Principi 3

  • Published on
    09-Dec-2015

  • View
    213

  • Download
    1

Embed Size (px)

DESCRIPTION

.

Transcript

<ul><li><p>Non si pu insegnare una lingua, si </p><p>possono solo creare le condizioni </p><p>affinch lapprendimento avvenga </p><p>Meglio chiari dubbi che confuse </p><p>certezze </p><p>Un buon insegnante non colui che </p><p>applica un buon metodo,m ma colui </p><p>che riflette sul suo operato </p></li><li><p>La glottodidattica </p><p> Teorico-pratica </p><p> Interdisciplinare </p></li><li><p> teorico pratica perch: </p><p> GLOTTODIDATTA </p><p> analizza il problema e </p><p>lo descrive </p><p> Cerca un modo per </p><p>risolverlo </p><p> Lo applica </p><p> Verifica i risultati </p><p> MEDICO </p><p> Valuta la patologia e </p><p>fa una diagnosi </p><p> Ipotizza la terapia pi </p><p>adatta </p><p> la prescrive </p><p> verifica i risultati </p></li><li><p> interdisciplinare perch </p><p> Scienze del linguaggio </p><p> Scienze delleducazione </p><p> psicologia </p><p> Antropologia </p><p> Scienze della comunicazione </p><p> Informatica </p></li><li><p>Sulla base delle diverse </p><p>implicazioni si elabora </p><p> UN APPROCCIO </p><p> UNO O PI METODI </p><p> LE ATTIVIT DIDATTICHE </p><p> fondamentale la coerenza! </p></li><li><p>Cambia il mondo &gt; cambia la </p><p>didattica delle lingue Produzione, </p><p>distribuzione, scambi </p><p>Uso della L2 Tipo di apprendimento </p><p>linguistico </p><p>Nazionale Lettere/fax </p><p>(scambi dati) </p><p>Grammaticale </p><p>traduttivo </p><p>Internazionale Incontri </p><p>(relazionarsi) </p><p>Audio-orale </p><p>Multinazionale Soggiorni </p><p>(creare intese) </p><p>Comunicativo </p><p>Competenza </p><p>interculturale </p><p>Transnazionale Contatti reticolari </p><p>(adattarsi di continuo) </p><p>Comunicativo, </p><p>umanistico affettivo, </p><p>comp.za etnografica </p></li><li><p>APPROCCIO NEOCOMPORTAMENTISTA </p><p>Stimolo risposta </p><p>Mente vuota (tabula rasa) </p><p>Soggetto passivo </p><p>Con la ripetizione si crea unabitudine </p><p>linguistica </p><p>Scatola nera </p></li><li><p>IN GLOTTODIDATTICA METODI DI </p><p>MATRICE STRUTTURALISTA </p><p>anni 50/60 </p><p> Metodo audio-orale comparativo </p><p> Neocomportamentismo (Skinner) </p><p> Linguistica tassonomica (Bloomfield) </p><p> Metodi basati sulla ripetizione </p><p> Competenze richieste: </p><p> Sapere la lingua </p><p> Saper fare lingua </p></li><li><p>APPROCCIO COGNITIVISTA </p><p> INPUT PROCESSI OUTPUT </p><p> MENTALI </p><p> Mente attiva </p><p> Strategie individuali di apprendimento </p><p> Percezione </p><p> Memoria </p><p> Attenzione </p></li><li><p>IN GLOTTODIDATTICA APPROCCIO </p><p>COMUNICATIVO ANNI 70 </p><p> Teoria innatista (Chomsky) </p><p> Cognitivismo (IA) </p><p> Apporto della sociolinguistica (Hymes) </p><p> Competenze richieste: </p><p> Saper fare con la lingua. Non basta conoscere la lingua e </p><p>saperne manipolare le sue strutture. Bisogna saper usare la </p><p>lingua in contesto per raggiungere scopi ed obiettivi, </p><p>bisogna saper comunicare le proprie idee ed il proprio </p><p>pensiero. Nascono esigenze interculturali </p></li><li><p>le funzioni linguistiche </p><p> personale </p><p> interpersonale </p><p> referenziale </p><p> regolativo-strumentale </p><p> poetico-immaginativa </p><p> metalinguistica </p></li><li><p>FUNZIONI ATTI GENERI </p><p>PERSONALE Presentarsi, esprimere </p><p>il proprio stato fisico, e </p><p>psichico, i gusti </p><p>Intervista, lettera, mail, </p><p>diario </p><p>INTERPERSONALE Salutare, congedarsi, </p><p>offrire, accettare, </p><p>rifiutare, ecc. </p><p>Vari tipi di interazione </p><p>REGOLATIVO </p><p>STRUMENTALE </p><p>Dare o ricevere ordini </p><p>o istruzioni </p><p>Avviso, legge, ricetta, </p><p>consiglio </p><p>REFERENZIALE Chiedere e dare </p><p>informazioni, spiegare, </p><p>descrivere </p><p>Descrizione, cronaca, </p><p>relazione </p><p>POETICO-</p><p>IMMAGINATIVA </p><p>Capire e produrre </p><p>2scarti2, mondi </p><p>immaginari </p><p>Narrazione, poesia, </p><p>canzone, film, </p><p>pubblicit </p><p>METALINGUISTICA Definire una parola </p><p>della grammatica, della </p><p>comunicazione </p><p>Definire, perifrasi, </p><p>spiegazione </p><p>grammaticale </p></li><li><p>GLI ATTI LINGUISTICI </p><p> le funzioni linguistiche contengono tutte le unit </p><p>minime di comunicazione ossia gli </p><p> ATTI LINGUISTICI </p><p> es tutti gli atti linguistici che indicano salutarsi, </p><p>accomiatarsi ecc. appartengono alla funzione </p><p>interpersonale </p><p> tutte le ricette, le leggi, gli ordini ecc. </p><p>appartengono alla funzione regolativo strmentale </p></li><li><p>E LE EMOZIONI? </p><p> MOTIVAZIONE </p><p> EMOZIONE </p><p> PROCESSI COGNITIVI </p></li><li><p> ESPERIENZA COSCIENTE IMMEDIATA </p><p> (MEMORIA DI LAVORO) </p><p>ECCITAZIONE EMOTIVA DIPENDENTE </p><p>DALLAMIGDALA (ATTUALE) MEMORIA </p><p>ESPLICITA DIPENDENTE </p><p>DALLIPPOCAMPO (EMOZIONI PASSATE) </p></li><li><p> Sistema amigdala </p><p> Sistema ippocampo </p><p> Situazione emotiva </p><p>Memoria emotiva implicita </p><p> Memoria esplicita di situazioni emotive </p></li><li><p>Lamigdala in relazione a: </p><p> CORTECCIA </p><p> PREFRONTALE </p><p> MdL; ATTENZIONE </p><p> CORTECCIA </p><p> SENSORIALE </p><p> PERCEZIONE E </p><p> IMMAGAZZINAEMNTO </p><p> A BREVE TEERMINE </p><p> IPPOCAMPO </p><p> MEMORIA ESPLICITA </p><p> A LUNGO TERMINE </p></li><li><p>La teoria della bimodalit e della </p><p>direzionalit </p></li><li><p>Funzioni degli emisferi </p></li><li><p>DUNQUE </p><p>SX </p><p> LINGUAGGIO </p><p> MEMORIA VERBALE </p><p> SIGNIFICATO </p><p>DENOTATO </p><p> PENSIERO </p><p>CONVERGENTE </p><p> ASTRAZIONE </p><p> ANALISI </p><p>DX </p><p> COMPETENZA </p><p>METAFORICA </p><p> PERCEZIONE VISIVA </p><p> MEMORIA VISIVA </p><p> ATTIVIT INTUITIVE </p><p> PENSIERO DIVERGENTE </p><p> CONCRETIZZAZIONE </p><p> SINTESI </p></li><li><p>EMISFERI E LINGUAGGIO </p><p>EMISFERO SX </p><p> FONOLOGIA </p><p> MORFOLOGIA </p><p> SINTASSI </p><p> RELAZIONI FORMALI </p><p> TRA LE PARTI DI UNA FRASE </p><p> SIGNIFICATO LETTERALE </p><p> VARIAZIONI STILISTICHE </p><p>EMISFERO DX </p><p> STRUTTURA PROSODICA </p><p> INTENTO ESPRESSIVO DI </p><p>UNA FRASE </p><p> SIGNIFICATO METAFORICO </p><p> UMORISMO VERBALE </p></li><li><p>Per danesi </p><p> La lingua bimodale </p><p> Dunque coinvolge entrambi gli emisferi </p><p> Ma essa anche direzionale e procede da </p><p> destra verso sinistra </p></li><li><p>Le 5 ipotesi di Krashen </p><p> Acquisizione/apprendimento </p><p> Input + 1 </p><p> Ordine naturale </p><p> Monitor </p><p> Filtro affettivo </p></li><li><p>Emisferi e linguaggio </p><p> Sinistro </p><p> Fonetica </p><p> Morfologia </p><p> Sintassi </p><p> Significato denotato </p><p> Destro </p><p> Tratti sovrasegmentali </p><p> Significati traslati </p><p> Metafora, idioms </p><p> Significato connotato </p></li><li><p>Il modello olodinamico </p><p> Livello strategico </p><p> Livello tattico </p><p> Io </p></li><li><p>UNIT DI ACQUISIZIONE </p><p> GLOBALIT </p><p> ANALISI </p><p> SINTESI </p></li><li><p>QUINDI </p><p> DIALOGHI </p><p> TESTI LETTEARI </p><p> INSERTI PUBBLICITARI </p><p> CANZONI </p><p> VIDEO </p><p> ARTICOLI DI GIORNALE </p><p> FUMETTI </p><p> QUALUNQUE TESTO </p><p> VA PROPOSTO SECONDO NATURA </p></li><li><p>UD </p><p> MOTIVAZIONE </p><p> GLOBALIT </p><p> ANALISI </p><p> SINTESI </p><p> RIFLESSIONE </p><p> VALUTAZIONE </p></li><li><p>INSEGNARE LA </p><p>GRAMMATICA </p><p>RIFLESSIONE </p><p>SULLA LINGUA </p><p>CHI INSEGNANTE ALLIEVO </p><p>QUANDO INIZIO FINE </p><p>COME DEDUZIONE INDUZIONE </p><p>PERCH APPLICAZIONE SCOPERTA </p><p>COSA PRODOTTO PROCESSO </p></li></ul>