TRATTATO TEORICO SULLA SCIENZA DEI MAGI - SBSS. teorico sulla Scienza dei Magi.pdf · TRATTATO TEORICO…

  • Published on
    16-Feb-2019

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Transcript

<p>TRATTATO TEORICO SULLA SCIENZA DEI MAGI</p> <p>(L'ABC DELL'ALCHIMIA E DELLA MAGIA) </p> <p>francis.xavier.777@gmail.com Pag. 1 di 156</p> <p>Indice dei contenuti</p> <p>1 Introduzione............................................................................................32 La natura ondulatoria della materia........................................................53 Multiverso e piani vibrazionali..............................................................84 Piani vibrazionali ed elettromagnetismo...............................................125 Teoria del caos e relativit...................................................................176 Il ruolo cosmico dellumanit...............................................................237 Il sistema nervoso umano.....................................................................288 Il sistema nervoso inferiore..................................................................349 Ermetismo del sistema nervoso inferiore..............................................3910 Processo alchemico del sistema nervoso inferiore..............................4511 Allegorie ed entit del piano astrale....................................................53</p> <p>11.1 SFERE ELEMENTARI (TELLURICHE).......................................................5711.2 SFERE ANGELICHE (URANICHE).............................................................5911.3 ELOHIM..........................................................................................................62</p> <p>12 Interazione con il piano astrale...........................................................6413 Il risveglio del drago ..........................................................................8014 Interazione tra piano mentale e sistema nervoso superiore..................9615 Teoria del rituale...............................................................................10916 La trinit terrena................................................................................127</p> <p>16.1 THELEMA....................................................................................................12916.2 IMAGO.........................................................................................................13116.3 LOGOS.........................................................................................................139</p> <p>17 Magia e religione...............................................................................14718 Conclusione.......................................................................................154</p> <p>Copyright (c) 13/5/2009 Francis Xavier garantito il permesso di copiare, distribuire e/o modificare questo documento seguendo i termini della Licenza per Documentazione Libera GNU, Versione 1.1 o ogni versione successiva pubblicata dalla Free Software Foundation; con le Sezioni Non Modificabili (ELENCO), con i Testi Copertina (ELENCO), e con i Testi di Retro Copertina (ELENCO). Una copia della licenza disponibile allindirizzo: http://www.gnu.org/licenses/fdl-1.3.html </p> <p>francis.xavier.777@gmail.com Pag. 2 di 156</p> <p>http://www.gnu.org/licenses/fdl-1.3.html</p> <p>1 Introduzione</p> <p>In occasione del mio 40 anno di et ho ritenuto che era giunto il momento di mettere a disposizione la mia personale esperienza nel campo esoterico a coloro che desideravano conoscere e comprendere genuinamente questa scienza tanto bistrattata. Per la verit sino a qualche anno fa neanche io mi occupavo attivamente di questi argomenti, anzi li evitavo accuratamente coltivando le passioni della mia vita, ovvero l'informatica e l'elettronica. E' vero che certe cose gi mi ronzavano attorno sin da tenera et, ma avevo imparato a conviverci e soprattutto ad ignorarle. </p> <p>Dopo gli accadimenti del 11 settembre ero rimasto piuttosto scettico sulla possibilit che un manipolo di pecorai afgani avesse avuto la capacit di mettere sotto scacco la pi potente armata aerea del mondo. Cos incominciai a navigare sulla rete cercando di formarmi un idea su quanto accaduto. Un giorno mi imbattei in un filmato su youtube.com chiamato "La piramide della cospirazione globale" dello scrittore David Icke, nel quale esponeva le sue ricerche e le sue ardite conclusioni che abbracciavano sistematicamente la storia, la geopolitica, le religioni, la massoneria, il simbolismo e l'esoterismo. </p> <p>All'inizio, come molti altri, ho respinto questo approccio bollandolo come la solita americanata. Ma quelle nozioni erano rimaste impresse nella mente e mi facevano vedere ci che mi circondava con occhi diversi. Ho quindi approfondito leggendo alcuni dei suoi libri ma espandendo immediatamente la ricerca anche ad altri autori dello stesso filone.</p> <p>Una successione di eventi personali e professionali mi ha poi portato ad approfondire la tematica dell'alchimia, prendendo in considerazione decine di libri di fonte rosacruciana e autori come Julius Evola, Giuliano Kremmerz, Agrippa, Eliphas Levi e molti altri.</p> <p>francis.xavier.777@gmail.com Pag. 3 di 156</p> <p>Nel fare questo ho cercato di mantenere vigile in me la componente razionale e dallimpressionante mole di documentazione vagliata ho incominciato ad estrarre, come farebbe qualsiasi tecnico, i meccanismi e i simbolismi ad essi associati, che mi sono subito sembrati molto vicini alla tecnologia della progettazione del software. </p> <p>Il risultato di questo paziente lavoro stata la creazione di una cosmogonia scevra dalle sovrastrutture delle religioni e dellermetismo alchemico. Il quadro che si trae che la Scienza dei Magi sia basata sul sapiente dosaggio delle componenti fisiologiche e psicologiche del corpo umano. Nel fare questo non ho potuto fare a meno di accantonare la parte romantica e filosofica di tale scienza, per fare posto ad un approccio pi scientista e rigoroso, per quanto sia ovviamente possibile trattandosi di concetti metafisici notoriamente ricalcitranti allessere misurati con il metodo scientifico. </p> <p>In particolare ho messo in relazione le nozioni di fisica quantistica, elettromagnetismo e fisiologia umana con il mondo allegorico rappresentato dagli antichi alchimisti, trovando una sorprendentemente contiguit tra fisica e metafisica. Ci mi ha convinto che lalchimia non un passatempo per eccentrici annoiati, ma un metodo reale volto a produrre la realizzazione di un umanit migliore, evoluta dal piano grezzo della materia, in grado di dominare tramite la volont il cosmo ed il caos, lo spazio ed il tempo, lenergia e la materia. </p> <p>Ringrazio quanti mi hanno fornito, nel corso della mia ricerca, quei pezzetti del puzzle che ho interiorizzato e messo insieme per risolvere il complesso rompicapo che lesistenza umana. Chi siamo? Perch esistiamo? Dove stiamo andando? Questo libro tenter di dare un interpretazione razionale e complessiva a queste ataviche domande.</p> <p>Buona lettura.</p> <p>francis.xavier.777@gmail.com Pag. 4 di 156</p> <p>2 La natura ondulatoria della materia</p> <p>Generalmente quando si parla di alchimia si pensa ad un personaggio bislacco con il barbone e tunica che maneggia all'interno della sua officina tra alambicchi, liquidi magici ed erbe rare. Una favola per ben nascondere all'opinione pubblica la vera natura dell'alchimia: il laboratorio il corpo stesso e gli strumenti sono gi tutti l nelle nostre viscere e nella nostra mente.</p> <p>Per comprendere l'alchimia necessario deprogrammarsi dalla dottrina ufficiale che vede l'uomo vittima di se stesso e degli eventi accidentali che ne determinano l'esistenza. E' ora che si faccia veramente luce su questo aspetto della biologia umana che sfocia direttamente nella metafisica.</p> <p>Per farlo necessario dare una serie di definizioni che chiariscano al lettore che ci che tratter di seguito non una favola o un racconto di fantascienza, ma piuttosto un qualcosa che sempre esistito e che abbiamo dimenticato a causa di un ideologia oscurantista figlia del medio evo. L'epoca della caccia alla streghe ha ricacciato nel mistero e nel segreto quello che viene chiamato esoterismo oppure occultismo e che il sottoscritto invece considera una tecnologia alla stessa stregua dell'ingegneria elettronica o bio-chimica.</p> <p>Prima di tutto necessario parlare della natura della materia: come stato dimostrato all'inizio del XX secolo esiste un equivalenza tra energia e massa e che gli insiemi energetici che normalmente definiamo come quark, elettroni, positroni non sono altro che contenitori di tale energia che messi in talune condizioni si comportano esattamente come onde elettromagnetiche (interferometria). Inoltre recenti scoperte hanno evidenziato, come nel fenomeno del Casimir Effect, si generino delle forze in spazi nanometrici apparentemente inspiegabili con la fisica classica. </p> <p>Non essendo un fisico non mi addentrer nella spiegazione di tali effetti, ma mantenendo un linguaggio semplice dir che ci che costituisce il visibile e l'invisibile composto da energia vibrante che in talune condizioni si condensa in </p> <p>francis.xavier.777@gmail.com Pag. 5 di 156</p> <p>massa. La massa posta in certe condizioni si ritrasforma nuovamente in energia vibrante. </p> <p>La natura ondulatoria della materia ben nota in fisica quantistica e non affatto un caso che la configurazione di un qualsiasi atomo sia determinata da una funzione d'onda specifica, analogamente come nelle guide d'onda e nelle linee di trasmissione si formano delle onde stazionarie. Ritengo inoltre che lo spin elettronico, ovvero la caratteristica dell'elettrone di ruotare su se stesso provocando un campo magnetico, sia da attribuire sempre al fatto che in effetti esso sia costituito un onda EM intrappolata in un punto di singolarit dello spazio-tempo.</p> <p>La caratteristica di vibrazione della materia normalmente percepita dai nostri sensi anche attraverso la termodinamica dei corpi che si esprime per esempio nell'espansione o la contrazione dei gas oppure il cambiamento di stato da solido a liquido e viceversa.</p> <p>Un altro fatto su cui vorrei far focalizzare l'attenzione che quello che noi chiamiamo massa in effetti per il suo 99% invece vuoto. Siamo di solito abituati a visualizzare un atomo come una pallina solida ma in effetti si tratta di una nuvola elettronica nella quale la probabilit di esistenza dell'elettrone definita appunto dall'equazione di Shrodinger, da cui si evoluta successivamente la meccanica quantistica. Anche protoni e neutroni non sono insiemi pieni ma sempre nuvole di particelle chiamati quark. Se potessimo istantaneamente fermare le singole particelle ci accorgeremmo del fatto che quell'insieme che noi credevamo pieno era in realt vuoto. Considerando inoltre che le stesse particelle non sono altro che una forma di energia condensata la considerazione finale che di fatto ci che consideriamo materia non altro che un illusione.</p> <p>Lo scettico immediatamente sogghigner pensando che non possibile che quello che lui tocca con le sue dita di fatto non esista perch sente una sensazione di pressione: in realt ci che succede quando il dito preme ad esempio contro un tasto che il campo elettrico della nuvola elettronica che compone le cellule epiteliali del polpastrello entra in sovrapposizione con quella degli atomi che compongono la </p> <p>francis.xavier.777@gmail.com Pag. 6 di 156</p> <p>plastica del tasto. Quello che noi percepiamo come pressione non altro che la forza respingente che si sprigiona tra due nuvole di elettroni e che attiva il sistema nervoso attraverso i recettori di pressione posti all'interno del polpastrello. Questo esempio dovrebbe fornire al lettore una pi netta sensazione dell'illusoriet della sua esistenza.</p> <p>Un altra interessante informazione che proviene dalla teoria della superstringhe e del multiverso (M-Theory) vede l'universo nel quale siamo immerso come una delle tante 'fettine' di un sistema di infiniti universi. Tali universi condividono lo stesso spazio anche se la fisica classica dice invece che non potrebbero compenetrarsi. Invece per la meccanica quantistica questi universi possono coesistere a patto che la materia 'vibri' a frequenze differenti. Questo significa che in questo momento siete seduti davanti al vostro PC e nello stesso tempo magari vi sta passando attraverso una supernova.</p> <p>Utilizzando una metafora, come se l'universo in cui siamo immersi sia una stazione radio che trasmette ad una certa frequenza. Gli altri universi sono altre stazioni radio che trasmettono a frequenze differenti con dei salti di frequenza tra una stazione e l'altra ben determinati. Utilizzando la manopola della radio cambiamo frequenza e in tal modo possiamo sintonizzarci su un altra stazione. Quindi pi stazioni radio condividono lo stesso mezzo trasmissivo costituito dall'atmosfera terrestre. Uscendo dalla metafora, il multiverso l'insieme di universi che vibrano a frequenze caratteristiche diverse e che condividono il medesimo spazio-tempo.</p> <p>La caratteristica che le onde possano condividere lo stesso mezzo utilizzando frequenze differenti normalmente utilizzata nelle telecomunicazioni per multiplare pi informazioni nel medesimo canale di comunicazione. Analogamente un oggetto pu compenetrarne un altro a patto che i due oggetti esistano a frequenze vibrazionali differenti.</p> <p>Tutto questo discorso sulle frequenze necessario per comprendere il fatto che esseri biologici possono esistere oltre che su pianeti diversi dalla Terra anche in universi paralleli e perfino tra universi, ovvero in quel limbo che esiste tra due bande di frequenze che caratterizzano due singoli universi all'interno del multiverso.</p> <p>francis.xavier.777@gmail.com Pag. 7 di 156</p> <p>3 Multiverso e piani vibrazionali</p> <p>Come abbiamo precedentemente descritto, tutto energia compresa la materia che ne la sua coagulazione. L'energia pu trasportare onde o frequenze e una banda di frequenze compone un singolo universo all'interno del multiverso. Il centro banda di questo universo lo possiamo considerare alla stregua di un piano o sezione dell'ipercubo a 11 dimensioni che definisce il multiverso.</p> <p>Secondo la teoria inflattiva del multiverso l'energia fluisce da un universo all'altro abbassando la sua frequenza vibrazionale. Buchi neri e stelle sono i portali per i quale fluisce l'energia da un universo all'altro. Secondo la teoria del 'Bubble Universe', ogni universo pu essere immaginato come una bolla che contiene un mare di energia. Quando si apre in esso un varco, massa ed energia spiralizzano intorno a questo foro di uscita come attratti da una forza misteriosa sembrando scomparire all'interno di una zona oscura. In realt l'energia cambia di frequenza e riappare all'interno di una nuova bolla originata dalla prima. Quando la seconda bolla ha raccolto sufficiente energia i...</p>