PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO Data di emissione: ?· PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE…

  • Published on
    22-Feb-2019

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Transcript

www.regione.piemonte.it/sanit

Pagina 1 di 23

INDICE

Capitolo/

Paragrafo

Titolo Capitolo/Paragrafo Pagi

na

1 TITOLO 4

1.1 INTRODUZIONE 4

1.2 PAROLE CHIAVE 4

1.3 CODICE DI DIAGNOSI 4

1.4 CODICE DI PROCEDURA 4

1.5 TERMINOLOGIA, DEFINIZIONI, ABBREVIAZIONI 5

2 STATO DI REVISIONE 5

3 AGGIORNAMENTO 5

4 OBIETTIVI 5

5 AMBITO DI APPLICAZIONE 5

6 CRITERI DI SCELTA 6

6.1 CRITERI DI INCLUSIONE 6

6.2 CRITERI DI ESCLUSIONE 6

7 DESCRIZIONE DELLE FASI E DELLE ATTIVITA 6

7.1 RISORSE DISPONIBILI 6

7.1.1 CAS 6

7.1.2 GIC 7

7.2 FASE AMBULATORIALE 7

7.2.1 Reclutamento del paziente 7

7.2.2 Presa in carico del paziente e stadiazione 8

7.2.2.1 Profili di stadiazione 8

7.3 DEFINIZIONE DEL PIANO TERAPEUTICO:DISCUSSIONE PLURICOLLEGIALE DEL CASO

(GIC)

11

7.4 PAZIENTE CON TUMORE DELLE VADS:PERCORSO CHIRURGICO 14

7.4.1 Paziente candidato ad intervento chirurgico:attivit a carico del CPRC e del Day

Service

14

7.4.2 Paziente candidato ad intervento chirurgico:attivit a carico del reparto di degenza 15

7.5 PAZIENTE CON TUMORE DELLE VADS: PERCORSO NELLA STRUTTURA DI

RADIOTERAPIA

16

7.6 PAZIENTE CON TUMORE DELLE VADS: PERCORSO NELLA STRUTTURA DI ONCOLOGIA 17

7.7 DISCUSSIONE PLURICOLLEGIALE DEL CASO (GIC) POST -TRATTAMENTI 19

7.8 FOLLOW-UP 19

7.9 PAZIENTE CON MALATTIA RECIDIVATA/METASTATICA NON SUSCETTIBILE DI

TERAPIA LOCO-REGIONALE

21

7.10 DIAGRAMMA DI FLUSSO 22

A.O.S.Croce e Carle

Cuneo

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO

ASSISTENZIALE

PDTA_005

Tumori Testa-Collo

Data di emissione: anno 2013

Data ultima revisione: 16/12/2016

Revisione n. 03

Dott. Raffaele Vitiello

Dott. Walter Lerda

Otorinolaringoiatria e Chirurgia

Cervico- Facciale

Dott. Alessandro Garibaldi Direttore Sanitario di Presidio f.f

Dott.ssa Paola Malvasio Direttore Sanitario dAzienda

Stesura Verifica/Approvazione Emissione

www.regione.piemonte.it/sanit

Pagina 2 di 23

8 DEFINIZIONE DI REQUISITI, INDICATORI E STANDARD 23

9 BIBLIOGRAFIA 23

10 DOCUMENTI ALLEGATI 23

11 ELENCO DI DISTRIBUZIONE 23

GIG TUMORI TESTA-COLLO

Coordinatore: Dr. Raffaele VITIELLO Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico- Facciale

PDTA DI PERTINENZA DEL GIC: Tumori testa-collo

COMPOSIZIONE GIC: NUCLEO PERMANENTE (PREVISTA DA D.G.R. 31.03.2014 N. 42-7344)

Disciplina/Struttura Referente Firma

Dr. Raffaele VITIELLO

(titolare)

Otorinolaringoiatria e

Chirurgia Cervico- Facciale

Dr. Walter LERDA

(sostituto)

Dr. Marco BERNARDI

(titolare)

Chirurgia Maxillo-Facciale

Dr.ssa Maria Cristina SPADA

(sostituto)

Dr. Riccardo VIGNA

TAGLIANTI

(titolare)

Radioterapia

Dr.ssa Anna Maria MERLOTTI

(sostituto)

Dr.ssa Nerina DENARO

(titolare)

Oncologia

Dr. Marco MERLANO

(sostituto)

Dr. Andrea CAMPIONE

(titolare)

Anatomia Patologica

Dr.ssa Grazia

SCIANCALEPORE

(sostituto)

Dr. Alberto TALENTI (titolare) Radiodiagnostica

Dr. Gabriele GALLARATO

(sostituto)

Infermiere GIC Paola GALLARATO

www.regione.piemonte.it/sanit

Pagina 3 di 23

COMPOSIZIONE GIC: MEMBRI DI SUPPORTO (PREVISTA DA D.G.R. 31.03.2014 N. 42-7344)

Figure mediche, chirurgiche e professionali chiamate alloccorrenza

Disciplina/Struttura Referente Firma

Chirurgia Plastica Dr. Alberto RIVAROSSA

Dr. Giuseppe MALFI (titolare) Dietetica e Nutrizione Clinica

Dr.ssa Maria Cristina DA

PONT

(sostituto)

Gastroenterologo o Chirurgo

Generale (posizionamento

gastrostomie,SNG e relativa

gestione/supporto)

Dr. Aldo MANCA

Algologia Dr. Davide GERBONI

Cure Palliative (Attiva

convenzione con ASL CN1)

Dr. Pietro LA CIURA

Medicina Nucleare Dr.ssa Simona PEANO

Dr.ssa Antonella MAFFE

(titolare)

Laboratorio Analisi, Chimico,

Cliniche e Microbiologia

Dr.ssa Silvana UNGARI

(sostituto)

Il documento stato elaborato con la collaborazione della dott.ssa Antonella Dutto e della

dott.ssa Rosso Manuela della Funzione Qualit ed Accreditamento Aziendale.

www.regione.piemonte.it/sanit

Pagina 4 di 23

1. TITOLO PDTA Tumori Testa-Collo

Nel documento si intendono per tumori Testa-Collo quelli che originano dalle seguenti sedi

anatomiche: cavo orale, orofaringe, ipofaringe, laringe, rinofaringe, cavit nasali e seni paranasali,

ghiandole salivari. Sono inoltre trattate le metastasi linfonodali cervicali da tumore a sede primitiva

ignota.

1.1 INTRODUZIONE

Allinterno dellAO S. Croce e Carle possibile identificare un percorso che, in conformit alle linee

guida nazionali e internazionali, orienta le scelte cliniche, garantisce laccesso alle prestazioni

necessarie e lesecuzione rapida delliter diagnostico e terapeutico.

Per PDTA si intende una sequenza predefinita, articolata e coordinata di prestazioni, ambulatoriali

e/o di ricovero, che prevede la partecipazione integrata di diversi specialisti e professionisti, al fine di

realizzare la diagnosi e la terapia pi adeguate per la patologia in oggetto.

Presso lAzienda Ospedaliera S. Croce e Carle sono disponibili le competenze professionali e le

tecnologie necessarie per la gestione dei pazienti con neoplasie testa-collo. In particolare sono

presenti la SC di Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico- Facciale, la SC Chirurgia Maxillo- Facciale, la

SC Radioterapia e la SC Oncologia. Collaborano in modo determinante le strutture diagnostiche (SC

Radiologia, SC Medicina Nucleare, SC Laboratorio Analisi e Biologia Molecolare, SC Anatomia

Patologica) e altre strutture di supporto (in particolare la SC Dietetica e Nutrizione Clinica, SS

Algologia, le Cure Palliative).

E attivo, inoltre, il Centro Accoglienza e Servizi.

Agli attori descritti vanno aggiunti il Medico di Medicina Generale e le equipe infermieristiche delle

diverse strutture che hanno ruoli assistenziali di grande rilievo.

1.2 PAROLE CHIAVE

PDTA, vie aereo digestive superiori, tumore, otorinolaringoiatria, oncologia, Rete Oncologica

Piemonte e Valle DAosta

1.3 CODICE DI DIAGNOSI

Codice Diagnosi

140-149 Carcinoma del cavo orale/orofaringe/ghiandole salivari

161 Carcinoma della Laringe

160 Carcinoma delle cavit nasali e seni paranasali

196.0 Metastasi linfonodali cervicali da sede primitiva ignota

1.4 CODICE DI PROCEDURA

Codice Procedura

16.51 Orbitomaxillectomia

21.3 Asportazione lesione naso

22.4-

22.6

Interventi sui seni paranasali

24.3 Interventi su gengiva

25 Interventi su lingua

26.3 Scialoadenectomia

27.3 Asportazione palato osseo

27.42-

27.43

Asportazione lesione labbro

28.2 Tonsillectomia

29.33 Laringectomia parziale

30 Asportazione laringe

www.regione.piemonte.it/sanit

Pagina 5 di 23

31.1-

31.2

Tacheostomia

40.21 Asportazione linfonodi cervicali profondi

40.4 Asportazione radicale linfonodi cervicali

76.6 Osteotomia mascella/mandibola

86.7 Impianti di lembipeduncolanti/liberi

1.5 TERMINOLOGIA, DEFINIZIONI, ABBREVIAZIONI

Termine,

Abbreviazione

Definizione

VADS Vie Aero-Digestive Superiori

ORL Otorinolaringoiatria

PS Pronto Soccorso

MMG Medico di Medicina Generale

CAS Centro Accoglienza Servizi

GIC Gruppo Interdisciplinare di Cure

RT Radioterapia

CPRC Centro Programmazione Ricoveri Chirurgici

Drenaggio L-C Drenaggio Latero-Cervicale

2 STATO DI REVISIONE

Si tratta della revisione 03.

Le modifiche apportate riguardano:

- laggiornamento dei contenuti clinici rispetto alle pi recenti evidenze di letteratura nazionale ed internazionale

- la contestualizzazione aziendale del modello organizzativo del Centro Accoglienza e Servizi (CAS) e dei Gruppi Interdisciplinari Cure (GIC) quali strumenti di governo e controllo dei Percorsi

Diagnostico Terapeutico Assistenziali per i pazienti oncologici.

3 AGGIORNAMENTO

Per laggiornamento del PDTA far pervenire eventuali proposte di modifica al Coordinatore del

GdL/GIC.

4 OBIETTIVI

Gli obiettivi del PDTA sono i seguenti:

- formalizzare in un documento il percorso diagnostico-clinico-assistenziale per la gestione del paziente con sospetta neoplasia delle Vie Aereo Digestive Superiori al fine di assicurare una

continuit assistenziale, efficiente ed efficace, in coerenza con le linee guida regionali, nazionali e

internazionali basate sulle prove di evidenza e in sintonia con le pi recenti acquisizioni della ricerca

scientifica;

- ottimizzare le reti di servizi esistenti e condividere gli standard professionali e organizzativi favorendo la tempestivit nella diagnosi, nella terapia e nellaccesso al supporto psico-sociale;

- migliorare lapproccio al/la paziente sotto laspetto comunicativo per garantire un flusso omogeneo di informazioni mettendo i bisogni del/la paziente al centro dellattenzione;

- ottimizzare e monitorare i livelli di qualit delle cure prestate, attraverso lidentificazione di indicatori di processo e di esito nonch la messa a punto di un sistema di raccolta e analisi dei dati.

5 AMBITO DI APPLICAZIONE

Il presente PDTA si applica a tutti i pazienti con sospetto clinico o diagnosi certa di tumore delle Vie

Aero-Digestive Superiori, dal momento dellingresso in Azienda fino alla fase di follow-up post-

trattamento compresi eventuali percorsi di cure palliative e/o di fine vita.

www.regione.piemonte.it/sanit

Pagina 6 di 23

6 CRITERI DI SCELTA

6.1 CRITERI DI INCLUSIONE

- Sospetto di tumore delle vie aereo digestive superiori;

- Diagnosi certa di tumore delle vie aereo digestive superiori.

6.2 CRITERI DI ESCLUSIONE

Non rientrano nel percorso i pazienti che non presentano le caratteristiche descritte nei

criteri di inclusione.

7 DESCRIZIONE DELLE FASI E DELLE ATTIVITA

7.1 RISORSE DISPONIBILI

1. Centro Accoglienza e Servizi

2. Gruppo Interdisciplinare e Cure

3. Diagnosi e Stadiazione: Radiologia, Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico Facciale,Chirurgia

Maxillofacciale, Medicina Nucleare, Anatomia Patologica

4 Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico- Facciale

5. Chirurgia Maxillo- Facciale

6 Oncologia

7. Laboratorio Analisi

8. Radioterapia

9. Dietologia

10. Cure Palliative

11. Terapia Antalgica

12. Follow-up

7.1.1.CAS

Il Centro Accoglienza e Servizi offre al paziente con elevato sospetto o diagnosi certa di neoplasia

delle VADS un servizio di accoglienza e informazione relativa al suo percorso diagnostico e

terapeutico, ai servizi erogati presso lAzienda Ospedaliera S. Croce e Carle e i relativi tempi di

attesa.

Il paziente giunge al CAS inviato dal Medico di Medicina Generale, dagli ambulatori specialistici

ospedalieri (otorinolaringoiatria, ambulatorio di II Livello Masse del Collo) oppure dal PS.

Si esegue:

- presa in carico del paziente con compilazione delle schede infermieristiche del CAS, rilevamento di eventuali disagi sociali e psicologici e conseguente coinvolgimento

dellAssistente Sociale e del Servizio di Psicologia, valutazione dello stato nutrizionale e del

dolore con eventuale prenotazione di visita dietologica (ambulatorio dedicato al paziente

oncologico ogni marted), algologica e compilazione scheda G8 se paziente di et 80 anni;

- controllo dellavvenuta attivazione dellesenzione 048 - organizzazione e prenotazione degli esami di stadiazione su agende dedicate, contatto con

il paziente che viene istruito allesecuzione degli esami radiologici (si esegue anche il

prelievo degli ematici necessari allesecuzione degli esami radiologici (es. creatinina e eGFR

per TAC con mdc); verifica della esecuzione degli stessi nei giorni stabiliti

- collaborazione con le strutture di Day Service e Centro Programmazione Ricoveri Chirurgici.

www.regione.piemonte.it/sanit

Pagina 7 di 23

- presentazione del caso al Gruppo Interdisciplinare Cure al completamento degli esami di stadiazione;

- mantenimento dei contatti con i CAS territoriali sia per la presa in carico che per la continuit assistenziale.

Il percorso CAS del paziente viene monitorato attraverso un programma informatico dedicato.

7.1.2 GIC

Lesigenza di coordinamento tra Specialisti rilevante in questa patologia per il carattere

multidisciplinare delliter diagnostico e terapeutico.

Come per altri tumori, quindi, necessaria la creazione di appositi Gruppi Interdisciplinari di Cure a

cui afferiscano periodicamente specialisti di diverse discipline che discutano della situazione clinica

del paziente in modo mirato e collaborino tra loro nel tempo per garantire al paziente le migliori

cure disponibili mirate alle sue necessit, nonch la continuit assistenziale nella malattia.

Gli Specialisti del tumore delle VADS dellAO. S. Croce e Carle di Cuneo (Otorinolaringoiatra di

riferimento, Chirurgo Maxillo-Facciale, Radioterapista, Oncologo, Radiologo dedicato), si riuniscono

nellambito del GIC tumori testa-collo settimanalmente; altri Specialisti, quali lAnatomo-Patologo

ed il Radiologo, sono presenti su richiesta in casi specifici.

Il Medico delle Cure Palliative (comune agli altri GIC) presente in Azienda due volte alla settimana

per consulenze e viene contattato quando necessario.

I casi che accedono al GIC vengono portati in discussione dai singoli Specialisti, previa segnalazione

al CAS via mail inviata almeno il giorno precedente; gli operatori del CAS successivamente

provvedono a prenotare i pazienti su IE-CUP.

Ad ogni riunione, quindi, disponibile una lista dei casi da discutere, con segnalata la eventuale

necessit della presenza dello Specialista che partecipa al GIC solo su chiamata.

Durante la discussione multidisciplinare si prende visione degli esami strumentali di stadiazione

eseguiti dal paziente e si prendono decisioni sulle possibilit curative o palliative degli eventuali

trattamenti sulla base dello stato di malattia, let e le comorbidit.

Il paziente pu essere nuovamente rivalutato e possono essere fornite indicazioni per

approfondimenti diagnostici mediante ulteriori accertamenti, effettuabili tramite il CAS.

Vengono inoltre ridiscussi i casi dopo trattamento chirurgico, radioterapico o chemioterapico.

Per ogni caso clinico viene compilata la cartella informatizzata GIC del paziente e viene rilasciato un

referto di visita GIC in PDF, che pu essere consultato on line dai vari Specialisti e verr allegato alla

cartella clinica del paziente, se ricoverato, o alla documentazione del CAS.

Il caso pu es...

Recommended

View more >