Technical Manual

  • Published on
    28-Oct-2014

  • View
    178

  • Download
    1

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Catlogo Kerlite

Transcript

<p>resistentei vantaggi di essere unica</p> <p>grande</p> <p>KERLITE PLUS resiste ad uno a di sforzo di rottur 1.235 Newton.</p> <p>9 una gamma di formati fino a 3 metri x 1.</p> <p>planareFrutto di una tecnologia allavanguardia, la lastra in KERLITE viene prodotta con un impasto di gres porcellanato composto da argille e materie prime pregiate. pressata con una forza di 15.000 tonnellate. La cottura avviene in forni innovativi ed ecologici, frutto della Ricerca e Know How Panariagroup.</p> <p>la superficie sempre perfettamente piana</p> <p>sottile e leggera3 mm sa di spessore pe lo 7 Kg/mq so</p> <p>facile</p> <p>da tagliare, re forare e posa</p> <p>affidabile</p> <p>garantita20 anni di garanzia</p> <p>eco compatibile-66% per fabbisogno e di materie prim</p> <p>impiegata in tutto il mondo e vanta numeros e prestigiose referenze</p> <p>1</p> <p>I T A</p> <p>FORMATI E SPESSORI</p> <p>Le lastre di KERLITE hanno uno spessore ridotto ottenuto grazie allinovativa linea produttiva di KERLITE che conferisce alla lastra ceramica un grado di elasticit e di resistenza ineguagliabile. Nessuna piastrella sottile pressata nei tradizionali stampi pu raggiungere le straordinarie prestazioni di KERLITE. Le lastre ot tenute in uscita forno hanno una dimensione nominale di 100x300 cm. KERLITE disponibile oggi sul mercato in 3 diverse tipologie destinate a differenti esigenze duso: KERLITE 3mm, KERLITE PLUS e KERLITE TWIN.</p> <p>TAVOLA RIEPILOGATIVA DELLE ISTRUZIONI DI POSAFuga minima consigliata Tempo di attesa per la calpestabilit Tempo di attesa per la messa in esercizio Applicazione di doppia spalmatura di colla Utilizzo dei sistemi di livellatura tipo RAIMONDI R.L.S.</p> <p>300x100 cmRivestimento Interno Rivestimento Esterno</p> <p>Altri formatiRivestimento Interno Rivestimento Esterno</p> <p>300x100 cmPavimento Interno Rivestimento Interno Rivestimento Esterno</p> <p>Altri formatiPavimento Interno Rivestimento Interno Rivestimento Esterno</p> <p>300x100cmPavimento Interno</p> <p>Altri formatiPavimento Interno</p> <p>1 mm X X NO SI</p> <p>5-6 mm X X SI SIcon denti di 6 mm inclinati con denti di 3 mm diritti</p> <p>1 mm X X NO SIcon denti di 3-4 mm inclinati</p> <p>5-6 mm X X SI SIcon denti di 6 mm inclinati con denti di 3 mm diritti</p> <p>2 mm 48 h. 15 giorni almeno SI NOcon denti di 8 mm inclinati con denti di 3 mm diritti</p> <p>1 mm X X NO SIcon denti di 6 mm inclinati</p> <p>5-6 mm X X SI SIcon denti di 6 mm inclinati con denti di 3 mm diritti</p> <p>2 mm 24 h.secondo indicazoni del produttore della colla</p> <p>1 mm X X NO SIcon denti di 3-4 mm inclinati</p> <p>5-6 mm X X SI SIcon denti di 6 mm inclinati con denti di 3 mm diritti</p> <p>2 mm 24 h.secondo indicazoni del produttore dellea colla</p> <p>2 mm 24 h.secondo indicazoni del produttore dellea colla</p> <p>SI NOcon denti di 6 mm inclinati con denti di 3 mm diritti</p> <p>NO SIcon denti di 6 mm inclinati</p> <p>NO SIcon denti di 6 mm inclinati</p> <p>con denti di Spatola consigliata per la stesura 6 mm della colla sul fondo inclinati Spatola consigliata per la stesura sul retro della lastra Adesivi consigliati Giunti di dilatazione</p> <p>NO</p> <p>NO</p> <p>NO</p> <p>NO</p> <p>NO</p> <p>NO</p> <p>VEDI LA SPECIFICA TABELLA RIPORTATA A PAG. 18 PER SUPERFICI SUPERIORI A 4 mq VEDI LE SPECIFICHE RIPORTATE NELLE PAGG. 9, 12 e 14</p> <p>2</p> <p>L a n u o v a s u p e r f i c i e p e r l A r c h i t e t t u r aLastre in gres porcellanato di grandi dimensioni e spessore 3 mm.</p> <p>Rinnova la tua casa senza demolireLastre in gres porcellanato di grandi dimensioni e spessore 3,5 mm, rinforzate sul retro con apposita rete in fibra di vetro.</p> <p>Lastra bistrato ad alta resistenzaLastre bi-strato in gres porcellanato di grandi dimensioni e spessore 7 mm costituite da due lastre di Ker lite accoppiate e r infor zate all inter no con rete in fibra di vetro.</p> <p>3 mm</p> <p>3,5 mm</p> <p>7 mm</p> <p>DOVE SI POSA Per rivestire superfici a parete in abitazioni, edifici o locali pubblici, sia in interno che in esterno.</p> <p>DOVE SI POSA Per rivestire superfici di vecchi pavimenti e massetti nuovi in ambienti domestici o anche ad alto traffico pedonale ma non sottoposti a carichi pesanti. SOTTOFONDO Deve essere pulito, asciutto e stabile. Verificare la planarit delle superfici e livellare se necessario.</p> <p>DOVE SI POSA Per la posa a pavimento su tutti i sottofondi. Ideale per ambienti sottoposti a carichi di una certa entit.</p> <p>SOTTOFONDO Deve essere pulito, asciutto e stabile. Verificare la planarit delle superfici e livellare se necessario.</p> <p>SOTTOFONDO Deve essere pulito, asciutto e stabile. Verificare la planarit delle superfici e livellare se necessario.</p> <p>POSA Stendere la colla a letto pieno sul fondo con una spatola*. Battere bene la superficie della lastra con una spatola di gomma per farla aderire completamente. Per posa su pareti esterne eseguire sempre la doppia spalmatura. * vedi tabella pag. 2</p> <p>POSA CON DOPPIA SPALMATURA Stendere la colla a letto pieno sul vecchio pavimento o su massetto nuovo con spatole a denti inclinati* e sul retro della lastra con spatole a denti piatti da 3 mm. Battere bene la superficie della lastra con una spatola di gomma per farla aderire completamente.</p> <p>POSA Stendere la colla a letto pieno con una spatola a denti inclinati*. Battere bene la superficie con una spatola di gomma per farla aderire completamente. Non necessaria la doppia spalmatura.</p> <p>3</p> <p>I T A</p> <p>MOVIMENTAZIONE</p> <p>Per la sua leggerezza il KERLITE con spessore 3 mm facilmente trasportabile e movimentabile, molto pi delle lastre di marmo, granito e pietre naturali che hanno notevoli spessori e quindi pesi molto superiori. Si consideri che, a parit di peso, i metri quadrati trasportati sono quattro volte superiori. Il peso di una lastra delle dimensioni di 100x100 cm di soli 7,4 kg nella versione KERLITE 3mm, 7,8 kg nella versione KERLITE PLUS, e 16 kg nella versione KERLITE TWIN. MOVIMENTARE LASTRE INTERE (100x300 cm) Le lastre 100x300 cm di KERLITE 3mm e KERLITE PLUS possono essere sollevate da una persona. Alzare la lastra a mani aperte e sollevare lentamente il lato lungo in modo da eliminare leffetto ventosa dovuto alladerenza con la lastra sottostante e consentire una buona presa alle mani (fig. 1). A questo punto si pu portare la lastra in posizione verticale mantenendola sempre rettilinea (fig. 2). Quando la lastra in posizione verticale sollevarla sostenendola per il bordo superiore, quindi muoversi</p> <p>mantenendola sempre rettilinea con laiuto di una seconda persona (figg. 3 e 4). Le lastre di KERLITE TWIN devono essere movimentate da due persone con lausilio di un TELAIO KERLITE. Fissare il telaio alla lastra quando ancora allinterno del pallet. Quindi sollevare il telaio e la lastra per eliminare leffetto ventosa. STOCCAGGIO DELLE LASTRE INTERE (100x300 cm) Le lastre di KERLITE 3mm, KERLITE PLUS e KERLITE TWIN (100x300 cm) possono essere stoccate in posizione sia verticale che orizzontale. Sovrapponendo pi lastre luna sullaltra occorre avere in ogni caso cura che le superfici delle singole lastre siano pulite e che il piano di appoggio di base sia planare. Per quanto riguarda la posizione verticale necessario appoggiare su legno la lastra per il lato lungo (fig. 5).</p> <p>5</p> <p>14</p> <p>2</p> <p>3</p> <p>4</p> <p>MOVIMENTAZIONE DEGLI IMBALLI CON LASTRE 100X300 cm Per un corretto sollevamento e movimentazione con carrelli elevatori degli imballi pallettizzati necessario posizionare le forche ben distanziate tra loro di almeno 1 m, perpendicolarmente al lato lungo del pallet e al centro dello stesso. Le forche devono fare presa su tutta la profondit del pallet (fig. 10a). Nelleventualit si fosse obbligati a inforcare il pallet</p> <p>2,5 m t</p> <p>10bper il lato corto (es. nello scarico dei containers) si dovr assolutamente utilizzare forche lunghe almeno 2,5 m per una perfetta presa e sollevamento a garanzia dellintegrit del contenuto (fig. 10b).cm. 240</p> <p>Per fissare e movimentare in tutta sicurezza le lastre di KERLITE 3mm, KERLITE PLUS e KERLITE TWIN in grandi formati, in particolare per il 100x300 cm, disponibile su richiesta questo telaio ausiliario in alluminio munito di ventose regolabili, lo strumento ideale per la movimentazione e la posa su ponteggi ad altezze superiori ai 2 metri (figg. 6, 7, 8 e 9).cm. 8,5</p> <p>VENTOSA</p> <p>cm. 80</p> <p>10a</p> <p>6</p> <p>7</p> <p>8</p> <p>95</p> <p>I T A</p> <p>TELAIO KERLITE</p> <p>TAGLIO, FORATURA E FINITURA DEI BORDI</p> <p>Una caratteristica peculiare di KERLITE la sua estrema facilit di lavorazione: il materiale pu essere facilmente tagliato, sagomato e forato con macchine automatiche e utensili per la lavorazione del vetro e del gres porcellanato. PREPARAZIONE importante assicurarsi un piano di lavoro planare e pulito, per questo scopo potete utilizzare il coperchio del pallet della lastra KERLITE da 100x300 cm.</p> <p>K-BLADE</p> <p>TAGLIO CON COLTELLI DA VETRO (solo per KERLITE 3mm e KERLITE PLUS) Si possono ottenere tagli e sagomature eccellenti incidendo KERLITE 3mm e KERLITE PLUS con coltelli da vetro (tagliavetro K-BLADE, fig. 11). K-BLADE un tagliavetro con rotellina da taglio di tipo Toplife con manico di plastica per una migliore impugnatura. Per realizzare lincisione su KERLITE 3mm e KERLITE PLUS comunque importante non staccare il tagliavetro dallasse di incisione durante lintera operazione di lavorazione. Per rendere una incisione il pi rettilinea possibile si pu ricorrere allausilio di stadie in alluminio comunemente usate dai muratori (figg. 12 e 21). Una volta praticata lincisione sufficiente una semplice flessione per ottenere il distacco dei due pezzi (fig. 13). Per KERLITE PLUS, una volta incisa la parte ceramica e spezzata la lastra, si rifinisce il taglio incidendo la fibra di vetro con un normale cutter (fig. 14).</p> <p>TAGLIO CON DISCHI DIAMANTATI KERLITE, in tutte le sue versioni, pu essere tagliato anche utilizzando dischi diamantati. I dischi devono essere del tipo a fascia continua e possono essere utilizzati su smerigliatrici manuali elettriche o su banchi da taglio (figg. 15 e 16). In entrambi i casi necessario procedere con elevate velocit di rotazione (&gt; 2500 giri/min) e basse velocit di avanzamento (&lt; 1 m/min). A seconda del tipo di disco e della lunghezza del taglio pu essere necessario il raffreddamento ad acqua del disco stesso. I dischi pi idonei risultano essere quelli sottili utilizzati per il taglio del gres porcellanato. I vantaggi di questo tipo di taglio consistono nella facilit di esecuzione manuale e nella possibilit di effettuare tagli in fase di posa. Cotto dEste ha utilizzato con ottimi risultati dischi diamantati a fascia continua della ditta TYROLIT VINCENT che possono lavorare a secco.</p> <p>116</p> <p>12</p> <p>13</p> <p>14</p> <p>15</p> <p>TAGLIO E SAGOMATURA AD IDROGETTO Per tagli sagomati di precisione possibile utilizzare macchine per taglio a idrogetto. Per questo tipo di lavorazione si raccomanda di contattare ditte specializzate. FORATURA Per la foratura manuale si possono utilizzare punte al tungsteno della TYROLIT fino ad un diametro di 8 mm montate su trapani elettrici o avvitatori a batteria (fig. 17). Con tali utensili si consiglia di: 1. raffreddare con acqua il punto di attacco; 2. iniziare la foratura con una bassa velocit di rotazione; 3. non esercitare una pressione eccessiva e comunque regolarsi in base alla resistenza offerta da KERLITE. I fori superiori a diametro di 8 mm possono essere effettuati utilizzando frese a tazza (o foretti) montate su smerigliatrici (fig. 18). Per la loro capacit di lavorare a secco le frese pi idonee sono fornite da TYROLIT VINCENT, da RUBI ITALIA e dalla MONOLIT.</p> <p>Nel caso si debbano praticare forature multiple per il passaggio di tubazioni, tagli multipli per scatole di interruttori o altre lavorazioni su lastre 100x300 cm necessario utilizzare esclusivamente la versione rinforzata KERLITE PLUS. FINITURA DEI BORDI Le finiture dei bordi possono essere effettuate a mano tramite lutilizzo di spugne diamantate o carta vetrata. Con un leggero passaggio sul lato della lastra si pu ottenere un effetto rompifilo, oppure con ripetuti passaggi un effetto bisello (fig. 19). altres possibile ottenere i medesimi risultati con dischi per carteggiare TYROLIT VINCENT applicabili al flessibile.</p> <p>16</p> <p>17</p> <p>18</p> <p>197</p> <p>I T A</p> <p>NELLUTILIZZO DEI TRAPANI NON USARE LA MODALITA CON PERCUSSORE</p> <p>POSA A PARETE</p> <p>PREPARAZIONE DEL FONDO Per la preparazione del fondo e lincollatura di KERLITE sono richieste le stesse operazioni di una qualunque piastrella di gres porcellanato di grande formato. In generale i sottofondi cementizi devono essere puliti da polvere, olii e grassi, asciutti ed esenti da risalite dumidit, privi di parti friabili o non perfettamente ancorate come residui di cemento, calce e vernici; in caso contrario queste parti vanno asportate. Il fondo deve essere stabile, senza crepe e avere gi compiuto il ritiro igrometrico di maturazione. I dislivelli di planarit devono essere preventivamente colmati con idonei prodotti di rasatura.</p> <p>POSA A PARETE SU INTONACO ESTERNO Per la posa a parete su intonaco esterno necessario incollare KERLITE 3mm e KERLITE PLUS su di un fondo ad elevate prestazioni, che possa resistere nel tempo a sollecitazioni meccaniche quali movimenti strutturali, peso delle piastrelle, dilatazioni termiche ed agenti atmosferici. In questo caso Cotto dEste consiglia di posare su intonaci tipo KR100 della Fassa Bortolo o su BF02 della Grigolin, o comunque su intonaco con le medesime caratteristiche. Questi intonaci devono avere unadesione media al laterizio di almeno 1 N/mm2 (circa 10 kg/cm2). Durante la posa rispettare tassativamente marcapiani e giunti strutturali. Non posare KERLITE su due o pi superfici non omogenee come ad esempio cemento armato e mattoni. Per la posa in esterno eseguire tassativamente la doppia spalmatura. (Vedi anche specifiche a pag. 15)</p> <p>PREPARAZIONE DEL FONDO A ELEVATO ASSORBIMENTO Su intonaci molto assorbenti e sfarinanti in superficie (es. a base di gesso...) necessario applicare preventivamente un isolante di superficie professionale concentrato allacqua (PRIMER), stendendolo in una o pi mani e secondo le indicazioni duso; questa operazione preliminare ridurr lassorbimento dacqua e migliorer la spatolabilit delladesivo. APPLICAZIONE DELLADESIVO E POSA Stendere ladesivo sulla parete utilizzando una spatola con dentatura 3-4 mm (figg. 20 e 23). Assicurarsi che la quantit di colla che si va ad applicare sia uniformemente stesa a letto pieno spatolando di volta in volta piccole porzioni di parete. Per assicurare una corretta adesione della lastra, necessario effettuare la battitura su tutta la superficie con spatole gommate (figg. 24 e 27).</p> <p>6 mm</p> <p>22</p> <p>3 mm</p> <p>208</p> <p>21</p> <p>23</p> <p>FUGA Per ambienti interni fugare utilizzando le specifiche crocette distanziatrici di almeno 1 mm (fig. 26). Per la posa in esterno sono necessarie fughe di larghezza maggiore, anche in relazione ai formati da posare ed alla severit delle escursioni termiche presenti nella zona. Un valore indicativo pu essere di 5-6 mm, da verificare di volta in volta dal progettista e dalla Direzione Lavori. GIUNTI DI DILATAZIONE La dilatazione (o la contrazione) termica del KERLITE dipende dal...</p>