La Bacheca del Sesto Milium (2009/10, n.03)

  • Published on
    26-Mar-2016

  • View
    218

  • Download
    3

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Bollettino del Rotary Club "Sesto Milium - Centenario" (Novembre 2009)

Transcript

<ul><li><p> 1 </p><p> Bollettino n. 3 del Rotary Club Sesto Milium Centenario - Distretto 2040 </p><p>Gioved 5 Novembre 2009 Anno Rotariano 2009/2010 </p><p> La lettera del Presidente della Commissione per la cura e realizzazione del Progetto Associazione bambini cardiopatici nel mondo </p><p>Cari amici, </p><p>su proposta del nostro Presidente Pier Mario Biava, ratificato </p><p>del Consiglio Direttivo, si deciso di dare "giusta voce" ai </p><p>progetti e alle iniziative che il nostro club ha intenzione di </p><p>perseguire quest'anno nell'ambito dei service rotariani. </p><p>Prendendo spunto da una conviviale, organizzata dal nostro. </p><p>socio Andrea Garatti con un membro e collaboratore </p><p>dell'associazione "Bambini cardiopatici nel mondo onlus" il </p><p>nostro Club ha deciso di partecipare alliniziativa, individuando nel progetto Camerun un nuovo service. </p><p>Lidea iniziale stata pensata per unoperazione di Matching Grant coinvolgendo i Rotary Club del Gruppo dei Parchi al quale apparteniamo, un Rotary Club del Camerun e naturalmente la Rotary Foundation. Su consiglio del nostro Governatore </p><p>Dr. Magri, viste le difficolt momentanee della Fondazione dovute alla crisi </p><p>finanziaria del 2008, si convenuto di limitare la proposta di partecipazione al </p><p>service ai club del Gruppo dei Parchi. </p><p>Entrando nel merito del progetto vi rappresento alcuni dati: </p><p>- le cardiopatie congenite dei bambini sono la prima causa di morte </p><p>- vi sono dai 2 ai 6 milioni di casi in attesa di intervento </p><p>Il Camerun fa parte dei 40 paesi pi poveri del mondo dove il rapporto medio di un </p><p>chirurgo ogni milione di abitanti e un team cardochirurgico ogni 50 milioni di </p><p>abitanti. Il progetto nato nel 2001. Fautore delliniziativa il Dr. Alessandro Frigiola, primario cardiochirurgo neonatale al Policlinico San Donato. </p><p>Liniziativa riguarda non solo lallestimento delle sale operatorie in un vero e proprio ospedale ma la formazione professionale medica ed infermieristica e </p><p>naturalmente quella chirurgica. </p><p>La titanicit del progetto, lascia spazio a diversi interventi da parte dei Club </p><p>rotariani che aderiranno. La mia Commissione avr il compito di informare e </p><p>coinvolgere gli altri club ed identificare larea di intervento. Sar nostra cura tenere informati tutti i membri del R.C. Sesto Milium Centenario </p><p>sullevolversi delliniziativa. Dario Corbetta </p><p>La Bacheca del </p><p>Sesto Milium </p><p>PRESIDENTE </p><p>Pier Mario Biava </p><p>E-mail: biava@tiscali.it </p><p>VICE PRESIDENTE </p><p>Alberto Ceppi </p><p>E-mail: albceppi@tin.it </p><p>SEGRETARIO </p><p>Mario Santi </p><p>E-mail: m.santi@fumagallisalumi.it </p><p>PREFETTO </p><p>Stefania Vangeli </p><p>E-mail: stefifania@yahoo.it </p><p>TESORIERE </p><p>Fausto DellOrto E-mail: dellortonovara@libero.it </p><p>ROTARY FOUNDATION </p><p>Emanuele Borgonovo </p><p>E-mail: emanuele.borgonovo@uni-bocconi.it </p><p>INCOMING PRESIDENT </p><p>E-mail: Federico Santini </p><p>PAST PRESIDENT </p><p>Sergio Airaghi </p><p>E-mail: sergio.airaghi@fastwebnet.it </p><p>REDAZIONE de LA BACHECA Andrea Fosco </p><p>E-mail: andrea.fosco@gmail.com </p><p>SITO INTERNET </p><p>www.rotarysestomilium.it </p><p>SEDE: </p><p>Grand Hotel Barone di Sassj - Sesto S.G. </p><p>Sono le nostre azioni quotidiane, e le nostre decisioni quotidiane, a determinare il corso del Rotary per tutti noi. Il </p><p>Futuro del Rotary nelle vostre mani John Kenny </p><p> Earth &amp; Environmental Ingegneria e Consulenza </p><p>Ambientale Sesto San Giovanni (MI) </p><p>- tel 02. 9288 9650 </p></li><li><p> 2 </p><p>7 dicembre 2009: per l'ennesima volta si va in scena sulle auguste tavole del Teatro </p><p>alla Scala di Milano. La Carmen di George Bizet riempir </p><p>l'aria dei suoi intensi aromi mediterranei e tra i media - per </p><p>qualche giorno - circoleranno insistentemente parole quali </p><p>"passione", "sensualit", "seduzione" L'Ouverture e l'Habanera ci risuoneranno affascinanti pi che mai e un </p><p>piccolo brivido di piacere percorrer, ancora una volta, le nostre </p><p>schiene. </p><p>Ma altre sono le ragioni che dovrebbero farci sentire vicino quel </p><p>personaggio, ormai scivolato nel dorato limbo del Mito. Perch </p><p>il profilo di Carmen ci risulta cos stranamente </p><p>familiare? Dove l'abbiamo gi incontrata? Ma </p><p>certo! L'abbiamo vista protagonista di una </p><p>rissa al femminile all'uscita di una qualsiasi </p><p>scuola superiore milanese. L'abbiamo </p><p>osservata ancheggiare maliziosamente tra le </p><p>mura invisibili del Grande Fratello televisivo. </p><p>Forse, abita addirittura tra le pareti di casa </p><p>nostra: una ragazzina eternamente in bilico </p><p>tra il bisogno di tenerezza e un'aggressivit </p><p>esagerata. E il suo autore, Bizet, suo fratello: costantemente incerto sul valore di s </p><p>e della sua opera, bisognoso di continue conferme e sempre a disagio nel mondo </p><p>duramente organizzato del mercato artistico. </p><p>Ancora una volta, Stphane Lissner - per il quinto anno </p><p>Sovrintendente della prestigiosa Istituzione milanese - apre la </p><p>programmazione con un'opera che pare fatta apposta per </p><p>parlare, prima ancora che agli appassionati d'opera e a coloro </p><p>che - almeno per quella sera - si spacciano per tali, alle nuove </p><p>generazioni. Certo: sempre che vogliano porsi all'ascolto della </p><p>musica e del loro cuore. E cos viene loro nuovamente offerta </p><p>la possibilit, il 4 dicembre, di assistere all'anteprima dell'opera, lontano dallo </p><p>sfavillare dei gioielli della premiere, prima che gli specialisti del settore si scatenino </p><p>a dir loro come e perch dovrebbero rendere omaggio a un capolavoro che continua a </p><p>manifestare un'animalesca vitalit, a dispetto dei mille dubbi e ripensamenti del suo </p><p>infelice Autore. </p><p> Umberto Bombardelli </p><p>Appuntamenti del mese di Novembre per i soci del Sesto Milium </p><p>Venerd 6 Novembre: Villa Castelbarco Albani, Vario dAdda - ore 20,00 Concerto Undergound Jazz Quartet. A seguire cena conviviale presso il ristorante annesso alla Villa </p><p>Marted 24 Novembre: Grand Hotel Barone di Sassj - ore 20,00 </p><p>Conviviale con la presentazione da parte della socia Adriana </p><p>Albini della proposta di realizzazione del libro di cucina </p><p>Luned 30 Novembre: Grand Hotel Barone di Sassj - ore 20,00 </p><p>Assemblea dei soci </p><p>Spazio alla musica del Sesto Milium: Prima della prima </p><p>La nostra consueta </p><p>rubrica mensile </p><p>La Carmen di George </p><p>Bizet uno specchio </p><p> del nostro tempo? </p></li><li><p> 3 </p><p>Durante la serata del 6 ottobre, sono state inaugurate e presentate le riproduzioni </p><p>degli affreschi di Bernardino Luini </p><p>raffiguranti scene mitologiche la cui </p><p>fonte ispiratrice sembrerebbe essere </p><p>l'Ovidio Metamorphoseos Vulgare del Bonsignori. </p><p>Erano presenti il Sindaco Dott. </p><p>Giorgio Oldrini, l'Assessore Dott.ssa </p><p>Monica Chitt, il Presidente della </p><p>Fondazione Pelucca Dott.ssa Maria </p><p>Cristina Bombelli, un folto pubblico, </p><p>le associazioni di volontariato, i soci </p><p>del nostro club e numerosi rotariani </p><p>di altri club. </p><p>Lo scorso anno abbiamo inaugurato il ciclo dell'Esodo che narra le vicende del </p><p>popolo ebraico schiavo degli egiziani salvato da Mos; quest'anno abbiamo </p><p>concluso inaugurando il ciclo mitologico e gli affreschi dell'annessa cappella, </p><p>consegnando alla citt l'intero ciclo di Brera. </p><p>Si tratta dei bellissimi affreschi che il nostro club ha appositamente fotografato </p><p>presso la Pinacoteca e fatto riprodurre da </p><p>una azienda specializzata: la Pentacolor di </p><p>Desio, immagini fotografiche ora ricollocate </p><p>sulle pareti di Villa Pelucca dove nel 1500 </p><p>erano stati dipinti dal Luini. </p><p>Durante la serata, a testimonianza </p><p>dell'impegno, della professionalit e della </p><p>disponibilit della Pentacolor, stata </p><p>consegnata la Paul Harris al titolare </p><p>Massimo Negri. </p><p>Tra i 25 affreschi, tutte opere molto belle, ne </p><p>ho scelti tre di cui riporto il commento che ho preparato per la presentazione delle </p><p>due serate. </p><p>FANCIULLE AL BAGNO (ciclo mitologico) </p><p>Vivace e luminosa composizione profondamente poetica, dal purissimo gioco </p><p>lineare e dal ritmo che si alterna e si muove come l'onda e il vento lieve, suscitando </p><p>un clima sereno e riposante di vita festosa e gioiosa freschezza. </p><p>L'abbagliante purezza di questi </p><p>corpi che aderiscono intimamente </p><p>al paesaggio sembra quasi </p><p>suggerire la rinascita ad una </p><p>nuova civilt sociale, artistica e </p><p>religiosa propria del </p><p>Rinascimento. </p><p>Nell'articolato elegante gruppo di </p><p>tre fanciulle a destra, due figure </p><p>sono riprese dal cartone della </p><p>Battaglia di Cascina di Michelangelo a dimostrazione della ricca cultura e modernit del Luini. </p><p>Anche per quest'opera il significato rimasto di controversa identificazione. </p><p>Negli anni 1821 e '22, i bellissimi affreschi realizzati da Bernardino Luini per Villa </p><p>Pelucca furono strappati quando l'edificio, gi residenza durante il periodo napoleonico del vicer Eugenio di Beauharnais, e passato nel 1816 al demanio del </p><p>regno Lombardo-Veneto, stava per essere venduto a privati. </p><p>Marted 6 Ottobre: Inaugurazione degli Affreschi a Villa Pelucca </p><p> Consegnate e inaugurate </p><p>le riproduzioni degli </p><p>affreschi di Bernardino </p><p>Luini donate dal nostro </p><p>Club a Villa Pelucca </p><p>Nella foto: da sinistra </p><p>Sergio Airaghi, Massimo </p><p>Negri, Giorgio Oldrini, </p><p>Cristina Bombelli, </p><p>Pier Mario Biava, </p><p>Alberto Ceppi </p><p>Andrea Vandoni e </p><p>Alberto Ceppi a Brera per </p><p>le riprese fotografiche </p></li><li><p> 4 </p><p>L'allestimento attuale nelle prime sale della Pinacoteca di Brera, li ripresenta quasi al </p><p>completo anche se ve ne sono altri presso il Castello Sforzesco di Milano, presso la </p><p>Pinacoteca Malaspina di Pavia , presso il Museo Cond di Chantilly, presso il Louvre </p><p>e presso la Collezione Wallace di Londra. </p><p>Bernardino Luini (Bernardino Scapi nato 1480/90 morto nel 1532) fu uno dei </p><p>pittori pi importanti e affermati nella Milano dei primi decenni del </p><p>Cinquecento, allepoca del dominio francese e al tempo della restaurazione di Francesco II Sforza. </p><p>Il pittore fu accompagnato da una fama costante, che gli valse l'appellativo di </p><p>Raffaello in Lombardia e anche la critica pi recente lo riconosce come uno dei </p><p>migliori spiriti del Cinquecento lombardo; artista di ricca cultura e di vasto respiro, </p><p>Bernardino Luini infatti considerato un classico del 500 lombardo per labile sintesi di leonardismo e raffaellismo, il vero genius loci della Lombardia. </p><p>Concludo illustrando i due stupendi affreschi di cui nella cappella ancora troviamo le </p><p>tracce, ci che rimasto dopo lo strappo avvenuto nel 1821-22: </p><p>TRASPORTO DI SANTA CATERINA </p><p>Il corpo dolce e soave di Santa Caterina, disegnato e delicatamente esaltato dal </p><p>morbido panneggio, sorretto da </p><p>tre angeli eleganti e vibranti nelle </p><p>loro vesti, e trasportato con </p><p>leggerezza in volo sul Sinai. </p><p>Il gioco raffinato di luci e di </p><p>colori fa quasi presagire l'eternit </p><p>beata, nell'affresco la morte </p><p>vinta dalla raggiante luminosit, </p><p>la trascendenza cristiana trova </p><p>forma e si sublima nell'afflato </p><p>spirituale e religioso. </p><p>L'elegante sarcofago un eco di romanit rivisitato dal gusto rinascimentale. </p><p>DIO PADRE E ANGELI </p><p>L'affresco stato appositamente per noi tolto dai depositi di Brera in quanto non </p><p>esposto nelle sale della </p><p>Pinacoteca perch non ancora </p><p>restaurato. </p><p>Circondato da delicati e festosi </p><p>angeli, Dio appare radioso e </p><p>umano in questo suo stupendo </p><p>paterno abbraccio protettivo, si </p><p>respira un'aria di amorevole </p><p>infinita dolcezza. Il colore e la luce, nei suoi aspetti naturali e divini, accrescono il </p><p>misticismo. La tenerezza trepida e intensamente emotiva e lirica di Dio ci aiuta a </p><p>scoprire l' immagine pi profonda in ciascuno di noi, il nostro essere pi intimo e </p><p>insieme universale. </p><p>Le sale della villa che, per accogliere le belle riproduzioni sono state rimesse a </p><p>nuovo grazie ad Associazioni di volontariato di Sesto, saranno messe a disposizione </p><p>dalla Dott.ssa Bombelli, Presidente della Fondazione La Pelucca, per visite </p><p>guidate, per cerimonie, per manifestazioni che coinvolgano i giovani e gli stessi </p><p>anziani ospiti dell'annessa casa di riposo. </p><p>Ora il nostro club in collaborazione con la Presidenza della Fondazione Pelucca, sta </p><p>lavorando alla pubblicazione di un volume sulla storia di Villa Pelucca e sui </p><p>bellissimi affreschi del Luini che i visitatori d'ora in poi potranno ammirare, </p><p>riprodotti su grandi tele, nelle antiche sale. </p><p>Grazie alle nostre riproduzioni e al ripristino dei locali, la villa stata inserita </p><p>negli itinerari turistici della Provincia di Milano. </p><p> Alberto Ceppi </p><p>Bernardino Luini </p><p>Raffaello in Lombardia </p><p>Grazie al R.C. Sesto </p><p>Milium Centenario la </p><p>Villa Pilucca stata </p><p>inserita negli itinerari </p><p>turistici della Provincia di </p><p>Milano </p></li><li><p> 5 </p><p>Si parlava di questa conviviale da parecchio tempo. Pier Mario, consigliere nazionale </p><p>del WWF Italia, teneva particolarmente ad avere come relatore il </p><p>Presidente onorario del WWF Italia, Fulco Pratesi. </p><p>Sfortunatamente, unernia discale ha impedito al nostro atteso ospite di intervenire alla serata costringendolo immobile a letto. </p><p>Degna sostituta per la serata non poteva che essere la figlia </p><p>Isabella, Dirigente di spicco dellAssociazione e che sta portando avanti lazione intrapresa dal padre in modo egregio. La conviviale ha costituito una importante occasione per conoscere </p><p>gli obiettivi del WWF, non soltanto quelli maggiormente </p><p>pubblicizzati a livello mediatico, ma anche tutti gli altri che hanno </p><p>reso grande questa Associazione e di fondamentale importanza il suo contributo. </p><p>Il World Wide Fund for Nature la pi grande organizzazione mondiale per la </p><p>conservazione della natura, la cui missione costruire un mondo in cui luomo possa vivere in armonia con essa.. Nato nel 1961, presente nel mondo con 24 </p><p>organizzazioni nazionali e oltre 5 milioni di sostenitori. L'Associazione strutturata </p><p>in uffici nazionali che operano nei singoli Paesi in modo indipendente ma in coerenza </p><p>con i programmi e gli obiettivi posti dal WWF Internazionale. </p><p>In Italia il WWF, nato nel 1966, strutturato con uno staff centrale a Roma, e 19 </p><p>sezioni regionali che supportano il programma ecoregionale. </p><p>Il WWF lavora sul territorio con una serie di azioni concrete per combattere la </p><p>perdita di natura, il consumo di suolo, la </p><p>caccia e l'inquinamento e difendere il </p><p>diritto di tutti ad un futuro pi sano. </p><p>Questa pressione crescente mette a rischio </p><p>numerose specie animali e vegetali e il </p><p>grandissimo patrimonio di biodiversit che </p><p>vanta il nostro Paese. E' dall'anno della sua </p><p>nascita che il WWF si batte per difendere le </p><p>specie animali e vegetali minacciate. </p><p>Il panda, simbolo da sempre, fu scelto da </p><p>Peter Scott, uno dei fondatori, in onore del </p><p>panda ospite dello Zoo di Londra. Con una </p><p>convinzione: non si salvano le specie se </p><p>non attraverso la tutela e la </p><p>conservazione degli habitat naturali. Di </p><p>pi: ogni iniziativa in difesa della </p><p>natura pu avere successo solo se </p><p>sostenuta da una approfondita analisi </p><p>dei rapporti che legano luomo allambiente. </p><p>E proprio per questa ragione che il WWF, sin dalla sua fondazione, si occupa di aree protette, riconoscendone </p><p>il ruolo concreto di </p><p>conservazione, e gestisce in </p><p>maniera diretta oltre 100 </p><p>Oasi; allinizio con obiettivi pi mirati alla salvaguardia delle </p><p>singole specie per giungere, </p><p>grazie al lavoro attivato nei </p><p>diversi decenni, allattuale metodo di conservazione </p><p>ecoregionale che riguarda un </p><p>approccio di conservazione </p><p>Gioved 15 Ottobre: Conviviale in interclub con Isabell...</p></li></ul>