Sussidiarietà e… qualità nei servizi sociali

  • View
    40

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Rapporto sulla sussidiariet 2013/2014. Sussidiariet e qualit nei servizi sociali. Giorgio Vittadini. Novara, 12 maggio 2014. Agenda. Lo scenario di riferimento La struttura del Rapporto Parte prima: Analisi dei costi di produzione di alcuni servizi di welfare - PowerPoint PPT Presentation

Transcript

  • Sussidiariet equalit nei servizi socialiGiorgio Vittadini

    Rapporto sulla sussidiariet 2013/2014Novara, 12 maggio 2014

  • AgendaLo scenario di riferimentoLa struttura del RapportoParte prima: Analisi dei costi di produzione di alcuni servizi di welfareLobiettivo della ricercaLa metodologia di analisiI principali risultati (sintesi)Discussione Parte seconda: Indagine qualitativePresentazione degli studi di casoProfessionalit relazionale e mercato solidale. Analisi e riflessioni sullindagine qualitativa Considerazioni conclusive*

  • Lo scenario di riferimentoLa crisi del Welfare StateUn problema di costiLe crescenti aspettative dei cittadini

    A new approach to public governance is needed if governments are to meet citizens expectations with the limited means at hand (OECD, Government at a Glance 2013, p. 9)

    Dal Welfare State alla Welfare Society?In ogni caso, necessario avere a disposizione un set di informazioni di vario tipo (costi, prestazioni, ecc.) per analizzare la gestione e la fornitura dei servizi sociali*

  • Lo scenario di riferimentoI gap nella letteratura e nella pratica

    Quali sono i costi di produzione dei servizi di welfare?Analisi esistenti hanno prospettiva macro (es. costo per cittadino/utente a livello territoriale, ecc.) la necessit di avere dati a livello di singola organizzazioneCome analizzare la performance delle organizzazioni operanti nel settore welfare?Diffusa realizzazione di CustomerSatisfaction, ma utilizzo assai limitatoConfronto pubblico/privato su pratiche, costi e risultatiScambio di informazioni ed esperienze non frequente i possibili benefici per le policy e per la gestione (efficienza ed efficacia)

    *

  • La struttura del RapportoParte primaAnalisi dei costi di produzione di alcuni servizi di welfare: una comparazione tra organizzazioni pubbliche e private

    Parte secondaIndagine qualitativa*

  • *PARTE PRIMAAnalisi dei costi di produzione di alcuni servizi di welfare: una comparazione tra organizzazioni pubbliche e private

  • Obiettivo della ricercaSviluppare un protocollo di raccolta dei dati di costo dei servizi delle organizzazioni operanti nel settore del welfareUn contributo metodologico: come adattare tecniche di costing alle realt (pubbliche e private) operanti nel settore welfare

    Comparare dati di costo per alcuni casi di organizzazioni pubbliche e private non profit in esso operantiNon rappresentativit statistica, ma obiettivo di esemplificazione

    *

  • Selezione dei casiSotto-settori e organizzazioni coinvolte*

    Sottosettore welfareOrganizzazione pubblicaOrganizzazione privata Housing universitarioERSU - Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario, CataniaFondazione CEUR Camplus dAragona (Catania)Asili nidoAsili comunali Libert (Monza) e Arcobaleno (Cinisello Balsamo) Collegio della Guastalla e Pappa, Coccole e Balocchi (Monza), Orsonido (Cinisello Balsamo)Housing socialeATC Agenzia Territoriale per la Casa, TorinoFondazione Compagnia di S. Paolo (np), TorinoAssistenza agli anzianiAzienda di Servizi alla Persona Golgi Redaelli, MilanoFondazione Moscati, MilanoRiabilitazione Pio Albergo Trivulzio, MilanoResidenze Anni Azzurri, Milano

  • La metodologia di ricerca Lidea del benchmarkingNon un giudizio definitivo su preferenza pubblico vs privato, ma strumenti di analisi per un confronto positivo con implicazioni managerialiUn approccio Activity-BasedCosting (ABC)Limportanza di analizzare non solo il costo di produzione, ma anche le sue determinanti: quali attivit spiegano il consumo delle risorse?

    Il concetto di costo utilizzato il concetto di costo pieno, ossia include:Costi non monetari (ammortamenti e lavoro volontario)Costi indiretti corporate costi indiretti derivanti da partecipazione al costo di produzione da parte di altri uffici/divisioni*

  • La metodologia di ricerca (2) Il protocollo seguito per lanalisi dei costi:Definizione delle attivit comuni: anche insieme alle organizzazioni coinvolte (interviste iniziali)Analisi costi per natura (costi MD, LD e OVH) e loro ripartizione per attivit (analisi item per item + interviste)Definizione indicatori di costo (per utente e per attivit) e loro calcolo*

    AttivitCosto del personaleCosto materiali ecc.Costi indirettiTotaleAttivit 1: AmministrazioneAttivit 2: Didattica/curaAttivit 3:Fund-raising / promozioneAttivit n

  • La metodologia di ricerca (3)Lanalisi delle performanceIndicatori di qualit oggettiva (es. tempi di risposta, rapidit intervento, ecc.) oppure qualit percepita?

    Punti di forza e criticit della qualit percepita (customersatisfaction, CS)(+) rilevazione diretta delle opinioni degli utenti (non mediata da modello di riferimento)(+) lattenzione alla dimensione delle aspettative degli utenti(-) soggettivit (comparabilit), instabilit, mis-percezioneUso di fonti secondarieCS sviluppate dalle organizzazioni (eventualmente ri-composte), non definizione di uno strumento ad hoc. *

  • La metodologia di ricerca (4)Lintegrazione di informazioni sui costi e qualit percepitaLaddove possibile, anche per (macro) attivit

    *

  • *I principali risultati

  • I risultati in sintesi: il non profit costa menoI costi unitari delle organizzazioni non profit risultano in media inferiori del 23% (tra il 17% e il 41%) ai costi unitari delle organizzazioni del settore pubblico*

    Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano (DIG), 2014

    senza rinunciare alla qualitLa soddisfazione degli utenti risulta in media superiore per le organizzazioni non profit; in una scala da 1 a 10, 8,25 v. 7,66. *

    Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano (DIG), 2014

    Asili nido - COSTII costi unitari delle organizzazioni non profit risultano in media inferiori del 41% (7.700/bambino annui contro 13.100)ai costi unitari delle organizzazioni del settore pubblico. *

    Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano (DIG), 2014

    Asili nido QUALITALa qualit percepita leggermente a vantaggio del non profit: 8 v. 8,6*

    Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano (DIG), 2014

    Housing universitario COSTI*I costi unitari dellorganizzazione non profit risultano in media inferiori del 17% ai costi unitari dellorganizzazione del settore pubblico (9.100 /posto letto anno, contro 10.900).

    Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano (DIG), 2014

    La qualit percepita leggermente a vantaggio del non profit: 6 v. 6,7*Housing universitario QUALITA

    Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano (DIG), 2014

    Residenze sanitario-assistenziali COSTII costi unitari dellorganizzazione non profit risultano inferiori del 21% (100 /posto letto giorno contro i 125) ai costi unitari dellorganizzazione del settore pubblico*

    Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano (DIG), 2014

    Residenze sanitario-assistenziali QUALITALa qualit percepita leggermente a vantaggio del non profit: 8 v. 8,5*

    Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano (DIG), 2014

    Centri per la riabilitazione COSTII costi unitari dellorganizzazione non profit risultano inferiori del 22% ai costi unitari dellorganizzazione del settore pubblico (130/posto letto-giorno contro 165)*

    Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano (DIG), 2014

    Centri per la riabilitazione QUALITALa qualit percepita leggermente a vantaggio del non profit: 8,5 v. 9*

  • Un esempio illustrativoIn questa sezione, si riportano i risultati di dettaglio riferiti ad uno specifico sotto-settore (Residenze per anziani)I dettagli per gli altri sotto-settori: nel RapportoNella successiva sezione: considerazioni di sintesi pi generali sui risultati complessivi *

  • Le realt analizzateOrganizzazione pubblica: Golgi Redaelli3 istituti geriatrici (310 posti letto) + altri servizi di riabilitazione, hospice, servizi specialistici vari, ecc.Gestione (apicale): Direttore Generale + Direttori MediciOrganizzazione per moduli operativi

    Organizzazione privata: Fondazione MoscatiAccreditamento RL per una RSA di 78 posti lettoGestione (apicale): Direttore Sanitario + Direttore Struttura + Direttore Amministrativo*

  • Costi (per natura)Partenza da dati oggettivi di Conto EconomicoBase di riferimento per riclassificazioni successive (per attivit)*Le differenze nella struttura di costo (OVH + servizi)

    Voci di costoFondazione MoscatiASP Redaelli%%Lavoro (salari e stipendi)2,138,26877%8,080,50061%Materiali di consumo348,71013%1,486,73111%Servizi 166,0006%1,568,75612%Costi indiretti (OVH)130,6004%2,088,83416%

  • Definizione delle attivitInterviste preliminari Gruppo di lavoro Politecnico + referenti organizzazioni per definire set comune di macro- e micro-attivit*

    Macro-attivitMicro-attivit incluse(A) Attivit albergative(1) Mensa(2) Pulizia(3) Lavanderia(4) Manutenzione ordinaria(B) Attivit assistenziali(5) Attivit assistenziali(C) Attivit sanitarie(6) Attivit sanitarie(D) Altre attivit(7) Attivit amministrative(8) Attivit di animazione(9) Servizio sociale

  • I costi per attivit*

    Fondazione MoscatiASP RedaelliAttivit/posto letto% su totale/posto letto% su totaleAttivit albergative18.118.2%19.916.0% (1) Mensa88.0%7.56.0% (2) Pulizia5.75.7%1.41.1% (3) Lavanderia1.61.7%32.4% (4) Manutenzione ordinaria2.82.8%86.4%Attivit assistenziali43.744.1%47.838.2% (5) Attivit assistenziali43.744.1%47.838.2%Attivit sanitare21.221.4%2721.6% (6) Attivit sanitarie21.221.4%2721.6%Altre attivit11.511.6%18.915.1% (7) Attivit amministrative8.78.7%15.812.6% (8) Attivit di animazione2.22.2%2.11.7% (9) Servizio sociale0.60.6%10.8%Totale costi operativi94.5113.6Costi di struttura4.64.7%11.39.1%Totale costi99.1-124.9-

  • I costi per attivit Differenziali di costo: (i) altre attivit e (ii) struttura*

  • I costi per attivitQuale struttura di costo? (Incidenza %)*Nonostante