“La prestazione sportiva giovanile„ ?· Capacità di prestazione sportiva La capacità di prestazione…

  • Published on
    22-Feb-2019

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Transcript

<p>La prestazione sportiva giovanile </p> <p>2014 CORSO DI FORMAZIONE CONI/FIGC SGS A CARATTERE PROVINCIALE PER ISTRUTTORI DI SCUOLE </p> <p>CALCIO PRIVI DI QUALIFICA OPERANTI NELLE SCUOLE DI CALCIO E C.C.B </p> <p> Titolo della lezione: </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>A cura di Marco Valente </p> <p>dellOrganico Didattico di SdS Coni Liguria </p> <p>Genova, 29 giugno 2014 </p> <p>Le coordinate dellintervento </p> <p>Prestazione: Opera od attivit fornita da persone, animali o cose </p> <p>Sportiva: Di, dello sport </p> <p>Giovanile: Tipico della giovinezza, dei giovani </p> <p>(N. Zingarelli) </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Settori dellattivit umana nei quali la parola prestazione utilizzata </p> <p>correntemente </p> <p>Arte (scrittura, arti figurative, danza, teatro cinema) </p> <p>Scienza </p> <p>Oratoria </p> <p>Medicina e chirurgia </p> <p>Economia </p> <p>Sport </p> <p> http://sds.coniliguria.it </p> <p> Diversi significati del concetto di prestazione </p> <p> Con prestazione si intende: il risultato di unazione; il percorso individuale che ha portato al risultato; il lavoro compiuto in un determinato tempo (rendimento meccanico) il trasferimento di energia nellunit di tempo (rendimento fisiologico); la quantit e la qualit delle risposte a problemi, fornite da un soggetto nellunit di tempo (area psicologica) lunit tra esecuzione e risultato (area pedagogica); </p> <p> In ambito educativo Wulf indica la mancanza di unit di definizione del termine, attribuendogli i seguenti usi: </p> <p> a) la richiesta che viene posta; b) il processo per realizzare quanto richiesto; c) il risultato del processo di realizzazione; d) la valutazione del rendimento di unattivit. </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Ambiti del concetto di Prestazione che ci riguardano </p> <p>Attivit fisiche utilitarie (produzioni di arti e mestieri) </p> <p>Attivit fisiche non utilitarie (non finalizzate al lavoro, gratuite) </p> <p>Difficolt distinzione limiti fra gioco e sport. </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Sport </p> <p>In origine divertimento (desport); </p> <p>Linsieme delle gare e degli esercizi compiuti individualmente o in gruppo come manifestazione agonistica o per svago o per sviluppare la forza e lagilit del corpo. </p> <p>N. Zingarelli </p> <p>Qualsiasi forma di attivit fisica che abbia per obiettivo lespressione o il miglioramento della condizione fisica e psichica, lo sviluppo delle relazioni sociali o lottenimento di risultati in competizioni di tutti i livelli. </p> <p>Carta Europea dello Sport http://sds.coniliguria.it </p> <p>Classificazione semplificata delle attivit sportive </p> <p>Sport collettivi </p> <p>Sport individuale </p> <p>Dual- sport </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p> il risultato di unazione sportiva, che, soprattutto nello sport competitivo, trova il suo riflesso in una misura (o punteggio), che viene attribuito allazione motoria secondo regole prestabilite. </p> <p> PRESTAZIONE SPORTIVA </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Evoluzione delle prestazioni Lo studio dellevoluzione delle prestazioni </p> <p>permette: </p> <p>Analisi storica del percorso di una disciplina sportiva </p> <p>Individuazione dei momenti di progresso e stagnazione </p> <p>Analisi e spiegazione dei differenti cicli passati </p> <p>Pianificazione del percorso futuro </p> <p>Coerenza del modello di prestazione utilizzato </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Modello di prestazione sportiva agonistica </p> <p>Cosa un modello di prestazione sportiva agonistica? </p> <p> uno schema teorico elaborato per rappresentare gli elementi fondamentali di unattivit sportiva specifica </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Profilo specifico delle richieste organico-muscolari dello sport calcio </p> <p>Capacit organico-muscolari </p> <p>Capacit di forza </p> <p>Capacit di rapidit </p> <p>Capacit di resistenza </p> <p>Mobilit articolare </p> <p>Forza massima </p> <p>Forza rapida </p> <p>Resistenza alla forza </p> <p>Forza reattiva </p> <p>Rapidit di reazione </p> <p>Capacit di accelerazione </p> <p>Rapidit di movimento </p> <p>Resistenza di breve durata </p> <p>Resistenza di media durata </p> <p>Resistenza di lunga durata </p> <p>Mobilit delle articolazioni </p> <p>Capacit di allungamento </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Giovanile </p> <p> Progetto dellUE"Giovent in azione" per il periodo 2007-2013 riguardava in generale i giovani di et compresa tra i 15 e i 28 anni (con talune riserve i giovani dai 13 ai 20 anni). </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Chi stabilisce let utile per lattivit agonistica? </p> <p>Sono le federazioni Sportive che stabiliscono le modalit e let per effettuare la visita di idoneit sportiva agonistica. Let varia da sport a sport. </p> <p> Alcuni esempi: Anni 7 = Tennis tavolo, pattinaggio artistico, moto-minicross Anni 8 = nuoto, ginnastica, bocce, karting, pattinaggio su ghiaccio Anni 9 = sci alpino e nordico, vela, tiro con larco, canottaggio Anni 10 = tennis, taekundo, hockey su prato Anni 12 = calcio, pallacanestro, pallavolo, atletica leggera, rugby, arti marziali, judo.. Anni 14 = tiro a volo, moto, enduro, cross, trial, velocit, pugilato </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Inquadramento dello sport giovanile in Italia </p> <p>E curioso notare come sullinquadramento dello sportgiovanile ci sia in Italia una notevole disomogeneit e confusione, facilmente rilevabile non solo dalla differente valutazione dellinizio dellet considerata agonistica dalle varie Federazioni, ma anche dalle differenti suddivisioni in categorie competitive riferite a differenti fasce det, proprie di ciascuna Federazione, che in taluni casi, con nomi differenti (cadetti, juniores o altri), si fermano ai 18 19 anni, in altri, danno luogo ad eventuali ulteriori inquadramenti, under.., promesse, ecc. </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Periodo postnatale Prima infanzia: ( 0 2 anni ) </p> <p>Seconda infanzia: ( 2 6 anni ) </p> <p>Terza infanzia: ( 6 anni pubert ) </p> <p>Adolescenza: [(F) 10 18 anni; (M) 12 20 anni]; </p> <p> Tanner. </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Attivit motoria in et evolutiva Chi il soggetto in et evolutiva? Quali sono le sue capacit e come evolvono? Come si modificano le sue caratteristiche somatiche e funzionali? Quale influenza pu avere unattivit fisica regolare ed adeguatamente sistemizzata sul processo di crescita? In che modo la struttura biologica in accrescimento risponde agli stimoli del processo di accrescimento? Lallenabilit delle diverse capacit motorie varia in relazione al processo di crescita? In che misura le conoscenze acquisite con gli atleti adulti possono essere riportate sui giovanissimi? Come ci dobbiamo comportare nei confronti degli anticipi e dei ritardi di sviluppo (v. et biologica/et cronologica)? Con che criteri e quando possiamo avviare un soggetto ad una attivit sportiva specifica? Come possiamo stabilire eventuali attitudini? Quando si pu avviare un processo di specializzazione? .? </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Et evolutiva </p> <p>la conoscenza del bambino un prerequisito per potersene </p> <p>occupare </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Composizione corporea 1 </p> <p>Fattori ormonali </p> <p>Ormoni tiroidei azione permissiva su GH; </p> <p>Insulina mediata dai recettori per IGF-I; </p> <p>Ormoni sessuali accrescimento e </p> <p>maturazione ossea; </p> <p>Glicocorticoidi nei bambini, inibiscono </p> <p>direttamente la sintesi di GAG e compromettono lultrastruttura dei condrociti </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Indice di massa coporea (BMI) negli adulti </p> <p>Emaciazione &lt; 14,9 </p> <p>Magrezza grave 15 15,9 </p> <p>Magrezza moderata 16 16,9 </p> <p>Magrezza lieve 17 18,4 </p> <p>Normopeso 18,5 24,9 </p> <p>Sovrappeso 25 29,9 </p> <p>Obesit 30 39,9 </p> <p>Obesit grave &gt; 40 </p> <p>Modello funzionale teorico di gara </p> <p>Bisogna conoscere cosa si verifica realmente durante la competizione per determinare su quali fattori agire mediante lallenamento. Quindi la prima domanda che il Tecnico deve porsi : </p> <p>Che cosa devo allenare? </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>In che modo.. </p> <p>Individuate le capacit da allenare conseguente la scelta dei mezzi e dei metodi pi utili per progredire in una specialit sportiva. </p> <p>La seconda domanda da porsi quindi: </p> <p>Come allenare? </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Il fattore tempo </p> <p>Determinate le capacit sulle quali intervenire con lallenamento e trovate le metodologie per stimolarle, rimane linterrogativo del tempo utile per la loro applicazione; Cio: </p> <p>Quando allenare? </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>OSSIFICAZIONE </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p> Modificazioni di alcuni segmenti corporei durante la pubert </p> <p>I piedi sono i primi ad allungarsi e a smettere di crescere </p> <p>Le gambe cominciano ad allungarsi 6 mesi dopo linizio dellallungamento dei piedi </p> <p>Alla crescita delle gambe fa seguito quella delle cosce </p> <p>Gli arti superiori si allungano prima distalmente e poi prossimalmente </p> <p>I diametri trasversi di torace e bacino aumentano 4 mesi dopo la crescita delle gambe </p> <p>Le ultime manifestazioni dello scatto di crescita puberale sono lallungamento del tronco e laumento del diametro antero-posteriore del torace </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Limportanza della mobilit articolare </p> <p>Modalit esecuzione posizione 5 </p> <p>POSIZIONE 5 </p> <p>1. Braccia estese in alto </p> <p>2. Palmo della mani aperto in avanti </p> <p>3. Sguardo in avanti-alto </p> <p>4. Piedi oltre larghezza delle spalle </p> <p>5. Punte dei piedi divaricati di 15 30 </p> <p>6. Angolo al ginocchio max 60 </p> <p>Eseguire un piegamento che dovr essere lento e controllato </p> <p>Se richiesto ci si deve fermare mantenendo la posizione ed il massimo controllo </p> <p>Mantenere una respirazione naturale http://sds.coniliguria.it </p> <p>Valutazione laterale della posizione 5 Angolo al ginocchio troppo aperto 65 (blocco articolare caviglie) </p> <p>Mancanza lordosi lombare </p> <p>Le braccia non coprono le orecchie (gran pettorale, leg. Coraco-omerale, capsula articolare) </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>SI NO </p> <p>Test di allungamento del retto femorale: </p> <p>A negativit del test </p> <p>B positivit del test indicata dallestensione del ginocchio in risposta alla flessione dellanca controlaterale </p> <p>A </p> <p>B </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Mobilit del tronco </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>La mobilit articolare il presupposto per garantire al movimento la massima ampiezza. </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Esercizio dello squat con modesto sovraccarico </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Interventi articolari durante lo squat </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>escursioni articolari proprie del tronco in rapporto alla possibilit di escursione articolare </p> <p>della tibio-tarsica </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>La capacit di prestazione </p> <p>La capacit di prestazione sportiva che si sviluppa nel tempo la risultante della relazione che intercorre fra: </p> <p>I presupposti individuali della prestazione </p> <p>Le richieste oggettive di prestazione </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Presupposti </p> <p>individuali della </p> <p>prestazione </p> <p>Richieste </p> <p>oggettive </p> <p>di prestazione </p> <p>Capacit di </p> <p>prestazione </p> <p>sportiva </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Come si manifesta la capacit di prestazione </p> <p>La capacit di prestazione sportiva si manifesta nel modo in cui, globalmente sono affrontate e realizzate le richieste di prestazione fisica (sportiva) in allenamento, in gara e nellesecuzione di test. </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Sviluppo della prestazione di resistenza </p> <p>X = media totale dei campioni per fascia det; media del campione di soggetti </p> <p>che effettuano 1 unit di allenamento (GPT); Media del campione di soggetti </p> <p>che effettuano da 1 a 8 unit di allenamento aggiuntive oltre a GTP </p> <p>D.Martin; J.Nicolaus </p> <p>S.d.S- Scuola dello Sport 1997 n 40 </p> <p>Capacit di prestazione sportiva </p> <p>La capacit di prestazione sportiva nei bambini (di 7 10 anni) ovvero quellinsieme di capacit che sono rilevanti per lattivit sportiva si accresce con continuit, di pari passo con landamento temporale dello sviluppo. Se i presupposti della prestazione sono sollecitati la prestazione incrementa di pari passo con lincremento dello sviluppo, ma ad un livello maggiore anche nel caso che gli stimoli allenanti siano aspecifici o semiaspecifici. </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Con la pratica sportiva diminuisce il numero delle correlazioni fra i vari test; ci dovuto al minor effetto </p> <p>di transfert fra capacit motorie e risultato tecnico. </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>I presupposti individuali della prestazione </p> <p>Non sono facilmente definibili operativamente in quanto: </p> <p> complessa la compagine di fattori che condizionano la prestazione; </p> <p> elevato il livello di individualizzazione di questi presupposti; </p> <p>Non esiste una valutazione dellincidenza dei diversi fattori su questi stessi presupposti (ad es. fattori genetici sullinsieme dei presupposti) </p> <p> http://sds.coniliguria.it </p> <p>Presupposti individuali della prestazione (lancio) </p> <p>D.Martin; J.Nicolaus </p> <p>S.d.S- Scuola dello Sport 1997 n 40 </p> <p>La variabilit non calcolabile Dai profili prestazionali e dagli indici </p> <p>antropometrici non si pu dedurre se le buone prestazioni di lancio dipendono da: </p> <p>Presupposti neuromuscolari favorevoli </p> <p>Presupposti favorevoli rispetto alla regolazione motoria </p> <p>Indici di sviluppo corporeo favorevoli </p> <p>Specifiche predisposizioni genetiche </p> <p>Allenabilit </p> <p>Interazione fra presupposti della prestazione e predisposizione </p> <p>http://sds.coniliguria.it </p> <p>Et </p> <p>zone </p> <p>urbane</p> <p>zone </p> <p>extraurbane</p> <p>zone </p> <p>urbane</p> <p>zone </p> <p>extraurbane</p> <p>zone </p> <p>urbane</p> <p>zone </p> <p>extraurbane</p> <p>zone </p> <p>urbane</p> <p>zone </p>...

Recommended

View more >