Pizzo Meta 2011

  • Published on
    31-Mar-2016

  • View
    222

  • Download
    4

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Periodico del Cai sez. di Sarnano

Transcript

  • Le Lame Rosse

    Le Pisciarelle

    www.caisarnano.itwww.caisarnano.itNOTIZIARIO ANN. DELLA SEZIONE CAI - SARNANO (MC) NOTIZIARIO ANN. DELLA SEZIONE CAI - SARNANO (MC) ANNO 2011 - n. IVANNO 2011 - n. IV

    DIGNIT E PRUDENZADIGNIT E PRUDENZA

    SIAMO SU INTERNETSIAMO SU INTERNET

    I SOCI DELLANNO 2010 I SOCI DELLANNO 2010

    LA DIRETTISSIMA DEL GRAN SASSOLA DIRETTISSIMA DEL GRAN SASSO

    RICORDI ESCURSIONISTICI RICORDI ESCURSIONISTICI

    I NOSTRI CALENDARI 2011 I NOSTRI CALENDARI 2011

    IL PIANETA NELLE NOSTRE MANI?IL PIANETA NELLE NOSTRE MANI?

    NEL 2010 ANCHE SULLA STAMPA DEGLI STATI UNITI

    NEL 2010 ANCHE SULLA STAMPA DEGLI STATI UNITI

    FOTO CURIOSEFOTO CURIOSE

    SCORCI DEI MONTI SIBILLINISCORCI DEI MONTI SIBILLINI

    PIZZO METAPIZZO META

  • CIAN

    O

    N

    ERO

    MA

    GEN

    TAG

    IALL

    O

    PIZZO META - Notiz. annuale del CAI Sarnano - www.caisarnano.it - Coordinazione redazionale, Grafica Digit e china di Vermiglio Petetta - Foto dei sociSegretario organizzativo, Carlo Salvatori - Sede: piazza Perfetti 13, Sarnano (MC) - cell. 338.3679319 - caisarnano@yahoo.it - Stampa, Grafica Sarnanese

    Supplemento al n. 9 de LAppennino camerte del 26 febbraio 2011 - dir. resp. Vincenzo Finocchio - aut. trib. Camerino n.1 del 23/07/1949

    spazio sx foto

    spazio titolopagina

    11 CAI Sarnano 2011PIZZO META - IVPIZZO META - IV2 CAI Sarnano 2011PIZZO META - IVPIZZO META - IV

    Il piccolo escursionista

    La lingua del fungarolo

    Gli manca... lauto

    La lepre verde di Fonte Trocca

    06, romano delle Svolte

    Il protettore dei temerari del parapendioLa cavalletta Furia

    I

    Resto del Carlino legame economico, basato sul commercio della lana, l 125 del e la presentazione de Le tra gli Appennini e la Toscana, forse con monete dello terre del Carlino di Carlo Cambi nella sala consiliare

    stesso Monte dei Paschi. Quel mon-di Sarnano, il 25 novembre 2010, te senese un nome dai vari significa-hanno fornito l'occasione per fare ti. Tiberi ha ribadito che per salvare la l'elogio della montagna e in particola-montagna non basta la conservazione re degli Appennini. Con il cugino Sci di luoghi, ricordi e dignit, ma occorre Club stato invitato anche il CAI di credere nel suo sviluppo per evitare lo Sarnano. Il pres. Paolo Tiberi, chiama-spopolamento. Gli investimenti pub-to al microfono dal direttore della blici in zona montana - il suo amaro zona Umbria-Marche del Monte dei commento - sono considerati inutili, Paschi (banca compartecipe dell'inizia-visti i quattro gatti che ci vivono!. Ha tiva), ha ricordato spirito e finalit del chiesto: Dobbiamo tutti concentrarci CAI nazionale ma soprattutto di quello nella fascia costiera per avere i servi-sarnanese che ha puntato, sin dalla zi?. Il sindaco di Amandola, poco sua fondazione, pi sulla cultura e

    prima e pure lui preoccupato, aveva addirittura pre-sulla vita della montagna, piuttosto che sugli aspetti cisato: tutti ammucchiati tra autostrada, Adriatica e fer-eroici delle scalate o fisici delle escursioni, praticate rovia. Paolo ha cos concluso: Tra le emergenze dei comunque dagli iscritti. Davanti a una sala attenta e paesi montani... quella di mantenere i servizi a partire stracolma ha toccato paesaggio e tradizioni, Parco naz. dalla scuola. L'uomo infatti, privato dei diritti, lascia la dei M. Sibillini e montanari, che per secoli hanno reso montagna che, abbandonata, inselvatichisce, muore. E vivo il territorio, usandolo ma rispettandolo e conser-vi si spengono: tradizioni, cultura, economia, vita e vandolo. Ha esemplificato la grandezza del passato con dignit. Reagire e, consapevoli, valorizzarla.... la frase-metafora di uno studioso: Le colonne delle

    chiese dell'Aquila belano. Tanto per far intendere il Il redattore V. Petetta

    La dignit delle zone montaneLa dignit delle zone montane

    Paolo Tiberi durante lintervento

    I

    tutto, spezza, taglia e schiaccia, per cui dopo la sua l nuovo anno ancora a far capolino dietro l'angolo impressionante onda d'urto, quando fermer la sua del 2010 che gi, con i primi fiocchi di neve, abbiamo

    corsa e si compatter, difficilmente avuto soci e non soci morti da valanga. saremo ancora in condizioni di poter L'unico conforto il non aver dovuto sopravvivere. Come esperto del Soccorso sentire dai media sciocche affermazioni del Alpino: difficile che un soccorso, bench tipo: montagna assassina, valanga organizzato in tutto il territorio nazionale assassina ecc. Abbiamo comunque ai massimi livelli, con l'ausilio di elicotteri e sentito altre stupidit che alcuni interes-quant'altro necessario, arrivi sul luogo sati vogliono propagandare, con cinismo anche in condizioni meteo ottimali prima commerciale e sfruttando l'occasione, per di venti minuti. Suggerisco quindi che una parvenza di sicurezza in ambiente oltre a frequentare adeguati corsi del invernale. Mi riferisco, ma non solo, allo

    C.A.I., diretti alla conoscenza e prevenzione per andare zaino con airbag antivalanga che ultimamente ci in luoghi innevati con la necessaria cautela e umilt, si hanno proposto in tv insieme a sonda, arva (cercaper-vada possibilmente insieme a persone esperte evitando sone-ricetrasmittente) e pala. Mi permetto, come di cacciarsi nei guai con la speranza che poi qualcuno ci esperto di montagna, di invitarvi a non dare ascolto a salvi o addirittura ci salvino la vita gli inutili ritrovati queste baggianate. La realt pi cruda. Dopo dieci-tecnologici. Infine, invito a riflettere sulla necessit di quindici minuti di seppellimento sotto il manto nevoso, non mettere a repentaglio la vita dei nostri amici le possibilit di sopravvivenza diminuiscono drastica-soccorritori a causa d'improvvisazioni o gravi negligen-mente fin quasi allo zero; dopo venti-trenta minuti: ze. grave ipotermia e soffocamento. Esistono diversi tipi di

    valanga oltre il tipo a neve polverosa e, per esempio, la cosiddetta valanga a lastroni che, oltre a travolgere

    geom. Mariano Costantini Vice pres. sezione C.A.I. Sarnano

    Alpinismo s... ma con la testaAlpinismo s... ma con la testa

    Valanga

    LA PAGINA DELLE CURIOSIT LA PAGINA DELLE CURIOSIT IL CAI E LAMBIENTE IL CAI E LAMBIENTE

    i az

    l

    In sal t ... sen a peda i!

    Con un grosso punto interrogativo

  • QUOTE ASSOCIATIVE 2011QUOTE ASSOCIATIVE 2011

    SOCI ORDINARI 40,70 EUROSOCI FAMILIARI 21,71 EUROSOCI GIOVANI 15,69 EURO

    AMMISSIONENUOVI SOCI 3,81 EURO

    CIAN

    O

    N

    ERO

    MA

    GEN

    TAG

    IALL

    O

    L

    a Cristiana Iommi, un'escursione con le classi della 3 pri-annuale appuntamento con il nostro giornalino maria sui prati di Ragnolo fino a Pizzo Meta. Hanno par-ormai diventato tradizione. Il resoconto di avveni-tecipato anche molti genitori. Eravamo 136 persone ed menti, notizie, aneddoti, fotografie e attivit svolta, serve stata una giornata serena, piacevole e istruttiva a diret-per tenere informati i nostri soci, ma anche un motivo to contatto con la natura e la fioritura dei prati montani. in pi per stare vicini e legati all'amore che ci accomuna Nel 2011 contiamo di ripeterla.

    per la montagna. Sono proseguite, inoltre in una serata di fine luglio, le Nel 2010 c' stato un nuovo record del numero dei soci, proiezioni di diapositive da parte di Elisabetta Raschioni ormai l'ennesimo; abbiamo infatti raggiunto quota 223. con numerosi partecipanti. Pubblicizzare la montagna e Il 20 marzo si tenuta l'assemblea ordinaria degli iscritti, la sezione di Sarnano, in par-durante la quale sono stati ticolare, sempre un'ottima enumerati i fatti avvenuti iniziativa. Un'altra peculiarit nell'anno precedente e si della nostra sezione la bi-proceduto, come da statuto, blioteca della montagna, all'approvazione del bilancio inaugurata nel 2009 e am-consuntivo e preventivo. pliata nel 2010 con 20 volu-noto che la nostra associa- mi. specialistica, tecnica e zione non ha scopo di lucro di narrativa. Conta circa 150 ed formata da volontari e volumi . Invitiamo perci tutti appassionati della monta- i soci, interessati alla lettura, gna. A volte per organizzare ad approfittare di questa manifestazioni importanti opportunit e a contattare la come convegni, incontri e segreteria per eventuali ri-conferenze, occorrerebbero chieste. Nel mese di agosto, anche dei contributi da par- la sezione ha collaborato con te di enti vari. Purtroppo L'Associazione amici della per non facile ottenere montagna di Sassotetto per una escursione notturna aiuti di questo genere, allora si va avanti con le nostre partita da Sarnano, abbastanza impegnativa e che si forze e con la generosit degli sponsor che non finiremo conclusa intorno a mezzanotte con una spaghettata. mai di ringraziare calorosamente. Nell'ultima domenica di novembre nel palasport di L'importante novit del 2010 stata la creazione del sito Sarnano, abbiamo partecipato a Snowfest e, nei giorni internet www.caisarnano.it, realizzato dal socio Luca 11 e 12 dicembre, a Sportfest nel Loggiato. In entrambe Tambella. Ci adopereremo di aggiornarlo con le notizie le feste con uno stand curato dai soci Nicola Mariotti e della vita sezionale. I soci naturalmente possono sempre Danilo Staffolani. Hanno esposto fotografie di fiori, cu-dare suggerimenti per ampliare il raggio di azione o cor- riosit e scorci montani. Gli impegni annuali si sono con-reggere eventuali imperfezioni. clusi, come solito, con la pubblicazione dei calendari Per quanto riguarda le escursioni, anche nel 2010, c' 2011 da parete, da tavolo (visibili a pag. 8) e del pro-stata una discreta partecipazione di

Recommended

View more >