Meeting Light

  • Published on
    25-Mar-2016

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Alcune pagine esemplificative del libro Meeting Light

Transcript

  • Sezione

    Per giocarenon basta una palla

    3

    Obiettivi di apprendimentoConoscere le regole, le tecniche di esecuzione dei fondamentali, le strategie e semplici tattiche degli sport trattati

    CONOSCENZE

    Traguardi per lo sviluppo Essere capaci tramite lo sport di integrarsi nel gruppo, di assumersi responsabilit e impegnarsi per il bene comune

    Saper utilizzare esperienze sportive acquisite, adattandole in situazioni nuove e inusuali

    COmPEtENZE E abilit

    Il gioco sportivo non solo un mezzo che aiuta a star bene, ma anche unesperienza che fa crescere sani e d una mano ad affrontare la vita; una pratica che unisce gioco, competizione e possibilit di stabilire buoni rapporti con gli altri. Grazie allo sport puoi imparare ad autovalutarti e correggerti, esperienze fondamentali in particolar modo nel periodo della vita che stai attraversando, quando sul piano psicologico si verificano cambiamenti e crisi di identit. Se attraverso lo sport acquisterai fiducia nelle tue capacit e competenze motorie imparerai a riconoscere i tuoi limiti e a valutare serenamente le contrariet e affrontarle senza eccessivi timori e ansia del risultato.Per questo lo sport non deve essere considerato il fine, ma un tramite per la tua crescita personale e la tua formazione sociale e morale, un banco di prova in cui dimostrare seriet e impegno. una sfida con te stesso e con gli altri, e sta a te vincerla.Nella nostra piattaforma on line potrai trovare notizie anche su sport tradizionali non trattati dal testo.

    Sez3_098-118.indd 98 22/01/13 08:20

  • Capitolo 8 Dal gioco alla pratica sportiva 99

    Dal gioco alla pratica sportiva

    Da attivit motorie individuali o collettive pra-ticate per puro piacere nasce il gioco: ogni vol-ta unavventura nuova, in cui si rivivono gesti, situazioni di lotta o di sfida, piacevoli emozioni. Quando lobiettivo diventa il raggiungimento di un certo livello di prestazione o il superamento dellavversario, il gioco diventa gioco sportivo e, se a confrontarsi sono due gruppi, diventa gioco di squadra.

    1 I principi fondamentali della pratica sportiva Per tutti gli sport sia individuali sia di squadra, valgono alcuni principi fonda-mentali che permettono di utilizzare al meglio le proprie qualit e abilit e interpretare correttamente le variabili spazio-temporali, funzionali alla re-alizzazione del gesto tecnico nelle varie situazioni sportive.Vediamoli ora nel dettaglio. Arbitraggio: ogni attivit sportiva codificata entro regole ben precise che

    devono essere rispettate da tutti i partecipanti. Per questo quando si intende praticare un determinato sport queste regole vanno conosciute. Sar dunque la figura dellarbitro a controllare che esse non vengano trasgredite.

    Capacit: si intende usare e applicare le qualit motorie e gli schemi motori fondamentali. Questo permette lespressione e le gestualit specifiche di ogni singolo sport, soddisfacendo gli scopi del gioco.

    Azione: consiste nellapplicazione di gestualit specifiche nel controllare, condurre, afferrare, trattenere, respingere, colpire, deviare, bloccare la palla o gli oggetti e interagire con il corpo degli avversari.

    Finalit: consiste nel conoscere gli obiettivi del gioco, i regolamenti, la tec-nica, saper applicare le capacit tecniche (fondamentali), saper comunicare tramite il linguaggio verbale e gestuale con i compagni e gli avversari, sem-pre in modo proficuo, rispettoso e corretto. Comunicare e interagire in mo-do positivo con gli altri, infatti, vuol dire anche rispettarli (fair play).

    Strategia e tattica: consistono nelle linee di condotta e nelle scelte strategi-che e tattiche, come i ruoli e gli schemi di gioco, che ogni singolo atleta o squadra definiscono e applicano prima e durante la gara, per utilizzare al meglio le proprie potenzialit. Queste possono cambiare durante la compe-tizione, adeguandosi a nuove situazioni.

    Vittoria: lesito finale della gara, che sancisce la prevalenza di un parteci-pante o di una squadra sullaltra, in base ai punti realizzati, al miglior tempo o maggiore misura. Sia la vittoria sia la sconfitta sono esperienze positive se vissute come conoscenza dei propri limiti e di quelli degli altri; in questo mo-do esse diventano uno stimolo importante per successivi miglioramenti ed entrano a far parte del bagaglio personale di esperienze.

    CAPITOLO

    8Individuare collegamenti e relazioni

    Imparare a imparare ProgettareAgire in modo autonomo e responsabile

    ComunicareCollaborare e partecipare

    Sez3_098-118.indd 99 22/01/13 08:20

  • Sezione 3 Per giocare non basta una palla100

    2 I giochi sportivi di squadra con la pallaIl gioco di squadra una competizione in cui due gruppi si confrontano, se-guendo regole codificate, per raggiungere precisi scopi, comesegnare una rete, far cadere una palla sul campo avversario ecc.Talvolta il gioco prevede un diretto contatto con lavversario (giochi di contat-to), altre volte si svolge su un terreno in cui le due squadre sono divise da una linea convenzionale (giochi di opposizione). Nella pratica dei giochi di squadra necessario imparare a controllare i gesti per adeguarsi alle diverse situazioni, riuscire a prevedere e anticipare le azio-ni dei compagni e degli avversari e di conseguenze attuare valide strategie di difesa e di attacco. Per poter eseguire qualsiasi gioco sportivo in modo accettabile e produttivo per la propria squadra occorre conoscere gli elementi base del gioco, che sono: lo scopo del gioco, le regole principali e il campo da gioco; i fondamentali; semplici tattiche di squadra e ruoli.

    Naturalmente per ottenere buoni risultati sono essenziali la motivazione e lim-pegno: raggiungere un traguardo, infatti, pu richiedere tempo e sacrifici.Sia coloro che hanno esperienze e competenze specifiche sia coloro che non ne hanno affatto dovranno acquisire o migliorare le competenze di base. Potrai in questo modo interpretare al meglio le logiche di gioco di ogni singolo sport, adeguandoti in modo intelligente a ogni situazione di gioco.Nei prossimo capitoli affronteremo nel dettaglio i seguenti sport di squadra: il calcio a cinque; la pallacanestro; la pallamano; la pallavolo.

    Sez3_098-118.indd 100 22/01/13 08:20

  • Capitolo 9 Il calcio a cinque 101

    Il calcio a cinque

    1 Lo scopo del gioco, le regole principali e il campo da gioco

    Il calcio a cinque (chiamato anche calcetto) nacque nei primi anni del Nove-cento in Sud America, dove veniva praticato sulle spiagge, proprio come un altro divertente passatempo da spiaggia, il beach soccer, nato in Brasile molti anni dopo ( ). Le regole del calcio a cinque erano quelle del calcio, ma il pal-lone doveva essere pi piccolo e pi gonfio affinch rimbalzasse molto. Questa disciplina si diffuse dapprima nel Nord Europa (dove le condizioni climatiche non consentono sempre la pratica del calcio allaperto), per diventare poi mol-to popolare anche in Italia. Grazie al crescente numero di appassionati, il cal-cetto, inizialmente praticato su spazi limitati allaperto o al chiuso, dispone oggi di numerose strutture sue proprie e viene giocato su campi appositamen-te costruiti.

    Il calcio a cinque un gioco ideale per lora di scienze motorie perch si pu facilmente adattare per andare incontro alle esigenze di tutti. Oltre a ci, offre pi varianti rispetto al calcio e ogni giocatore al tempo stesso at-taccante, centrocampista e difensore. In tal modo, tutti gli allievi hanno contatti pi fre-quenti con la palla, migliorano la tecnica e la tattica pi rapidamente e sono coinvolti nel gioco in modo pi attivo.

    Il giocoScopo del gioco far entrare la palla nella porta avversaria senza commettere infrazioni: in tal caso si realizza una rete. La rete valida quando la palla ha ol-trepassato la linea di porta situata tra i pali e sotto la traversa. Vince lincontro la squadra che segna il maggior numero di reti. La partita pu anche finire in parit (se non stata segnata nessuna rete o se le squadre hanno segnato un eguale numero di reti).I giocatori in campo sono al massimo 5 per squadra, compreso il portiere; per-ch la partita sia valida devono esservi almeno 3 giocatori in campo per squa-dra. consentito limpiego di un numero massimo di 7 giocatori di riserva.Durante la gara possibile effettuare un numero illimitato di sostituzioni. Un calciatore sostituito pu partecipare nuovamente al gioco, sostituendo a sua volta un altro calciatore.La durata della gara stabilita in due tempi di 20 minuti effettivi ciascuno, con un intervallo massimo di 15 minuti. Entrambe le squadre possono richiedere un minuto di time-out per ogni tempo di gara.

    CAPITOLO

    9

    beach soccer

    on line

    Il pallone ha una circonferenza non inferiore a 62 cm e non superiore a 64 cm, e un peso che oscilla fra 400 e 440 g allinizio della gara.

    Individuare collegamenti e relazioni

    Imparare a imparare ProgettareAgire in modo autonomo e responsabile

    ComunicareCollaborare e partecipare

    Sez3_098-118.indd 101 22/01/13 08:20

  • Sezione 3 Per giocare non basta una palla102

    Le regole principali per giocare e arbitrareIl calcio di inizio viene battuto nel punto designato del centro campo, con le due squadre nella loro met campo a 3 m dalla palla. Il giocatore che batte la palla non pu toccarla consecutivamente una seconda volta. Una rete pu es-sere segnata sul calcio di inizio.La palla non in gioco se ha oltrepassato interamente le linee perimetrali, sia in area che a terra, se tocca il soffitto e quando larbitro fischia uninterruzione.Diversamente dal gioco del calcio, nel calcio a cinque le rimesse laterali sono battute con i piedi. Il calciatore che effettua la rimessa deve avere i piedi oltre la linea laterale e il pallone deve essere sulla linea e completamente fermo al momento del calci