Vulture Magazine, 24 Agosto 2011

  • Published on
    11-Mar-2016

  • View
    216

  • Download
    4

Embed Size (px)

DESCRIPTION

notizie dal cuore della Basilicata

Transcript

<ul><li><p>VULTURE MAGAZINE 1 </p><p>Blog: Notizie dal VULTURE - il cuore della Basilicata </p><p>Sommario 24 Agosto 2011 </p><p>Albe dentro limbrunire Sopra le medie stagionali La luce come ombrello: immagini riflesse su Monticchio Lartista rionerese Emidio Asquino alla Biennale di Venezia Barile. Un Successo Cantinando 2011 Tempo e lavoro. Storia, psicologia e nuove problematiche 'Moda Show' Maschito 21-08-2010 La villa comunale prende fuoco. Riverberi di Luce di Vanessa Stolfi </p></li><li><p>VULTURE MAGAZINE 2 </p><p>Albe dentro limbrunire </p><p> Albe dentro l'imbrunire il titolo di un breve quanto intenso viaggio che abbiamo voluto compiere nella memoria di alcuni ospiti della Casa di riposo VIRGO CARMELI, fondata a Rionero in Vulture da Maria Luigia Tancredi nella prima met del secolo scorso. Un viaggio che parte dalla consapevolezza che quei racconti, anche se brevi, possano essere un ultimo spiraglio aperto su una generazione, quella che supera gli ottantanni, con la minuta ricostruzione di vite che hanno segnato una comunit, mai del tutto piegata dalla sofferenza. Sono vivi i ricordi, e sono vive le espressioni: coriacee quanto basta per intenerirsi e condividerne ogni manifestazione. Sono lampi di ricordi come albe (appunto) che illuminano l'imbrunire della loro esistenza, travagliata e dolorosa: generazioni che hanno </p><p>combattuto duramente per la sopravvivenza quotidiana. Il verso del titolo tratto da una canzone di Battiato, e unaltra canzone (fra le pi belle del secolo scorso) fa da filo conduttore al documentario: I vecchi di Claudio Baglioni. Dalla prima volta che lho ascoltata, ai primi anni 80, ho pensato di dedicarla agli ospiti della Casa di riposo di Rionero, nella quale solo raramente ci ero passato, cogliendone tuttavia lemozione di affacciarsi in un piccolo mondo antico. Baglioni ha scritto e cantato una delle liriche pi entusiasmanti che si possano dedicare a quelli che hanno vissuto pi vita di noi. E cos corono un piccolo sogno: parlare con delicatezza della terza et, della sofferenza di quella generazione che ci ha regalato, col loro sacrificio, la libert di pensiero e di espressione, prima ancora che economica. Il film cerca di mettere in luce, dunque, la microstoria, seguendo i dettati di un linguaggio che attingesse alla poetica e, al tempo stesso, irrompesse in un terreno pi bramoso che tende allimpegno civile. Il documentario nasce quindi dalla piccola esigenza di sentirsi al fianco di quanti si battono (come l'attuale gruppo responsabile della Casa, presieduto da Rosa Prezioso) per conferire una maggiore dignit e sostegno a questi luoghi di tenerezza e di carit. </p></li><li><p>VULTURE MAGAZINE 3 </p><p>Per realizzare tutto questo, dopo ore di girato fra gli anziani, con immagini da tagliare e rimontare in lunghi pomeriggi rubati agli impegni altri, stato possibile grazie alla sensibilit, prima ancora che alla professionalit, di Pino Di Lucchio, che ne ha compiuto scrupolosamente le riprese ed il montaggio, interpretando lo spirito di leggerezza che il film intende avere. Pino, fin da ragazzo, ha mosso i suoi primi passi con la telecamera e quindi in sala di regia per lemittente locale Telecento. Noi, ben pi adulti, gli riconoscevamo impegno e professionalit pur essendo lui poco pi che un adolescente. Oggi tiene in vita siti web (Siderurgikatv.com) con notiziari aggiornati e documenti e reportage video sugli eventi culturali e sociali dei comuni lucani. Il manifesto curato da Enrico Sacco, da sempre ispirato collaboratore del CineClub De Sica, associazione aderente al Cinit Cineforum e fondatore di BasilicataCinema, promotori del documentario. Albe dentro limbrunire (che dura mezzora) si introduce si chiude con liriche di autori contemporanei: Vittorio Sereni e Giulia Borroni Cagelli (lettura di Chiara Lostaglio), con lintento di conferire al filmato unarmonia di luce, nonostante limbrunire. Armando Lostaglio </p><p> La Casa di riposo Virgo Carmeli di Rionero nata nel lontano 1927 come ricovero di mendicit 'per volont di una straordinaria, generosa, incredibile donna: Maria Luigia Tancredi. La sua azione nei confronti dei derelitti colp talmente l'opinione pubblica che intellettuali e popolo minuto, generosamente, contribuirono all'acquisto del piccolo convento annesso alla chiesa di san Antonio Abate, e quindi alla fondazione ad ente morale della Casa. Oggi Maria Luigia riconoscerebbe a stento i luoghi in cui ha operato nella prima met del secolo scorso. L'attuale Casa una struttura accogliente e ben organizzata che ospita oltre 60 anziani 'governata' da un consiglio di amministrazione di volontari benefattori che opera, non senza difficolt, con la volont di venire incontro, spesso oltre le possibilit, alle esigenze, anche di natura economica, degli ospiti. Tutte le componenti della Casa ringraziano di cuore quanti, con grande sensibilit, si avvicinano a questo piccolo mondo cos ricco di vissuto e di storie dai mille aspetti; porre all'attenzione del pubblico un piccolo spaccato sulla realt degli anziani, pu costituire un momento di riflessione che, ci auguriamo, abbia delle ricadute benefiche. Su questa linea va il ringraziamento ad Armando Lostaglio che collaborato da Pino Di Lucchio, ha voluto mettere in risalto le potenzialit di questo luogo cos particolare. Prof.ssa Rosa Prezioso Presidente Casa di Riposo </p><p>ALBE DENTRO L'IMBRUNIRE </p><p>Gioved 25 Agosto ore 17,30 </p><p>Casa di Riposo Rionero in Vulture </p></li><li><p>VULTURE MAGAZINE 4 </p><p>Sopra le medie stagionali </p><p> Sopra le media stagionali: lo slogan dapertura della meteorologia e dei suoi santoni, parlare delle temperature che spesso sono sopra le medie stagionali. O, al contrario, quando nevica (che rarit), al punto da aprire i notiziari con immagini consuete, di repertorio ormai. Come quelle delle lunghe code in autostrade in questi giorni di esodi biblici e di bollini colorati: il rosso e il nero come in Stendhal. Ma chi avr avuto lidea geniale di inventare le vacanze destate? Chi avr deciso per tutti che normale incolonnarsi per decine di chilometri durante lestate dei bollini a colori? Un esercito di vacanzieri che, nonostante la crisi, si mette in viaggio: infelici che si affidano allindustria della felicit. Sar normale tutto questo, persino per coloro che decidono di amare il tempo liberato piuttosto che quello libero. Una differenza apparentemente lessicale, che riecheggia quella calda voce di Bruno Martino quando (in controtendenza) cantava Odio lestate. Ma no, non si pu odiare (se non per lamore perduto) questa stagione che consente di godere del sole, del mare e dei monti, senza maglioni e cappotti, che lascia asciugare la biancheria in meno di unora, che fa riscoprire le nudit senza sentirsi osceni. Ancora immagini di film semisconosciuti si addensano: Domenica dagosto del compianto Luciano Emmer che, nel 1950, era capace (come pochi) di trasferire </p><p>lesperienza del neorealismo nella commedia. Film supremo, un bianco e nero di alta scuola. E sempre di calure estive e di conseguenze bizzarre, quel gioiello del regista austriaco Ulrich Seidi col suo Canicola (Hundstage), che present (e vinse) a Venezia una decina di anni fa. E il concetto stesso di vacanza da ripensare, dunque, quel sentirsi apparentemente evoluti solo se si va in ferie, e nei posti sempre pi alla moda. Mass! evoluzione sar anche questo, sentirsi nella massa, e scopritori della propria individualit. Ma non che avesse ragione quellanarchico gallese, tale Gafyn Llwgoch, quando, in un sussulto di lungimiranza tanti decenni fa, annunciava che il socialismo perder perch il capitalismo convincer i servi di essere padroni? Lauspicio di mezza estate di indurci davvero sopra le medie stagionali, superando il tempo e le temperature. Armando Lostaglio :::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: </p><p>La luce come ombrello: immagini riflesse su Monticchio </p><p> Monticchio luogo di ispirazione, non un luogo comune. Questa immagine del lago dorato (realizzata dalla fotografa Patrizia Vaccaro) ribadisce una volta in pi lo splendore che si pu cogliere, basta saperne sublimare la sua natura. E lo stupore di essere avvolti da cos tanta generosit. Su questo lago dorato, ombre </p></li><li><p>VULTURE MAGAZINE 5 </p><p>e luci si danno appuntamento, si combattono come in un duello senza vincitori. La luce avvolge come un ombrello ci che lombra pure riesce ad evocare. Questangolo di lago meglio di altri coinvolge nellidea di natura come spettacolo, ineguagliabile e suprema. Voluttuosa e leggera, eros senza tempo. Verde lussureggiante nellacqua cristallina. Non appartiene a noi tutto questo, o a noi soltanto: la natura si fa evocazione, si fa sogno palpabile, interiorizza ogni stato danimo. E passione cocente ed frescura di acque. E alba e tramonto. Tutto racchiude questo angolo di mondo che locchio assuefatto talvolta non si accorge di possedere. (armando lostaglio) ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: </p><p>Lartista rionerese Emidio Asquino alla Biennale di Venezia </p><p>Sar di certo la prima volta che un artista originario di Rionero in Vulture presente </p><p>con una sua opera alla Biennale dArte di Venezia, la pi prestigiosa al mondo. E al Padiglione Italia 54 della Esposizione Internazionale dArte che Emidio Asquino mostra una sua opera, quale artista italiano che opera allestero. Infatti, pur essendo originario di Rionero (dove vive la sua famiglia) da molti anni Asquino in giro per lEuropa, cimentandosi con diverse attitudini artistiche, ma privilegiando in particolare la pittura e le arti visive. Da molti anni risiede ad Amburgo, in Germania, dove fra le altre attivit artistiche, gestisce ristoranti ribadendo il successo della cucina mediterranea nel mondo. Asquino nato nel 1959 a Charleville (in Francia) e a tenera et si trasferito con la famiglia in Basilicata. Ma lo spirito eclettico lo ha portato ad affrontare studi non solo artistici ma anche di danza affermandosi come eccellente ballerino. Ha infatti lavorato in Germania con gruppi di danza internazionali come Carolyn Carlson, Luis Falco. E allo stesso tempo non abbandona la vocazione per le arti visive e la pittura. Oggi infatti viene riconosciuto dallautorevole Biennale di Venezia fra gli artisti italiani allestero. Negli ottantanove Istituti di Cultura Italiani sparsi nel mondo, in occasione delle Celebrazioni dei 150 dellUnit dItalia ed in collaborazione con il Ministero degli Affari esteri, vengono presentate opere di artisti illustri che testimoniano la creativit italiana nel mondo. Pertanto, al fine di dare una visione di pi ampio respiro dello spirito creativo, il Padiglione Italia si estende anche fuori dai confini nazionali. Quindi, gli ottantanove Istituti italiani di Cultura esporranno, nelle rispettive sedi, le opere degli artisti italiani pi importanti operanti allEstero. </p></li><li><p>VULTURE MAGAZINE 6 </p><p>Per Emidio Asquino dunque una vetrina di massimo prestigio, dopo aver esposto sue opere in tutta Europa: da Trieste a Milano, da Roma ad Edimburgo, da Torino ad Amburgo, sua citt elettiva. Conserva comunque con Rionero quel rapporto indefinito fatto di passioni e di proiezioni future. Era il 1977 infatti quando espose in una mostra collettiva, e qui vorrebbe mantenere saldi i rapporti artistici ed intellettuali. Arti visive, danza ed anche arte culinaria con la quale dice Asquino intrattengo un rapporto cromatico oltre che di forme, che trasferisco quindi sulla tela o nei video. </p><p>Chiara Lostaglio ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: </p><p>BARILE 18,19 E 20 AGOSTO 2011. UN SUCCESSO </p><p>CANTINANDO 2011. +VINO PETROLIO. DEDICATO AGLI EX LAVORATORI FONTE CUTOLO </p><p>ED AL COMITATO DIRITTO ALLA SALUTE </p><p> Barile. Ancora una volta Cantinando 2011 (VI edizione) ha fatto centro. Un evento Wine &amp; Art, col motto +vino-petrolio, promosso dall'associazione Sisma, presieduta da Angela Caselle e realizzato nel meraviglioso Parco Urbano delle Cantine,dove il regista Pier Paolo Pasolini gir alcune riprese del film "Il Vangelo secondo Matteo" completamente ripulito da 17 giovani provenienti da ogni parte del mondo (Giappone, Corea, Rep. Ceca, Francia, Spagna, Olanda, Russia) facenti parte della Work Camp. </p><p> Tre giorni ricchi di attivit ricreative, convegni (quello sullAvis, la donazione </p></li><li><p>VULTURE MAGAZINE 7 </p><p>del sangue come sano stile di vita nel quale il presidente regionale De Stefano ha rimarcato la presenza dellAvis, considerata una fucina di valori, in 113 Comuni lucani) mostre fotografiche, pittoriche(alcune a cura dellassociazione Basilicata in Arte di Antonio Volonnino) e di scultura ( giunto perfino un sardo che con pietre della zona ha realizzato volti umani), proiezione di film, convegni, presentazioni di libri (significativo quello dell'indimenticabile barilese Raffaele Di Stasi "Raffaele, un gabbiano)StreetArt e concerti musicali con i Maramm, Peppe Voltarelli e i Tammorrari del Vesuvio. Gli organizzatori sono rimasti soddisfatti, anche se va migliorata questa manifestazione (sono stati pochi quelli che hanno comprato una bottiglia di vino). Le presenze di questanno hanno superato le migliaia di persone, ben controllate dalla polizia municipale e dai carabinieri del posto. A degustare un panino ed un bicchiere di aglianico del vulture anche lex Sindaco di Rapolla ed ex consigliere provinciale Nicola Acucella, ideatore di una legge regionale per tutelare il parco urbano delle cantine in Basilicata: quella di cantinando unattrattiva turistica di notevole spessore, Barile viene conosciuta ai tanti visitatori in questa occasione. Lorgoglio di aver elaborato ed inviato alla Regione Basilicata la legge sulla valorizzazione del parco urbano delle cantine. Bisogna dare merito ai tanti giovani che si impegnano gratuitamente per la riuscita di questa manifestazione. Anche il presidente della pro-loco di Maschito, Antonio Maul non ha voluto perdere questo appuntamento, il prossimo 3 settembre organizzer nel proprio paese, la III fiera interregionale dei sapori nostrani. Lassociazione Sisma ha dedicato questa VI edizione di cantinando agli ex lavoratori della fonte Cutolo di Rionero che stanno attraversando il grave disagio del lavoro ed al comitato diritto alla salute di Lavello che si batte per spegnere il termodistruttore Fenice in </p><p>quanto la salute dei cittadini notevolmente compromessa. Lorenzo Zolfo </p><p> Le foto riprendono un momento del concerto dei Tammorrari del Vesuvio, uno stand, la presidente dellassociazione Sisma Angela Caselle con i volontari della Work Camp (provenienti da ogni parte del mondo) ed una cantina. ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: Tempo e lavoro. Storia, psicologia e </p><p>nuove problematiche di Pierenrico Androni </p><p> Pu sembrare un titolo impegnativo, </p></li><li><p>VULTURE MAGAZINE 8 </p><p>troppo per un periodo rilassante. Invece assume un significato riflessivo, che proprio in questo periodo non guasta. Vedete che incipit. La luce accett la notte, la ingoi, si tinse di buio: il colore informe della notte. Poi la notte si lasci invaghire dal traballante luccichio che proveniva da uno sconosciuto tempo lontano e reiterato, nel lungo farsi dell...</p></li></ul>