Ingegneria dell'Informazione - Sapienza Università di Roma ... cdainformazione/uploads/Didattica/Teoria…

  • Published on
    15-Feb-2019

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Transcript

<p>TDS1</p> <p>Docenti:Home Page del corso di Teoria Dei Segnali modulo I (5 crediti), erogato presso la sede di Latina per i corsi Laurea dellarea di Ingegneria</p> <p>dellInformazione (Elettronica, Informatica, Telecomunicazioni).</p> <p>Nicola Cordeschi: cordeschi [at] infocom [dot] uniroma1 [dot] itLoreto Pescosolido: loreto [at] infocom [dot] uniroma1 [dot] it</p> <p>Salvo indisponibilit di aule le date per lappello di marzo sono il 14 e 18 marzo 2011. Gli studenti sonocomunque invitati a verificare data e ora la settimana precedente.</p> <p>matricola esito</p> <p>795124 26</p> <p>1187825 27</p> <p>1197890 23</p> <p>798352 respinto</p> <p>801441 respinto</p> <p>1140813 18</p> <p>1161246 28</p> <p>1097033 18</p> <p>La verbalizzazione avverr il 14 in concomitanza con il secondo appello (data, ora e aula da confermare).</p> <p>Gli studenti che hanno necessit di comunicare in anticipo lesito dellesame in segreteria perlimminente seduta di laurea sono pregati di inviare una email al Prof. Pescosolido che provveder adanticipare alla segreteria il voto conseguito.</p> <p>Previa prenotazione via e-mail da parte degli studenti, effettueremo ricevimento studenti dalle ore 9:30alle ore 11:30 nei giorni seguenti:</p> <p>marted 8-02marted 15-02mercoled 2-03mercoled 9-03</p> <p>saremo presenti in ciascuna data se avremo ricevuto una prenotaione via e-mail con nome e cognome da</p> <p>Ingegneria dell'Informazione - Sapienza Universit di Roma - Sede di La... http://infocom.uniroma1.it/cdainformazione/TDS1/Home</p> <p>1 of 4 10/03/2011 18.13</p> <p>parte di almeno uno studente per quella data.</p> <p>T. Bucciarelli, S. Barbarossa, Lezioni di Teoria dei Seganali - Segnali Certi, edizioni Ingegneria2000M. Luise, M.G. Vitetta, Teoria dei Segnali, 3a Edizione, McGraw-Hill, 2009Dispense integrative sui processi aleatori.Gli studenti che non hanno seguito il corso nellanno accademico 2009/2010, possono basare lapreparazionesulla parte di programma relativa ai processi aleatori in banda traslata, sul Capitolo 9 del testoG. Scarano, Lezioni di Rivelazione e Stima, in vendita presso leconomato de La Sapienza</p> <p>Nella pagina Testi Esame sono presenti alcuni esercizi desame con soluzione proposta.</p> <p>- Nuovi Testi desame -- Nella pagina Testi Esame sono presenti alcuni nuovi testi desame relativi agli appelli dellannoaccademico in corso.</p> <p>- Risultati Appello del 18 - 24 Settembre 2010 -Nella pagina Risultati Appelli presente lesito dellappello di Luglio</p> <p>- Risultati Appello del 20 - 23 Luglio 2010 -Nella pagina Risultati Appelli presente lesito dellappello di Luglio</p> <p>La verbalizzazione avverr a settembre. Gli studenti che hanno superato la prova sono invitati acomunicare entro il 2 agosto 2010 laccettazione o meno del voto.</p> <p>- Risultati Appello del 25 Giugno - 1 Luglio 2010 -Nella pagina Risultati Appelli presente lesito dellappello di Giugno</p> <p>La verbalizzazione avverr il giorno marted 20 luglio alle ore 12 (prima dello scritto del secondo appello).</p> <p>Lesame consiste in due prove scritte, di durata compresa tra 1 ora e mezza e 2 ore, e distanziate neltempo di qualche giorno. La prima prova comprende domande di teoria a risposta libera, la secondaesercizi.</p> <p>A valle della correzione delle prove scritte, a discrezione dei docenti, potrebbe essere richiesta unaulteriore verifica orale.</p> <p>(Prof. Nicola Cordeschi)</p> <p>Ingegneria dell'Informazione - Sapienza Universit di Roma - Sede di La... http://infocom.uniroma1.it/cdainformazione/TDS1/Home</p> <p>2 of 4 10/03/2011 18.13</p> <p> Introduzione allo studio dei segnaliClassificazione dei segnali. Segnali di energia e di potenza. Segnali tempo-discreti e tempo-continui.Segnali certi e segnali aleatori. Propriet elementari dei segnali. Segnali notevoli: gradino, esponenzialemonolatero, seno e coseno, esponenziale complesso. Rappresentazione discreta dei segnaliRichiami di Algebra. Spazi vettoriali. Spazi metrici, spazi normati e spazi dotati dei prodotto scalare(Hilbertiani e pre-Hilbertiani). Spazio dei segnali. Prodotto scalare tra segnali. Sviluppo su una baseortogonale. Basi ortonormali complete. Teorema della proiezione. Teorema di Parseval. Segnali periodici a tempo continuoAnalisi armonica dei segnali periodici. Sviluppo in serie di Fourier in forma rettangolare, polare econplessa. Il criterio di Dirichlet. Spettro di Ampiezza e di fase. Propriet di un segnale reale periodico.Segnali pari e dispari. Sintesi del segnale con un numero limitato di armoniche. Segnali aperiodici a tempo continuo La trasformata di Fourier, definizione, propriet, criteri di esistenza. Calcolo dei coefficienti dellosviluppo in serie di Fourier ricorrendo alla trasformata. Simmetrie degli spettri, segnali pari e segnalidispari. Teoremi sulla trasformata di Fourier: linearit, dualit, ritardo, cambiamento di scala,modulazione. Teoremi di derivazione e integrazione. Correlazione e Convoluzione: definizioni, calcolo, propriet, interpretazione grafica. Autocorrelazione ecrosscorre- lazione per segnali di energia e di potenza. Teorema del prodotto e teorema dellaconvoluzione. Trasformata di Fourier generalizzata. Limpulso di Dirac: definizione, propriet, trasformata.Trasformate notevoli: funzione segno, gradino matematico e teorema di integrazione completo.Trasformata di Hilbert. Trasformata gener- alizzata per segnali periodici. Sistemi monodimensionali a tempo continuo Caratterizzazione dei sistemi a tempo continuo. Propriet. Linearit, permanenza, causalit, stabilit.Caratterizzazione e analisi dei sistemi lineari e permanenti (LP). Risposta impulsiva e funzione ditrasferimento. Proprit della funzione di trasferimento. Sistemi idealmente e fisicamente realizzabili.Risposta indiciale. Legame tra le correlazioni di ingresso e di uscita ad un sistema LP. Analisi armonicageneralizzata. Densit spettrale di energia e di potenza, definizioni, propriet. Il teorema di Wiener-Khintchine. Densit spettrale di potenza dei segnali periodici. I Filtri. Generalit, filtri passa-basso,passa-alto, passa-banda. Filtro RC passa-basso e passa-alto. Transito nei sistemi non lineari, cenni.Sistemi non-lineari istantanei. Il campionamento e problemi relativi Campionamento e ricostruzione di un segnale. Circuito di tenuta e modello circuitale ideale di uncircuito di campionamento. Spettro di un segnale di energia campionato. Il fenomeno dellaliasing.Ricostruzione. Interpolaziuone e mantenimento. Condizione di Nyquist e interpolazione cardinale. Ilteorema del campionamento. Spettro di un segnale campionato e tenuto. Realizzazione dei filtri esovracampionamento. Lautocorrelazione di un segnale di potenza campionato.</p> <p>(Prof. Loreto Pescosolido)</p> <p> Richiami di calcolo delle probabilit Esperimenti Aleatori: spazio campione, spazio degli eventi, probabilit degli eventi. Assiomi dellateoria della probabilit. Probabilit di eventi unione e intersezione. Eventi condizionati e loro probabilit.Teorema di Bayes. Teorema delle Probabilit totali. Variabili aleatorie: rappresentazione degli eventi nello spazio di una variabile aleatoria unidimensionaleo N-dimensionale. Variabili aleatorie continue, discrete, miste. Funzione di distribuzione e sue propriet.Funzione densit di probabilit e sue propriet. Indici statistici principali: valore medio, valorequadratico medio, varianza, matrice di correlazione, matrice di covarianza. Coefficiente di correlazionetra due variabii aleatorie. Distribuzioni e densit di probabilit condizionate. Densit di probabilit</p> <p>Ingegneria dell'Informazione - Sapienza Universit di Roma - Sede di La... http://infocom.uniroma1.it/cdainformazione/TDS1/Home</p> <p>3 of 4 10/03/2011 18.13</p> <p>marginali. Teorema di Bayes e Teorema delle probabilit Totali. Trasformazione di variabili aleatorie. Variabili aleatorie Gaussiane: forma standard di Gaussiane 1-dimensionale, bidimensionale,N-dimensionale. Calcolo della densit di probabilit marginale e condizionata. Calcolo del coefficiente dicorrelazione. Densit di probabilt pi comuni. Processi Aleatori Definizione. Gerarchie di ordine N. Stazionariet in senso stretto. Indici statistici principali: valormedio istantaneo, potenza media statistica istantanea, varianza, correlazione statistica, covarianzastatistica. Stazionariet in senso lato. Ciclostazionariet. Teorema Fondamentale del valore atteso. Transito di un processo aleatorio in un sistema lineare e permanente: crosscorrelazione tra i processiingresso- uscita e autocorrelazione del processo alluscita. Il caso di processi stazionari. Condizione per ilmantenimento della stazionariet in senso lato. Il caso dei processi Gaussiani. Esempi: derivatore,integratore a finestra mobile. Trasformazioni istantanee: rivelatore quadratico. Il caso di processi Gaussiani. Spettro di densit di potenza di un processo aleatorio. Spettro di densit di potenza di un processoaleatorio stazionario in senso lato. Teorema di Wiener-Kintchine. Ergodicit Processi Aleatori Ciclostazionari. Stazionarizzazione di un processo tramite introduzione di unosfasamento aleatorio. Treno di impulsi con sfasamento aleatorio: Valore medio e autocorrelazionestatistica. Prodotto di processi stazionari: propriet statistiche. Campionamento tramite un treno diimpulsi stazionario di Processi Aleatori: Valore medio, autocorrelazione statistica, e S.d.P del processocampionato. Segnali e processi aleatori passa-banda (modulati)Introduzione alla modulazione. Dimensioni delle antenne e multiplazione dei segnali. Espressionegenerica di un segnale modulato. Espressione polare. Espressione in funzione di seno e coseno.Inviluppo reale (Ampiezza); fase istantanea e deviazione istantanea di fase; frequenza istantanea edeviazione istantanea di frequenza. Modulazioni AM, PM, e FM: come inserire dellinformazione in unsegnale modulato. Esempio di spettro di un segnale modulato in ampiezza. Spettro di un segnalemodulato in frequenza, un esempio: spettro di una sinusoide modulata, allargamento della banda.Segnale analitico positivo e inviluppo complesso. Trasformata di Hilbert. Componenti Analogiche diBassa Frequenza.Estrapolazione delle CABF da un segnale o processo modulato: Schemi a blocchi (di principio): tramitefiltro di Hilbert; tramite demodulazione.Transito di segnali o processi modulati in sistemi lineari e permanenti. Relazioni ingresso-uscita per:Segnale analitico positivo, Inviluppo complesso, Componenti Analogiche di bassa Frequenza (CABF).Processi Passa- Banda: condizioni sulle propriet statistiche delle CABF, per avere un processo passabanda stazionario alluscita (con dimostrazione). Onda PAMValore medio nel caso generale. Valore medio e autocorrelazione statistica nei casi di: 1) sequenza deisimboli stazionaria, 2) sequenza di simboli statisticamente indipendenti.</p> <p>Ingegneria dell'Informazione - Sapienza Universit di Roma - Sede di La... http://infocom.uniroma1.it/cdainformazione/TDS1/Home</p> <p>4 of 4 10/03/2011 18.13</p>

Recommended

View more >