Opuscolo riepilogativo del progetto "Social Enterprise for Better Life"

  • Published on
    25-Jul-2015

  • View
    137

  • Download
    5

Embed Size (px)

Transcript

  • ASSOCIAZIONE UNIAMOCI ONLUS Sede Operativa sita in via E. Giafar, 36

    90124 Palermo. C.F. 97225920822 Tel./Fax 0919765893

    www.uniamocionlus.it info@uniamocionlus.it

    seguici anche su

    Social Enterprise for Better Life -- SEBL uno scambio giovanile coordinato dallAssociazione Uniamoci Onlus, svoltosi a Palermo dal 10 al 17 Maggio 2014. 30 giovani e giovani con disabilit provenienti da ITALIA (Associazione Uniamoci Onlus), ROMANIA (Asociatia Biroul de Consiliere pentru Cetateni Ploiesti), POLONIA (Youth of Europe), TURCHIA (Profilo Technical High School), BULGARIA (Young Leaders of Vasil Levski High School) si sono confrontati ed hanno approfondito il tema dellimprenditoria sociale in un contesto multiculturale ed

    inclusivo caratterizzato dalla cooperazione.

    Le attivit progettuali hanno consentito la creazione di un gruppo internazionale coeso, in cui le differenze culturali e fisiche sono state assolutamente superate in favore dello scambio e dellapprendimento reciproco, del divertimento e della condivisione!

    Globalmente il progetto si rivelatao unoccasione unica per i partecipanti in termini di crescita personale, sviluppo di competenze sociali, comprensione, sviluppo e consapevolezza di temi di importanza europea. Ci stato favorito dallo svolgimento di attivit che hanno previsto limpiego di metodologie partecipative fondate sul lavoro in piccoli gruppi, il learning by doing e la peer education.

    Parte delle attivit si sono svolte presso la sede dellAssociazione Uniamoci Onlus, un BENE CONFISCATO ALLA MAFIA sito a Palermo nel quartiere di Brancaccio: ci ha conferito al progetto un valore aggiunto connesso con la sensibilizzazione alla legalit e levidenza concreta di risultati positivi nella lotta alla criminalit organizzata in Sicilia.

    Obiettivo principale del progetto stata la diffusione tra i giovani dellidea di poter coniugare attivit economica e solidale, imprenditoria e responsabilit verso la societ

    attraverso la costituzione di imprese sociali.

    Il presente progetto finanziato con il sostegno della Commissione Europea.L autore il solo responsabile di questa comunicazione e la Commissione declina ogni responsabilit

    sulluso che potr essere fatto delle informazioni in essa contenute.

    Opuscolo riepilogativo del Progetto

  • Attraverso il dialogo e il confronto, i Business games e role-play sul concetto di cooperative, ricerca di mercato, suddivisione del profitto e valorizzazione delle esperienze di volontariato in ambito lavorativo, nonch le testimonianze di imprenditori sociali, i partecipanti hanno sviluppato il loro spirito di iniziativa individuando, definendo e di-scutendo 4 nuove idee per la costituzione di imprese sociali capaci di combinare i bisogni della societ con le proprie esperienze ed abilit personali, corredate di analisi dei punti di forza e debolezza e modalit di strutturazione. Le idee cos generate sono descritte dettagliatamen-te su http://prezi.com/4vwlv_8hf0ve/?utm_campaign=share&utm_medium=copy&rc=ex0share, e possono essere sintetizzate come segue:

    Creazione di una web radio con finalit commerciali e con lobiettivo principale di promuovere linclusione sociale ed il rispetto della diversit, unendo cos la passione per la musica dei partecipanti al progetto e la necessit di affrontare problematiche quali lindifferenza e la mancanza di informazione sulla politica. Fondare una rivista con lobiettivo di promuovere la mobilit, contenente informazioni artistico-culturali e reportage fotografici su svariate localit. In tal modo tale attivit produttiva sarebbe capace di connettere svariati interessi ed abilit espresse dai giovani partecipanti quali: la scrittura, la fotografia, viaggiare. Il motto della rivista : TAKE YOUR CAMERA AND JUST DO IT. Creazione di unimpresa che si occupi di organizzare seminari educativi con lobiettivo di supportare il sistema educativo nazionale ed affrontare problematiche sociali. I seminari saranno rivolti ad insegnanti alle prime armi, genitori ed adulti. Istituzione di un asilo privato capace di rispondere alla carenza di aree attrezzate o specifiche per i bambini e dalla necessit di apportare dei miglioramenti al sistema educativo. Una struttura che sfrutti la produzione di energia solare e produca prodotti biologici per i bambini e che offra diverse opportunit formative per i pi piccoli.

    I 30 giovani hanno poi redatto, in gruppi, il Manifesto della giovent contenente rappresentazioni e descrizioni delle loro principali aree di interesse che potessero rappresentare delle tematiche per nuovi progetti giovanili in Erasmus+. I manifesti realizzati sono stati presentati ed uniti tra loro creando un unico e valido stimolo per lelaborazione di nuove idee progettuali basate proprio sugli interessi, le necessit ed i bisogni di apprendimento dei giovani:

    MUSICA (musiche e danze tradizionali); SPORT E ATTIVITA FISICA; DANZA; FOTOGRAFIA; VIAGGIARE; LINGUE/MULTILINGUISMO; CONOSCENZA DI NUOVE CULTURE; CIBO; STORIA E ARCHITETTURA; SVILUPPARE TOLLERANZA E DEMOCRAZIA; INCONTRARE PERSONE CON DISABILITA E LAVORARE CON PERSONE CON DISABILITA PROVENIENTI DA NAZIONI DIVERSE; INCONTRARE NUOVA GENTE; SVILUPPO ED INCONTRO TRA RISORSE UMANE INTERNAZIONALI; DIVERTIMENTO.

    Per finire i partecipanti hanno condotto delle attivit di sensibilizzazione alla mobilit e allinclusione sociale durante un manifestazione cittadina. Tali attivit sono consistite nel:

    Invitare la gente ad indicare su una grande mappa del mondo le citt visitate.

    Invitare la gente a partecipare alla creazione di unimmagine da uno stencil, attraverso lapposizione di spugnature di colore da cui poi sarebbero emerse diverse tipologie di ciclisti: uomo, donna, bambino, anziano, disabile sulla hand-bike.