PIANO NAZIONALE DI FORMAZIONE CATALOGO CORSI AT 17 ?· PIANO NAZIONALE DI FORMAZIONE CATALOGO CORSI…

  • Published on
    24-Feb-2019

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Transcript

1

PIANO NAZIONALE DI FORMAZIONECATALOGO CORSI AT 17

1. Autonomia organizzativa e didattica

1

Priorit della formazione Autonomia organizzativa e didatticaPolo Formativo Liceo Statale Maffeo VegioTitolo Innovare lorganizzazione e la comunicazione per una scuola digitale e trasparente

Abstract

A seguito degli incontri di formazione PNSD rivolti a tutto il personale della scuola emerso il bisogno di sperimentare e validare modelli informatici realizzati anche con strumenti open source che permettano di ottemperare alle indicazioni normative relative alla amministrazione digitale in termini di trasparenza e dematerializzazione.Il corso prevede momenti in presenza in cui vengono condivisi modelli organizzativi e momenti di sperimentazione nei propri istituti. Le attivit verranno monitorate e validate utilizzando la piattaforma GSuite

Obiettivi

Sperimentare e formalizzare procedure - adattabili ai vari contesti e nel rispetto delle singole autonomie - per innovare l'amministrazione digitale e rendere efficace ed efficiente l'organizzazione e la comunicazione Rendere le scuole della rete consapevoli della normativa e in grado di indirizzare le agenzie esterne nella gestione dei processi, anche informatici, legati alla trasparenza e alla dematerializzazione

Destinatari Docenti di tutti gli ordiniTempi Maggio -Dicembre 2017

2. Didattica per competenze, innovazione metodologica e competenze di base

2

Priorit della formazione Didattica per competenze, innovazione metodologica e competenze di basePolo Formativo IC A. Gramsci-MulazzanoTitolo Digital Media Tech

Abstract

Nellambito del progetto, il coding assolve alle esigenze di avviare i piccoli discenti alla: Comprensione di testi che coinvolgono aspetti logici e matematici. Risoluzione di facili problemi in un semplice ambito di contenuto matematico. Descrizione del procedimento seguito e riconoscimento di strategie di soluzione diverse dalla propria. Costruzione di ragionamenti formulando ipotesi, sostenendo le proprie idee e confrontandosi con il punto di vista degli altri. Sviluppo di atteggiamenti cooperativi e collaborativi. Il coding costituisce indirettamente una strategia di soluzione del test INVALSI, agevolando lapprendimento di modalit di lettura del testo, decodifica dello stesso e approccio matematico scientifico ai problemi. Inoltre, costituisce uno strumento di potenziamento delle capacit di astrazione e di comprensione dei problemi, rendendoli, in prima istanza, concreti e vicini ai meccanismi risolutivi quotidiani. Tale effetto maggiormente evidente con la robotica. Un altro effetto cui abbiamo gi accennato lempowerment cognitivo. Con empowerment cognitivo intendiamo tutte quelle attivit che comportano lo sviluppo di abilit superiori quali il problem solving (di nostro specifico interesse) . Pi in generale, invece, lempowerment cognitivo pu riguardare anche lo sviluppo di capacit di attenzione e concentrazione, che nel caso del coding rappresentano un effetto indiretto.

Obiettivi

Conoscere: Perch il coding Cosa vuol dire empowerment cognitivo (2h) Legami tra codingempowerment cognitivoapproccio al problem solving Tipi di programmazione e abilit collegate Differenti tipi di piattaforme di coding Acquisire : Coding visuale e approccio al problem solving (2h): Il coding visuale (concetto di blocchi e di path) Codifica visiva di un problema (flow diagram) Scratch (2h): Il coding visivo con Scratch Rafforzare applicazione: Esercizi pratici Robotics (4h): come progettare un robot (per questo modulo necessario essere in possesso del kit LegoMindstorm) Tipi di sensori Progettare: Progettare il movimento Progettare le azioni Introduzione alla programmazione visuale con LegoMindstorm (6h): La programmazione visiva con LegoMindstorm I principali blocchi Programmazione di movimento e azioni (esercizi) La community di LegoMindstorm

Destinatari -Docenti scuola primaria e secondaria I grado

Tempi -16 ore di lezione frontale, da erogare in 4 mezze giornate (Unit formativa di 25 h. totali cos articolata: -16 ore frontali -6 h sperimentazione classi -2 h progettaz. team -1 h documentaz.)

3

Priorit della formazione Didattica per competenze, innovazione metodologica e competenze di base

Polo Formativo Liceo scientifico e classicoG.Gandini-P. Verri Titolo Modelli di didattica attiva e apprendimento per competenze

2

3

Abstract

La competenza come sapere agito implica necessariamente nuovi approcci didattici, che comportino la mobilitazione di risorse cognitive, pratiche, sociali, metodologiche, personali, attraverso un apprendimento per esperienza e una riflessione meta cognitiva su quanto appreso. Infatti, un approccio didattico dinamico consente di mettere direttamente in relazione conoscenze e abilit per produrre competenze. Di conseguenza, vengono stimolate maggiormente la motivazione e il coinvolgimento degli studenti, che diventano protagonisti attivi e artefici dei propri apprendimenti.Il percorso formativo mira perci a ridisegnare strategie di insegnamento/apprendimento sulla base di modelli di didattica attiva .In questo scenario le tecnologie per lapprendimento saranno utilizzate come strumenti e ambienti integrati. Si sperimenteranno perci software e applicazioni on line per la presentazione di contenuti, la costruzione di oggetti didattici, la valutazione formativa, la comunicazione e il lavoro collaborativo.Lanalisi, la condivisione, la valorizzazione di esperienze in atto costituiranno momenti privilegiati di riflessione.

Obiettivi

1.Conoscere e valutare i principali modelli di apprendimento nella didattica attiva (flipped learning, problem based learning).2.Individuare, allinterno della propria disciplina, segmenti di curricolo adatti alla sperimentazione di modelli attivi di apprendimento e ristrutturarne contenuti e modalit.3.Valutare , selezionare e utilizzare i principali strumenti, digitali e non, utili nelle varie fasi di un approccio attivo: strumenti per il docente (fase di innesco), strumenti per la costruzione di oggetti didattici da parte degli studenti ( fase di apprendimento per esperienza), strumenti per docente e studenti (fase di sintesi e meta cognitiva)4. Progettare e costruire ,sulla base di format di didattica attiva, una unit di apprendimento che:- sviluppi competenze disciplinari e competenze chiave ( ex D.M. 139/2007)- sia flessibile, modulabile, personalizzabile- promuova limparare ad imparare e il trasferimento degli apprendimenti ( transfer of learning)

Destinatari Docenti scuola secondaria II grado.

Tempi ottobre 2017 giugno 2018

3. Competenze digitali e nuovi ambienti per l'apprendimento

4

Priorit della formazione Competenze digitali e nuovi ambienti per l'apprendimentoPolo Formativo IC LODI VTitolo Nuovi modelli di interazione didattica

Abstract

Il corso prevede lapproccio allapiattaforma Google Suite forEducation per valutare ed acquisirenuovi modelli di interazione didattica.Le competenze tecniche acquisiteverranno subito concretizzate inopportunit di lavoro che andranno asostenere la creativit dei docenti conun aggancio sempre vivo alla realt ealla modernit e con uno sguardopuntato al miglioramentodellapprendimento degli alunni.Attraverso lutilizzo concreto diClassroom verranno effettuatesimulazioni guidate di attivit perrendere i docenti autonomi nel gestirequesta suite con le loro classi.Si esploreranno le nuove frontiereofferte dalluso di Drive, con unosguardo aperto soprattutto allanecessit di saper progettare prima diprodurre.Grande importanza verr data allavoro collaborativo per confrontarsisulle nuove opportunit didattiche evalutare nuovi percorsi di conoscenza.Unattenzione particolare verr postaallacquisizione/potenziamento dellesoft skills il cui riferimento far da sfondo allintero corso.

Obiettivi

Conoscere le opportunit offerte dalla piattaforma Google Suite for Education per potenziare/migliorare la propria offerta didattica.Stimolare alla curiosit di analizzare nuove modalit di interazione docente/alunno e alunno/alunno.Progettare situazioni di apprendimento con attenzione alla relazione tra tecnologia, strategie didattiche e contenuti disciplinari.Acquisire familiarit con Drive e Classroom.Rafforzare l'applicazione di metodologie attive che rendano lo studente protagonista del suo sapere attraverso il lavoro individuale o condiviso.

Destinatari Docenti Secondaria I gradoTempi Aprile - Dicembre 2017

5

Priorit della formazione Competenze digitali e nuovi ambienti per l'apprendimentoPolo Formativo IC LODI VTitolo Innovazione didattica e competenze digitali

Abstract

Il corso si articoler su due livelli:un primo livello di formazione dei docenti allutilizzo della Google Suite con particolare riferimento allapplicativo Drive per permettere una maggiore condivisione tra docenti della documentazione prodotta;un secondo livello volto ad acquisire/potenziare lutilizzo di App e Tool per sviluppare una didattica laboratoriale, attiva ed inclusiva.

Obiettivi

Sviluppare e potenziare in tutte le componenti la padronanza degli strumenti informatici Progettazione di ambienti cloud per la gestione della classe e la realizzazione di attivit collaborativeCollaborare e condividere nella reteSelezionare app/software in base alle competenze da promuovereProgettare lezioni integrando gli strumenti digitali nelle attivit delle unit di apprendimento

Destinatari Docenti scuola primariaTempi giugno - dicembre 2017

3

6

Priorit della formazione Competenze digitali e nuovi ambienti per l'apprendimentoPolo Formativo IIS di Sant'Angelo Lodigiano

Titolo DIGITALIZZAZIONE E DEMATERIALIZZAZIONE: GOOGLE CLASSROOM (PERSONALE DOCENTE)

Abstract

La proposta formativa rivolta al personale docentesi basa sui seguenti contenuti:Modulo 1(5 ore, indicativo)Google Drive, servizio Google liberamente utilizzabile che offre un ambiente cloud per larchiviazione (15 GB) e lediting di contenuti digitali.Google Moduli, strumento di Google Drive per la creazione di questionari e la automatizzazione di un test didattico a risposta chiusa; con il componente aggiuntivo Flubaroo possibile anche la valutazione di domande a risposta aperta).

Modulo2 (10 ore,indicativo)Google Classroom, per ladigitalizzazione delle classi e del lavoro degli insegnanti (condivisione e archiviazione sicure di appunti, compiti, e files); il modulo prende in esame le seguenti attivit:LezioniCalendarioWorkStreamStudentiInformazioni

Obiettivi

-migliorare lapprendimento delle studentesse e degli studenti attraverso luso di strumenti che permettano di attuare una didattica personalizzata-promuovere la concreta realizzazione di nuovi ambienti per lapprendimento attraverso la conoscenza e la utilizzazione delle competenze digitali -potenziare le competenze digitali del personale docente per permetterne leffettiva utilizzazione nella pratica didattica

Destinatari Personale docente

Tempi Aprile 2017 - Dicembre 2017

4. Competenze di lingua straniera

7

Priorit della formazione Competenze di lingua stranieraPolo Formativo Liceo Statale Maffeo VegioTitolo Preparazione alle certificazioni di lingua inglese B1 e B2

AbstractLa proposta formativa, rivolta a docenti di discipline non linguistiche di scuola secondaria I-II grado, vuole promuovere l'acquisizione delle competenze necessarie per la certificazione inglese di livello B1 e B2

ObiettiviPotenziare le conoscenze di lingua inglese per l'acquisizione delle certificazioni di livello B1 e B2Sviluppare competenze per progettare e insegnare la propria disciplina con metodologia CLIL con la finalit di integrare lingua e contenuto

Destinatari Docenti di secondaria di I e II grado di discipline non linguisticheTempi Settembre 2017 - aprile 2018

5. Inclusione e disabilit

8

Priorit della formazione Inclusione e disabilitPolo Formativo IC LODI III

Titolo La Didattica Potenziata: progetto per linclusione di alunni in situazione didisabilit severa e plurima.

Abstract La Storia, i Principi e le Pratiche della Didattica Potenziata: la RelazioneEducativa, La Comunicazione Aumentativa Alternativa, i Laboratori, lInclusione delle diversit.

Obiettivi

Conoscere lesperienza ventennale della Didattica Potenziata e le Modalitorganizzative e Gestionali del Progetto

Formare i docenti sui principi di base e le tematiche fondamentali delle Didattica Potenziata: la relazione educativa, la CAA, i laboratori, linclusione.

Sperimentare pratiche laboratoriali e attivit di inclusione sia struttate sianon, strutturate (stage di formazione in presenza).

Destinatari Referente della disabilit/insegnante in ruolo di sostegno e insegnante in ruolo curricolare (per un massimo di 20/25 partecipanti)

4

8

Tempi

da ottobre a dicembre 2017, un sabato al mese (ottobre, novembre, dicembre dalle h 9 alle h 12 per un totale di 12 h) 2 incontri di formazione sulle tematiche della Didattica Potenziata e 1 incontro di esperienza laboratoriale sullEspressivit Corporea e sulle modalit e i bisogni comunicativi speciali; da gennaio 8 h per ciascun partecipante (2 incontri da 4 h da calendarizzare in accordo con il referente della didattica potenziata) di formazione in presenza (osservazione dei percorsi individualizzati e di classe di alunni con disabilit severa e plurima, osservazione di laboratori del Gruppo di Didattica Potenziata).

9

Priorit della formazione Inclusione e disabilitPolo Formativo IIS di Sant'Angelo Lodigiano

Titolo BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA RELAZIONE EDUCATIVA TRA SCUOLA, FAMIGLIA E TERRITORIO

Abstract

La proposta formativa (25 ore, indicativo) si articola in moduli rivolti a tutti i portatori di interesse, ovvero il personale scolastico (Docenti),I moduli infatti si basano su contenuti diversificati in riferimento ai destinatari:-moduli basati su contenuti pedagogico-didattici, con indicazioni tecniche relative alla specificit dei diversi bisogni educativi speciali e alle modalit di realizzazione della relazione educativa, sulla base delle disposizioni normative e dei bisogni rilevati-moduli basati sulla relazione educativa che si dovrebbe instaurare tra scuola e famiglia-moduli dedicati alla realizzazione di attivit laboratoriali, basate anche sul cooperative learning e sulle dinamiche peer to peer.-moduli dedicati al raccordo con gli Enti del Territorio nella prospettiva della sussidiariet

Obiettivi

Gli obiettivi del percorso formativo sono i seguenti:-promuovere la dimensione inclusiva come aspetto strutturale dellofferta formativa -rafforzare le competenze normative, pedagogiche e didattiche che permettano il raggiungimento del successo formativo alle studentesse e agli studenti con bisogni educativi speciali-costruire relazioni positive ed efficaci tra il personale docente/scolastico e le famiglie-coordinare lazione con le Associazioni di settore per ottimizzare le risorse e condividere strume...

Recommended

View more >