Nursing infermieristico nella rete assistenziale per la ...absc.it/index.php/area-assistenziale/43-area-assistenziale/67... ·…

  • Published on
    15-Feb-2019

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Transcript

<p>Tesi di Laurea in Infermieristica</p> <p>Scritto da Annalia MongelliGioved 23 Aprile 2009 13:45</p> <p> Nursing infermieristico nella rete assistenziale per la prevenzione ed iltrattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare </p> <p>" D.C.A."</p> <p>Proposte operative</p> <p>Il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, IV edizione 1 TR classifica i DCA inbase ad alcuni criteri in : Anoressia Nervosa e Bulimia Nervosa</p> <p> 1 / 12</p> <p>Tesi di Laurea in Infermieristica</p> <p>Scritto da Annalia MongelliGioved 23 Aprile 2009 13:45</p> <p>Criteri diagnostici per Anoressia Nervosa :</p> <p>1 Rifiuto di mantenere il peso corporeo al di sopra o al peso minimo normale per let e lastatura</p> <p>2 paura di acquistar peso</p> <p>3 Restrizione alimentare che spesso assume connotazioni bizzarre</p> <p>4 amenorrea, ovvero assenza del ciclo mestruale per almeno 3 mesi consecutivi</p> <p>5 ossessione per il cibo e alterata visione del proprio corpo</p> <p>6 negazione della fame, infatti i soggetti mettono in atto strategie x ridurre tale sensazione</p> <p>7 condotte eliminatorie x non prevenire l aumento di peso, quali:vomito autoindotto, uso dilassativi,ed eccessiva attivit fisica</p> <p>8 perdita di qualsiasi interesse </p> <p> 2 / 12</p> <p>Tesi di Laurea in Infermieristica</p> <p>Scritto da Annalia MongelliGioved 23 Aprile 2009 13:45</p> <p>Criteri diagnostici per la BulimiaNervosa :</p> <p>1 Ricorrenti abbuffate, mangiando quantit elevate di cibo in tempi ristretti e con lasensazione di perdere il controllo in tale situazione</p> <p>2 ricorrenti condotte eliminatorie x non prevenire l aumento di peso, quali:vomitoautoindotto, uso di lassativi,ed eccessiva attivit fisica</p> <p>3 basso livello di autostima influenzato dalla forma del corpo</p> <p>I disturbi che non soddisfano gli specifici criteri di Anoressia e Bulimia sono classificati comeDCA NON ALTRIMENTI SPECIFICATI, dove i soggetti cominciano con una forma di Anoressiama poi, incapaci di mantenere il basso peso, scivolano verso comportamenti bulimici.</p> <p>Partendo dallanalisi dei dati di una ricerca condotta in alcuni istituti scolastici superiori dellacitt di Taranto e nei servizi sanitari e dipartimentali della ASL di Taranto, sidefiniscono programmi di promozione alla salute e proposte di organizzazione sanitaria.</p> <p> 3 / 12</p> <p>Tesi di Laurea in Infermieristica</p> <p>Scritto da Annalia MongelliGioved 23 Aprile 2009 13:45</p> <p>Il progetto integrato di promozione alla</p> <p>salute nel trattamento dei D.C.A</p> <p>Somministrazione del Questionario ad una popolazione target in et evolutiva ( Ricercaeffettuata nella Scuola)</p> <p>Il campione composto da 90 soggetti di sesso femminile e maschile con et compresa tra 15ed i 20 anni di due scuole superiori di Taranto (Liceo Statale Archita e Liceo Ginnasio StataleAristosseno ). </p> <p>Abbiamo utilizzato lEating Attitude Test (Test attitudinale sulla condotta alimentare) seguito da un intervista semistrutturata. A tutto il campione stato somministrato il questionario (PSED) corretto per meglio focalizzare gli elementi di rilievo in questa ricerca, pertanto stato rivisto il test costituito da 10 items e 60 quesiti, volto ad indagare gli aspetti comportamentali e della percezione di s implicati neidisturbi del comportamento alimentare.</p> <p>Il test costituito dalle seguenti domande:</p> <p>1 ) Sono terrorizzato dallidea di essere in sovrappeso</p> <p>2 ) Sono costantemente preoccupato per il cibo</p> <p> 4 / 12</p> <p>Tesi di Laurea in Infermieristica</p> <p>Scritto da Annalia MongelliGioved 23 Aprile 2009 13:45</p> <p>3 ) Penso che gli altri vorrebbero che io mangiassi di pi</p> <p>4 ) Mi sento estremamente in colpa dopo aver mangiato</p> <p>5 ) Sono ossessionato dal desiderio di essere pi magro</p> <p>6 ) Sono ossessionato dal pensiero del grasso che nel mio corpo</p> <p>7 ) Sento che il cibo controlla la mia vita</p> <p>8 ) Cerco di stare a dieta</p> <p>9 ) Mi piace sentire che il mio stomaco vuoto</p> <p>10 ) Dopo aver mangiato sento limpulso di vomitare</p> <p>Il P.S.E.D. stato costruito in modo da indagare le aree principali:</p> <p>1 rapporti interpersonali: relazione affettiva, contatti sociali; </p> <p> 5 / 12</p> <p>Tesi di Laurea in Infermieristica</p> <p>Scritto da Annalia MongelliGioved 23 Aprile 2009 13:45</p> <p>2 immagine corporea: rapporto con il proprio corpo, livello di gradimento dello stesso epercezione settoriale e globale di questo;</p> <p>3 condotta alimentare: dieta, abbuffate, vomito, attivit fisica.</p> <p>Risultati</p> <p>4 La ricerca ha avuto inizio il 1 marzo ed terminata il 10 giugno c.a. Dallanalisi,item per item, delle risposte ottenute e dallintervista semistrutturata, si sono evidenziate le seguenti tendenze</p> <p> Il rapporto col proprio corpo caratterizzato da un giudizio estetico spostato verso tonidecisamente negativi: il 40% del campione riferisce di essere soddisfatto del propriocorpo, mentre il 20% lo valuta come brutto e pessimo. Adulteriore conferma, negli item che valutano il livello di gradimento, delle singole parti del corpo,la percentuale di soddisfazione di circa il35%Per quanto riguarda la percezione globale di s, solo il 6,7% ritiene di dover ingrassare, mentre il 18% vorrebbe ulteriormente dimagrire. Tutto il campione risulta avere avuto problemi di peso inpassato; pi specificatamente il 72%nel periodo compreso tra i 13 ed i 18 anni. Il 12%segue regolarmente una dieta. Durante lintervista che ha supportato linchiesta sono emersiulteriori aspetti di rilievo non evidenziati attraverso il questionario. </p> <p> 6 / 12</p> <p>Tesi di Laurea in Infermieristica</p> <p>Scritto da Annalia MongelliGioved 23 Aprile 2009 13:45</p> <p> Allinterno dello spettro dei comportamenti alimentari anomali, (non facilmentecomunicabili) il 33% ritiene di mangiare una grande quantit di cibo anche al di fuori deipasti principali, il 55% di mangiare molto rapidamente, il 61% diricorrere ad abbuffate, il 44%di presentare episodi di vomito dopo labbuffata. Gli episodi si consumano allinterno dellabitazione per l81% (prevalentemente in cucina) e fuori casa (per strada o sui mezzi di trasporto) nel 19%. Per quanto riguarda gli aspetti pi strettamente cognitivi che precedono labbuffata, i soggetti siriconoscono come: ansiosi, depressi, nervosi, arrabbiati e confusi, con un grado di intensit tra un po e moltissimo e non si sentono per niente calmi, contenti ed a loro agio. </p> <p> 7 / 12</p> <p>Tesi di Laurea in Infermieristica</p> <p>Scritto da Annalia MongelliGioved 23 Aprile 2009 13:45</p> <p> Dopo labbuffata, ansia, depressione, nervosismo, confusione e rabbia aumentano sia intermini di frequenza che dintensit, tali stati d'animo si accompagnano a sensazioni disolitudine, disgusto e mancanza di speranza. Dallanalisi statistica si evidenzia che i soggetti intervistati a rischio di DCA, condividono, con diversa intensit, le medesime caratteristiche dipersonalit e la concomitanza degli stessi sintomi minori (ansia, depressione, sintomi somatici edisfunzione sociale). Vi una certa resistenza a parlare con i docenti e con le famiglie di tali disfunzioni, gliadolescenti difficilmente si rivolgono a centri specialistici di riferimento anche per lacarenza di operatori qualificati e la mancanza di una rete di sostegno. Somministrazione di un questionario semistrutturato ai Servizisociosanitari/Dipartimenti/Volontariato ASL TA Con lobiettivo di creare una nuova rete di servizi e favorire il dialogo reciproco, stato inviatoun breve questionario allo scopo di effettuare una indagine sullo stato dellarte dei servizi D.C.A. della ASL. TA. A tale scopo stato inviato ai Direttori del Dipartimento di Salute Mentale e DipendenzePatologiche dellAzienda USL, al Direttore delle Malattie Metaboliche e della NutrizioneAziendale, al Direttore del Dipartimento di Prevenzione, al Direttore del Servizio di Psicologia Clinica, ai Presidi del Liceo Statale Aristosseno e Archita di Taranto, alla Presidente della Consulta delle Associazioni di Volontariato, un breve questionario, al fine di costruire una mappatura dei Servizi impegnati nella cura e/onella prevenzione dei Disturbi del Comportamento Alimentare. Lo scopo della ricerca quello di implementare il ruolo dellinfermiere nel settore dellapromozione alla salute nella prevenzione dei D.C.A. e nella pianificazione assistenziale.Pertanto si pensato di attivare le procedure di attuazione di unambulatorio infermieristico a carattere multidisciplinare che garantisca la presa in carico nelperiodo dallaccoglienza, allorientamento ed alla elaborazione del piano assistenziale integrato. Ilquestionario inviato ai Direttori dei Servizi socio sanitari, si compone di alcune semplici domande: 1. Il Servizio da Lei diretto si occupa di DCA? 2. Se s alla domanda 1, attivo nella prevenzione? 3. Se s alla domanda 1, attivo nei trattamenti? 4. Se s alla domanda 1, lo fa autonomamente? 5. Se s alla domanda 1, lo fa in concorso con altre Unit Operative, e quali? 6. Se s alla domanda 1, quali competenze specialistiche sono impegnate? 7. Se s alla domanda1, e presente una equipe multiprofessionale? 8. Se s alla domanda 1, il collaboratore Professionale Infermiere inserito nellequipemultiprofessionale e/o psicopedagogica? 9. previsto il collaboratore Professionale Infermiere nella dotazione organica? Sul totale dei questionari inviati sono ritornate, in tempo utile per questo progetto, le risposteattese, ldove non pervenute seguita intervista strutturata . Analisi dei dati Se consideriamo il campione come rappresentativo, possiamo ipotizzare che tutti i serviziinteressati si occupino in qualche modo di Disturbi del Comportamento Alimentare, ma intermini autoreferenziali, n tanto meno presente un ruolo infermieristico nel teamprofessionale. la maggior parte si occupa infatti sia della prevenzione che del trattamento, ipercorsi di trattamento e di prevenzione, se portati avanti insieme, possono favorirsi luno con laltro: Possiamo osservare ancora che il servizio che si occupa di DCA lo fa autonomamente, larestante parte invece in collaborazione con una o pi Unit Operative: pi frequentementePsichiatria, DSM, Igiene Mentale, ma anche Neuropsichiatria Infantile, altro Dallesempio evidenziato sulla scelta operata non emerso un intervento integrato, atto a garantire al paziente un percorso di cura coerente, continuo, personalizzato edeconomico in quanto volto ad evitare la dispersione di risorse (ad esempio si riduce il rischio dimigrazione del paziente da un servizio allaltro). Proposta operativa e ruolo infermieristico La strategia attuativa del progetto quella di strutturare una rete nel cui ambito varie istituzioni,(Servizi dipartimentali e distrettuali ASL, Scuola, Terzo Settore) cooperano per supportare ecostruire un contesto che renda facile agli assistiti in et evolutiva ed adolescenziale di farescelte nutrizionali sane e svolgere regolarmente attivit fisica. La strutturazione di una rete dicollaborazioni fra soggetti diversi prevede un approccio su pi livelli con lambizione difocalizzarsi s sul comportamento e le scelte individuali, ma anche su tutte le sfere di influenzache possono avere connessioni con lo stato di salute, come ad esempio lambito delle relazioniinterpersonali (famiglia, amici, vicinato ecc.) e quello delle istituzioni/organizzazioni, fino adincidere sulla comunit in cui si vive e sul governo che ne regola la convivenza. Obiettivo primario quindi la costruzione di una rete articolata di servizi che deve tenderealleccellenza, ovvero progettare procedure per ottenere i migliori risultati possibili tenendoconto del rapporto costo/benefici e ideando un sistema per la valutazione continua dei risultati.Nella realt provinciale della ASL Jonica, nella cura e prevenzione dei Disturbi delComportamento Alimentare presente solo il servizio diabetologico allinterno dellU.O. di Endocrinologia, di qui la necessit di pensare ad un progetto interdipartimentale e interdistrettuale, allo scopo di creare una rete che permettadi ottimizzare tutte le risorse presenti sul territorio provinciale. Lquipe sar di tipo multidisciplinare composta da operatori che dovranno possedere competenze in differenti discipline, di diversaprovenienza: sia dei Servizi e Dipartimenti, (tra cui la Neuropsichiatria Infantile, i Servizi Sociali,la Psichiatria, il Sert, il Dipartimento di Prevenzione ed i Distretti). Il funzionamento della rete delSistema DCA, allinterno di un pi vasto progetto di integrazione professionale, dove il ruoloinfermieristico garantisce un contributo alla salute ed al benessere della persona, dovrebbeprevedere diverse fasi :accoglienza,diagnosi , orientamento, trattamento . Il team multiprofessionale dovr considerare competenze specialistiche : Infermieri,psicologici e psicoterapeuti, Internisti, Medico di Famiglia, Rappresentante degli insegnanti eEducatori. Nellambito della rete dei servizi il ruolo infermieristico garantisce un contributo alla salute ed albenessere ed alla qualit di vita della persona. Le prestazioni e i trattamenti dovranno essereerogati a livello ambulatoriale. Ruolo peculiare sar svolto dallinfermiere che nel piano assistenziale preveder obiettivigenerali e specifici per il miglioramento del processo assistenziale. La definizione di un pianoassistenziale che preveda al suo interno procedure e protocolli, si rende necessario perstandardizzare le possibili attivit messe in atto da tutti gli operatori al fine di assicurare la continuit e luniformit delle cure aprescindere dalloperatore. Il piano assistenziale che risponda ai bisogni e alle necessit dei pazienti affetti da talepatologia deve essere creato e condiviso da tutti gli infermieri, basato su evidenze scientifiche,con standard assistenziali e criteri di struttura, processo e esito che sono i migliori indicatori peril raggiungimento degli stessi. I dati raccolti hanno consentito di tracciare un quadro articolato delle abitudini alimentari, dellapercezione del proprio corpo, dei fattori e delle modalit di influenzamento, delle emozioni edegli atteggiamenti collegati al cibo e all'alimentazione tra gli adolescenti. Tali risultaticonfermano la necessit di programmare e attuare interventi di prevenzione e di trattamentomultidisciplinare. lintervista condotta ad integrazione del test somministrato agli studenti degli Istituti LicealiAristosseno ed Archita di Taranto su un campione di adolescenti, ha permesso di richiamare lattenzione dei giovani intervistati su alcuniaspetti rilevanti, sollecitando risposte pi sincere di quelle del test strutturato, in particolarequando: - loggetto di studio come lAnoressia e/o la Bulimia hanno rappresentato un bisognocomplesso inespresso; in questo caso si fa infatti pi grave il pericolo che domandestandardizzate creino situazioni fittizie che rilevano atteggiamenti e opinioni nettamentecontraddittorie negli intervistati. Va evidenziato comunque lo stato fittizio della ricerca che fa emergere dati distorti edichiarazioni rilevanti molto importanti per la relazione daiuto da parte dellequipe infermieristica. . Riteniamo che questultimo datodebba essere considerato allarmante e debba incent...</p>