PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE ?· Bianca Bassi Responsabile S.S ... Medico Specializzando,…

  • Published on
    15-Feb-2019

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Transcript

<p>S</p> <p>2010 </p> <p>A ress Agenzia Regionale per i Servizi Sanitari </p> <p>Ente strumentale della Regione Piemonte </p> <p>Istituito con L.R. n. 10 del 16.03.1998 </p> <p>RRREEEGGGIIIOOONNNEEE </p> <p>PPPIIIEEEMMMOOONNNTTTEEE </p> <p>PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE </p> <p>della </p> <p>EPILESSIA </p> <p>AReSS Piemonte PDTA Epilessia 2010 (revisione 30.12.2010) 1 </p> <p>SOMMARIO </p> <p>Sommario ........................................... ................................................................................1 </p> <p>Descrizione generale del documento................. ..............................................................3 </p> <p>Il committente ......................................................................................................................3 </p> <p>Il gruppo di lavoro ................................................................................................................3 </p> <p>Referente Scientifico e Responsabile di Progetto................................................................4 </p> <p>Coordinamento del gruppo ..................................................................................................4 </p> <p>Stesura e revisione documento ...........................................................................................4 </p> <p>Abbreviazioni usate nel testo ...................... .....................................................................5 </p> <p>Glossario .......................................... ..................................................................................6 </p> <p>Premessa........................................... .................................................................................8 </p> <p>1. Metodologia utilizzata nella costruzione del PDTA .. ..............................................9 </p> <p>2. Criteri di eleggibilit e dinclusione ............. ..........................................................10 </p> <p>2.1 Criteri di scelta del PDTA Epilessia ......................................................................10 </p> <p>2.2 Criteri d'inclusione dei soggetti oggetto del PDTA ................................................10 </p> <p>3 Linee guida e letteratura di riferimento ........... ......................................................11 </p> <p>4 Epilessia: epidemiologia e inquadramento clinico ... .............................14 </p> <p>4.1 Definizione e presentazione clinica.......................................................................14 </p> <p>4.2 Le dimensioni del problema..................................................................................18 </p> <p>AReSS Piemonte PDTA Epilessia 2010 (revisione 30.12.2010) 2 </p> <p>5 I l percorso effett ivo (attuale) del paziente ..... ......................................19 </p> <p>5.1 Metodologia ..........................................................................................................19 </p> <p>5.2 Censimento dellattivit ambulatoriale per pazienti adulti .....................................21 </p> <p>5.3 Censimento dellattivit ambulatoriale per pazienti pediatrici................................25 </p> <p>6 I l percorso ideale ............................... ............................................................29 </p> <p>7 I l percorso di ri ferimento ....................... .....................................................29 </p> <p>7.1 Prima crisi .............................................................................................................29 </p> <p>7.2 Stato di male.........................................................................................................45 </p> <p>7.3 Convulsioni febbrili................................................................................................50 </p> <p>7.4 Valutazione neuropsicologica ...............................................................................55 </p> <p>7.5 Epilessia farmacoresistente..................................................................................60 </p> <p>7.6 Epilessia nella donna............................................................................................64 </p> <p>8 Struttura per l attivi t dei Centri ................ ..................................................70 </p> <p>8.1 Primo Livello .........................................................................................................70 </p> <p>8.2 Secondo Livello ....................................................................................................70 </p> <p>8.3 Terzo Livello .........................................................................................................70 </p> <p>9 Ruolo delle associazioni nel percorso di cura ...... ..................................71 </p> <p>Allegato 1. . 72 </p> <p>La gestione dei pazienti affetti da epilessia: censimento organizzativo delle attivit, delle </p> <p>strutture e delle risorse presenti nella Regione Piemonte. </p> <p>AReSS Piemonte PDTA Epilessia 2010 (revisione 30.12.2010) 3 </p> <p>DESCRIZIONE GENERALE DEL DOCUMENTO </p> <p> IL COMMITTENTE </p> <p>Regione Piemonte </p> <p>Assessorato alla Tutela della Salute e Sanit </p> <p>IL GRUPPO DI L AVORO </p> <p>Franco Apr Responsabile Medicina dUrgenza, Ospedale San Giovanni Bosco di Torino </p> <p>Giovanni Asteggiano Responsabile S.C. Neurologia, Ospedale di Alba - ASL CN2 </p> <p>Bianca Bassi Responsabile S.S. Riabilitazione Neuropsichiatrica A.O. O.I.R.M. SantAnna di Torino - Dipartimento di Scienze Pediatriche e dellAdolescenza, Universit degli Studi di Torino </p> <p>Francesco Benincasa Medico di Medicina Generale, ASL TO3 </p> <p>Paolo Benna Responsabile del Servizio per la Diagnosi e la Cura dellEpilessia, Dipartimento di Neuroscienze, Universit degli Studi di Torino </p> <p>Dante Besana Direttore S.C. Neuropsichiatria Infantile, A.O. di Alessandria </p> <p>Cesare Bevilacqua Gi Presidente Associazione APiCE </p> <p>Vincenzo Bonicalzi Dirigente Medico, S.C. Anestesia e Rianimazione II, A.O.U. San Giovanni Battista di Torino </p> <p>Roberto Cantello Responsabile del Centro per la Diagnosi e la Terapia dellEpilessia, Clinica Neurologica, Universit degli Studi del Piemonte Orientale </p> <p>Giorgio Capizzi Responsabile Centro Epilessia A.O. O.I.R.M. SantAnna di Torino - Dipartimento di Scienze Pediatriche e dellAdolescenza, Universit degli Studi di Torino </p> <p>Adriano Chi Responsabile Centro SLA e Malattie del Motoneurone, Dipartimento di Neuroscienze, Universit degli Studi di Torino </p> <p>Rita Ciero Infermiere Professionale, U.O. Neurologia, Ospedale SantAndrea di Vercelli - ASL VC </p> <p>Alessandra DAlfonso Sistema Qualit e Gestione del rischio ASL TO2; A.Re.S.S. Piemonte </p> <p>Renato De Giorgio Presidente Associazione APiCE </p> <p>Maritza Gabriele Referente S.C. Neuropsichiatria Infantile, Ospedale di Chiasso - ASL TO4 </p> <p>Sebastiana Giordano Psicologo, A.Re.S.S. Piemonte </p> <p>Simona Giribone Neuropsicologo, S.C. Neuropsichiatria Infantile, A.O. di Alessandria </p> <p>Pasquale Grassano Direttore di Distretto, Susa, ASL TO3 </p> <p>Marcella Jorfida Dirigente Medico, S.C.D.U. Cardiologia, A.O.U. San Giovanni Battista di Torino </p> <p>Franca Lovaldi Funzionario Regionale, Assessorato alla Tutela della Salute e Sanit, Regione Piemonte </p> <p>Elisa Montalenti Dirigente Medico, Servizio per la Diagnosi e la Cura dellEpilessia, A.O.U. San Giovanni Battista di Torino </p> <p>AReSS Piemonte PDTA Epilessia 2010 (revisione 30.12.2010) 4 </p> <p>Pietro Pignatta Dirigente Medico, Responsabile del servizio per lepilessia, S.C. Neurologia, Ospedale Gradenigo, Torino </p> <p>Aldo Ravaglia Pediatra di Libera Scelta - ASL TO4 </p> <p>Manuela Scat Medico Specializzando, Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia, AO O.I.R.M. SantAnna di Torino </p> <p>Tullia Todros Responsabile della S.C.D.U. Ostetricia e Ginecologia ad indirizzo Materno-Fetale, A.O. O.I.R.M. SantAnna di Torino </p> <p>Paola Zambelli Tecnico di Neurofisiopatologia, Dipartimento di Neuroscienze, A.O.U. San Giovanni Battista di Torino </p> <p>Hanno collaborato alla redazione del testo la dr.ssa Elisa Rubino e il dr. Paolo Ripellino. </p> <p>REFERENTE SCIENTIFICO E RESPONS ABILE DI P ROGE TTO </p> <p> Paolo BENNA Universit degli Studi di Torino A.O.U. San Giovanni Battista di Torino </p> <p>COORDIN AMENTO DEL GRUPPO </p> <p>Alessandra DALFONSO Agenzia Regionale per i Servizi Sanitari Piemonte </p> <p>Sebastiana GIORDANO Agenzia Regionale per i Servizi Sanitari Piemonte </p> <p>STESUR A E REVISIONE DOCUMENTO </p> <p>Data prima stesura 15/09/2009 </p> <p>Data ultima revisione 30/12/2010 </p> <p>Numero revisione 12 </p> <p>AReSS Piemonte PDTA Epilessia 2010 (revisione 30.12.2010) 5 </p> <p>ABBREVIAZIONI USATE NEL TESTO </p> <p>Acronimo Descrizione A.Re.S.S. Azienda Regionale per i Servizi Sanitari </p> <p>AA.SS.RR. Aziende Sanitarie Regionali </p> <p>APiCE Associazione Piemontese contro lEpilessia </p> <p>ASR Azienda Sanitaria Regionale </p> <p>CFC Convulsioni febbrili complesse </p> <p>CFS Convulsioni febbrili semplici </p> <p>COC Contraccettivi orali combinati </p> <p>CUP Centro unico prenotazioni </p> <p>DEA Dipartimento di emergenza e accettazione </p> <p>DTN Difetti del tubo neurale </p> <p>EG Et gestazionale </p> <p>FAE Farmaci antiepilettici </p> <p>ILAE International League against Epilepsy </p> <p>LICE Lega Italiana contro lEpilessia </p> <p>MMG Medico di medicina generale </p> <p>NPI Neuropsichiatria infantile </p> <p>PDTA Piano diagnostico terapeutico assistenziale </p> <p>PIC Percorso integrato di cura </p> <p>PNES Psychogenic non-epileptic seizures (crisi psicogena non epilettica) </p> <p>SE Stato di male epilettico </p> <p>TIA Transient ischemic attack (attacco ischemico transitorio) </p> <p>TLOC Transitoria perdita transitoria di coscienza </p> <p>TNFP Tecnico di neuro fisiopatologia </p> <p>AReSS Piemonte PDTA Epilessia 2010 (revisione 30.12.2010) 6 </p> <p>GLOSSARIO </p> <p>Termini Definizione </p> <p>Burst-suppression Quadro EEGrafico caratterizzato da sequenze di durata superiore a 1 </p> <p>secondo di attivit isoelettrica, intervallate a scoppi di attivit lenta o puntuta </p> <p>Care La presa in carico del paziente </p> <p>Consigli Le indicazioni derivate dal parere di esperti e del tavolo di lavoro regionale </p> <p>Convulsione febbrile complessa </p> <p>Crisi convulsiva (focale o generalizzata) in occorrenza di un episodio </p> <p>febbrile, caratterizzata da una durata prolungata (superiore a 15 minuti) o </p> <p>ripetuta entro le 24 ore, e/o associata ad anomalie neurologiche post-</p> <p>critiche, pi frequentemente una paresi post-critica (paresi di Todd) o a </p> <p>precedenti neurologici </p> <p>Convulsione febbrile semplice </p> <p>Crisi convulsiva generalizzata di breve durata (da 30 secondi a pochi minuti </p> <p>nella maggior parte dei casi) e comunque non superiore ai 15 minuti, non </p> <p>ripetuta nelle 24 ore, che si presenta durante un episodio di febbre non </p> <p>dovuta a una affezione acuta del sistema nervoso, in et compresa tra i sei </p> <p>mesi e i cinque anni, in soggetti senza precedenti neurologici, ovvero senza </p> <p>fattori eziologici indicativi di danno cerebrale pre-, peri- o post- natale con </p> <p>normale sviluppo psicomotorio e in assenza di precedenti crisi convulsive </p> <p>febbrili </p> <p>Crisi epilettica Comparsa transitoria di segni e/o sintomi dovuti ad attivit eccessiva o </p> <p>ipersincrona di neuroni cerebrali, in prevalenza corticali </p> <p>Dj-vu Intensa sensazione che ci che sta accadendo per la prima volta sia gi </p> <p>occorso in precedenza. Pu essere manifestazione di crisi epilettiche parziali </p> <p>Epilessia </p> <p>Disturbo cerebrale cronico, caratterizzato da una predisposizione duratura a </p> <p>generare crisi epilettiche e dalle conseguenze neurobiologiche, cognitive, </p> <p>psicologiche e sociali di tale condizione. Per definire una condizione </p> <p>epilettica occorre che si sia verificata almeno una crisi (secondo le pi </p> <p>recenti classificazioni della ILAE) </p> <p>Epilessia </p> <p>farmacoresistente </p> <p>Condizione epilettica in cui le crisi persistono ed molto improbabile </p> <p>ottenere libert da crisi con ulteriori manipolazioni terapeutiche con farmaci </p> <p>antiepilettici. Abitualmente e operativamente viene definita come fallimento </p> <p>di tentativi adeguati con due farmaci antiepilettici tollerati e scelti e usati in </p> <p>modo appropriato (sia in monoterapia che in associazione) per ottenere una </p> <p>stabile libert dalle crisi, intendendo per stabile un periodo di assenza di </p> <p>crisi di un anno o, se pi prolungato, un tempo tre volte maggiore </p> <p>dellintervallo intercritico prima dellultimo intervento terapeutico </p> <p>AReSS Piemonte PDTA Epilessia 2010 (revisione 30.12.2010) 7 </p> <p>Jamais-vu Sensazione di mancanza di familiarit: ci che dovrebbe essere noto appare </p> <p>per la prima volta </p> <p>Percorso di riferimento </p> <p>La pianificazione della sequenza logica e cronologica di tutti gli interventi </p> <p>assistenziali essenziali per la valutazione iniziale, la presa in carico e il </p> <p>successivo follow-up del paziente </p> <p>Percorso effettivo o attuale </p> <p>La situazione reale relativa a una certa problematica sanitaria in Piemonte </p> <p>Percorso ideale Le migliori pratiche cliniche disponibili in letteratura, con cui confrontare i </p> <p>punti critici del percorso effettivo in studio </p> <p>Pseudocrisi (o crisi psicogene non epilettiche) </p> <p>Episodi di movimenti, sensazioni o esperienze alterati, simili allepilessia ma </p> <p>causati da un processo psicologico e non associati ad alterazioni elettriche </p> <p>cerebrali visualizzabili allEEG (in fase ictale o interictale) </p> <p>Raccomandazioni Le attivit, gli interventi o le procedure supportate da evidenti dati nelle linee </p> <p>guida di riferimento </p> <p>Sincope </p> <p>Perdita transitoria di coscienza dovuta a ipoperfusione cerebrale, </p> <p>caratterizzata da inizio rapido, breve durata, remissione spontanea e </p> <p>completa </p> <p>Sincope neuromediata o riflessa </p> <p>Transitoria perdita di coscienza dovuta a ipotensione riflessa o a risposta </p> <p>bradicardica riflessa; include le sincopi vaso-vagali, del seno carotideo, </p> <p>situazionali </p> <p>Stato di male (epilettico) </p> <p>Emergenza medica e neurologica caratterizzata da una crisi epilettica di </p> <p>durata prolungata (molti minuti) o da una serie di crisi subentranti, senza </p> <p>ripresa completa della funzione nervosa intercritica </p> <p>Stato di male febbrile Convulsione febbrile caratterizzata da durata superiore a 30 minuti o serie di </p> <p>crisi febbrili pi brevi ma senza ripristino di coscienza intercritico </p> <p>Test di Wada </p> <p>Iniezione intracarotidea, mediante cateterismo femorale, di amobarbital </p> <p>sodico, che inibisce per alcuni minuti le funzioni di un emisf...</p>

Recommended

View more >