Hungtinton Disease

  • Published on
    19-Nov-2014

  • View
    842

  • Download
    1

Embed Size (px)

DESCRIPTION

A research focused on Huntington Disease and it's treatment using Haloperidol, Valproic acid and Tetrabenazine.

Transcript

<ul><li> 1. UNIVERSITADEGLISTUDIDI CAMERINOScuoladiScienzedelFarmacoedeiProdottidellaSalute LamalattiadiHuntingtonStudenti Annalisa Peroni Maria Eugenia Butini Simone Seri Antonella Lauria Luca Palmieri Giovanni Pignotti Free Powerpoint Templates</li></ul> <p> 2. Descrizione della malattiaIl morbo di Huntington (MH) una delle piu gravi malattie degenerative del Sistema Nervoso. Il nome scientifico, Crea Maior, deriva dal greco cio danza incontrollabile, sintomo caratteristico dellamalattia.Nel 1872 George Huntington in maniera esauriente descrisse per la prima volta i sintomi definendo questa patologia one of themost dreadful diseases that man is liable to.E una malattia ereditaria a carattere autosomico dominante eviene trasmessa dal genitore al figlio; ciascun figlio ha il 50% delle possibilit di ereditare il gene che causa MH. Solo gli eterozigoti, cio gli individui che portano una singola copia dellallele difettoso, manifestano la malattia. Ilgenotipo omozigote domiante causa infatti la morte precocedellembrione. George HuntingtonFree Powerpoint Templates 3. Descrizione della malattia Lesordio in genere tra i 40 e i 50 anni. Esiste tuttavia la possibilit di uninsorgenza precoce intorno ai 20 anni; si parla quindi di MH giovanile.I sintomi appaiono gradualmente e possono essere di tipo:a.emotivo/comportamentaleb.cognitivo/intellettivoc.motorioa. Depressione, irritabilit, ansia, apatia, aggressivit, cambiamenti di personalit, isolamento sociale ed irrequietezzab. Leggeri cambiamenti intellettivi, ridotta capacit ad organizzare situazioni di routine, riduzione della capacit di affrontare nuove situazioni, difficolt di concentrazione, riduzione della memoria a breve termine mentre la memoria a lungo termine resta intattac. Movimenti incontrollati di tutte le parti del corpo, impaccio motorio o un disturbo tipo tic, smorfie facciali, difficolt di deambulazione, la parola e la deglutizione posso essere compromesseFree Powerpoint Templates 4. Descrizione della malattia Nella fase acuta della malattia pu risultare pi difficile svolgere un lavoro e gestire le responsabilit domestiche. In questo caso lappoggio e lavicinanza dei familiari possono aiutare a diminuire le frustrazioni e prolungare lindipendenza, ad esempio cercando di mantenere la routine quotidiana scrivendo sul calendario appuntamenti ed eventi importanti.Il suicidio, in particolare, la causa di morte che pucoinvolgere anche i familiari dei malati.Free Powerpoint Templates 5. Descrizione della malattia E stato individuato il gene sul braccio corto del cromosoma 4 per la proteina Huntingtina (Htt). Tutti i pazienti affetti da MH mostrano una mutazione del gene per lHtt; il gene normale presentauna sequenza trinucleotidica ripetitiva CAG ripetuta da 11 a 35 volte.Il numero delle ripetizioni nei malati aumentato (36 o pi) e la malattia tanto pi precoce quanto maggiore il numero di queste.Studi recenti dimostrano il coinvolgimento dellHtt nel meccanismo di trasporto vescicolare assonico. Una sua mutazione pu portare a formazione di inclusioni intranucleari e aggregati proteici che potrebbero impedire il traffico intracellulare. Il mancato trasferimento del BDNF (Brain Derived Neuronic Factor), fattore proteico che evita lapoptosi neuronale, dalla cortecciacerebrale ai nuclei della base causa morte cellulare.Al giorno doggi possibile effettuare diagnosi prenatale attraverso diverse tipologiedanalisi; la pi diffusa lamniocentesi, cio un prelievo di un piccolo campione diliquido amniotico che si effettua tra la quattordicesima e sedicesima settimana digravidanza. Free Powerpoint Templates 6. Aspetti farmacologiciAloperidolo Numerosi trattamenti farmacologici sono oggi disponibili per controllare alcuni sintomi della malattia. Esistono solo farmaci sintomatici che sono utilizzati al fine di migliorare la qualit di vita dei pazienti ma che non possono modificare levoluzione della malattia.Eun farmaco neurolettico, capostipite della famiglia dei butirrofenoni, ha attivit antidopaminergicaselettiva per i recettori della Dopamina D2.Viene indicato prevalentemente in caso di agitazione psicomotoria (correlata a demenza,schizofrenia, stati maniacali, disturbi della personalit) e come antidelirante e antiallucinatorio.Il dosaggio strettamente individuale e varia in funzione della risposta del paziente (et, condizioneclinica e tollerabilit del medicinale).Il farmaco viene assorbito bene e rapidamente ed ha unelevata biodisponibilit. Free Powerpoint Templates 7. Aspetti farmacologici AloperidoloEffetti collaterali:-Disturbi extrapiramidali: rigidit muscolare, difficolt nei movimenti e tremori. Questi effetticompaiono nella fase iniziale della terapia e sono generalmente reversibili.-Discinesie motorie tardive persistenti nel tempo, consistenti in movimenti involontari dellalingua, della faccia, della bocca e della mandibola (protusione della lingua, masticazione).-Effetti indesiderati sul sistema nervoso (irrequietezza, sonnolenza, confusione) e sul sistemacardiocircolatorio (tachicardia e ipotensione).-Disturbi neurovegetativi (secchezza della bocca, ipersalivazione, turbe visive, ecc).Free Powerpoint Templates 8. Aspetti farmacologici TetrabenazinaNeurolettico utilizzato per il trattamento della discinesia.Meccanismo dazione:Inibisce lattivit di proteine trasportatori vescicolari con conseguente limitata captazione di variemonoamine nel SNC:- Dopamina- Noradrenalina- SerotoninaSomministrazione orale, presenta scarsa biodisponibilit.Escreto per via renale.Free Powerpoint Templates 9. Aspetti farmacologiciTetrabenazinaIn italia in commercio come Xenazina 25mg, solo da pochi anni ad un costo di oltre 200 perconfezione, a totale carico del S.S.N. con ricetta rossa.Effetti indesiderati:-Sonnolenza-Sintomi parkinsoniani-Depressioni (con possibili comportamenti suicidi)-Ansia-Insonnia-Acatisia-Ipotensione ortostatica-Sindrome neurolettica maligna (casi piuttosto rari) Free Powerpoint Templates 10. Aspetti farmaceuticiAloperidoloNata nel 1964 a partire dalla Meperidina, ilfarmaco pi importante per il trattamento dellaschizofrenia.SAR:-lazoto risulta fondamentale per lattivitneurolettica-catene diverse da 3C peggiorano lattivit-se presente un F migliorano lecaratteristiche neurolettiche-una riduzione del C=O o una sostituzioneC=S diminuisce lattivit.-il gruppo alcolico risulta centrale per legareil recettore D2 in posizione assialeFree Powerpoint Templates 11. Aspetti farmaceutici TetrabenazinaConosciuta sin dagli anni 50, viene utilizzataprevalentemente per la cura della discinesiatardiva. Pu infatti trovare impiego neltrattamento di patologie quali la Malattia diHuntington, per la quale ha ricevutolautorizzazione dallFDA nel 2008 e per lasindrome di Tourette.Possono comunque insorgere fenomeni collaterali quali:-depressione-acatisia-insonnia-parkinson Free Powerpoint Templates 12. Aspetti farmaceuticiTetrabenazinaCaratteristiche e SAR:Diffuse ricerche indipendenti hanno dimostratoche il recettore selettivo della tetrabenazina ilVMAT2 e viene legato:-sulla porzione N-terminale del residuo TM1-sul loop luminale che collega le porzioni TM7 eTM8Fondamentale per lattivit lanello aromatico,simile allanello indolico della reserpinaMeccanismo dazione:Agisce antagonizzando il recettore VMAT2promuovendo una rapida degradazionemetabolica delle monoammine, in particolaredella dopamina.Free Powerpoint Templates 13. Aspetti farmaceuticiAcido ValproicoAcido carbossilico utilizzato comeanticonvulsivante.Farmaco di scelta nei pazienti anziani.La sua attivit volta soprattutto alimitare tutti i disturbi neurologicicaratterizzati da clonie.ASSORBIMENTO: rapido e completodopo somministrazione orale.Conc. Massima: dopo 1 2 hINTERAZIONI: inibisce la clearencerenale del fenobarbital. Free Powerpoint Templates 14. Aspetti farmaceutici Acido ValproicoMECCANISMO DAZIONE: determinauna diminuzione della liberazione diglutammato, agendo sui canali del Na + eCa + + .Diminuisce il processo di degradazionedel GABA, agendo a livello della GABA transaminasi.Stimola la glutammico decarbossilasi. Neconsegue un effetto sedativo e di ridottaeccitazione.EFFETTI COLLATERALI: aumento del peso,epatopatia, ipertensione, caduta dei capelli.Lassunzione cronica pu provocare lalterazionedella coagulazione dovute sia ad alterata produzionedelle proteine della cascata della coagulazione, sia adunazione diretta dovuta allinibizionedellaggregazione piastrinicaFree Powerpoint Templates </p>