L’ITALIA INCRAVATTATA

  • Published on
    14-Dec-2014

  • View
    987

  • Download
    4

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Diffusione territoriale ed evoluzionedel fenomeno usuraio. Autori: Lino Bus, Bianca La Rocca Anno: 2009/ 2010 Realizzazione a cura della redazione di Altreconomia (www.altreconomia.it)

Transcript

  • 1. Lino Bus, Bianca La RoccaLITALIAINCRAVATTATADiffusione territoriale ed evoluzionedel fenomeno usuraio
  • 2. Lino Bus, Bianca La RoccaLITALIAINCRAVATTATADiffusione territoriale ed evoluzionedel fenomeno usuraio
  • 3. Lino Bus, Presidente di SOS Impresa. Dal 1992 componente della Presidenza Nazionaledella Confesercenti, Presidente del Centro Studi Temi e Responsabile del compartoImprese di Produzione presso la Direzione Nazionale della Confesercenti. In veste diPresidente di Sos Impresa, stato uno dei protagonisti del movimento antiracket eantiusura. Tra i promotori e organizzatori del Treno contro lusura (1996) e del Treno perle citt sicure. membro dellOsservatorio socio-economico sulla criminalit del CNEL. stato Presidente Nazionale della Fai - Federazione delle Associazioni antiracket eantiusura, componente del Comitato di solidariet alle vittime dellusura e dellestorsionee consulente della Commissione parlamentare antimafia. Oltre a numerosi articoli esaggi autore di Liberarsi dallusura (Edizione Sapere 2000), Uscire dal tunnel (EdizioniAssociate, 1997), Lusura, le usura (con Bianca La Rocca, Ed. Commercio, 2006).Bianca La Rocca, giornalista e ricercatrice, responsabile della comunicazione di SOSImpresa. Ha partecipato a varie ricerche di settore promosse da SOS Impresa e CentroStudi Temi della Confesercenti, tra cui Lusura tra vecchi carnefici e nuovi mercati (2002).Redattrice di Narcomafie e Socialnews, collabora con il blog Strozzateci Tutti e, comestorica, con la Fondazione Nevol Querci. Archivio Storico e Iconografico del Socialismo.Autrice, con altri, di vari saggi tra cui Lusura, le usure (con Lino Bus, 2006), Dizionariodi sicurezza urbana (2000), Un mondo diverso possibile? (2002), La piazza e lacitt. Progetti di recupero urbano per la sicurezza del territorio (2004), Mestiere donna.Impressioni del Dopoguerra nelle foto dellArchivio Avanti!, I flussi e le rotte della trattadellEst Europa (Emilia Romagna, 2005). Collabora con vari enti locali in progetti disicurezza urbana ed stata componente dellOsservatorio Tecnico scientifico per lasicurezza e la legalit della Regione Lazio.LItalia incravattataSos impresaSede Nazionale: Via Nazionale, 60 - 00184 RomaTel. 06/47251, e-mail: sosimpresa@confesercenti.itwww.sosimpresa.itAutori: Lino Bus, Bianca La RoccaRealizzazione a cura della redazione di Altreconomia (www.altreconomia.it)Editing: Mattia F. FontanaProgetto grafico: Laura AnicioIn copertina: foto da istockphoto.comStampato su carta riciclataStampa: Impressioni Grafiche, Acqui Terme (AL)
  • 4. IndiceRingraziamenti p. 5Capitolo 1 p. 7Lattivit usuraia in ItaliaCapitolo 2 p. 13Tipologia del mercato usuraioCapitolo 3 p. 29La mappa dellusuraCapitolo 4 p. 56Le vittime e gli usuraiCapitolo 5 p. 77Il rischio usura nelle province italianeCapitolo 6 p. 89Proposte di modifiche alla legge 108/96
  • 5. Si attribuisce a Paul Valery il detto: Un autore scrive sempre lo stessolibro, cui potremmo aggiungere laltrettanto famosa affermazione di Ce-sare Pavese, La letteratura una difesa contro le offese della vita. Se ci vero per qualsiasi espressione artistica, tanto pi lo diventa in camposociologico, quando si toccano argomenti che hanno ricadute dolorose siadal punto di vista sociale, sia dal punto di vista umano. E sono questi,ancora oggi, i sentimenti e le sensazioni che avvertiamo nella stesura diquesto breve saggio sullusura: la sensazione di aver gi molto detto, ma diaver ancor bisogno di molto da dire sul fenomeno dellusura, per poternecogliere tutte le sfaccettature, consci che ci troviamo solo davanti ad unaltro capitolo di una storia che non pu dirsi conclusa.Augurandoci che sia utile alle vittime di questo odioso reato trovare, nellenostre affannose righe, un motivo di conforto e riscatto per loffesa rice-vuta. Lino Bus e Bianca La Rocca
  • 6. RingraziamentiIl 21 settembre 2010 si svolta la prima giornata nazionale dedicata algrave problema dellusura e alle sue vittime, promossa da Confesercentie Sos Impresa in collaborazione con decine di associazioni antiusura eantiracket, tra cui doveroso citare Avviso Pubblico, Cittadinanzattiva,Strozzateci tutti, Con le armi della cultura, Acasia Avola, ACT Tauriano-va, AIRP, Ambulatorio Antiusura di Caserta, Associazione Baccarato on-lus, Associazione antiracket Canicattini, Associazione antiracket Pianuraper la Legalit, Associazione antiracket Portici, Associazione antiracketVittoria, ANVU, Associazione contro la cultura socio mafiosa, Associa-zione antiusura Famiglie salentine, Fondazione Finetica, FondazioneCaponnetto Regione Lazio, Associazione Protestati dItalia, Comitatovittime dellusura, del racket e delle mafie, Comitato antimafia di Fondi,Coordinamento Libero Grassi Salerno, Malitalia, Oude, Le Sirene, Soli-daria, Vigevano Libera.Con tale importante appuntamento, primo nel suo genere, si intesosquarciare il fin troppo fitto silenzio su un fenomeno in pericolosa cre-scita, complice anche la crisi economica, che colpisce sempre di pi leimprese e le famiglie italiane, trasformatasi, nel contempo, nellennesimolucroso affare per la criminalit organizzata e mafiosa.Il No Usura Day, cos com stato chiamato tale riuscito appuntamento, 7
  • 7. stata loccasione per dare voce alle vittime dellusura e alle loro dramma-tiche vicende. Una manifestazione che ha preso il via a Palazzo Valentini,via IV Novembre, a Roma e si conclusa nella serata a Piazza SantissimiApostoli. Altro momento importante della giornata stata la consegna diun premio a tre Prefetture che si sono distinte particolarmente e che sonostate designate da una giuria composta da cinquanta vittime dellusura,cinquanta dirigenti di Sos Impresa e cinquanta personalit che si sonodistinte nella lotta al racket e lusura e nellaiuto alle vittime.Gli obiettivi di quel giorno sono stati tutti centrati e il protagonismo ditante voci ha preso corpo, proprio in questi giorni, nella costituzione del-la Rete per la legalit: un coordinamento permanente di associazioni, agi-le e aperto anche a quelle associazioni che, pur non avendo partecipato alNo Usura Day, ne condivide le finalit.Nelloccasione del No Usura Day, inoltre, sono stati diffusi anche una se-rie di dati che dimostrano non solo la crescita del fenomeno, la presenzadi organizzazioni usurarie, pi o meno strutturate, nelle diverse realtitaliane, le provincie nelle quali lusura rappresenta un rischio reale, maanche la cosiddetta usura di mafia. Cifre e analisi che oggi ritrovate inqueste pagine, proprio a dare prova la reale portata del fenomeno, dimo-strando il divario fra ci che appare e ci che realmente .Infatti, a ormai quindici anni di distanza, possiamo trarre un bilanciosulla Legge 108, sulla sua concreta attuazione e su i suoi limiti. E non puche essere un bilancio in chiaroscuro. Certo nessuno si mai illuso chela semplice approvazione di una legge potesse debellare un reato antico eradicato come lusura, ma evidente che la L. 108/96 ha mostrato la cor-da soprattutto, nei suoi contenuti e nelle attese pi rilevanti: lemersionedel fenomeno, lattivit di prevenzione, laiuto alle vittime.Queste pagine sono il nostro modesto omaggio e ringraziamento alletante donne e ai tanti uomini che ci hanno aiutato alla realizzazione delNo Usura Day e al suo successo. E, come ci auguriamo, un buon auspicioper il lavoro che ci attende nel prossimo futuro. Lino Bus e Bianca La Rocca8 LITALIA INCRAVATTATA
  • 8. Capitolo 1Lattivitusuraia in ItaliaCera una volta... La legge contro lusuraIl 28 febbraio 1996 Il treno contro lusura si materializz a Piazza Mon-tecitorio proprio davanti alla Camera dei Deputati.Era un treno di cartone, del tutto simile a quello che per una settimanaaveva attraversato lItalia, da Palermo a Milano, per chiedere una nuovalegge che contrastasse, con pi efficacia, lodioso reato dellusura.Quel giorno, sebbene il Parlamento fosse gi stato sciolto e incombeva-no le elezioni anticipate, la Camera si riun in una seduta straordinariaed approv, quasi allunanimit, il provvedimento.LItalia ebbe, finalmente, una moderna legge antiusura che configuravacon pi precisione il reato, per renderlo pi perseguibile e, soprattutto,per riconoscere nella vittima, una persona che aveva subito una graveoffesa, degna, quindi, di attenzione ed aiuto da parte dello Stato.Oggi, a quattordici anni di distanza, si pu trarre un bilancio sulla Leg-ge 108, sulla sua concreta attuazione e su i suoi limiti. E non pu cheessere un bilancio in chiaroscuro.Certo la semplice approvazione di una legge non pu debellare un reatoantico e radicato come lusura, ma