La Bacheca del Sesto Milium (2008/09, n.08)

  • Published on
    17-Mar-2016

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Bollettino del Rotary Club "Sesto Milium - Centenario" (Maggio 2009)

Transcript

<ul><li><p> 1 </p><p> Bollettino n. 8 del Rotary Club Sesto Milium Centenario - Distretto 2040 </p><p>Domenica 17 maggio 2009 Anno Rotariano 2008/2009 </p><p>La lettera del Presidente </p><p>Ernesto se ne andato. Improvvisamente. </p><p>La sera avevamo discusso di calcio come quasi sempre accadeva e </p><p>ceravamo salutati confidando nei risultati della nostra squadra del cuore: lInter. La mattina ecco, la mattina la discussione non ha pi potuto proseguire. Eppure anche sul futuro neroazzurro avevamo idee </p><p>differenti che avrebbero meritato approfondimento: mentre scrivo </p><p>mi sembra uningiustizia sapere che non avremo pi loccasione di dibattere il miglior modo per essere sempre i pi bravi. </p><p>Avevamo poco in comune oltre alla passione per la nostra squadra. La pratica </p><p>sportiva era diversa, le idee politiche spesso opposte, i discorsi maschilisti da </p><p>spogliatoio, con argomento le donne, frequenti ma non coincidenti. Il concetto stesso </p><p>di famiglia era differente: lui senza figli per univoca decisione io convinto che una </p><p>famiglia non pu prescindere dalla loro presenza. </p><p>Eravamo amici e levidenziazione di queste nostre diversit attraverso accalorate difese delle proprie idee ora mi manca. </p><p>Paul Harris diceva che il Rotary nasce con lamicizia: ancora una volta occorre ammettere che aveva colto nel segno dando a questo sentimento limportanza che merita. Quello che forse non diceva che lamicizia pu, o forse deve, svilupparsi </p><p>partendo proprio dalla diversit dei singoli individui e dal confronto, anche </p><p>accalorato, ma genuinamente sincero delle idee e delle convinzioni di ciascuno. </p><p>Lamicizia non pu prescindere infatti dalla diversit: se amici lo fossero solo persone con idee e pensieri coincidenti ogni incontro si concluderebbe in una </p><p>monotona e banale auto incensazione di ognuno dei presunti amici. Ecco perch gli </p><p>incontri rotariani, conviviali o caminetti che siano, sono utili, vorrei dire </p><p>indispensabili, per lo sviluppo di un Club Rotariano che basa quasi tutto sulla </p><p>amicizia e sulle diverse conoscenze e professionalit. E con la discussione e con il confronto che ci si arricchisce caratterialmente e culturalmente. Saper riflettere su </p><p>ci che si visto o sentito implica per possedere umilt, un altro sentimento che fa </p><p>parte del bagaglio di quasi tutti i Grandi della Storia. La presunzione di avere </p><p>sempre ragione spesso allontana. La disponibilit ad ammettere di non essere </p><p>sempre dalla parte del giusto avvicina. </p><p>Ernesto cercava sempre di far cambiare le idee a chi lo ascoltava ma era sempre </p><p>disponibile a modificare le proprie. </p><p>Non credo di poter fare ai soci del Sesto Milium Centenario augurio pi grande di </p><p>quello di avere incontri frequenti con vivaci scambi di idee che per si concludano </p><p>sempre con un caloroso amichevole abbraccio. </p><p>La Bacheca del </p><p>Sesto Milium </p><p>PRESIDENTE </p><p>Sergio Airaghi </p><p>Mail: sergio.airaghi@fastwebnet.it </p><p>INCOMING PRESIDENT </p><p>Pier Mario Biava </p><p>biava@tiscali.it </p><p>VICE PRESIDENTE </p><p>Giuseppe Cassina </p><p>Mail: gcassina@bancafideuram.it </p><p>SEGRETARIO </p><p>Mario Santi </p><p>Mail:m.santi@fumagallisalumi.it </p><p>PREFETTO </p><p>Alberto Ceppi </p><p>Mail: albceppi@tin.it </p><p>VICE PREFETTO </p><p>Stefania Vangeli </p><p>Mail: stefifania@yahoo.it </p><p>TESORIERE </p><p>Fausto DellOrto Mail: dellortonovara@libero.it </p><p>RESPONSABILE R.F. </p><p>Andrea Fosco </p><p>Mail:andrea.fosco@gmail.com </p><p>REDAZIONE de LA BACHECA Andrea Fosco </p><p>SITO INTERNET </p><p>www.rotarysestomilium.it </p><p>SEDE: </p><p>Hotel Abacus Sesto S.G. RIUNIONI </p><p>Conviviali: 4 Marted </p><p>Caminetti: 1 e 3 Marted </p><p>ore 20,00 </p><p>Lamicizia stata la roccia sulla quale stato costruito il Rotary. La tolleranza ci che lo tiene unito </p><p>Paul P. Harris </p><p> Earth &amp; Environmental Ingegneria e Consulenza </p><p>Ambientale Sesto San Giovanni (MI) </p><p>- tel 02. 9288 9650 </p></li><li><p> 2 </p><p>Il violino: uno strumento musicale che si identifica con </p><p>l'Italia, e che ha visto risplendere nel nostro Paese non </p><p>solamente le dinastie degli inarrivabili liutai (Stradivari, </p><p>Guarnieri del Ges, Amati, ecc.) che ancora oggi </p><p>appaiono come dei modelli assoluti e - in fondo - un po' </p><p>misteriosi, ma anche i compositori-interpreti (Corelli, </p><p>Vivaldi, Locatelli, Tartini) che ne hanno decretato l'imperitura fortuna. </p><p>Ancora, fu proprio un violinista, </p><p>Niccol Paganini, a costituire il </p><p>modello ideale di tanti compositori-</p><p>pianisti romantici (Schumann e Liszt, per dire i maggiori). </p><p>Strumento - il violino - essenzialmente melodico, "cantante": </p><p>una sorta di soprano artificiale, capace di commuovere con la </p><p>dolcezza e l'intensit della propria voce come pure - affidato alle </p><p>giuste mani - di lasciare attoniti per il funambolico virtuosismo. </p><p>Normalmente, immaginiamo questo strumento inquadrato nello schieramento quasi </p><p>militare di un'orchestra sinfonica, oppure accompagnato da pochi amici fidati - un </p><p>pianoforte, altri due o tre archi. Ma esiste una sorta di "nicchia" nella quale i </p><p>compositori hanno voluto riservare a questo strumento un'area di predominio </p><p>assoluto; anzi, di solitudine. Quasi una stanza appartata nella quale sperimentare gli </p><p>ultimi limiti di quattro corde, sfregate dai crini di un archetto. In questa sorta di </p><p>vivaio segreto, hanno visto ugualmente la luce capolavori e futilit. Tra essi, un </p><p>monumento colossale si erge maestoso e tutti li sovrasta in una </p><p>luce abbagliante: si tratta delle Tre Sonate e Tre Partite "senza </p><p>basso accompagnato" che Johann Sebastian Bach (1685-1750) </p><p>volle dedicare - nel suo servizio alla corte di Kthen, intorno al </p><p>1720 - al relativamente giovane strumento italiano. Uno </p><p>stupefacente miscuglio di idee caleidoscopiche, sapienza </p><p>artigianale, vertiginoso virtuosismo, profondit insondabile </p><p>che assicura a queste opere un posto incancellabile nel </p><p>patrimonio musicale della civilt occidentale. </p><p>Chi vorr, avr la fortuna di poter ascoltare questi brani straordinari (le Partite II e </p><p>III) nell'interpretazione di uno dei pi quotati artisti italiani in campo internazionale: </p><p>il violinista Marco Rizzi. L'occasione costituita dal concerto che si terr, con </p><p>l'organizzazione dell'Accademia Musicale G.Marziali di Seveso, nella chiesa di S. Maria Assunta in Sesto S.Giovanni (MI), gioved 4 giugno 2009, alle ore 20.45. </p><p>Umberto Bombardelli </p><p>Prossimi appuntamenti per i soci del Sesto Milium </p><p>Marted 19 Maggio: Hotel Barone di Sassj - ore 20,00 </p><p>Conviviale: Illustrazione del Progetto Quartiere Caltacity Relatore: Ing. Edoardo Caltagirone (Presidente dellomonimo Gruppo), </p><p>Ospiti: Arch. Prof. Paolo Portoghesi (Progettista del Quartiere </p><p>Caltacity), Dott. Sergio Schieppati (Consigliere del Gruppo </p><p>Banca Popolare), Dott. Roberto Ferrario (Direttore Grandi </p><p>Imprese BPM) </p><p>Sabato 23 Maggio: Sesto S.G., Piazza Petazzi - ore 09,00 / 19,00 </p><p>Banchetto per la vendita di Giaconette e cd </p><p>Ricavato in favore della Fondazione Grazia Focacci </p><p>Spazio alla musica del Sesto Milium: Su ben temprate corde </p><p>19 Maggio:Illustrazione </p><p>del Progetto Quartiere </p><p>Caltacity ad opera </p><p>dellIng. Caltagirone </p><p>La nostra consueta </p><p>rubrica mensile </p><p>Il violino: una sorta di </p><p>soprano artificiale </p></li><li><p> 3 </p><p>Lemergenza giovani uno dei problemi pi allarmanti che turbano la societ di oggi: da una parte si evidenzia sempre pi la drammatica realt di bambini </p><p>maltrattati, trascurati, vittime di ignobili abusi; dallaltra si moltiplicano gli esempi di adolescenti che annegano la loro depressione nellautodistruzione o sfogano la loro aggressivit nel bullismo, negli stupri di gruppo, in atti di inaudita ferocia verso i pi </p><p>deboli fino ad arrivare alla criminalit vera e propria. </p><p>E a questi minori (bambini che hanno avuto la sfortuna di nascere in un nido sbagliato, adolescenti che, mai o quasi mai per loro colpa, sono pi di altri esposti al </p><p>rischio di emarginazione o di devianza) che i Rotary </p><p>Club del Distretto 2040 - e fra questi, fin dalla sua </p><p>nascita, il Sesto Milium Centenario- offrono il loro </p><p>aiuto attraverso lazione del CAM (Centro Ausiliario </p><p>per i Problemi Minorili).</p><p>Missione del CAM svolgere gratuitamente le attivit </p><p>e i servizi che gli sono richiesti dal Tribunale per i Minorenni e dagli Enti Locali e </p><p>nel corso degli anni si ramificata in svariate iniziative per la tutela dei minori, </p><p>accompagnandoli dalla prima infanzia fino allingresso nella maggiore et. </p><p>Come e nato il CAM? </p><p>Il CAM nato quasi per caso nel 1969 (questanno dunque ricorre il suo quarantesimo compleanno) per rispondere ad una esigenza di supporto </p><p>straordinario del Tribunale per i Minorenni di Milano in occasione della nuova </p><p>legge sulle adozioni speciali. Fu il Rotary Club Milano (ecco evidenziarsi lorigine tutta rotariana del CAM) ad organizzare questa collaborazione, rivelatasi cos </p><p>valida che il Tribunale stesso chiese di renderla permanente, assumendo veste </p><p>ufficiale nel 1975 come CAM, Onlus. </p><p>Agli inizi fu il solo Milano a prendersi limpegno di sostenere il CAM; ma lampliarsi dei campi dazione e del territorio in cui il CAM operava richiedeva ormai un maggior sostegno economico e operativo e la richiesta daiuto non rest inascoltata. Nacquero cos gli Amici del CAM: Associazione tutta rotariana, rivolta ai Club Rotary, Rotaract </p><p>e Inner Wheel, la cui missione contribuire alle necessit </p><p>economiche e operative del CAM e svolgere unazione promozionale per farne conoscere le finalit e le iniziative. </p><p>Era lanno 1989: quest anno, dunque, compiamo ventanni. </p><p>In quali campi agisce il CAM? </p><p>Essenzialmente tre: lambiente familiare, il mondo della scuola, laddestramento al lavoro. </p><p>Elenchiamo qui, in modo schematico, i vari servizi offerti dal CAM per contrastare il </p><p>disagio giovanile: </p><p>Servizio Affidi Familiari: reperisce, seleziona e prepara al difficile compito le </p><p>famiglie affidatarie, propone gli abbinamenti opportuni, segue e sostiene la famiglie durante tutto il periodo dellaffido. </p><p>Servizio Scuola: ha reso operativa una preziosa collaborazione con le scuole </p><p>materne, elementari e medie, i cui insegnanti sono ormai in prima linea </p><p>nellaffrontare il disagio minorile. A tal fine funzionante una segreteria telefonica, cui possono rivolgersi i docenti per le segnalazioni di reale o sospetto disagio. </p><p>Grande successo sta avendo uniniziativa degli ultimi anni, con i corsi di aggiornamento per insegnanti sul tema del disagio giovanile. </p><p>Alcuni Rotary Club hanno scelto di offrire tali Corsi alle scuole del loro territorio. </p><p>Il Rotary per i Minori in difficolt: il CAM </p><p>Il Rotary e lemergenza minori in difficolt </p><p>Il RC Sesto Milium </p><p>Centenario ha, sin dalla </p><p>sua nascita, sostenuto </p><p>lopera del CAM </p><p>attraverso lAssociazione Amici del CAM, nata nel 1989 </p></li><li><p> 4 </p><p>Servizio Borse di Addestramento al Lavoro: affronta in modo concreto il problema degli adolescenti in un momento di crisi, che rischiano </p><p>di uscire dalla minore et senza una preparazione al lavoro e </p><p>quindi facilmente indirizzati alla devianza. A tal fine: reperisce </p><p>datori di lavoro disposti, senza onere finanziario e assicurativo, </p><p>ad addestrare i giovani, segue il percorso del minore durante </p><p>tutto il tirocinio e versa al minore, quale incentivo, un piccolo </p><p>compenso (la Borsa). Per minori particolarmente dotati sono a disposizione anche Borse di Studio. </p><p>Rifornimento in volo: il Servizio attraverso il quale il CAM mantiene i contatti con i ragazzi al termine del periodo della Borsa, offrendo in caso di necessit un aiuto per superare eventuali momenti di difficolt. </p><p>Il Bed and Breakfast protetto affronta il problema degli adolescenti che, superato il momento di crisi, non hanno tuttavia la maturit o la possibilit di vivere </p><p>autonomamente. Per questi ha organizzato una forma di ospitalit familiare retribuita </p><p>(a carico dei Servizi Sociali) preso famiglie ritenute idonee. Il CAM garantisce </p><p>qualit, formazione e assistenza alle famiglie ospitanti. </p><p>LUfficio Legale: impegnato a titolo gratuito nellassistenza ai minori e alle loro famiglie in materia civile e penale; mentre </p><p>lultimo nato, il Counseling, indirizzato alle coppie o ai singoli coniugi con figli minori, che sentono avviato alla crisi il proprio </p><p>legame, per aiutarli a risolvere il loro problema nel modo pi </p><p>consono allinteresse dei figli minori. </p><p>Concludiamo con le parole dette anni fa da uno dei pi illustri </p><p>magistrati milanesi, Adolfo Beria DArgentine: La illuminata iniziativa del Rotary, realizzata attraverso listituzione del CAM, ha dato frutti preziosi, la cui validit riconosciuta non solo dagli esperti del settore, ma da tutti coloro che </p><p>nella nostra citt si interessano ai problemi sociali. </p><p>Le nuvole che oscurano i cieli di tutto il mondo preoccupano anche noi volontari, animati </p><p>da grande entusiasmo, ma dipendenti, per il nostro lavoro, dai contributi delle Istituzioni e </p><p>dalla generosit degli amici. Le Amministrazioni pubbliche, sempre in ristrettezze, riducono </p><p>al minimo le convenzioni, le Fondazioni erogano contributi, sempre parziali, solo per </p><p>progetti innovativi e noi non intendiamo abbandonare modelli collaudati che vanno </p><p>incontro ai bisogni urgenti (bambini in affido, adolescenti bisognosi di lavoro e soluzioni </p><p>abitative, e cos via). </p><p>Restate voi amici, per la maggior parte fedeli e comprensivi delle aumentate esigenze, a </p><p>volte un po distratti o impegnati su altri fronti. A voi soprattutto mi rivolgo per pregarvi di restare al nostro fianco. Se voi conosceste, come noi, le mille storie che ci giungono ogni </p><p>giorno sui diritti negati a uninfanzia che ha la sola colpa di essere infelice, se voi leggeste le relazioni degli assistenti sociali su situazioni inimmaginabili, se voi vedeste la gioia e </p><p>lorgoglio dei ragazzi border-line salvati da un nostro intervento, sareste con noi in prima fila a lottare per loro. Non voltiamo la testa dallaltra parte per non vedere, non lasciamo la responsabilit ad altri, non chiudiamoci in unindifferenza autodifensiva; disegniamo insieme una traccia da seguire, costruiamo per loro un percorso pieno di speranza che li </p><p>porti a una vita normale. La parola normale per noi incolore, per loro il massimo delle aspirazioni. </p><p>Il terzo mondo non solo quello lontano, che noi giustamente aiutiamo; il terzo mondo </p><p>anche qui, nella ricca Milano dellExpo, in rioni degradati che non frequentiamo, in famiglie patologiche che non conosciamo, in contesti malavitosi che ci sono estranei. Molti </p><p>di questi ragazzi sono venuti da lontano per raggiungere un sogno: aiutiamoli. Lo scenario </p><p>che ci attende quello di una societ multiculturale e promuovere lintegrazione dei giovani nostro interesse primario, se vogliamo che essi non si perdano, ma entrino a </p><p>pieno diritto nella societ civile. Grazie per quanto avete fatto e per quanto farete Giovanna Burkhardt </p><p> (Presidente Comitato Operativo CAM) </p><p>Il CAM stata </p><p>unilluminata iniziativa del Rotary che ha dato </p><p>frutti preziosi </p></li><li><p> 5 </p><p>Elio Cerini stato per due volte Governatore del Distretto Rotary 2040, la </p><p>seconda delle quali nel </p><p>2004/2005, anno della </p><p>fondazione del nostro </p><p>Club, di cui Socio </p><p>onorario. E una delle personalit di maggior </p><p>spessore rotariano </p><p>nellambito del nostro Distretto, riconosciuto in </p><p>tutto il mondo, ed averlo </p><p>ospite alle nostre </p><p>convivial...</p></li></ul>