Reportage Delphi Day 2012

  • Published on
    07-Dec-2014

  • View
    322

  • Download
    2

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Il reportage dell'undicesima edizione del Delphi Day.

Transcript

<ul><li> 1. Marco Breveglieri Software and Web Developer, Consultant and Trainer Sono responsabile legale di ABLS Team, unazienda di consulenza informatica che si occupa di sviluppo software, realizzazione di siti Web, corsi su linguaggi di programmazione e tecnologie correlate, installazione e configurazione di reti aziendali, networking, Office Automation e altri servizi informatici rivolti ad aziende e utenti finali. Io mi occupo in modo particolare dello sviluppo di software per Microsoft Windows e .NET Framework, della creazione e design di siti Web e dellorganizzazione di corsi di programmazione (principalmente su Delphi e C#/VB.NET). http://www.marco.breveglieri.name Reportage di Marco Breveglieri </li> <li> 2. 2 </li> <li> 3. 3 Sommario Introduzione ...................................................................................................................................................... 4 Giorno 1 - Conferenza ....................................................................................................................................... 4 Delphi: Stato dellArte (Marco Cant Wintech Italia)................................................................................. 4 Windows 8 (Lorenzo Barbieri Microsoft Italia)........................................................................................... 5 Introduction to FireMonkey (Stephen Ball Embarcadero Technologies)................................................... 7 From dbExpress to AnyDAC (Dmitry Arefiev DA-Soft Technologies).......................................................... 8 REST Clients in Delphi (Marco Cant Wintech Italia) ................................................................................. 9 Dibattito: uso avanzato del linguaggio........................................................................................................ 10 Dibattito: il futuro di Windows e della VCL ................................................................................................. 10 Il Nuovo Shop Wintech Italia (Marco Cant Wintech Italia) .................................................................... 12 Mida The FireMonkey revolution (Mauro Botta)..................................................................................... 12 Giorno 2 Componenti................................................................................................................................... 14 Introduzione e apertura della giornata (Marco Cant Wintech Italia)..................................................... 14 Ethea: Kitto (Nando Dessena, Carlo Wolter - Ethea)................................................................................... 14 DA-Soft: Advanced AnyDAC (Dmitry Arefiev DA-Soft Technologies) ....................................................... 15 Microsoft: Azure (Pietro Brambati Microsoft Italia)................................................................................. 17 RemObjects: Beyond Remoting (Claudio Piffer) ......................................................................................... 19 Conclusioni ...................................................................................................................................................... 21 </li> <li> 4. 4 Introduzione Come ogni anno, allinizio di giugno si rinnova lappuntamento con il Delphi Day italiano, giunto allundicesima edizione, levento organizzato da Wintech Italia che richiama a Piacenza sviluppatori, esperti e ospiti speciali (anche internazionali) per parlare e discutere di Delphi, di componenti di terze parti, di tecnologie e di piattaforme che hanno a che fare con il nostro amato ambiente di sviluppo. Alla giornata dedicata alla conferenza classica sono state aggiunte due giornate di approfondimento, una riservata a corsi e seminari tecnici, laltra dedicata ai componenti di terze parti. Qui di seguito vi riporto tutto ci che ho potuto annotare in merito ai contenuti ritenuti a mio parere pi interessanti o rilevanti, limitatamente alle giornate e alle sessioni che ho frequentato. Giorno 1 - Conferenza Delphi: Stato dellArte (Marco Cant Wintech Italia) Marco Cant apre come di consueto la giornata della conferenza, con una presenza di oltre 80 sviluppatori, illustrando lattuale stato dellarte riguardo Delphi e luniverso che lo circonda. Una prima considerazione riguarda levidente cambio di panorama che gli sviluppatori si trovano davanti al giorno doggi: da qualche anno si sono affermate nuove piattaforme e dispositivi e si assistito a una esponenziale crescita della diffusione di smartphone e tablet, pi elevata rispetto a quella dei PC tradizionali, e questo senzaltro influir su quelle che saranno le scelte da adottare per lo sviluppo di software nei prossimi anni. Nonostante Delphi sia gi approdato (grazie a FireMonkey) su altre piattaforme oltre a Windows (come Mac OSX), tuttora Windows rimane il target principale di Delphi, che uno dei prodotti pi utilizzati per lo sviluppo nativo su questo sistema operativo, con alcuni ambiti dove particolarmente diffuso (ad esempio, quello industriale, quello fiscale e quello dellautomazione). Tuttavia anche lo stesso Windows sta subendo dei cambiamenti: per rispondere al mutato scenario appena descritto, Microsoft non poteva rimanere e guardare e si quindi messa in moto, e il risultato di questo lavoro Windows 8, di cui stata rilasciata da pochi giorni una preview release (http://windows.microsoft.com/it-IT/windows-8/release-preview). Anche Embarcadero non rimasta a guardare: dalla primissima versione di Delphi sino a XE, siamo stati abituati ad avere a che fare principalmente con un solo compilatore per Windows; a partire da Delphi XE2 i compilatori sono diventati ben 3 (e mezzo): quello per Win32, quello per Win64, quello per Mac OSX, a cui si aggiunge lintegrazione con Free Pascal Compiler (FPC) per raggiungere anche </li> <li> 5. 5 il sistema iOS e i dispositivi iPhone e iPad. Ora pare che sia in arrivo da Embarcadero anche un compilatore specifico per processori ARM. Lo scenario quindi traccia dei cambiamenti a cui, almeno in parte, Delphi ha gi iniziato a rispondere, e le novit in cantiere per i tool di sviluppo Embarcadero su cui la societ sta investendo particolarmente a mio avviso lasciano ben sperare per il futuro prossimo. Windows 8 (Lorenzo Barbieri Microsoft Italia) Lorenzo Barbieri, Technical Evangelist per Microsoft Italia, ha illustrato quali sono le novit che Microsoft introdurr sul mercato con il rilascio di Windows 8. Una sessione che approfondisse i dettagli tecnici di Windows 8, anche a detta del relatore, era davvero necessaria poich nelle community degli utenti e soprattutto degli sviluppatori si registrata una discreta confusione a riguardo, per cui fare finalmente un minimo di chiarezza fondamentale. Vale la pena rassicurare da subito tutti gli sviluppatori Delphi: non vi saranno problemi di alcun tipo nellesecuzione di programmi VCL su PC equipaggiati con Windows 8. Il nuovo sistema operativo mantiene la piena compatibilit con la quasi totalit degli applicativi Win32 (e Win64) che girano attualmente su Windows 7; si escludono solo alcuni casi particolari, quali driver e altri programmi che hanno un rapporto molto stretto con il sistema operativo stesso. Windows 8 sar installato anche su tablet, basati su processori Intel oppure su ARM. Potenzialmente, le applicazioni VCL potranno girare anche su tutti i tablet che saranno equipaggiati con Windows 8, purch questi montino un processore Intel (dato che Delphi non dispone di un compilatore ARM, per adesso). Riassumendo in breve, una architettura Intel (PC o tablet) con Windows 8 potr eseguire tutte le cosiddette desktop application, cio tutte le applicazioni che si basano sulla Windows API classica, incluso Office, tutte le applicazioni legacy (che nella terminologia Microsoft sembra riferirsi gi a qualsiasi programma non Metro). A proposito di Metro, quali sono le caratteristiche di questa nuova architettura? Le applicazioni Metro sono file eseguibili con un nuovo formato, differente da quello tradizionale Win32 o .NET (da cui prendono solamente la struttura dei metadati che ne descrive il contenuto) che girano in modalit sandboxed e si basano sulla nuova API detta WinRT (Windows Runtime), che incapsula le API di pi basso livello di Windows 8 in forma object oriented e indipendente dal dispositivo hardware. WinRT un API nativa (non managed, come nel caso di .NET), che supporta pi processori (ARM e Intel) ed ottimizzata per il risparmio della batteria. Si tratta dellunica API accessibile dalle applicazioni Metro, poich laccesso alle API Win32 precluso (salvo casi particolari), essendo questultima legata a uno specifico processore, quindi tale strada sarebbe non portabile e snaturerebbe lapplicazione Metro stessa. Linterfaccia utente delle applicazioni Metro sono basate su XAML, lo stesso formato XML-based impiegato in WPF (Windows Presentation Framework), sebbene questa volta venga gestito da unarchitettura nativa (che sfrutta direttamente DirectX) e non managed come .NET. Ad eccezione dei sistemi operativi per tablet pi conosciuti, Windows 8 consente lesecuzione side by side sullo schermo di due applicazioni (una principale e una laterale). </li> <li> 6. 6 WinRT include tutte le categorie di classi comunemente richieste per la creazione di applicazioni: threading, security, media, data &amp; communication, oltre ai tipi fondamentali. Supporta inoltre le tecnologie pi recenti, come la geolocalizzazione e le ultime interfacce di comunicazione (come NFC, Near Field Communication). Ma come si scrivono le applicazioni Metro? Microsoft ha creato le cosiddette Projections, interfacce che espongono i contenuti delle DLL di WinRT in una forma adattata al linguaggio o allambiente di programmazione preso come riferimento (ad esempio, adottando un formato PascalCase per i membri nei linguaggi C# e VB.NET). Le Projections sono risorse pubbliche e documentate. Il formato dei metadata che descrivono i contenuti delle librerie lo stesso adottato per .NET (in quanto gi standardizzato e conosciuto agli sviluppatori). E possibile creare applicazioni Metro principalmente con C#, Visual Basic .NET, C++ e HTML + JavaScript + CSS3. LAPI WinRT semplifica e favorisce lesecuzione di operazioni asincrone. Per la costruzione dellinterfaccia grafica, invece, Microsoft suggerisce ladozione di Expression Blend, il tool appositamente progettato per le esigenze di design dellinterfaccia utente, affiancato a Visual Studio per la programmazione vera e propria (nelle SKU di rango pi alto sono previsti anche strumenti per il test automatizzato delle interfacce utente). Come si presenta il nuovo sistema operativo Windows 8? Dal punto di vista dellinterfaccia, tutto stato ridotto allessenziale, con un design davvero minimale. Una volta eseguito il login, viene mostrato il nuovo menu Start, formato da un pannello scorrevole (navigabile con comodo sui tablet, ma anche sul desktop con la rotellina del mouse) che costituisce il browser delle applicazioni e mostra i programmi installati. Tra i programmi spunta anche il desktop tradizionale, che appare del tutto simile a quello odierno di Windows 7 una volta lanciato, ma privo del classico pulsante Start (facendo clic con il tasto destro nella zona in cui si trova abitualmente Start possibile mostrare comunque una serie di shortcut personalizzabili). E stato semplificato leffetto Aero e la trasparenza delle finestre, che risultano pi squadrate; infine in Windows Explorer stato inserito il Ribbon che organizza in modo congeniale le operazioni per gestire dischi, cartelle e file. Nella pratica, a detta di Microsoft, linterfaccia utente di Windows 8 stata riprogettata per adattarsi perfettamente sia al PC tradizionale che ai tablet, portando la lunga esperienza maturata da Microsoft sui sistemi operativi per PC desktop nel mondo dei dispositivi tablet. Lefficacia di queste scelte sar senzaltro motivo di accesi dibattiti quando Windows 8 verr definitivamente rilasciato e il sistema verr messo alla prova degli utenti finali. Lorenzo Barbieri ha mostrato poi il sistema operativo in esecuzione su un tablet Intel. Windows 8 supporta in modo specifico diverse tipologie di penne (capacitivo e resistivo), sfruttando la loro differente precisione, oltre al classico e naturale dito della mano, che sono distintamente riconoscibili anche dai programmi (ad esempio, Paint regola lo spessore del tratto in base alla dispositivo di puntamento con cui si tocca lo schermo). Allinterno di Windows 8 troveremo inoltre il nuovo marketplace di Microsoft: Windows Store. Dal market sar possibile acquistare, scaricare e installare direttamente applicazioni Metro, accedendo sia da PC sia da dispositivi mobile. I produttori potranno anche inserire applicazioni non-Metro sullo store, ma per queste tuttavia possibile solo pubblicare un collegamento al proprio sito per il download. Le applicazioni Metro possono essere certificate per lo store utilizzando un apposito tool. Lintenzione di Microsoft, stando alle dichiarazioni fatte, sarebbe quella spingere il market per promuovere la distribuzione di applicazioni e sostenere cos la propria fonte principale di guadagno: il sistema operativo. Oltre </li> <li> 7. 7 alla distribuzione, Windows Store fornisce inoltre strumenti per la pubblicit (tramite Microsoft Advertising), la gestione delle licenze oltre a statistiche assortite. Al termine della presentazione, Lorenzo Barbieri ha invitato i pionieri interessati a pubblicare in anteprima programmi Metro per Windows 8 a inviare una e-mail allindirizzo mitamsdn@microsoft.com per sottoporre la propria applicazione alle operazioni di pre-certificazione e accesso gratuito (per un periodo di tempo limitato) alla piattaforma Windows Store e ai servizi che offre. Introduction to FireMonkey (Stephen Ball Embarcadero Technologies) Nella sessione successiva, Stephen Ball (Technical Sales Consultant, Embarcadero) ha presentato le caratteristiche principali di FireMonkey a tutti coloro che ancora non conoscevano questa libreria, rilasciata in Delphi XE2, fornendo anche alcuni det...</li></ul>