PETRONIO-t9-l'Ascesa Di Un Parvenu

  • Published on
    11-Aug-2015

  • View
    621

  • Download
    28

Embed Size (px)

DESCRIPTION

traduzione petronio di una parte della cena di trimalchione ,

Transcript

74Stava pronunciando queste parole, quando arriv il canto di un gallo . Turbato da quel suono, Trimalcione fa versare del vino sotto il tavolo e anche sulla lampada . Poi, passandosi l'anello alla mano destra, disse: "Se questo trombettiere ha dato l'allarme non pu non esserci un buon motivo: mi sa che sta per scoppiare un incendio o qui intorno qualcuno l l per esalare l'anima . Vade retro da noi! Chi mi trova questo profeta del malaugurio si becca una bella mancia" . Detto fatt o: l dal vicinato gli portano un gallo e Trimalcione ordina di cucinarlo . Sventrato da quel genio d'un cuoco che poco prima aveva trasformato la carne di maiale in pesci e uccelli, il gallo viene messo in pentola, mentre Dedalo ci versa dentro dell'acqua bollente e Fortunata trita sopra il pepe con un macinino di legno . Dopo aver assaggiato un po' anche di questo manicaretto, Trimalcione si rivolge ai suoi schiavi e dice: "Ma come, voi non avete ancora mangiato? Avanti, sparite e fate venire degli altri a servire" . Entra cos un nuovo gruppo e, mentre i primi esclamavano: "Statti bene, o Gaio", i nuovi arrivati fecero eco dicendo: "Salute a te, o Gaio" . Ma da quel momento il nostro buon umore cominci a guastarsi, perch tra i servi appena venuti c'era un ragazzino niente male che Trimalcione, appena lo vede, gli si butta al collo attaccando a sbaciucchiarselo tutto . Ma Fortunata, facendo valere il suo sacrosanto diritto, comincia a inveire contro Trimalcione, dandogli dello sporcaccione e dell'impunito, incapace addirittura di controllare la sua foia . E, per finire, lo chiama "cane" . Allora Trimalcione, colpito dall'insulto, per tutta risposta, le tira in faccia un calice . Ma lei, come se ci avesse rimesso un occhio, attacca a strillare e si porta le mani tremanti al viso . Chi anche sconvolta Scintilla, che si stringe al petto l'amica in lacrime e singhiozzi, mentre un ragazzino pieno di premure le porge una bacinella con dell'acqua fresca e Fortunata ci si piega sopra tra lacrime e gemiti . Trimalcione, invece, senza badarle, prorompe: "Ma non se lo ricorda cos'era questa baldracca di una canzonettara? L'ho tolta io dal marciapiede e ne ho fatto una signora tra le signore . Lei no, si gonfia come una rana, si crede chiss chi: una testa di legno, altro che una donna! Ma chi nato in una capanna non si sogna certo un palazzo . E se solo la mia buona stella mi assiste, ci penso io a domare questa Cassandra in ciabatte! E pensare che avrei potuto avere in moglie una donna con un milione di sesterzi, razza di idiota che non sono altro . E tu lo sai che non racconto frottole . Agatone, il profumiere di una vicina di qui, mi prende da parte e mi dice: "Non vorrai mica lasciar morire cos la tua stirpe!" . E io, da bonaccione che sono e per non sembrare uno sconsiderato, mi sono dato la zappa sui piedi . D'accordo: ma far in modo che tu mi venga a cercare grattando la terra con le unghie . Anzi, per capire gi fin da adesso il bel guadagno che ci hai fatto, guarda: Abinna, la sua statua non mi va pi che la scolpisci sulla mia tomba, perch non ho nessuna intenzione di farmi del sangue cattivo anche da morto . Anzi, perch sappia che con me non c' da scherzare, le proibisco di baciarmi quando sar cadavere" . [LXXV] Post hoc fulmen Habinnas rogare coepit ut iam desineret irasci, et: "Nemo, inquit, nostrum non peccat . Homines sumus, non dei . " Idem et Scintilla flens dixit, ac per genium eius Gaium appellando rogare coepit ut se 75 Dopo questa sfuriata, Abinna comincia a implorarlo di calmarsi . "Tutti possono sbagliare . Siamo uomini, non di" . Le stesse cose gliele ripete anche Scintilla in lacrime, chiamandolo Gaio e scongiurandolo in nome del suo nume tutelare di avere piet . E Trimalcione,

frangeret . Non tenuit ultra lacrimas Trimalchio et: "Rogo, inquit, Habinna, sic peculium tuum fruniscaris: si quid perperam feci, in faciem meam inspue . Puerum basiavi frugalissimum, non propter formam, sed quia frugi est: decem partes dicit, librum ab oculo legit, thraecium sibi de diariis fecit, arcisellium de suo paravit et duas trullas . Non est dignus quem in oculis feram? Sed Fortunata vetat . Ita tibi videtur, fulcipedia? Suadeo, bonum tuum concoquas, milva, et me non facias ringentem, amasiuncula: alioquin experieris cerebrum meum . Nosti me: quod semel destinavi, clavo tabulari fixum est . Sed vivorum meminerimus . Vos rogo, amici, ut vobis suaviter sit . Nam ego quoque tam fui quam vos estis, sed virtute mea ad hoc perveni . Corcillum est quod homines facit, cetera quisquilia omnia . Bene emo, bene vendo; alius alia vobis dicet . Felicitate dissilio . Tu autem, sterteia, etiamnum ploras? Iam curabo fatum tuum plores . Sed ut coeperam dicere, ad hanc me fortunam frugalitas mea perduxit . "Tam magnus ex Asia veni, quam hic candelabrus est . Ad summam, quotidie me solebam ad illum metiri, et ut celerius rostrum barbatum haberem, labra de lucerna ungebam . Tamen ad delicias ipsimi annos quattuordecim fui . Nec turpe est, quod dominus iubet . Ego tamen et ipsimae satis faciebam . Scitis quid dicam: taceo, quia non sum de gloriosis . [LXXVI] "Ceterum, quemadmodum di volunt, dominus in domo factus sum, et

non riuscendo pi a trattenere le lacrime, sbotta: "Ti prego, Abinna, e che tu possa godere a lungo dei tuoi soldi, ma sputami in faccia se ho fatto qualcosa di male . Ho baciato un ragazzino tutto per bene, non tanto perch carino, ma perch pieno di pregi: sa dividere per dieci, legge i libri a prima vista, coi suoi risparmi si comprato una tenuta da Trace, e poi una poltrona e due vasi, sempre di tasca sua . Non dunque giusto che sia la pupilla dei miei occhi? Ma Fortunata non vuole . cos che la mettiamo, razza di spocchiosa? Lo vuoi un consiglio? Cerca di capire il colpo di fortuna che hai avuto, razza di arpia, e non irritarmi pi del dovuto, se no finisce che lo vedi di cosa sono capace, zoccola da strapazzo . Eppure mi conosci: se mi ficco in testa qualcosa, come un chiodo piantato in un muro . Ma pensiamo a noi, piuttosto . E voi, amici, vi prego, su con la vita . Come voi lo sono stato anch'io, ma per la mia bravura sono arrivato fino a qui . il cuore che fa l'uomo, e tutto il resto sono quisquilie . "Compro bene, vendo bene" . C' chi vi dir una cosa, chi un'altra . Sta di fatto che io ho benessere da vendere . E tu invece, cosa continui a piangere, razza di lagna? Bada che se non la pianti, ti faccio piangere io . Allora, come vi stavo dicendo, stata la mia parsimonia a farmi arrivare cos in alto . Quando sono arrivato dall'Asia ero alto come quel candelabro: ogni giorno mi ci andavo a misurare e, per farmi crescere la barba pi in fretta, mi ungevo la faccia con l'olio delle lampade . Per quattordici anni sono stato il cocco del padrone, e non venitemi a dire che un obbrobrio: chi comanda il padrone . Io comunque mi facevo a mia volta la padrona . Capite benissimo di cosa parlo: ma non aggiungo altro, perch non sono uno che si d arie" . 76"Ad ogni modo, come gli di han voluto, in quella casa divenni io il padrone, e il mio signore faceva tutto di

ecce cepi ipsimi cerebellum . Quid multa? coheredem me Caesari fecit, et accepi patrimonium laticlavium . Nemini tamen nihil satis est . Concupivi negotiari . Ne multis vos morer, quinque naves aedificavi, oneravi vinum -- et tunc erat contra aurum -- misi Romam . Putares me hoc iussisse: omnes naves naufragarunt . Factum, non fabula . Vno die Neptunus trecenties sestertium devoravit . Putatis me defecisse? Non mehercules mi haec iactura gusti fuit, tanquam nihil facti . Alteras feci maiores et meliores et feliciores, ut nemo non me virum fortem diceret . Scis, magna navis magnam fortitudinem habet . Oneravi rursus vinum, lardum, fabam, seplasium, mancipia . Hoc loco Fortunata rem piam fecit: omne enim aurum suum, omnia vestimenta vendidit et mi centum aureos in manu posuit . Hoc fuit peculii mei fermentum . Cito fit quod di volunt . Vno cursu centies sestertium corrotundavi . Statim redemi fundos omnes, qui patroni mei fuerant . Aedifico domum, venalicia coemo, iumenta; quicquid tangebam, crescebat tanquam favus . Postquam coepi plus habere quam tota patria mea habet, manum de tabula: sustuli me de negotiatione et coepi libertos fenerare . Et sane nolente me negotium meum agere exhortavit mathematicus, qui venerat forte in coloniam nostram, Graeculio, Serapa nomine, consiliator deorum . Hic mihi dixit etiam ea, quae oblitus eram; ab acia et acu mi omnia euit; intestinas meas noverat; tantum quod mihi non dixerat, quid pridie cenaveram .

testa mia . Che altro dovrei dirvi? Mi nomin erede unico insieme all'imperatore, lasciandomi un patrimonio da senatore . Ma nessuno ne ha mai abbastanza, e cos mi buttai nel commercio . Per non farvela troppo lunga, feci costruire cinque navi, le caricai di vino - che in quel tempo era oro colato - e lo spedii a Roma . Per, nemmeno a farlo apposta, le navi andarono a picco dalla prima all'ultima . la verit, mica una frottola . In un solo giorno il mare si papp trecentomila sesterzi . Credete che mi sia scoraggiato? Manco a pensarlo: la cosa non mi fece n caldo n freddo, come se non fosse successo un bel niente . Invece feci costruire altre navi, pi grosse, pi robuste e pi fortunate, cos che tutti andassero a dire in giro che ero uno che non si scoraggia . Lo sapete benissimo, pi una nave grande, pi diventa resistente . Imbarcai di nuovo vino, lardo, fave, cosmetici e schiavi . In quel frangente fu Fortunata a compiere un bel gesto davvero: vendette in massa gioielli e guardaroba e mi mise in mano cento monete d'oro . E per le mie finanze questo gruzzolo fu come lievito . Quando poi il cielo ti assiste, le cose filano ch' un piacere . Con un viaggio soltanto mi misi in tasca dieci milioni di sesterzi . Riscattai subito la terra che era stata del mio padrone, mi tirai su una casa, acquistai schiavi e bestie da soma . Tutto quello che toccavo, cresceva come fosse stato un favo . Quando mi resi conto di esser pi ricco di tutta la mia citt messa insieme, la piantai col commercio e mi misi a prestare a interesse ai liberti . A essere sinceri, non lo facevo volentieri quel traffico, ma a spingermi a continuare fu un astrologo che dalle nostre parti ci era capitato per caso, un greco di nome Serapa, che quanto a consigli poteva darne anche agli di . Riusc a elencarmi per filo e per segno anche quelle cose che ormai io mi ero bello che dimenticato . Sembrava in

Putasses illum semper mecum habitasse .

grado anche di leggermi negli intestini, e poco manc che mi sapesse dire anche quello che avevo mangiato il giorno prima . Sembrava avesse passato con me una vita intera" .