Rassegna stampa - ?· della Onlus è un esperto di Chagas: il dr. Andrea Angheben, del Centro Malattie…

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Transcript

  • Venerd 29 giugno 2018

    Rassegna associativa Rassegna Sangue e emoderivati 2 Rassegna sanitaria, medico-scientifica e Terzo settore 6 Prima pagina 11

    Rassegna stampa

    A cura dellUfficio Stampa

    FIDAS Nazionale

  • Rassegna

    sangue e emoderivati

  • OSSERVATORIO MALATTIE RARE Malattia di Chagas: come si trasmette l'infezione?

    29 Giugno 2018

    Il dr. Andrea Angheben: L'Italia la seconda nazione pi colpita in Europa, con 6-12.000 persone affette, ma nel 70% dei casi la malattia asintomatica Negrar (Verona) Otto milioni di persone affette nel mondo secondo l'OMS, ma solo l'1% di loro ha accesso alla diagnosi e quindi fa qualcosa per curarsi. la Chagas, la principale malattia parassitaria in America Latina, che si sta espandendo anche negli Stati Uniti e in Europa, dove i casi sono 100-150.000. L'Italia, secondo uno studio pubblicato nel 2011 sulla rivista Euro sur-veillance, sarebbe la seconda nazione pi colpita in Europa, con 6-12.000 casi. La malattia di Chagas endemica in gran parte del Sud America continentale, esclusi i Caraibi: solo in quell'area, infatti, vive la cimice della famiglia delle Triatominae, che funge da vettore trasmettendo all'uomo, con la sua puntura, un parassita, il protozoo Trypanosoma cruzi. Questa parassitosi, tipica delle zone rurali pi povere dell'America latina, oggi desta preoccupazione anche all'interno delle comunit di im-migrati che vivono in Italia: nel 2013, infatti, nata a Bergamo l'Associazione Italiana per la Lotta alla Malattia di Chagas, AILMAC Onlus. Vicepresidente della Onlus un esperto di Chagas: il dr. Andrea Angheben, del Centro Malattie Tropicali dell'Ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar (Verona). La malattia ha diverse modalit di trasmissione: in seguito a puntura della cimice, che rilascia le sue feci dopo aver punto l'ospite, il quale grattandosi o toccando la parte permette l'entrata del parassita nel sangue; tramite donazione di sangue o di organi (un rischio che in Italia escluso per le rigide norme previ-ste nella selezione del donatore); congenita, ovvero trasmessa dalla madre infet-ta al figlio; o causata da incidenti di laboratorio, spiega Angheben. Un'altra mo-dalit l'ingestione, nelle zone endemiche, di succhi di frutta tropicale come l'aa e la guayava, oppure di canna da zucchero. Il rischio per i viaggiatori basso, ma meglio evitare le bevande o i succhi di produzione artigianale, non pastorizzati. Nel 70% dei casi la Chagas asintomatica, ma le persone affette possono co-munque trasmetterla: con la donazione di sangue (ma non con i rapporti sessuali) o con la gravidanza (se per la madre viene curata, non trasmetter la malattia). La malattia, in fase acuta, pu provocare febbre (raramente, nel 5-10% dei ca-si), malessere, edema oculare e congiuntivite che pu durare qualche settima-na. Nella fase cronica, i sintomi possono essere disturbi all'esofago (acalasia), al colon o all'intestino, dolori addominali e stitichezza, ma quelli pi gravi interessano il sistema nervoso e il cuore. I l paziente cronico, infatti, non sapendo di esse-re ammalato, pu andare incontro a una morte improvvisa, provocata da aritmie, calo della frequenza cardiaca e dilatazione del cuore. La diagnosi sierologica: l'OMS raccomanda di sottoporre a screening tutti i soggetti a rischio (migranti o espatriati provenienti dall'America Latina o i nati da don-ne provenienti da quei Paesi), prosegue il dr. Angheben. Il trattamento avviene principalmente con due farmaci, il benznidazolo e il nifurtimox, che di solito vengono donati all'OMS dalle aziende farmaceutiche produttrici, che rinunciano a trar-ne profitto. Si tratta di medicinali che, nonostante qualche effetto collaterale come al-lergie e malessere, danno un'ottima risposta e portano all'eliminazione dei pa-rassiti, sempre che la malattia sia di recente acquisizione; altrimenti molto pi complicato combatterla. In genere si preferisce escludere dalla scelta te-rapeutica i pazienti che hanno pi di 55-60 anni. Finora, fra il nostro centro di Negrar e quello di Bergamo, abbiamo trattato pi di 500 persone, che devono poi essere seguite fino alla scomparsa degli anticorpi. https://www.osservatoriomalattierare.it/attualita/13704-malattia-di-chagas-come-si-trasmette-l-infezione

    https://www.osservatoriomalattierare.it/attualita/13652-malattia-di-chagas-la-puntura-di-una-cimice-e-i-suoi-rischi-silenziosihttps://www.eurosurveillance.org/content/10.2807/ese.16.37.19968-enhttps://www.eurosurveillance.org/content/10.2807/ese.16.37.19968-enhttp://www.ailmac.it/index.php/it/https://www.osservatoriomalattierare.it/attualita/13704-malattia-di-chagas-come-si-trasmette-l-infezionehttps://www.osservatoriomalattierare.it/attualita/13704-malattia-di-chagas-come-si-trasmette-l-infezione
  • Rassegna

    Politica sanitaria,

    Medico-scientifica e

    Terzo Settore

  • Prima pagina