IMPARARE LE LINGUE STRANIERE A SCUOLA II itp.pdf · IMPARARE LE LINGUE STRANIERE A SCUOLA ... 2,2 3,2…

  • Published on
    15-Feb-2019

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Transcript

<p>IMPARARE LE LINGUE STRANIERE A SCUOLA </p> <p>Un sondaggio delle convinzioni di studenti e insegnanti </p> <p> Luciano Mariani 2010 www.learningpaths.org/convinzioni </p> <p>1</p> <p>IMPARARE LE LINGUE STRANIERE A SCUOLA Un sondaggio delle convinzioni di studenti e insegnanti </p> <p>II ELABORAZIONE, Febbraio 2010 </p> <p> Scuole campione: 6 Istituti tecnici e professionali di cittadine medio-piccole del Nord Italia; 4 classi prime (N=84); 4 classi seconde (N=83); 4 classi terze (N=83); 4 classi quarte (N=78); 4 classi quinte </p> <p>(N=78) Totale N=406 </p> <p>1. Pensi che per imparare bene una lingua straniera si debba essere portati? </p> <p>2,8 3,5 1 2,5 3,7</p> <p>1215,7</p> <p>32,5</p> <p>22</p> <p>38,5</p> <p>48,5</p> <p>64,7</p> <p>5659,5</p> <p>46,2</p> <p>36,8</p> <p>1610,5</p> <p>1611,5</p> <p>0</p> <p>10</p> <p>20</p> <p>30</p> <p>40</p> <p>50</p> <p>60</p> <p>70</p> <p>I II III IV V I II III IV V I II III IV V I II III IV V</p> <p> a. S, indispensabile </p> <p>avere unattitudine </p> <p>particolare </p> <p>b. S, chi ha </p> <p>unattitudine ottiene </p> <p>risultati migliori di chi </p> <p>non ce lha </p> <p>c. S, ma altri fattori </p> <p>(per esempio, </p> <p>limpegno o la </p> <p>motivazione) sono </p> <p>ugualmente importanti </p> <p>d. No, chiunque </p> <p>pu imparare bene </p> <p>una lingua </p> <p>straniera </p> <p> La maggioranza ritiene lattitudine importante, ma allinterno di una gamma di fattori pi vasta. </p> <p> Limportanza dellattitudine sembra crescere dalla prima alla quinta classe, con un regresso in </p> <p>quarta. </p> <p> A fronte di un percentuale piuttosto alta di studenti che nella prima classe ritengono che </p> <p>chiunque pu imparare bene una lingua straniera, si registra una diminuzione progressiva di </p> <p>questa posizione nelle classi successive. </p> <p>2. Secondo te, chi pi responsabile di un buon apprendimento, linsegnante o lo studente? </p> <p>7,27,5 5 6,27,7</p> <p>25,8</p> <p>37,23639,2</p> <p>35</p> <p>28,529,332,5</p> <p>35,5</p> <p>27,532,5</p> <p>2624,3</p> <p>15,8</p> <p>29,8</p> <p>6</p> <p>02,23,2</p> <p>0</p> <p>0</p> <p>10</p> <p>20</p> <p>30</p> <p>40</p> <p>50</p> <p>I II III IV V I II III IV V I II III IV V I II III IV V I II III IV V</p> <p> a. Linsegnante b. Entrambi, ma c. Entrambi nella d. Entrambi, ma e. Lo studente </p> <p> soprattutto stessa misura soprattutto </p> <p> linsegnante lo studente </p> <p> La responsabilit vista in generale come condivisa: le posizioni estreme sono limitate. Le </p> <p>posizioni rimangono comunque molto diversificate in tutte le classi. </p> <p> Aumenta in modo sensibile la scelta della responsabilit maggiore dellinsegnante dalla prima </p> <p>alla seconda classe. </p> <p> Diminuisce la scelta della responsabilit maggiore dello studente dalla prima alla quarta classe, </p> <p>per poi aumentare solo in quinta. </p> <p>IMPARARE LE LINGUE STRANIERE A SCUOLA </p> <p>Un sondaggio delle convinzioni di studenti e insegnanti </p> <p> Luciano Mariani 2010 www.learningpaths.org/convinzioni </p> <p>2</p> <p>3. Che ruolo dovrebbe avere linsegnante? </p> <p>18,218,212,713,7</p> <p>16,7</p> <p>40,240,7</p> <p>51</p> <p>38,5</p> <p>49</p> <p>33,2</p> <p>25,231,5</p> <p>27,229,7</p> <p>17,5</p> <p>10 8,7 6,53,5</p> <p>26,726,528,529,5</p> <p>18,7</p> <p>0</p> <p>10</p> <p>20</p> <p>30</p> <p>40</p> <p>50</p> <p>60</p> <p>I II III IV V I II III IV V I II III IV V I II III IV V I II III IV V</p> <p> a. Decidere i </p> <p>materiali e le </p> <p>attivit che </p> <p>devono svolgere </p> <p>gli studenti </p> <p>b. Insegnare </p> <p>grammatica, </p> <p>vocabolario e </p> <p>pronuncia </p> <p>c. Correggere gli </p> <p>errori </p> <p>d. Valutare i </p> <p>risultati degli </p> <p>studenti </p> <p>e. Fornire un buon </p> <p>modello della </p> <p>lingua straniera </p> <p>6560,7</p> <p>67,7</p> <p>79</p> <p>64</p> <p>29,537</p> <p>56,25148,7</p> <p>31,734,5</p> <p>18,223,5 20</p> <p>3742</p> <p>24,532,2</p> <p>43,5</p> <p>0</p> <p>20</p> <p>40</p> <p>60</p> <p>80</p> <p>100</p> <p>I II III IV V I II III IV V I II III IV V I II III IV V</p> <p> f. Creare interesse e </p> <p>favorire la </p> <p>partecipazione in </p> <p>classe </p> <p>g. Stimolare gli studenti </p> <p>ad usare la lingua </p> <p>straniera il pi possibile </p> <p>h. Insegnare un </p> <p>metodo di studio </p> <p>i. Aiutare gli studenti </p> <p>ad identificare e </p> <p>risolvere eventuali </p> <p>problemi </p> <p> I ruoli in assoluto pi scelti sono: linsegnamento degli aspetti formali della LS (con picchi nella </p> <p>terza e nella quinta classe) e il creare interesse e favorire la partecipazione (con valori piuttosto </p> <p>stabili e un picco in quarta). </p> <p> I ruoli in assoluto meno scelti sono: valutare i risultati degli studenti (con un decremento </p> <p>costante dalla prima alla quinta classe); decidere i materiali e le attivit che devono svolgere gli studenti; insegnare un metodo di studio. </p> <p> Il ruolo di stimolare gli studenti ad usare la lingua straniera il pi possibile registra un picco nella terza classe. </p> <p>IMPARARE LE LINGUE STRANIERE A SCUOLA </p> <p>Un sondaggio delle convinzioni di studenti e insegnanti </p> <p> Luciano Mariani 2010 www.learningpaths.org/convinzioni </p> <p>3</p> <p>4. Che ruolo dovrebbe avere lo studente? </p> <p>32,229</p> <p>2017,218,2</p> <p>30</p> <p>39,732,5</p> <p>3938,5</p> <p>70,2</p> <p>57,2</p> <p>66,7</p> <p>51,759</p> <p>43</p> <p>52,251,748,250,7</p> <p>3238 39</p> <p>30,5</p> <p>19,2</p> <p>0</p> <p>20</p> <p>40</p> <p>60</p> <p>80</p> <p>I II III IV V I II III IV V I II III IV V I II III IV V I II III IV V</p> <p> a. Seguire </p> <p>costantemente </p> <p>le indicazioni </p> <p>degli insegnanti </p> <p>b. Fare molta </p> <p>pratica con le </p> <p>strutture, i </p> <p>vocaboli, la </p> <p>pronuncia </p> <p>c. Studiare con </p> <p>regolarit e </p> <p>impegno </p> <p>d. Prestare </p> <p>attenzione in </p> <p>classe </p> <p>e. Partecipare </p> <p>attivamente alle </p> <p>lezioni </p> <p>19,220,2</p> <p>28,5</p> <p>45</p> <p>28,7</p> <p>4 5 1,5 3,2 2</p> <p>43</p> <p>30,7</p> <p>41,244,7</p> <p>49</p> <p>2427</p> <p>17,5 19</p> <p>26,2</p> <p>0</p> <p>10</p> <p>20</p> <p>30</p> <p>40</p> <p>50</p> <p>60</p> <p>I II III IV V I II III IV V I II III IV V I II III IV V</p> <p> f. Cercare di usare la </p> <p>lingua straniera il pi </p> <p>possibile </p> <p>g. Valutare i propri </p> <p>risultati </p> <p>h. Sfruttare i propri </p> <p>punti di forza e </p> <p>cercare di migliorare </p> <p>gli aspetti in cui si </p> <p>pi deboli </p> <p>i. Diventare </p> <p>consapevole delle </p> <p>proprie preferenze circa </p> <p>i modi di imparare, </p> <p>scoprendo cos man </p> <p>mano le strategie per s </p> <p>pi efficaci </p> <p> I ruoli in assoluto pi scelti sono: limpegno (con due picchi nella prima e nella terza classe), il </p> <p>prestare attenzione in classe e lo sfruttare i propri punti di forza migliorando gli aspetti deboli </p> <p>(con un decremento consistente nella seconda classe). </p> <p> Il ruolo in assoluto meno scelto valutare i propri risultati, con percentuali minime in tutte le </p> <p>classi. Seguono il seguire costantemente le indicazioni degli insegnanti e il diventare consapevole delle proprie preferenze (ma con percentuali molto pi alte). </p> <p> Il cercare di usare la lingua straniera il pi possibile registra un picco nella quarta classe. </p> <p>IMPARARE LE LINGUE STRANIERE A SCUOLA </p> <p>Un sondaggio delle convinzioni di studenti e insegnanti </p> <p> Luciano Mariani 2010 www.learningpaths.org/convinzioni </p> <p>4</p> <p>5. Pensi che studiare pi lingue contemporaneamente aiuti oppure ostacoli lapprendimento? </p> <p>43,5</p> <p>65</p> <p>54,8</p> <p>35,339</p> <p>29,5</p> <p>16</p> <p>28,535,232,2</p> <p>27</p> <p>1916,7</p> <p>29,528,8</p> <p>0</p> <p>10</p> <p>20</p> <p>30</p> <p>40</p> <p>50</p> <p>60</p> <p>70</p> <p>I II III IV V I II III IV V I II III IV V</p> <p> a. Ostacola ogni lingua </p> <p>diversa, ha le sue </p> <p>caratteristiche </p> <p>b. Non ha nessuna influenza </p> <p>c. Aiuta pi facile per chi </p> <p>conosce una lingua impararne </p> <p>unaltra </p> <p> In tutte le classi la scelta della maggioranza per un valore neutrale o negativo dello studiare </p> <p>pi lingue. </p> <p> La scelta favorita che il plurilinguismo ostacoli lapprendimento, con un andamento </p> <p>altalenante e un picco nella seconda classe. </p> <p> Allopposto, la scelta che il plurilinguismo favorisca lapprendimento comunque condivisa da </p> <p>una percentuale abbastanza consistente, paragonabile alla scelta centrale della neutralit, e con </p> <p>valori decrescenti dalla prima alla terza classe e crescenti in quarta e quinta. </p> <p>6. Secondo te si impara meglio e pi in fretta una lingua straniera studiando da soli o con altri? </p> <p>9,29,2 8 10,59,5</p> <p>23,52728,7</p> <p>12,211,7</p> <p>2829,523,8</p> <p>50,548,5</p> <p>28,530,528,7</p> <p>17,521,3</p> <p>10,8</p> <p>3,8</p> <p>10,89,3 9</p> <p>0</p> <p>10</p> <p>20</p> <p>30</p> <p>40</p> <p>50</p> <p>60</p> <p>I II III IV V I II III IV V I II III IV V I II III IV V I II III IV V</p> <p> a. Da soli </p> <p>b. A classe intera, </p> <p>insieme </p> <p>allinsegnante </p> <p>c. In vari modi a </p> <p>seconda </p> <p>dellattivit </p> <p>d. Con altri, ma a </p> <p>coppie o </p> <p>piccolissimi </p> <p>gruppi </p> <p>e. In gruppo </p> <p> La scelta centrale favorita solo nella quarta e quinta classe. Le altre scelte raccolgono valori </p> <p>abbastanza uniformi (tra b) e d) e tra a) e e) ). </p> <p> Si tratta nel complesso di posizioni molto variegate: ad esempio, nella terza classe circa un terzo </p> <p> per il lavoro a classe intera, un terzo per il lavoro con altri ma a piccoli gruppi, e un quarto per </p> <p>vari modi a seconda dellattivit. </p> <p> Da segnalare il decremento della scelta a classe intera, insieme allinsegnante nelle classi </p> <p>quarta e quinta. </p> <p> La scelta del lavoro in gruppo supera di poco il 10% nella prima e terza classe, ma registra un </p> <p>minimo nella seconda classe.</p> <p>IMPARARE LE LINGUE STRANIERE A SCUOLA </p> <p>Un sondaggio delle convinzioni di studenti e insegnanti </p> <p> Luciano Mariani 2010 www.learningpaths.org/convinzioni </p> <p>5</p> <p>7. Quando uno studente dovrebbe cominciare ad usare attivamente la lingua che sta imparando? </p> <p>39,5</p> <p>29,2</p> <p>22,218,220,3</p> <p>37,7</p> <p>49,2</p> <p>40 41 42</p> <p>22,821,6</p> <p>37,840,8</p> <p>37,7</p> <p>0</p> <p>10</p> <p>20</p> <p>30</p> <p>40</p> <p>50</p> <p>60</p> <p>I II III IV V I II III IV V I II III IV V</p> <p> a. Solo dopo che si </p> <p>costruita una buona base di </p> <p>grammatica, di vocabolario </p> <p>e di pronuncia </p> <p>b. Il pi presto possibile, ma </p> <p>tenendo conto del livello a cui </p> <p>si arrivati </p> <p>c. Subito, anche correndo il </p> <p>rischio di fare errori e di non </p> <p>capire o farsi capire in tutte le </p> <p>situazioni </p> <p> Le posizioni sono variegate, con valori distribuiti in modo relativamente uniforme sulle tre </p> <p>scelte. </p> <p> La scelta solo dopo che si costruita una buona base di grammatica, di vocabolario e di pronuncia registra un progressivo decremento dalla prima alla quarta classe, mentre la scelta opposta registra un </p> <p>andamento tutto sommato crescente (con lievi decrementi in seconda e in quinta). </p> <p> La scelta centrale si mantiene stabile, con un picco nella seconda classe. </p> <p>8. Quando si fanno degli errori, che cosa vuol dire? </p> <p>1,2 4,52,7 0 07,2 5,5 2,8 2 2,3</p> <p>39,2</p> <p>26,831</p> <p>2732,7</p> <p>52,3</p> <p>63,263,571</p> <p>65</p> <p>0</p> <p>20</p> <p>40</p> <p>60</p> <p>80</p> <p>I II III IV V I II III IV V I II III IV V I II III IV V</p> <p> a. E una prova del </p> <p>proprio fallimento </p> <p>b. Vuol dire che non </p> <p>si studiato </p> <p>abbastanza </p> <p>c. Vuol dire che si ha </p> <p>bisogno di esercitarsi e </p> <p>di fare una revisione </p> <p>d. E naturale e </p> <p>inevitabile fare errori </p> <p>mentre si sta imparando </p> <p> La maggioranza decisamente per il carattere naturale degli errori, con un costante aumento </p> <p>dalla prima alla quarta classe. </p> <p> Le prime due posizioni raccolgono pochi consensi, mentre il bisogno di esercitarsi e rivedere </p> <p>registra un picco nella prima classe e un andamento leggermente altalenante nelle classi </p> <p>successive. </p> <p>IMPARARE LE LINGUE STRANIERE A SCUOLA </p> <p>Un sondaggio delle convinzioni di studenti e insegnanti </p> <p> Luciano Mariani 2010 www.learningpaths.org/convinzioni </p> <p>6</p> <p>9. Gli errori dovrebbero essere corretti dallinsegnante? </p> <p>14,8</p> <p>42,540,7</p> <p>32,530,3</p> <p>55,248,545,8</p> <p>40,5</p> <p>59,7</p> <p>26,2</p> <p>7,810,5</p> <p>24,2</p> <p>8,73,8 1,2 3 2,8 1,3</p> <p>0</p> <p>10</p> <p>20</p> <p>30</p> <p>40</p> <p>50</p> <p>60</p> <p>70</p> <p>I II III IV V I II III IV V I II III IV V I II III IV V</p> <p> a. S, sempre e </p> <p>subito, sua </p> <p>responsabilit farlo </p> <p>b. S, ma in modo diverso </p> <p>a seconda dei casi (per </p> <p>esempio, non </p> <p>interrompendo uno </p> <p>studente che sta parlando) </p> <p>c. No, per </p> <p>dovrebbero essere </p> <p>segnalati allo </p> <p>studente, in modo che </p> <p>possa porvi rimedio </p> <p>d. No, col tempo si </p> <p>impara ad essere pi </p> <p>corretti </p> <p> Estremamente limitata la scelta estrema: la figura dellinsegnante risulta sempre centrale. </p> <p> La maggioranza per modalit di correzione diversificate, ma con un decremento dalla prima </p> <p>alla quarta classe e un deciso aumento in quinta. </p> <p> E per consistente anche il numero delle scelte centrate sulla responsabilit totale </p> <p>dellinsegnante, con un aumento molto significativo dalla prima alla seconda classe e valori poi </p> <p>decrescenti ma sempre importanti (almeno un terzo). </p> <p> Molto altalenante la scelta No, per dovrebbero essere segnalati allo studente, con picchi nella </p> <p>prima e nella quarta classe e valori molto inferiori nelle altre classi. </p> <p>10. Pensi che una persona possa capire da sola se e quanto ha imparato? </p> <p>4,510,8</p> <p>3 4,7 3 6 6,76,7 2 2,8</p> <p>5962,566,8</p> <p>56,5</p> <p>80,7</p> <p>30,52023,5</p> <p>36,8</p> <p>13,5</p> <p>0</p> <p>20</p> <p>40</p> <p>60</p> <p>80</p> <p>100</p> <p>I II III IV V I II III IV V I II III IV V I II III IV V</p> <p> a. No, la valutazione </p> <p>spetta solo </p> <p>allinsegnante </p> <p>b. No, quello che </p> <p>conta sono i risultati </p> <p>delle verifiche e degli </p> <p>esami </p> <p>c. S, per per avere </p> <p>una conferma bisogna </p> <p>confrontare il proprio </p> <p>giudizio con quello di </p> <p>altri (dellinsegnante, </p> <p>dei compagni ) </p> <p>d. S, basta riflettere sui </p> <p>propri risultati man </p> <p>mano che procede il </p> <p>lavoro </p> <p> Si segnala lassoluta preminenza della necessit di un confronto con fonti di informazione </p> <p>esterne e il rifiuto abbastanza netto di una valutazione riservata solo allinsegnante o basata </p> <p>soltanto su verifiche ed esami. </p> <p> Il consenso invece abbastanza significativo per laltra posizione estrema basta riflettere sui </p> <p>propri risultati), con un andamento altalenante e due picchi nella prima e quarta classe. </p>

Recommended

View more >