dottor Ric-ciardi, ma lo conferma anche la direttrice delCentro delle Famiglie Anna Maria Franco.In aumento invece, la natalit delle coppie mi-ste, cio coppie formate da italiani e stranieri.</p><p>le trasform</p><p>azioni CALANO ANCHE I FIGLI DEGLI STRANIERI</p><p>I NATI DELNordmilano 2010 2011 2012 2013</p><p>n figli Cinisello Sesto Cinisello Sesto Cinisello Sesto Cinisello Sesto Bresso*</p><p>1 7.565 6.624 6.873 6.587 7.681 6.525 6.685 6.346 1.0862 4.876 4.328 4.482 4.251 4.874 4.272 4.414 4.210 3943 843 963 691 1.033 827 1.057 744 1.059 714 172 212 119 251 155 276 142 274 115 33 57 24 60 33 70 28 62 16 2 18 4 22 2 20 2 287 3 6 5 3 7 3 7</p></li><li><p>4 | 10 aprile 2014 Sesto San Giovanni</p><p>Oltre 70 iscritti per le se-lezioni di Una voce per Se-sto, il concorso canorogiunto alla quinta edizio-ne e organizzato dallasso-ciazione Spettacolazioneche gestisce le sale provacomunali. La finalissima</p><p>si terr il 10 maggio pres-so il salone di SpazioAr-te: a contendersi il titolo,che lanno scorso and aJessica Viti, saranno in16. La qualit delle pro-poste stata davvero alta- commenta Antonio Sici-</p><p>liano, tra gli ideatori e or-ganizzatori della kermes-se -. Anche questanno laserata sar presentata da Eu-genio Ban e vedr sul pal-co un ospite deccezio-ne. Tutto esaurito nelle edi-zioni passate, Sicilianopensa ancora pi in gran-de. Il pubblico non man-ca e anche gli aspiranticantanti - spiega -. Lobiet-tivo quello di diventareun punto di riferimento, co-me le manifestazioni sto-riche che si tengono inItalia. Sesto San Giovan-ni come Castrocaro, in-somma, per un festivalche vede unet media dai16 ai 35 anni.</p><p>MUSICA :: VIA ALLE SELEZIONI DI UNA VOCE PER SESTO </p><p>La citt cerca la suanuova ugola doro</p><p>Finalissima in programma il 10 maggio</p><p>Verifica in maggioranza dopo lo scric-chiolio, causato dal voto sulle Farma-cie Comunali, bilancio 2012 rettifica-to e modifica allo statuto con linseri-mento della possibilit di sostituire il con-siglio di amministrazione con lammi-nistratore unico. Tutti contro Sinistra Eco-logia e Libert, che in giunta ha dato lokal documento economico ma in consi-glio si astenuta con Moreno Nossa. Cheha votato anche contro la seconda de-libera. Non siamo stati ascoltati inquesti anni e ce ne dispiace, aveva di-chiarato il capogruppo in aula. Gi du-rante la discussione sul consuntivo 2011Nossa si era astenuto. Una coerenzache stata per vista dagli alleati comeuna diserzione. Scelta incomprensibi-le stata definita da tutti i compagnidi banco. Anche dalla Federazione del-la Sinistra, che pure ha detto no allam-ministratore unico. Durissimo il com-mento di Verso Sesto, che gi in aula perbocca del capogruppo Eros De Noia ave-va chiesto platealmente una verificacondannando la mancata collegialitsu una delibera tanto importante. Di-sturbo bipolare di partito o vecchiastrategia di dar vita a una formazione politicadi lotta e di governo? Occorre fare unpo di chiarezza e rilanciare lazione di</p><p>governo in citt, scrive il gruppo in unanota. Che si ricomponga lo strappo,dice anche Fiorenza Bassoli, reggentedel Pd fino al congresso di giugno.E grave che proprio chi ha re-sponsabilit di far parte del-la maggioranza si astengae non dia il suo appog-gio. Sel riconfermalealt al patto pro-grammatico e chie-de maggiore con-fronto su una vicen-da, che nascondenon poche lacera-zioni allinterno del-la maggioranza. Laprova del nove si avrinfatti con la trasfor-mazione dellaziendaspeciale in Srl: se Sel eFdS hanno gi annunciatola loro contrariet, molti mal dipancia si hanno anche nello stessoPd. Tuttavia, il cambio societario sem-bra ormai una strada gi segnata. Dif-ficile pensare a un rimpasto con lespul-sione di Sel, cos come avvenne perlItalia dei Valori. Difficile per anchericomporre una frattura che ormai sem-bra sempre pi spessa. </p><p>POLITICA :: IL VOTO CONTRARIO DI SEL HA APERTO UNA CRISI INFORMALE TRA LE FORZE DI GOVERNO</p><p>Le farmaciefratturanola maggioranzaLontana lipotesi del rimpasto in giuntadi Viola Bai</p><p>Sar Ambienthesis, societ del gruppoGrossi, ad effettuare la bonifica delle areesulle quali sorger la Citt della Salute. Lasociet milanese, in associazione tempora-</p><p>nea di impresa con la Germani (per unaquota del 10%) si aggiudicata il bando</p><p>per le bonifiche del valore di 22 milioni dieuro. La commessa stata assegnata dopo</p><p>una gara tra 7 diversi operatori. Nonostanteci lassegnazione definitiva stata accolta conriserva dal Comune in quanto il gruppo Grossi</p><p>compare in pi di uninchiest...</p></li></ul>